Home / Profumi di Sicilia  / Auguri Papà – Un Siculo che non deve chiedere mai (ma un Arancino alla Norma sì)

Auguri Papà – Un Siculo che non deve chiedere mai (ma un Arancino alla Norma sì)

Potrei dire che per questo 30 Gennaio ho deciso di preparare degli Arancini alla Norma in onore del mio Papà. Mentirei dicendo la verità al tempo stesso. In realtà tutto quello che faccio, dico, disegno, scrivo, sogno è sempre e solo rivolto al mio papà. Mamma non si offenderà leggendo queste parole perché sa che senza vergogna ammetto di esserne innamorata da sempre (spostati! è mio!). Specchio dove vedo riflessi i miei difetti e pregi (di questi ultimi molti meno rispetto a lui), senza dimenticare ambizioni, Papà rappresenta quello tutto quello che disperatamente voglio essere. Proprio per renderlo orgoglioso di me. Al contrario di questo vaneggiamento, lui è sempre pronto a ricordarmi che di me lo è, e molto, ma che devo disperatamente essere e volere tutto quello che voglio io. Solo ed esclusivamente io. La grandezza di Turi da sempre è stata quella di incitarmi a non essere altro che me. A raggiungere il traguardo sfidando solo e sempre me.

Papà è infatti un maratoneta.


In questi giorni ancora una volta ho avuto a che fare, per qualche attimo, con i significati più orrendi che la vita ci riserva. L’invidia, la cattiveria, la pochezza, la frustrazione e l’inutilità. Ti annienta letteralmente, il vuoto. Per qualche minuto ti lascia sbigottito, incredulo e traumatizzato. Per lunghissimi attimi credi di essere catapultato in un incubo. Perché avere a che fare con anime piccole, stupide e vuote, quando da sempre ti confronti in ogni attimo della tua vita con gente di spessore e altissimo livello, è sempre fuorviante. Quando hai a che fare con gente umile che compie ogni giorno azioni di enorme levatura e nonostante tutto rimane rispettosa e modesta, è difficile ricordarsi che non è la norma ma l’eccezione. E’ sempre difficoltoso mischiarsi al nulla; però è importante provarci. Allora cerchi di scendere agli inferi dell’idiozia provando a chiarire, capire e comprendere. Quando poi risali lentamente le scale della coerenza/buon senso e dell’odiosa razionalità, arrivi a quel gradino scuotendo la testa. Sconfitto. Perché non sei riuscito. Te ne dai pure una colpa. Ed è buffo, no?

Non riuscirci però, ho capito con fatica, in questo caso è sacrosanto. E’ giusto che ci sia il piccolo per ricordare cosa sia esattamente il Grande. E per cercare di fuggire il più lontano possibile dal nulla. Lo stesso poi che nella Storia Infinita ha distrutto il Mondo di Fantasia.

Io che figlia di un Grande sono, porto con me tanta responsabilità. Perché papà mi ha insegnato una cosa difficile da comprendere a pieno. Che bisogna ascoltare anche quello che non vuoi sentire. Bisogna capire, studiare e confrontarsi. Bisogna assolutamente provarci (quindi non posso prendere a pizze in faccia nessuno, uffa. MA PERCHE’? Mi calmo. Respiro con il naso).  Non vi è una ricetta, una parola o un pensiero che qui non odori di mio papà. C’è Essere Turi e un piatto di Scuma e c’è pure il suo dolcetto preferito al cioccolato e biscotti senza dimenticare gli arancini di Pipoa. Ci sono piccole onde di parole perché per papà non basterebbe un oceano a contenerle.

Turi predica bene e razzola malissimo. Perché quando si tratta di ascoltare le mie ragioni sul perché gli stia servendo della soia o dei legumi al posto di una fetta fumante di carne e patatine fritte, o quando si tratta di sentire le motivazioni del perché ci sia un dolcetto leggero senza latte invece che un cannolo siciliano con un pezzo di cassata, comincia a fare il broncio. Allontana il piatto come un bimbo. E dice no. Non lo voglio. Non mi piace.

