Home / Primi Piatti  / Essere Turi

Essere Turi


La cosa che si nota prima guardandolo sono le labbra. Sono carnose e gonfie. Il labbro superiore è leggermente più piccolo mentre quello sotto esplode, proprio come le mie. Si incurva in giù. Ha un naso dritto e fiero che sembra uno scivolo che se non esistesse la forza di gravità ti farebbe cadere dritto dritto nei suoi occhi sempre lucidi, vivi e furbi. Ha le spalle larghe e cammina dritto con le sue gambe scolpite da allenamenti e l’alluce e l’indice dei piedi un po’ uniti. Si ostina ad asciugarsi i capelli anche se ce ne sono pochi e sono ricci, come i miei. E come i miei li ha sempre desiderati lisci. E allora ti racconta di quando a diciotto anni il suo sogno era diventare parrucchiere. Un parrucchiere famoso con i capelli lisci. Possibilmente folti e lunghi.

Ha un broncio enorme e sembra sempre arrabbiato. Ride poco e con piglio da leader riesce sempre a coordinare, sistemare, organizzare e accentrare su di sè l’attenzione. Lo fa in modo bizzarro e il più delle volte proferisce vaneggiamenti assurdi e irrazionali che però poi a ben pensarci sono talmente geniali e irreali che cominci a credere che abbia davvero ragione. Poi i fatti lo dimostrano e ti rassegni. Una vita difficile perchè ne gestisce di altre.

Beve succo con polpa di pera mentre mangia salmone e può chiederti un po’ di succo di arancia mentre mangia la pastina con poco brodo perchè altrimenti se ce ne è troppo ti fissa, ciondola un po’ la testa e fa la sua classica faccia di disappunto. Non soffre di acidità quindi e si stupisce quando qualcuno gli fa notare che su un biscotto della philadelphia, un’acciuga e della ricotta salata potrebbero essere un abbinamento insolito.  “Non facciamo filosofia” .  Mangia due chili di pesche per stare leggero. Gli piace da impazzire il gelato e lo yogurt. Vivrebbe di gelato e yogurt. Allora fa le giornate di solo yogurt e frutta e poi a mezzanotte si alza e si fa un panino. E se poi ha finito la vaschetta di gelato non c’è da preoccuparsi perchè no. Non è stato lui. Non ha mai cucinato e fatto un caffè e quando ha scoperto che la moka si apre ha fissato il vuoto sostenendo “incredibile. Dove siamo arrivati eh?”. Ha un ufficio confuso con mille appunti e dietro di lui una gigantografia di sua figlia con un cerchietto di piume in testa. Si gira e ti dice “hai visto quanto è bella l’amore mio?”. Non ha chiamato amore mio nessun’altra se non sua figlia per una questione di principio, dice. Perchè vive per questioni di principio che dimentica dopo due minuti. Gira con un ipad e un iphone e crede che ormai sia tutto touch tanto da toccare qualsiasi cosa sfiorandola per poi girarsi e dire ” ma non è touch?”, parecchio infastidito. E allora dici “no . Il citofono non è touch”.


Era un falco e leggeva a distanze chilometriche ed anche adesso che non vede più bene si ferma davanti ai cartelli e tenta. Ti dice cosa vede e poi soddisfatto, quando la risposta è affermativa, mette la mano in tasca e tronfio va via. Abbatte muri incessantemente e costantemente. Costruisce e disfa. Alza e abbassa muri. In un’eterna confusione non finisce mai quello che inizia e non ha mai tempo per spiegarti cosa ha in mente e anche se superficialmente gli altri credono che lui non lo sappia è l’esatto contrario. Dopo che ha fatto quaranta chilometri saltella sino ad arrivare al tetto e dice che è “un ariddu”, che in siciliano significa grillo. E quando sua figlia pensava che ariddu fosse l’anguilla invece di ridere le ha spiegato la differenza tra anguilla e grillo; ovvero che l’anguilla si mangia a natale ma a lui non piace e il grillo è quello che a mare non mi faceva dormire d’estate. Perchè lui ha sempre spiegazioni esaustive per sua figlia. E corre corre corre. E allora poi si toglie la maglietta e la strizza. Come un bimbo guarda quanto sudore è uscito e dice “impegno. occorre impegno”.

