Ceci Croccanti

I Ceci croccanti al forno sono uno snack sano, leggero e strepitosamente buono

I Ceci croccanti al forno sono uno snack sano, leggero e strepitosamente buono perfetto per noi Runlovers. Li hai mai provati? Se la risposta non è affermativa: rimedia. Quando lo avrai fatto non potrai più farne a meno.

La prima volta che li ho visti è stato da Isa Chandra, chef vegana che amo. Avendo un amore smisurato per i ceci in genere me ne sono innamorata. Sono a tutti gli effetti una food obsession in tutto il mondo già da 8-9 anni. Negli ultimi mesi però impazzano ovunque e a buon diritto, perché golosissimi.

Uso, quando non ho voglia o tempo per farli, quelli in vetro biologici che per mio gusto sono i migliori. Li asciugo molto bene con carta assorbente. In questo caso ho usato due barattoli da 300 grammi.
Raccolgo, dopo aver asciugato per bene, in un recipiente i legumi e aggiungo due cucchiai di farina (o amido). Devono essere tutti ben infarinati. Se devo aggiungere altra farina lo faccio senza problemi. Li infarino tutti per bene. Una volta fatto questo aggiungo le spezie. Io ho messo: paprika, zenzero, curry, curcuma, pepe nero, pepe rosa, sale. Una volta che i ceci sono ben infarinati e speziati aggiungo a filo dell’olio (poco) e giro per bene in modo che si insaporiscano uniformemente. Metto in una teglia (senza carta da forno perché devono essere a contatto con la teglia) e inforno a 200 per 30-40 minuti. Dipende dal forno e dalla qualità dei ceci quindi presto attenzione. Gli ultimi due minuti un giro di grill veloce è perfetto.

Se senti un odore troppo forte che tende al bruciato già prima tira fuori. Devono essere conservati in un luogo fresco e asciutto una volta conservati e non vanno mangiati subito perché non risulterebbero croccanti. Dipende molto dalla temperatura ambientale ma già dopo 3-4 ore sono perfetti.

Informazioni utili

  • Le ciotole sono di Zara Home collezione 2018

QUESTO POST È STATO PUBBLICATO IL: 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Seguimi anche su Runlovers

Tutte le settimane mi trovi con una ricetta nuova dedicata a chi fa sport

MUST TRY