Tutto quello che mi ha insegnato in pratica non vale per lui. Suppongo sia proprio questo il bello di essere genitori. A tal proposito quando si presentano situazioni analoghe tiro fuori un esempio che a mio modestissimo avviso potrebbe apparire calzante “non è che poi a mio figlio posso dirgli: mangia tanta carne che fa bene. Non posso e non voglio”. Ma davanti a una fetta di seitan e il broncio e la voglia di un Arancino, c’è poco da fare la grandezza di Turi si trasforma in un capriccio infantile irresistibile. Anche perché qui in casa aleggia una leggenda “al broncio di Turi e Iaia non si resiste”. Non per vantarmi (disse soffiandosi sulle unghie e scuotendo i capelli), visto che ho dovuto analizzarlo-studiarlo-imitarlo-affinarlo per una vita, ma è davvero così. Ai nostri bronci e capricci (a volte minacce velate da finta dolcezza, vabbè chiamiamo le cose con il loro nome) diventa difficile resistere. Allora io ottengo abilmente otto centrifughe al posto di un pasto normale (non dopo essermi sentita la ramanzina di Sorella Nanda e Padre Nippo) e Papà il suo arancino.

Ecco perché ultimamente vuole proprio farmi scoppiare il fegato dall’ira (conosco la tecnica! L’ho imparata da te santo cielo! Abbi almeno la coerenza di non prendermi in giro! Cosa sto dicendo? Datemi due gocce di lexotan adesso). Diciamo le cose come stanno. Sì, ti amo papà. Sì, sei la mia vita. Sì, sei tutto quello che vorrei essere. Sì, però BASTA. In pratica nonostante abbia la chemio continua e sia attaccato a un tubicino e una bottiglietta, va saltellando felice di qua e di là (la romanziamo un po’, d’accordo?) cercando di accaparrassi fritturine, dolcetti e arancini (sì, sì proprio come un bimbo in cerca di caramelle).

Alla vista di un piatto di riso in bianco o di qualcosa di leggero comincia a muovere le labbra come la Signorina Silvani in Fantozzi va in pensione (ma lui non per apparire sensuale ma per muovere a pietà) e comincia a sfoderare tutto il repertorio degli occhioni dolci. E solo il cielo sa quanto io non sappia resistere neanche a uno di quelli. “Ho voglia di un arancino oggi” *occhietto dolce e broncio tremolante*. Mamma cede dopo quindici secondi ma anche meno. Il Nippotorinese non cede mai e comincia a bofonchiare roba tipo “disciplina.basta.no capricci.adulto.siete unafamiglia di pazzi. non c’è razionalità in tutto questo uff.ma perché.blablablabla”. Io non cedo. Passate le tre ore poi sì. Papà ha un catalogo infallibile. Si dimena tra durezza e dolcezza. Ti fa credere che non dipenda affatto da nessun altro che lui voglia e/o debba mangiare l’arancino (e per certi versi in un’altra situazione sarebbe così) e che al contrario ti sta facendo pure un gran favore a parlarne con te rendendoti partecipe di qualcosa in cui a prescindere tu sei estromesso a priori (?????? sono sua figlia, sì. Sono uguale). Gode proprio nel farti scoppiare le coronarie e i sentimenti. Si alimenta di quel panico e poi affonda come un predatore. Ti ritrovi in pratica nella situazione assurda di invitarlo a mangiare un po’ di arancino. E quasi TE LO RIFIUTA.

Oh, qui in questa famiglia ci sono intriganti e assurdi risvolti psicologici pure su un’attività così semplice per un siculo come mangiare l’arancino.

Per farla breve (partono le risate registrate). Alla fine mi ritrovo a preparare le mega-schifezze-che non potrebbe mangiare (grrrr!) per mentire (a me stessa) di non candidarlo a un dolore ulteriore. Ma quando si tratta di frittura estrema come nel caso dell’arancino, è difficile credere di poterci davvero riuscire. Senza nulla togliere ai bravissimi professionisti del settore; che per carità neanche voglio paragonarmi e che sicuramente adoperano anche dell’olio non troppo vecchio. Ma. Ma tanto alla fine Turi è un irriducibile e con quella faccia da schiaffi ti dice che sì è buono ma quello del Signor xxx del Bar xxx a lui piace tanto perché gli ricorda quando era piccolo e.

E infierisce sui ricordi. Un po’ mi viene da ridere. Un po’ da piangere. Un po’ vorrei mollargli un ceffone. Un po’ vorrei abbracciarlo fortissimo. Un po’ penso seriamente di dover andare in analisi. Ma in analisi nel senso rinchiusa a fare solo analisi ventiquattro ore su ventiquattro per qualche mese almeno. Dai dieci ai venti mesi, per calcolare una stima provvisoria.

Che papà sia un fan e idolatri la Norma non è un segreto per nessuno ormai. Per la presentazione del mio libro ho incentrato tutto sulla Norma. Quando posso rifilo “sotto forma di Norma” qualsiasi cosa e semmai dovessi avere una figlia sto valutando l’ipotesi di chiamarla Norma (il Nippotorinese non sa nulla ma tanto non mi legge, quindi? che importa? Al momento potrei pure essere alle Maldive a fare immersioni scrivendo del mio nuovo fidanzato Creolo). Li ho fatti diverse volte gli Arancini alla Norma in casa, ma mi sono resa conto di non averli mai fotografati per questo Blog, che è più un diario pubblico di ricordi ormai. Quale migliore occasione? Lasciare la ricetta è arduo assai. Non ho mai calcolato esattamente. Non ho seguito mai nessuna ricetta precisa o indicazioni ma semplicemente quello che mi hanno insegnato Nanda e SantaSignoraPina. Prendere appunti sull’arancino è stato surreale per loro quanto per me. Mi sono impegnata ma la verità è che ha ragione Turi.

L’Arancino del Signor xxx del Bar xxx è migliore. Se volete siete tutti invitati oggi. A mangiare quelli miei, di Nanda e SantaSignoraPina e quelli del Signor xxx del Bar xxx.

(Ahem no. Non sono io con i capelli corti alle Maldive prima di fare un’immersione con la telecamera in mano. E non è il mio nuovo fidanzato Creolo. E’ il mio papà) 

Auguri Papà. A te che sei me. Più me di quanto io possa essere te. Non ho mai amato. Amo. E amerò nessuno come te.

10 Arancini circa

  • 500 grammi di riso Carnaroli (per risotto)
  • zafferano
  • 3 tuorli di media grandezza
  • 40 grammi di burro
  • sale quanto basta
  • 1 melanzana piuttosto grande
  • dell’ottima salsa (io ne ho adoperato una freschissima di Pachino) quanto basta
  • Ricotta Salata Siciliana o se preferisci mozzarella/parmigiano grattugiato (a Catania neanche a dirlo si adopera solo ed esclusivamente la ricotta salata)

Per friggere 2 uova abbastanza grandi- Pan grattato – Farina- Olio extra vergine d’oliva

Operazione numero 1 – Il riso

Fai cuocere il riso in poca acqua salata (metodo giapponese? assolutamente il migliore) in modo che l’amido rimanga tutto bello compatto e presente e faccia diventare il riso un composto molto appiccicoso e lavorabile. Una volta che ha assorbito l’acqua ed è ben cotto, che non significa certamente scotto, lascialo raffreddare un po’ e aggiungi il burro, i tuorli e lo zafferano. Giralo per bene e lascialo freddare a temperatura ambiente (puoi anche conservarlo in frigo se preferisci fare l’operazione in più round). C’è chi insaporisce il riso con parmigiano grattugiato fresco (è buono comunque ma preferisco non mischiare troppi tipi di formaggio e nella Norma va assolutamente adoperata la Ricotta Salata altrimenti che Norma è? Aggiungere un ulteriore sapore così forte e riconoscibile a mio modestissimo avviso modifica irrimediabilmente il gusto caratteristico e tipico di questo arancino).