Si infila in una vasca da bagno e sta lì sotto l’acqua per un minuto. per due minuti. per tre minuti. per quattro minuti. per un’eternità e poi ti racconta di quando era piccolo e sognava di essere Maiorca che in apnea era arrivato ben più di cento metri sotto il mare. Sua moglie una volta, appena sposati, vedendolo dentro la vasca completamente sommerso e immobile cominciò a gridare credendolo morto. Serafico le  spiegò di calmarsi e che la vasca in casa serve solo ad una cosa: allenarsi per l’apena. Ti racconta  dello squalo alle Maldive passato accanto a lui. E del delfino dalla barca. E dei tuffi e delle chiese a Rio. Ti parla della maratona di New York e degli abissi delle Maldive sino ad arrivare alla tenda in Kenya. C’era un elefante altooooooooooo altoooooooooooooooo. E poi lo hanno portato a vedere la carne che aveva appena mangiato in un buffet e sembrava un ratto gigante. Ma non puoi offendere il cibo delle altre popolazioni. Stai zitto, sorridi e mangi. Quando sua figlia aveva tre anni entrava in casa, si buttava a terra e diceva “roaaaaaaaarrrrrrrrrr sono il leone”. E faceva il leone. Poi il ghepardo. Poi il leopardo. Sempre animali veloci, scattanti, leader. Mai una volta il coniglio o il gatto o la mosca. Perchè lui è sempre stato solo e ha dovuto sempre fare tutto da solo. E allora non è potuto mai essere un coniglio vissuto a spese del papà ma un bambino che a nove anni ha dovuto rinunciare ad andare a scuola e cominciare a mettere massi su un carretto.

Poi a scuola c’è andato e si è pure comprato una Fulvia. Uh, la Montecarlo bicolore rossa e nera. Ti racconta che non dormiva per raccogliere e pensare perchè sua figlia avrebbe dovuto avere tutto. Tutto quello che lui avrebbe voluto. Non ha mai portato la fede e nessuno gliel’ha mai rimproverato. Ma la fede l’ha portata nel cuore tornando ogni sera nella sua casa con la sua donna e la sua bambina. La rassicura dicendo che mai avrebbe voluto un maschio e che se avesse dovuto immaginare la figlia perfetta sarebbe stata esattamente come quella che poi ha avuto. Quando ti abbraccia si ha davvero poca paura che possa crollare giù il pianeta terra perchè c’è lui. Possente e forte. Un giorno a mare mentre nuotava con sua figlia le ha detto: ” appoggiati se sei stanca” e così lei fece. Dopo neanche tre minuti poggiandole una mano sulla testa la mandò giù sotto l’acqua. All’improvviso. ” Aspettati sempre l’imprevisto amore mio. Anche dalle persone che ami”. A volte dà di matto e una luce pericolosa gli si accende negli occhi. Quella del predatore quando il suo territorio viene violato. Perde la ragione e come un animale in gabbia diventa difficile gestirlo. Poi però gli dai un cioccolatino e mentre ne scarta un altro si infastidisce perchè ne vuole ancora un altro e un altro ancora. Si riempie le tasche e poi quando ha finito frigna sulla bilancia dicendo “da domani dieta”. Ha corteggiato la sua donna lasciandole un anello sopra il banco di una lavanderia. L’ha fissata negli occhi ed è andato via. Quando litigava con la fidanzatafuturamoglie cambiava il colore dei cerchioni della cinquecento per poterla pedinare ma lei sapeva che era lui. E una cinquecento con i cerchioni rossi non era poi una bella idea. Poi ha pensato di dipingere la macchina e cambiarla. E il regalo che le ha fatto, il più romantico e unico, è stato il disco dei camaleonti con rose rosse per te ho portato stasera. Entra in un concessionario di auto e ne compra una. Quando gli si fa notare che è assurdo e potrebbe aspettare ti invita a riflettere sul fatto che non c’è tempo per aspettare ma per agire.

Ha inventato una discoteca sotto le stelle quando aveva diciotto anni. In una specie di stalla riuniva tutti e ballavano. Aveva un completo bianco un po’ alla Travolta che lo faceva sentire terribilmente affascinante e allora con fare da bulletto racimolava conquiste per poi tornare da lei. Una donna che ha pianto dieci anni perchè si era convinto che no. Non si sarebbe potuto sposare in chiesa; giusto per andare controcorrente e nulla più. Quando scrive sta attento a non fare grosse sbavature e se sbaglia strappa il foglio e ricomincia. Nonostante sia irrimediabilmente disordinato e casinista ha un suo ordine preciso e quindi ha trenta quaderni tutti iniziati e mai finiti. In maniera autistica fa calcoli matematici e percentuali, divisioni e moltiplicazioni sono risposte che dà senza neanche pensarci. E’ stato un uomo sfortunato perchè attorniato sempre da gente falsa, opportunista. Dei sanguisughe senza sangue e sentimento che ne hanno solo approfittato. Questo è quello che mi dispiace di più. Il fatto che non abbia mai avuto degli amici veri; nonostante lui continui a sostenere il contrario ed io mi senta ormai in dovere di tutelarlo.  Teneva le sigarette in macchina per offrirle ma non ha mai fumato. Apre le porte alle signore e offre sempre cene, pranzi e colazioni. E’ inarrestabile nel dare e restio nel ricevere. Ha trascorso un’intera esistenza per essere un eroe. E lo ha fatto per sua figlia. Che è il suo primo e ultimo pensiero. Che è il suo unico motivo e vanto.

Ho pochissime certezze in vita mia ma una è che sono figlia di un uomo non come pochi ma unico. Ho l’onore di chiamare papà un colosso di genialità e purezza d’animo disarmante. La responsabilità di essere figlia della sua grandezza non mi grava ma diventa motivo, l’unico, di orgoglio della mia esistenza. Combatto giornalmente per una dipendenza psicologica dal suo cognome ma mi riempio la bocca quando dico ” sono figlia di Turi Guardo“.

Perchè Turi mi fa ridere ed io lo chiamo così.

Oggi è il suo compleanno.

(Nella foto qui sotto tutti tutti dicono si veda quanto straordinariamente gli somigli. Lo credo fortemente anche io)

Nelle foto culinarie c’è “il dilemma della scuma”. In realtà la scuma nella sicilia orientale ( perchè in quella occidentale è cosa completamente diversa e durante il periodo Pasquale la cucinerò appositamente perchè merita) è una sorta di minestrina fatta con degli spaghettini esilissimi ancor più piccoli del numero uno. Una casa produttrice locale la confezione per gli indigeni del luogo ma ahimè non sono riuscita a reperirla. Papà in questo mix imbarazzante di confusioni tra scuma-spaghettino numero uno- capelli d’angelo ama e non poco mangiare questi fili piccolissimi e impercettibili. Anche solo con un filo di olio. Perchè gli ricordano la semplicità della sua casa. Della sua gente. Del suo ambiente. Quando c’era un piatto di pasta per le grandissime occasioni ed era festa.

Perchè sì è la norma che lo fa dare di matto. La ricotta fresca salata sulle melanzane fritte che incontrano la pasta e si amalgano nel tripudio estremo di siculinità ma con lo spaghettino che gli ricorda un po’ la scuma e la semplicità della sua vita diventa tutto una festa.

L’altro giorno era raffreddato e stava un po’ maluccio; come la sottoscritta ama terribilmente lamentarsi e approfittare un po’ della situazione. Con quel sorriso, che riserva solo a me, a tratti un po’ infantile mi ha detto  “quando stavo male la mia mamma faceva la scuma. Ma non sempre eh! Si sognava un piatto di pasta. Ma quando stavo male mi faceva sempre la scuma”.

“Vuoi che ti prepari la scuma, papà?”

“Ma io non sto male. Io ho te”.

Vivo di questi momenti e non raramente. Condivido la mia vita con lui, le sue assurdità e geniali follie. Vorrei abbracciare quel bambino che sognava la scuma tutti i giorni e prepararagliela in un infinito perpetuo fino alla fine dei mondi e dei giorni. Spiegargli che non si può essere migliori di come lui è stato con me. Strapparmi gli occhi e donarglieli. Rinunciando per sempre a disegnare, fotografare e scrivere se fosse necessario anche solo per un attimo a dimostrargli quanto io sia giornalmente grata nonsoneancheioachi per avermi riservato l’onore di essere sua figlia.

Ti amo Papà. 

E due appuntini veloci in cucina considerato che oggi trascorrerò l’intera giornata con Turi e quellamatta dell’amore mio  che credeva fosse morto nella vasca.

Non ero a conoscenza della versione sicula di wikipedia. Cerco scuma e trovo questo: “La scuma è n’aggrigatu nstàbbili di bulli d’aria prisenti supra la superfici d’un lìquitu”, e altro.

In effetti “la scuma” in sicilia è innanzitutto la schiuma, ma a ben specificare pure la bava (potevo evitarmela, già). Scuma però è anche questo tipo di pasta. Come in tutte le regioni vi è una maternità di diverse tipologie di pasta. Una su tutte gli anelli per i famosi timballi, citati anche nel Gattopardo sino ad arrivare a dei maccheroni enormi con cinque buchi tipici del carnevale; che poi ogni pasta prenda un nome diverso non è rilevante ai fini delle forme perchè che sia un maccherone o un maccaruna o che sia un rigatone o un cannaruzzino poco importa. Secondo ricerche un po’ approfondite insomma ci sarebbero da segnalare in primis questi due tipi di pasta: la scuma e gli anelli.

Gli anelli, che presto saranno protagonisti di molte variazioni sicule qui, sono diventati sorprendentemente un tipo di pasta molto apprezzato dal Nippotorinese che di solito elogia da bravo piemontese il ricco agnolotto.

La scuma in sostanza si prepara con una sorta di spaghettino simile ai capelli d’angelo. Deve essere spezzata a metà e fatta in brodo. Servita poi con parmigiano o pecorino siciliano grattugiato. Così. Semplicemente e senza pretese. Io invece non ho fatto la scuma ma spaghettino numero uno e non ho messo il brodo ma asciuttoasciutto con parmigiano.

La domanda sorge spontanea: ma allora cosa diavolo stai dicendo da tre ore?

E che ne so io !?

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
43 COMMENTS
  • Wish aka Max 30/01/2012

    Ha!

  • Wish aka Max 30/01/2012

    Con questo nuovo regolamento mi spiace ma non ce n’è per nessuno… 😀 😀 😀 😀
    Ho modificato la centralina, abbassato la testata, lucidato i condotti valvole, sistemato lo scarico e regolato le sospensioni… nonononono, non ce n’è proprio per nessuno!!!

  • Wolf (@Signor_Wolf) 30/01/2012

    Mi hai fatto commuovere, ecco! :)***

  • Chiara Bernardi 30/01/2012

    Il citofono… hahahahahah ahhahahaha sono morta! ahahahhaha ahhahahaha

    Augurizzimi!
    Chiari

  • iber 30/01/2012

    auguri papaiaio 😀

  • Sabrina Inaho Giglio 30/01/2012

    Sei tanto cara e il tuo papà è sicuramente la persona più felice del mondo perché ha te… Anche il mio papà ha fatto sempre tanti sacrifici per me e non ha mai avuto una vita facile, però io sono una persona difficile e spesso mi sono comportata male, avrei voluto essere come te 🙂

    Un bacione grande e tanti auguri al tuo grande papà!

  • pani 30/01/2012

    “Cambiava il colore dei cerchioni della cinquecento per poterla pedinare. ” Questa devo segnarmela e farla mia. Turi potrebbe essere un bel personaggio di qualche storia

  • Da sempre sostengo ciò: “tto quello che lui avrebbe voluto. Non ha mai portato la fede e nessuno gliel’ha mai rimproverato. Ma la fede l’ha portata nel cuore tornando ogni sera nella sua casa con la sua donna e la sua bambina”, quindi SEI GRANDE TURI!

    Poi sul fatto di com’è avere un papà …beh so che non si può insegnare ma mi piacerebbe lo stesso.
    E la cosa ancor più straordinaria è che conosci la storia della tua famiglia, anche se romanzata, anche se magari resa al tuo punto di vista.
    Qualsiasi cosa io provassi a scrivere e far leggere ai miei penso che …beh diciamo che io per loro sono la figlia che non è mai nata.
    Mamma ha sempre detto “sei un’attrice nata, come tuo padre”. Ecco penso che la capacità di reinventarsi e l’essere profondamente cattivi, si l’ho presa da mio padre.

    Tu sei al di sopra, proprio perchè ti hanno insegnato ad esserlo, e sai capace di crescere, evolverti, amarli e riconoscere questo amore. Quanto sarai del tutto matura, cadrai dall’albero e ti guarderai indietro e dirai “beh il mio tronco non era solo comodo e tecnologico, era MIO ero IO. Ed io sono bella”.

