Brunch Siculo improvvisato per Tre Torinesi e Una Catanese


Cosa occorre per un Brunch Siculo con orientamento dichiaramente catanese?

  • Granita pistacchio, gelsi, mandorla, cioccolato, fragola, ananas, servita con Brioche col Tuppo
  • Cassata Siciliana
  • Pezzi di colazione: Treccia con marmellata, Cornetto al pistacchio, Cornetto con cioccolato bianco, Graffa, Panzerotto con la crema
  • Cannolicchi al pistacchio, cioccolato e ricotta
  • Tavola Calda: Bomba Fritta, Bomba al forno, Bolognese, Arancino, Patè, Siciliana con l’acciuga e con il prosciutto, Cipollina, Cartocciata
  • Olive cunzate
  • Olive nere infornate
  • Pistacchi di Bronte naturali e tostati
  • Paste di Mandorla al sapore di Pistacchio
  • Macco con semi di finocchio
  • Pinzimonio (vabbè, per me dai)
  • Ananas con Limone di Sicilia e sale
  • Ricotta Salata
  • Focaccia calda con olive

(è light, lo giuro. Per noi questo è il piùlightchepiùlightnonsipuò. Che poi sia stata apparentemente smentita è un altro discorso)
















Un brunch improvvisato questo sabato; quindi niente fatto da me ma reperito nei paraggi. Perché Alecci è perfetto per la granita al pistacchio, Francalanza per le Paste di Mandorla e Aiello per i cannoli e la cassata. La tavola calda in quel di Barriera non so esattamente dove ma mi consigliano all’ultimo momento di andare lì. Subito di corsa. Metto un po’ di Mole, due pistacchi e tante Pastiglie Leone. Perché per la prima volta Charlie arriva qui. E sono incontestabilmente felice ed emozionata.

Quest’anno non ho “ferie”. Volontariamente, nonostante le insistenze, non mi allontanerò lasciando sola mamma. E Koi. E tutto quello che non c’è. Ma ho tante amiche che vengono. Mai vanno. E che sono soprattutto nel cuore. Giorni bbbelli con almeno tre b per cominciare, mi attendono.

*fermatempo di fortuna scattate di fretta con iphone e tovaglia non stirata. Qualcuno se ne è accorto? (mentite)*

QUESTO POST È STATO PUBBLICATO IL: 

8 COMMENTS

  1. Quale tovaglia? I tovaglioli mi hanno folgorata 🙂 (ahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh la granitaaaaaaa – nelle ultime “a” c’è anche un po’ di saliva, ma poca, pocapocapoca)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Seguimi anche su Runlovers

Tutte le settimane mi trovi con una ricetta nuova dedicata a chi fa sport

MUST TRY