Il purè di zucca e patate

Cremosa, soffice e deliziosa

Lo chiamo purè di zucca e patate anche se tecnicamente non lo è. È totalmente vegetale e la cremosità è data dalla presenza di latte di cocco. Ho provato anche a farlo con il burro vegano -di mandorle in particolare modo- e con qualche altro prodotto total vegan, ma niente. Per mio gusto credo che il latte di cocco sia la risposta. Non è una ricetta da appuntare con grammi e dosi esatte. Sono quelle classiche preparazioni che tra amiche si spiegano a parole. Come quando te la spiega nonna. Mamma. Zia. Amica.
Ecco, sì.
Io faccio soffriggere la cipolla e quando è dorata metto le patate e la zucca; entrambe tagliate a dadini molto piccoli. Allungo con un po’ di brodo vegetale e porto a cottura (viene buonissimo anche se cuoci zucca e patate al forno). Quando patate e zucca sono praticamente cotte aggiungo il latte di cocco e aggiusto di sale, pepe e spezie; generalmente metto curcuma, zenzero e curry in polvere che donano un pizzico in più e riescono a sprigionare note interessanti.

Frullo tutto per bene e con qualche foglia di basilico servo. Niente di eclatante ma confortante. Sì, in effetti potrebbe essere reputato uno di quei classici comfort food semplici e gustosi che scaldano il cuore e l’anima. Se vuoi fare una versione più elaborata puoi procedere nella classica preparazione del purè mettendo sia burro che parmigiano o grana. La consistenza la decidi tu. Puoi preferirla un po’ più morbidina o liscia altrimenti più consistente e corposa.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

MUST TRY