  • Bibi 30/01/2012

    Ho letto tutto d’un fiato e come ti ho già detto altre volte, tuo babbo sembra il mio.
    Ci sono solo due piccole differenze nel vostro rapporto e nel nostro e tutte e due mi fanno soffrire.
    Una è che io non riuscirò mai a scrivere qualcosa su di lui.

  • Kafcia 30/01/2012

    Cara Giulia.. Quanto sei insanamete fortunata! (Lo dice grattandosi la testa, e pensando di non essere gelosa, nonesseregelosa, non essere…) Io nella mia vita non ho avuto un padre… però avevo un nonno molto presente che era unvulcanodellepersonalità e mi sorprendeva sempre.
    Ma oggi si tratta di un compleanno speciale quindi “Auguri Turi!” :]

  • Alice 30/01/2012

    MI sono presa un cinque minuti per leggermi questo post.
    Sarà che rivedo terribilmente il mio rapporto con papà, sarà che anche per me lui è il modello più grande di bontà, altruismo, di vita difficile ma appassionata, di amore infinito e profondo verso la sua bimba ormai grande, di troppi dare e restii ricevere, sarà che sono arrivata in fondo al tuo post con i lacrimoni, perchè so cosa significa provare così tanta ammirazione per un padre tanto quasi da non riuscire ad esprimerlo mai abbastanza.
    Così in ufficio, nascondendomi, mi asciugo i lacrimoni e mi salvo il tuo blog, perchè scrivi divinamente.
    Alice.

  • Tiziana Sissa 30/01/2012

    Ma auguri a Turi dunque!!!! E a te. Il legame che vi unisce e tangibile e forte e lo sento anche io da qui 🙂
    Il tuo papà somiglia al mio. Unico. Capisco quanto amore, perchè anche io. 🙂
    Il mio papà mangia SOLO sovracapellinidangelo che più piccoli non si può. E da sempre è il mio esempio.
    Mi dice sempre di essere stato il mio unico problema, perchè ogni uomo incontrato e passato nella mia vita ha sempre subito inevitabilmente una severa comparazione con lui. E ha perso. Ha avuto una vita difficile, figlio unico di madre vedova durante la guerra tra i partigiani in Lombardia e in Emilia. Persona di grandi valori come ora ce n’è sempre meno. Tutto d’un pezzo, ride poco ma quando lo fa è con tutto il suo bel viso. Arguto, ironico d’una intelligenza fuori dal comune, sempre nel giusto. Ecco, un uomo giusto. E serio. Innamorato ancora adesso pazzamente di quella ragazza catanese dagli occhi blu, non ce n’era per nessun’altra. E’ bello guardarli ancora scherzare tra loro e camminare mano nella mano.
    Grande festa dunque!! A questa festa mi pregio di partecipare anche io e digli ti prego che lo abbraccio forte.
    Buon Compleanno Turi, anche da parte di Paolo, il mio papà.

  • Maury 30/01/2012

    Ti seguo da un po’, anche se in silenzio. Adoro i tuoi disegni, sei davvero bravissima. C’è un piccolo premio per te sul mio blog, spero possa farti piacere 🙂 baci e continua così

  • Katia Ostanel 30/01/2012

    Solo tre cose: tuo padre è bellissimo.
    Tu sei bellissima.
    Voi siete bellissimi.
    Ed ora scusa, ma vado a piangere.

  • Luca 30/01/2012

    Hai commosso un altro papà. Spero un giorno che le mie figlie siano come te.

  • Angela 30/01/2012

    :’) auguri al tuo papà Giulia. Angela

  • Che post. Emozionante e commovente: si vede che adori tuo padre, l’hai descritto talmente bene che quasi mi sembra di conoscerlo! Dev’essere un signor personaggio. Ammiro, ancora una volta, la semplicità e la genuinità dei tuoi post: esprimono sensazioni vere, ma senza farle sembrare prosaiche o false! Ti adoVo, niente da fare.
    E adesso vado a scrivere al mio, di babbo, mi hai fatto venire voglia di sentirlo. 🙂

  • Hariel 30/01/2012

    ovviamente…AUGURI PAPA’ GUARDO!!!!! emozionante questo post, come sempre quando parli di cose più intime…e non è una novità per tutti ormai della capacità che hai di emozionare chi ti legge…oltre a essere simpatica eh…ovvio! Ti somiglia si…anzi sei tu che somigli a lui, è vero 🙂 … Romantico il sign. Turi eh!!!! 😀 … certo ai tempi 500 ce ne stavano tante ma forse era facile riconoscerloper una donna che sa di essere corteggiata …ehehe…è una donna fortunata la tua mamma…come fortunata sei tu ad averlo come papà…ma penso di poter dire che anche lui è fortunato..anzi lo dico proprio! SI! sono sicura che oggi sarà ancora più orgoglioso di te…

  • in effetti in questa foto gli somigli davvero tanto! auguri al papà! 🙂

  • maria 30/01/2012

    Sei assolutamente fantastica!

  • Ninphe 30/01/2012

    Solo da un papà così speciale poteva venir fuori lo splendore che sei.

    Grazie e auguri papà di Giulia. <3

  • Lisa 30/01/2012

    Focaccina ♥ 😉

  • Laura 30/01/2012

    Decisamente, irrimediabilmente e soprattutto fieramente: commovente!

  • luci 30/01/2012

    Vorrei dire tante cose.. le metto in un abbraccio… per te e per il tuo papà… grazie…

  • Amaradolcezza 30/01/2012

    è bellissimo e speciale il rapporto tra tuo papà e te… mi ricorda tanto il mio!

    ti voglio bene cucciola.. adesso so perché sei così meravigliosamente speciale!

    G

  • Mariangela 30/01/2012

    Ora capisco da dove arrivano la tua forza, il tuo coraggio e la tua umiltà! Sai che gli somogli davvero tanto?? Non solo fisicamente 😉
    Tanti auguri anche da parte mia al tuo Pà!
    Bacioni

  • paolicchia 30/01/2012

    Sei SPETTACOLARE (non per niente è una parola composta da 12 lettere!!!)

  • Zuccaviolina 30/01/2012

    come vorrei poter dire ancora cose come queste al mio papà. siete entrambi fortunati Giulia, un abbraccio forte a te e a lui.

  • Pieceofstar24 31/01/2012

    Mi si è gonfiato il cuore.
    Poi mi sono commossa.
    Il resto già lo sai.
    Tanti auguri Turi e a te una carezza.
    Sietebellissimi.
    Tivogliobene. Ecco.

  • Giulia 31/01/2012

    Troverò il tempo di rispondere singolarmente e ringraziarvi.
    uno ad uno.
    e lo vorrei fare adesso ma purtroppo non posso.
    non per volere, ecco.
    ma .
    grazie.grazie infinite per gli auguri a papà che ringrazia.
    e.
    grazie per essere qui.
    ad abbracciarmi e.
    e celadovetesmetteredifarmipiangerrrrrrrrrrrreeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!!!!!!!!!

    perchè mi dite sempre che sono io ohhhh ma siete voi !!!!
    ( le scorte dei fazzolettini di hello kitty non bastano mai)

    grazie
    i
    n
    f
    i
    n
    i
    t
    e
    :*

  • spiessli 31/01/2012

    Sappi che hai appena decretato cosa mangerò per cena: capelli d’angelo! Gnamme! 🙂
    Il post è semplicemente bellissimo. Il tuo papi… no, papi non si può dire! …il tuo papà non può essere che fiero della sua genialissima e dolce Iaia

    Tanti, ma tanti tanti auguri di buon compleanno al tuo babbo! (anche se in ritardo)

  • Alessandra 31/01/2012

    Ecco, tu hai un dono!! Ci fai sentire quello che senti tu!!! E non è mica da poco! ;D
    Un grande abbraccio a te e al tuo papà!! 🙂

  • UnaZebrApois 31/01/2012

    Io ti leggo!
    Io ci sono!
    Io ti amo!
    E amo il tuo papà e la tua mamma per averti fatta 🙂

    Auguroni al tuo babbo che è una persona fantastica…e si capisce che tu hai preso da lui tutta la sua fantasticheria!!! :***

  • Annie Lisa 20/10/2012

    Stupendo il “quadro” sul tuo papà. L’ho letto in ritardo, ma gli invio ugualmente Infiniti Auguri anch’io. I dettagli con cui lo hai descritto lo impreziosiscono, è sicuramente un GRANDE PAPA’. Sono contenta per te. 🙂

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi