Home / Biscotti  / Sono un Cantuccino di Ciliegia e Pistacchio

Sono un Cantuccino di Ciliegia e Pistacchio

Ingredienti

  • 300 grammi di farina
  • 1 cucchiaino e mezzo di lievito in polvere
  • 150 grammi di zucchero di canna
  • 80 grammi di ciliegie essiccate
  • 90 grammi di pistacchi sgusciati e tritati

Raccogli la farina con il lievito e lo zucchero all’interno della planetaria. Aggiungi le uova fino a quando l’impasto non diventi un tutt’uno. Se non hai la planetaria niente paura. Puoi lavorare chiaramente tutto a mano impastando per bene e infarinandoti eventualmente le mani. Aggiungi infine i pistacchi e le ciliegie e continua a lavorare con la planetaria o con le mani. Una volta ottenuto un impasto omogeneo infarina per bene la superficie e ricava dei rotolini. Puoi decidere tu chiaramente la grandezza, altrimenti orientati con una sezione di sei centimetri circa come ho fatto io. Poggiali su carta da forno o su teglia imburrata e fai cuocere massimo 25 minuti a 180 già caldo. Saranno sicuramente ben dorati per allora e quindi toglili dal forno e lasciali riposare per 10 minuti affinché rassodino un po’. Tagliali quindi a fette abbastanza alte di un centimetro e mezzo e rimettili nuovamente sulla teglia per farli cuocere almeno altri dieci minuti. Fai raffreddare come sempre prima di servire.

Ero lì su twitter e ho cominciato a costruire case con finestre di luce e buio e pareti di biscotti non eccessivamente sbriciolabili. Non sono di molte parole in questo periodo e non necessariamente per l’umanità questa pare essere una brutta notizia. Tutt’altro, no? Sarà che ne spendo troppe per cose noiosissime e altre di insolita bellezza ma è uno di quei periodi, che raramente mi capitano, in cui ho la necessità di esprimermi più con immagini che a parole. I cantuccini sono biscotti apparentemente duri e solidi, di quelli che gli anziani con la dentiera per capirci porgono la mano in avanti e dicono no grazie. Poi qualora fossero impavidi e li provassero troverebbero una tenerezza e friabilità commoventi. Palazzi alti, forti  e apparentemente coraggiosi pronti a sgretolarsi a un piccolo e delicato morsicino.

Mi sento anche io così, sapete? Come una che deve essere un cantuccino. Di sostanza, compatta e dura. Mai come adesso le responsabilità e quello che mi viene richiesto mi hanno incollato sulla faccia e sul cuore un’immagine talmente distante da quello che sono, capace di distrarre pure me. Non vorrei tornare più una bimba con le spalle coperte, ma di certo vorrei dimostrare a papà che nonostante dentro sia una ganache molle pronta a squagliarsi immediatamente riesco a essere uno stramaledetto cantuccino. E non contenta riesco a costruirmi intorno corazze, finestre, tetti e camini.

E’ l’ennesimo periodo di metamorfosi. Lo sento. Arriva così. Senza bussare. Entra e irrompe.

In questi ultimi sei anni ho dovuto essere uno, nessuno e centomila. Abitare in corpi a me estranei, fermo restando che mai uno lo sia stato: mio. Assecondare il destino, fermo restando che non abbia mai creduto esistesse. Combattere contro i mostri paurosi e le paure che al solo pensiero mi facevano vomitare verde. Eppure nonostante tutto continuo a impilare cantuccini e improvvisarmi muratore della mia anima.

E’ quella sensazione di cuore in gola. Quando la testa gira e i capelli si attorcigliano nel vento e chiudono occhi e bocca. Perlomeno ho smesso di mettere gli ugg e sono ritornata ai tacchi, segno di riconosciuta  e rivoluta femminilità. E’ il trasformismo di diventare biscotto e donna con scarpe da grandi e rossetto rosso. E’ un continuo carnevale di dolore. Conto i giorni al 15 Maggio. Mi dico che troverò motivi per sorridere ed essere degna e unica erede dell’anima che fa ancora ricordare meraviglie a chiunque incontri, ma la verità è che.

