Nightmare – Disegnare su Ipad

Must Try

Un pasticcio al giorno per te

Corri sempre sull'Etna tra lava, neve e cenere.  

Questo Blog non va mai in vacanza ma ve le augura con tutto il cuore (e pure il fegato e i polmoni)

Koi e io ci faremo un giro giù per i dodici mari tra pesci, meduse, alghe e qualche creatura incantata. Purtroppo viene con noi...
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.


E’ tutto più veloce. Diretto. E quasi le visioni riesci a non perderle. Non devi cercare il colore perché è lì che ti aspetta. Non devi temperare la matita perché è lì sempre pronta. Non occorre il righello. E la gomma non finisce mai né produce neve di disegni che non esistono più. Perché ho sempre creduto che i pezzotti di gomma staccati, sì quelli che si formano e si appiccicano al maglione e pelle, fossero una delle cose più tristi al mondo e mondi. Disegni che nessuno ha voluto e che giacciono lì nell’oblio del dimenticatoio.

E allora disegnare con Ipad, nonostante tutto, mi mette allegria perché non uccido nessuna visione, essere o storia. O è facile semplicemente convincersene. Rare volte mi è mancata la carta con questo foglio magico che senza ombra di dubbio per me è diventato lo specchio da attraversare. Del resto manca pure poco al 4 Maggio. E Alice oltrepassa la realtà. Vera o presunta.

Forse potrebbe interessarti leggere...

19 COMMENTS

  1. Questo disegno è una meraviglia. Se avessimo il tempo di parlare un po’, ti vorrei fare dei commenti su qualcuno dei disegni… tipo quella che portava sulle spalle la luna aveva un velo di tristezza negli occhi, ma non so se l’ho visto solo io… e tutto quello che disegni mi provoca delle emozioni forti, hai un modo di toccare delle corde profonde di me, direi della mia anima ma ho paura di suonare melenso, ma so che capisci quello che voglio dire

    • era tristissima lei
      sì.
      anche io l’ho notato.
      suppongo avesse un fardello ben più grande di dover portare la luna.

      e sì. ho capito perfettamente.
      <3

      ed è un onore.

      • e scappo a letto perché altrimenti vengo picchiata selvaggiamente.
        ti abbraccio fortissimo e .
        e *_* speriamo di poterci sentire domani.
        nella speranza che tu sia libero e che muratori architetti frizzi e lazzi mi diano un attimo di tregua

        ( me la danno la condizionale vero?)

        scietem

      • ecco era questo che volevo dire. vibrano perché tu disegni io vedo una cosa ed è quella che tu volevi metterci o anche se non ce la volevi mettere lei ci è finita e tu te ne sei accorta e anche io e ci siamo capiti e vibriamo. ecco.

    • ma io dove cavolo ti ho scritto allora? dal pannello di wordpress stavo rispondendo a.
      e ma non c’è il commento.
      ma santocielo perché deve essere tutto così complicato ? *_*

      e perché rispondo dal pannello invece che da qui?
      e perché faccio domande cretine?
      perché sono cretina
      e perché sono cretina?
      MAXXXXXXXXXXXX
      su che blog siamo? ^___^

  2. mi piace davvero molto. mi piace il post sussurrato di notte, mi piace il disegno e mi manda pure a dormire tranquilla. come un estremo saluto, e scusa la drammaticità, sto delirando per il sonno spero.
    sono in conflitto con la carta per questo motivo. ho bisogno di immediatezza. ho le spalle provate perché desiderando disegnare di più sono un paio di giorni che giro con otto chili di quaderni e blocchi e matite e penne per avere tutto a portata di mano. ma non riesco mai a disegnare se non in rari momenti. in cui scarabocchio su fazzoletti del bar o scontrini. perché è veloce e non mi ci vogliono 10 minuti per preparare tutto uno spazio e un ordine di foglio al centro portamatite a debita distanza pennematitegomme pronte all’uso.
    mi basta del tempo e del sole. allora provo a scappare al parco e restarci per qualche ora. se riesco a velocizzarmi e selezionare pochi oggetti indispensabili sarà un netto miglioramento.

  3. Io sono rimasta alla carta e alla matita… Ma credo che sia giusto che – chi ne è capace – utilizzi ogni mezzo a disposizione per esprimersi e condividere il suo talento. E tu riesci benissimo con qualsiasi mezzo…penna, macchina fotografica, supporti informatici… :-*

  4. è un pò come per i racconti fatti di parole, che se non li scrivi subito scappano via.
    quante storie ho perso per matite spuntate penne che non scrivono fogli non trovati.
    o la paura di togliere le braccia fuori dal piumone 🙂

  5. Vedo queste foto e soffro q.q

    Innanzitutto complimenti per il blog! 🙂

    Anch’io vorrei comprare un iPad per disegnare! Un giorno potrò permettermelo spero 😛 nel frattempo volevo chiederti come sia disegnare con questo dispositivo e quale pennino tu stia usando (se non sbaglio sembra quello della Wacom, no?).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this