Operazione numero 2 – Friggere le Melanzane

La melanzana va come in tutte le preparazioni lavata e messa sotto sale in modo che perda l’amaro. Tagliata poi a piccoli dadini e fritta in abbondantissimo olio extra vergine d’oliva. Salata e lasciata asciugare su carta assorbente.

Operazione numero 3 – Salsa di Pomodoro profumata al basilico

Prepara la salsa che preferisci. Inutile dire che farla in casa è meglio. Dipende dal tuo tempo e dalla voglia. Una salsa fresca di Pachino profumata al basilico fresco con olio extra vergine d’oliva farà sicuramente la differenza. L’importante è che non sia troppo liquida, naturalmente.

In una ciotolina mischia le melanzane e la salsa ottenendo così il ripieno. Puoi fare asciugare sul pentolino a fuoco basso la salsa lasciando che le melanzane si insaporiscano ancor più.

Una volta che tutti gli ingredienti sono pronti: inumidisciti leggermente le mani (non troppo) e poggia sul tuo palmo una porzione di riso livellandolo un po’ in modo da poter mettere il ripieno. Richiudi delicatamente fino a creare una forma rotonda (a punta solo se vi è presenza della carne. Un catanese potrebbe offendersi altrimenti *segue risata isterica*)-.

Una volta formati tutti gli arancini riscalda l’olio in una casseruola piuttosto profonda perché l’arancino deve proprio “affondarci” dentro. Passali prima nell’uovo sbattuto. Poi nel pangrattato e poi friggili fin quando sono belli dorati. Lasciali scolare su carta assorbente.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
59 COMMENTS
  • Wish aka Max 30/01/2014

    Prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrimoooooooooooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • Wish aka Max 30/01/2014

      E abbracciamelo, per favore. Stretto stretto. Digli che è l’abbraccio di uno che gli vuol bene, uno dei tanti che gli vogliono bene, ma un po’ speciale, perché quando si cucina insieme si diventa amici per forza.

      • Iaia 30/01/2014

        Papà pochi giorni fa all’Architetto ha detto ” io ho fatto la pasta alla matriciana/all’amatriciana con un romano vero!”.
        Io e caffè abbiamo sputato il caffè ridendo.
        Sopratutto quando si è perso cercando di spiegare Max. Amico. Internet. Forum. Pier. Tutti insieme. Cucina Ufficio. Ed era confuso che manco se stesse spiegando la terza legge della . Come si chiama quella cosa? termodinamica? perché voglio fare esempi se non mi ricordo?
        La legge della termodinamica. No. la terza. ce ne erano tre.

        Insomma.
        siamo una gabbia di matti.
        Siamo una famiglia strana. Ma papà ti stima. E ti sente amico. Eccome.
        (e sa del libro ma poi quello ti dico :* )
        (se sta bene. Viene pure lui. E se non è febbraio. Sarà marzo. Ma vuole l’autografo quanto me)
        ( e pure un altro piatto di matriciana. TANTO PER RESTARE IN TEMA LEGGEROOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO)

        :* ti voglio bene Max
        grazie

        • Wish aka Max 30/01/2014

          Magari siccome sono matto come un cavallo mi viene lo sghiribizzo di organizzare una presentazione a Catania… (indovina chi mi aiuta?) 😀
          E allora altro che amatriciane… pensavo un menu di questo genere:
          Primo: bucatini all’amatriciana
          Secondo: rigatoni alla carbonara
          Contorno: tonnarelli cacio e pepe
          Dolce: spaghetti alla gricia
          Frutta: penne all’arrabbiata

          Come lo vedi? Passa il menu a Turi e senti che ne dice 😉

      • Iaia 30/01/2014

    • Iaia 30/01/2014

      posso dirti che io sono legata al prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrimoooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo.
      e che ci farei un monumento pure?!

      • Wish aka Max 30/01/2014

        Io pure sono legato al primo… 🙂
        e lo sai che sono distratto, ché sono acquario e tu gli acquari li conosci. e quando ho visto ieri il post dove dicevi “domani è il compleanno di turi” mi sono detto “cazzo me lo devo ricordare” e poi me lo sono scordato (sounds familiar, huh? ;)) e oggi stavo ravanando nelle email e pensavo fossero le 12.30 e apro l’email e vedo 12.40 Gikitchen eccetera e mi dico “cazzooooooooooooooooo ho scordato il compleanno mannaggia alla paletta” e sono corso ed era non so che ora e ho visto “Lascia un commento” che significa nessun commento ancora e sono andato giù in fondo e ho messo il primo e poi ho replicato e poi ho letto e poi mentre stavo finendo ho guardato l’ora ed era l’una e avevo dimenticato un appuntamento e sono arrivato tardi.
        Vabbè ma che te lo dico a fare? Tu lo sai come sono. 🙂 Per dire che il primo è il primo. E per la serie niente è per caso, nei momenti importanti il primo sono io, su questo blog. Quasi quasi ci scrivo un libro, sul niente è per caso. Ah no. Già fatto. Lo scrivo sul primo allora. 🙂 Pensa che c’era una che diceva “scrivi un libro, cazzo, scrivi un libro” e io, scemo, dicevo “ma che cazzo dici, io non sono capace”. Ecco. E ho detto troppe volte cazzo. E vabbè. Il giorno del compleanno di Turi si può. 🙂

    • Iaia 30/01/2014

      vatte a vede’ la foto sottooooooooooo quanto sei gnoccooooooooooooooooo

  • ssandrici 30/01/2014

    <3 tantissimi auguri Turi

    • Iaia 30/01/2014

      Turi <3 ringrazia ( sta mangiando piccoli cannoli al cioccolato. Sto per avere un esaurimento nervoso. CANNOLI prima di pranzo. Non ce la posso fare )

  • apity 30/01/2014

    Che bello il vostro rapporto. Il Nippo comunque é inscioglibile (esiste, dai) e irremovibile. Sempre. Norma sarà un bellissimo nome.

    • Iaia 30/01/2014

      In realtà mi piace Aria. Ma Nippo boccia.
      Dicendo pure che se è femmina sarà una tragedia e quindi il nome poco importa ( è inscioglibile sì. E si può dire, eccome)
      Guarda che io ti ho letto iera sugli shorts eh. E ti ho pure risposto. NON LA PASSI LISCIA.
      eh no.
      perché devo ancora capire cosa hai tu da dire sugli shorts.
      Sei bellissima.
      Se non te li metti mi arrabbio e soprattutto in sicilia devi venire SOLO IN SHORTS.
      così è deciso.
      l’udienza è tolta.
      :*

      • apity 30/01/2014

        Ahahahaha. Ho letto, ho letto ma tra tutta quella gente bellissima mi vergognavo a dire quanto mi sentissi brutta e poco degna degli shorts. Dormiamo in shorts quest’estate? Oysho ne vende di bellissimi con stampe orientali e pattern simpa. Quando verró da te verró in shorts. Pure d’inverno. Chi glielo dice ai maratoneti che pantalone termico + shorts sopra è un brutto abbinamento?

        • Iaia 30/01/2014

          adopero solo pigiami oysho ma solo lunghi perché cihounetàsantocielo.

          Ti pretendo in shorts.
          e il primo regalo serio che ti farò sarà proprio abbinamento shortsorientaleoysho. E’ deciso*disse sbattendo la mano sulla scrivania

          ( i maratoneti sono sensibili a certi argomenti. Se vedessi come si vestiva Turi. SANTOCIELO. con tutto l’amore che posso. nunsepotevaguarda’)

          • apity 30/01/2014

            Dovremmo decidere noi i colori dell’abbigliamento sportivo e delle scarpe. Ma chi lo fa al posto nostro? Vai a capire.
            Tu hai un’etá quanto io sono nonna. Non dire idiozie. Tu, io, shortsoysho. Insieme. Altrimenti non denudo alcuna parte del mio corpo mai piú! Se peró insisti faccio come tu con Turi. Non resisto troppo a lungo alle tue ciglia sbattocchiose.

      • apity 30/01/2014

        Il Nippo ha capito che lui non ha potere decisionale o giudiziario in quella casa o ancora no?

  • apity 30/01/2014

    Turi, ti vogliamo bene!

  • siete indescrivibili.
    più vado avanti più riesco ad esprimermi solo come un disco rotto.
    tanti auguri a questa persona così Grande.
    e anche bambina. come la figlia. mi sa che è questa doppia natura che vi fa volare così alti.
    <3

    (mò ci provo a reinviarti una mail va.)

    • Iaia 30/01/2014

      amore io ho ricevuto credo due email ( te lo dico che non le ho lette? o lo intuisci da sola sputandomi una megasputacchiataaddosso? 😀 Giustamente! Però già il fatto che io abbia visto due email la dice lunga su quanto ti amo *_* )
      detto questa. rimandami tutte le mail che vuoi.
      Anche perché ancora non sono riuscita a fare taccuiniporcazozza condiviso con evernote e dropbox. Che potrebbe essere molto più semplice ( mi spari solo mail dove sei registrata in entrambe qui? ti va? puoi? così ti mando invito subito).
      Con evernote e dropbox avendoci a che fare sempre mi è più facile.
      Con email avendo litigato da anni . no.

      In pratica è più semplice scriverci in un block notes e mettere su dropbox o aprire una nota su evernote. LO SO non è normale.
      Ma io sono pazza.Tu ormai ti sei fidanzata con me. Non puoi tornare indietro perché altrimenti ti ammazzo sonosiculaepericolosa E LO SAPEVI.
      e posso vendere tutti i miei nani ( esclusi i tuoi) e prendere il miglior avvocato che tra indulto e fasementaleprecaria mi dara’ al massimo 12 ore in carcere e via. FUORI LIBERA *_*
      cosa sto dicendo?

      anche io sono un disco rotto.
      anche io.
      è che ho perso la testa per te *regia una musica SUPERSUPERSUPERromantica e tanti ciuuauaua che scendono con petali di rosa su di noi*

      ( che pesano al massimo 900 grammi e se te ne cade uno sulla spalla al massimo due giorni di prognosi e via)
      (no davvero cosa stiamo dicendo?)

      • no, d’accordo. è talmente logico!!!!!!!! ma perché non ci ho pensato?
        (ora trafficherò giusto qualche dozzina di minuti per mettere tutto al posto giusto dal telefono. perché il pc mi ha di nuovo abbandonato yeeeeeee *_*)

        ah, veramente ho così tante cose da imparare.

        tra SUPERSUPERromantica e la pioggia di ciuaua credo di poter mettere un punto: questa giornata ha raggiunto il suo picco di utilità. mi ritengo soddisfatta.

        • Iaia 30/01/2014

          scaricare app dropbox e evernote.
          dare mail a iaia con email registrazione dropbox evernote.
          iaia fa cartella in entrambi con nome “ombrella iaia ” o “iaia sotto l’ombrella” “ombrella e iaia foreva'” dobbiamo decidere.
          da quel momento interagiamo con cartelle.
          infiliamo immagini.
          scritti e quant’altro.
          facciamo iperuranio vagante sempre con noi iaia ombrella.

          pioggia di ciuuaua . è vero.
          dopo questa oggi potrebbe pure finire.
          ti amo.

          • mandato link a una cartella e un taccuino con none a cazzo (pazzo) e inviato.
            ma se vuoi mi sregistro e faccio tuttodaccapoooooo o_____o
            tecnologia misteriosa

    • Iaia 30/01/2014

      che poi dobbiamo seriamente valutare l’ipotesi di scegliere le foto da rendere pubbliche.
      qui tutti insiemi in solitudine.
      in famigggghia.
      (vabbè che siete SEMPRE BONI TUTTI *_* )

      • *___________* ma sono un cadavere
        bellamipiacemoltoquesta

        ahhhh la nostalgia

        • Iaia 30/01/2014

          mi sono permessa di pubblicarla senza consenso proprio perché volevo vedere se ero in grado di scegliere anche per te.
          Io ti trovo MAGNIFICAMENTE meravigliosamente BELLISSIMA.
          eterea.
          in una posizione plastica che ti si addice e denota signorilità e fermezza e superiorità.
          pallidume DA FAR PAURA.

          La bionda ancora una volta si riconferma sex symbol.

          quindi questa per te è Sì.

          (ma mi sento di dire per tutti . Certo la coscia della bionda leggermente più scoperta avrebbe apportato un altro quid ma posso agire con fotosciuoppp che dici?)

        • bestiabionda 30/01/2014

          MACOSAPINKIASTATEDICENDOOOOOO =___= SANTOCIELO

        • bestiabionda 30/01/2014

          NUOOOOOO \O/

      • Iaia 30/01/2014

        ah dimenticavo.a desso ti ritaglio e ti appiccico in una foto con me. ok?

      • Wish aka Max 30/01/2014

        Mamma miaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa la presentazione del libro senza libroooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!! 😀 😀 😀 😀

      • Ninphe 30/01/2014

        Ombrella come Zoe di AHS Coven <3 <3 Ogni volta che vedo una sua foto lo dico. 😀

      • Fermi tutti: vabbè che siete tutti fighi da far paura ma LA BIONDAAAAAAAAINPIZZONEROOOOOO? Awwwwwwwwwwwwwwwwwwww <3

      • Bibi 30/01/2014

        *_*

  • etereamente 30/01/2014

    <3 e niente altro <3

  • niCol 30/01/2014

    Siete favolosi <3
    Infiniti auguri Turi, di cuore!

  • valebri 30/01/2014

    auguri di cuore Turi (e quando vengolllà amatriciana come se piovesse, e cacio e pepe e poi friggo tutto il friggibbbile con nanda ok mi calmo. ho fame)

  • pani 30/01/2014

    Auguri Turi! E pure complimenti, per fare una figlia così ci hai messo proprio impegno.
    Però questa non la capisco:
    “Io e caffè abbiamo sputato il caffè ridendo.” 🙂

  • ireneairinb 30/01/2014

    Auguri al tuo papà Turi <3
    Siete meravigliosamente folli. Meravigliosi.
    Tivogliobene ma tanto eh. Chenonloriesconeancheaquantificare

  • el 30/01/2014

    e ora l’amore mi vola attorno e mi fa brillare gli occhi e svolazzare un po’.
    sempre bellissimi, sempre stupendi.
    auguri Turi.

  • bestiabionda 30/01/2014

    io penso a lui che serio dice
    “no amore, non dire che è l’etna, questo è un temporale.”
    e tu che dici: “nooo zitto papà che la bionda deve prendere l’aereo e ha paura con il temporale” e lui serafico che si avvicina, sorride e dice “non c’è niente di cui aver paura, è solo un tuono.”

    ecco. c’è sempre da imparare da un Grande.
    e un Grande mette al mondo solo una Grande.
    Ci serve anche il Nulla, per capire quanto di meraviglioso c’è e quanto raro sia.

    Auguri Turi <3

  • ђคгเєl 30/01/2014

    Non potevo non Scaricare i mb del telefonino oggi pur di leggere questo post. Chi se ne frega se fino a sabato navigo solo in alto mare e non sul web. Oggi dovevo venire qui.
    A parte che quegli arancini sono bellissimi. .ma capisco Turi che cerca di rubare fritturine qua e la. . Buongustaio lui eh!!! Tanti auguri al tuo bellissimo papà Gy ♥ ..un abbraccio stretto a tutti…ma proprio tutti li ♥♥♥
    Ps: mi manchi ♡
    Ps2: ho una cosa “impoTTantissima” da dirti ♡

  • Ninphe 30/01/2014

    Auguri GRANDE Turi. <3 Quando replicherò questi arancini (e lo farò, ooooooh se lo farò) lo penserò tanto tanto.
    Perché di persone grande e buone come lui ce n'è bisogno sempre nella vita 🙂

  • tittisissa 30/01/2014

    A me sembra che fortunatamente avete il Nippo con voi, che vi tiene tutti con i piedi per terra, perchè siete una allegra e adorabile famiglia di matti totali e se non ci fosse lui ho paura di pensare a cosa accadrebbe! 😉
    Detto ciò, scansati che devo dire una cosa al tuo papà :
    “Signor Turi, buon pomeriggio, le auguro un felice compleanno pieno di gioia e di serenità, accanto a tutte le persone a cui vuole più bene. Io le ho rivolto un pensiero ed un bacio dal più profondo del cuore. La abbraccio fortissimo <3 e si consoli, condivido con lei l'amore per gli arancini. Per fortuna non mangiano tutti bioschifezze come Iaia ! "
    Ecco.

  • gluci77 30/01/2014

    Ecco, arrivo tardi proprio oggi… sigh! Sono ancora in tempo per gli auguri?! Cosa dici, Iaia, possiamo stringerlo un pochino anche Frugolino ed io il Tuo meraviglioso papà?! Senza bisogno di dire tante parole, solo una stretta che parla da sola. Vi vogliamo bene stellina e non vediamo l’ora di potervelo dire di persona… <3<3<3<3 :****

  • Non ho pianto nemmeno un po’, eh. Nemmeno un po’ per quella dura dolcezza che fa tanto “cresciamo insieme”, nemmeno per quella tenerezza appassionata dei ricordi, nemmeno per questo profumo di famiglia, di famiglia con tutta la responsabilità che comporta, quella responsabilità che poggia sul cuore e che sa farlo volare con un soffio come un palloncino. Io mi commuovo perché parli di qualcosa che non conosco ma di cui sento tutte le sfumature, e un po’ fa male e un po’ fa bene, un po’ taglia e un po’ ricuce. O forse perché sembra sempre di crescere con te, con voi. Insieme. Come un pezzo di quella famiglia. Eppure con la paura immensa di guardare qualcosa che si ha paura di sporcare. Leggerti è esperire. E lo farei da dietro un vetro, lasciando il segno del naso.
    (Scusa se forse non si è capito niente, però vi abbraccio forte, ma forte forte, e di avervi visto, di avervi sorriso, non lo dimentico mai)

  • Carolina G. 30/01/2014

    Auguri al tuo super papà che ha una figlia d’oro! <3

  • Bibi 30/01/2014

    Sono arrivata fin qui sotto e fra caffè sputati con caffè, foto di amatricianematriciane, di gnocche alle presentazioni e arancini a punta solo se c’è la carne mi sono dimenticata cosa volevo dire ancora oltre agli auguri.
    Ah si: che io lo so quanto sia vero e impossibile dirvi di no.
    Auguri ancora Turi <3

  • yliharma 31/01/2014

    Io lo capisco però…va bene mangiare sano soprattutto quando stai male ma come si fa a rinunciare a tutto tutto tutto quello che c’è di buono?
    Tu lo sai bene quanto è potente il cibo, quanto può fare bene e male, quanto può influire sull’umore e sulle emozioni…
    Turi ha bisogno ogni tanto (ho detto OGNI TANTO, non tutti i giorni!!! Non mi faccia quel broncio lì, eh? No…ho detto no! Uff che fatica!) di ricordarsi com’è stare bene, com’è vivere senza chemio e tubicini, condividere la tavola con chi ama e assaporare ricordi, come le madeleines di Proust.
    E sono sicura che quello che gli prepari tu, con gli ingredienti migliori e tutto l’amore che contiene, non può fargli male <3
    Auguri!!!

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi