La Torta Dexter

Must Try

12 Ricette dolci facili, veloci e divertenti per Halloween

La ciambella dell'assassino, pupazzetti di Halloween, Le mummie con tanto cioccolato, Il tiramigiù di Halloween, Gli immancabili S'more, i ragnetti dolci, i cerotti insanguinati, gli occhi insanguinati, la merenda di Halloween, i tre dolcetti più facili e gustosi e i muffin vegani al cioccolato per un Halloween indimenticabile.

6 (e più) idee facili e veloci per arredare la casa a Halloween

Nella playlist Halloween del mio Canale Youtube trovi sessanta video dedicati ed è in continuo aggiornamento (ricoveratemi, sì). Ho deciso di raggrupparne sei, girati lo scorso anno, per idee velocissime e carine dell'ultimo minuto. Basta davvero pochissimo per rendere l'atmosfera unica e indimenticabile. Ti confesso che non sono ancora riuscita a intagliare una zucca o ad appendere una piccola ragnatela per casa. Il primo anno in assoluto (shhhh non dirlo a nessuno) che non riesco ma. Mai demordere! Entro sera cercherò, tra dita mozzate e dolcetti di ogni tipo e sorta, in qualunque modo di rendere accogliente la mia casetta per tutti gli adorabili mostri e fantasmi che vorranno presentarsi e cenare con noi. Nel frattempo magari faccio un bel ripasso anche io con questi video, che non guasta!

5 drink salutari e buonissimi per Ottobre (e Halloween!)

Ecco cinque bevande salutari, buonissime e facili da preparare per l'Autunno, o più nello specifico per l'imminente notte di Halloween. Purtroppo non sono riuscita...

Graham Cracker (vegano) per fare gli S’more

Di questo libro, regalo prezioso del mio amato amico Stefano, Cioccolato Vegan della Costigan ho parlato così tante volte (anche su youtube) che proprio...
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

La Ricetta

Ingredienti: 370 grammi di burro ammorbidito, 220 grammi di zucchero di canna, 3 uova, 300 grammi di farina setacciata, 1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio, 90 grammi di cacao in polvere setacciato per bene, 180 grammi di cioccolato fondente fuso (anche al microonde), 180 ml di latte intero.

Scalda il forno a 160. Lavora il burro e lo zucchero in un robot da cucina. E’ importante lavorarlo per bene almeno per 10 minuti ininterrotti. Il composto apparirà chiaro e cremoso. Unisci a questo punto le uova una ad una e lascia continuare a lavorare il robot. Incorpora la farina, il bicarbonato e il cacao (setacciati) e infine il cioccolato fuso (a bagnomaria o al microonde poco importa). Lascialo lavorare e infine aggiungi il latte.

Quando hai ottenuto un composto omogeneo versa in uno stampo tondo (uno di 22 cm basterà). Imburralo per bene o altrimenti adopera la carta da forno (per attaccarla alla teglia usa sempre un po’ di burro che farà da collante). Inforna per 1 ora e 15 minuti e verifica la cottura con uno stecchino. Fai raffreddare per bene e accompagnala con una spolverata di cacao amaro, un po’ di panna se piace o qualsiasi farcitura cioccolatosa.

Per la glassa di zucchero bianca: zucchero a velo e qualche goccia di acqua. Deve cementare ben benino e quindi l’acqua quanto basta. Prendi una ciotolina e versaci qualche cucchiaiata di zucchero a velo e pian piano poche goccine di acqua. Quando vedi che è bello corposo, il compostino, e hai sciolto perfettamente eventuali grumetti la tua glassa è pronta. Si potrebbe pure preparare con l’albume ma perché appesantire ulteriormente?

Per le gocce impazzite di sangue? Colorante alimentare rosso buttato così. Allacomevieneviene. Aiutati eventualmente a “strisciare” le gocce con uno stuzzicadenti. Fallo quando la glassa è naturalmente solidificata altrimenti vien fuori un pastrocchio

Coltellino: l’ho già trovato così su amazon ed è della wilston (che il cielo li benedica! fanno roba per Halloween incredibile) ma l’idea di farlo con la pasta di zucchero malaccio non è. Semplice da realizzare tra l’altro.

La Torta Mud di Donna Hay risulta sempre vincente  mi sono detta mentre Koi mi guardava interdetta con la palla,  arancione fosforescente a tema Halloween, in bocca. A lei interessava solo che io la rincorressi dicendole ” ti prendo ti prendo ti prendo”. Koi, labrador miele, dovrebbe essere teoricamente un cane da riporto. Nel dna, oltre al fatto di possedere lunghe ciglia bionde e contorno occhi tipo smokey eyes che Kim Kardashian potrebbe solo che impallidere, dovrebbe esserci questo cromosoma “riporto”. Peccato che non porti indietro nulla. Il cromosoma “distruggo-desintegro” insieme a quello “mangiotuttoqualsiasicosa” forma la sua struttura doppia ellittica (ce ne sarebbe un altro. Il cromosoma “giochiamoQUANDOLODICOIO”, altrimenti detto Cromosoma Casella, in gergo). Dico di Koi perché l’intenzione era tutta un’altra e non certamente questa della torta insanguinata. Decisa la base, ricaduta poi nella Mud Cake appunto, avrei dovuto costruirci sopra qualcosa di diverso. Peccato che sola in casa, con il Nippo in trasferta e Mamma e Pina intente a fare altro mi sono ritrovata sola con questo essere malvagio dal dna distruggo-mangio-giocoquandodicoio che ululava dalla porta frignando, piangendo, latrando e ringhiando non necessariamente in questo ordine. L’istinto omicida ha prevalso (oh pure io non è che abbia un dna perfetto) e per la fretta di realizzare la decorazione  per poi uscire sul terrazzo a giocare e placare la belva ho fatto semplicemente glassa e quattro schizzi di sangue e via. Foto. Finita.

 Sa tanto di Dottor Frankenstein, disturbato al laboratorio,  e err creaturen pelosen. Non è che ci discostiamo mica tanto a ben vedere.

Forse potrebbe interessarti leggere...

4 COMMENTS

  1. pensa se koi ti avesse lasciato lavorare cosa sarebbe uscito se è già fantastica così.
    (e comunque il riporto no dai, ha ancora tutti i capelli – ecco, se volessi cancellarmi dalla lista amiche lo capirò)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Le polpette di melanzane di mamma

La mamma ha sempre ragione anche quando non ce l'ha. In cucina poi non ne parliamo. Se la mamma dice "a occhio" allora tu devi fare "a occhio", fine del discorso.

Il Cantalupo con la feta

Un piatto facile, veloce e strepitoso. La feta con l'anguria, da anni, è una certezza ma con il cantalupo hai mai provato?

Le Ricette di Mamma – Siciliane a base di pesce

Ti racconto alcune delle ricette siciliane che mia mamma prepara da sempre. Delle preparazioni che non sono solo piatti ma scrigni di ricordi, giorni e vita. Un tour tra cuore e tavola.

Le melanzane più buone! Come le fa mamma

Una delle ricette che amo di più e che mangio sin da piccola. Che sa di tradizione, amore e casa.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

More recipes like this