La depressione, seppur termine amato-gettonato-idolatrato, è uno di quegli incontri già fatti. Di quelli che ti fanno esclamare con non troppo stupore: Toh chi si rivede. E riecheggia “sei troppo sensibile, amore mio di papà”. Me lo dicevi sempre quando in un angolino disegnavo e piangevo. Perché non mi sentivo capita dalle amiche. Perché dicevo che io non mi sarei mai comportata così. Perché nella vita non avrei mai concluso nulla, considerando che qualunque cosa di me fosse ovviamente sbagliata.

L’evoluzione della depressione esiste, però. Ti rendi conto che alcuni passaggi fossero errati ma sorprendentemente ne trovi altri. Cambia adesso, al contrario di tutte le altre volte, che non mi pongo un limite costringendomi a ragionare per assiomi che poi si scoprono non essere tali. Cambia che se devo fare una mansarda abusiva non sto lì a cincischiare su piani regolatori, approvazioni e inquinamento ambientale visivo. Riesco a concepire solo concetti semplici quali: ti piace una mansarda di ciliegie e pistacchi rinforzati sulla testa? Sì. No. Avanti.

E non mi preoccupa più nulla. Ci sono stata tanto tempo ma ce l’ho fatta. E’ davvero questa la mia vita. Un continuo trasformarsi, evolversi e mai vestire le stesse maschere.

Come papà sono libera. Sono acqua e lava. Sono cantuccino e ganache. Sono uno, nessuno e centomila ma non importa. Perché ogni volta che tento di ritrovarmi mi perdo ulteriormente. E da ogni perdita non ottengo mai sconfitte ma solo nuovi traguardi.

Cosa sto dicendo? Provateli.

Sono buoni questi cantuccini.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
12 COMMENTS
  • Iber 24/02/2015

    🙂 ci sono passato anche io, forza!!

  • yliharma 24/02/2015

    Sei acqua e lava…una definizione perfetta <3

  • Chemical 24/02/2015

    <3

  • Jelena 24/02/2015

    Piccola… La depressione, se presa dall’angolo giusto effettivamente ci aiuta a crescere… e alla fine non ritrovi te stessa di adesso o di anni fa ma te stessa nuova e evoluta. Coraggio e sallo che noi siamo qui e che questi cantuccini mi stuzzicano un sacchissimo!

  • Ambra 24/02/2015

    <3 <3 <3

  • Bibi 24/02/2015

    Io mi sono sempre rifiutata di assaggiarli i cantucci. Pur vivendo un anno a Firenze e cantucci e vin santo mi venisse offerto con la stessa frequenza di come si offre un caffè.
    Ma questi, questi mi piacciono.Questi li voglio provare.

  • S3a 24/02/2015

    Sono buonissimi! <3

  • paoladig 24/02/2015

    siamo acqua e fuoco 🙂 ce la possiamo fare <3

  • niCol 24/02/2015

    Sei un cantuccino con un cuore di ganache al cioccolato fondente, così morbido e fatto di cacao puro.
    Sei l’essenza <3

  • gluci77 24/02/2015

    Trasformarsi ed evolversi… è nella nostra natura Iaia mia. Tutti noi percorrendo la strada della vita cambiamo grazie alle persone e alle esperienze che incontriamo. È quando questo non accade che qualcosa davvero non va. Perché vuol dire che non andiamo avanti, che non cresciamo, che non costruiamo più. Perché vuol dire che non c’è più nulla, che ci siamo persi. Non c’è nulla di male se la ganache di ieri oggi è un cantuccio. L’importante è che quel cantuccio sappia che è davvero tanto buono, anche se qualcuno rinuncia a dargli un morso, perdendosi la meraviglia del suo sapore unico… ti voglio bene! <3

  • valeys 25/02/2015

    <3

  • el 25/02/2015

    esprimiti a immagini e cucina chili di cantuccini per ricordarti chi sei. ritrovati in qualsiasi forma e sorridi. <3

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi