Pancake con un solo ingrediente

Articolo scritto per Runlovers

Gira da mesi la ricetta delle crepe con un solo ingrediente, ovvero con le lenticchie rosse. Le lasci in ammollo. Frulli tutto e fai le crepe. Incredibile ma vero: vengono delle crepe buonissime. Le ho provate e ne sono rimasta letteralmente folgorata. Poi un giorno mi dico “ho i piselli spezzati; chissà se vengono le crepe o i pancake”. Così, quando hai la rivelazione della tua vita in un secondo. Quando pensi l’unica cosa -nel mio caso- intelligente della tua vita, insomma. Mi dirigo velocissimamente in cucina. Acchiappo i piselli spezzati e li metto in ammollo. Poi frullo come accade con le lenticchie e olio la padella dei pancake (ma pure con una padella antiaderente normale va bene). Ne verso una generosa quantità. Non si appiccicano ma diventano soffici. Li giro. Sono così estasiata e sconvolta che per poco non svengo in cucina.

Risultato? Sono buonissimi. Ne parlo su instagram. Racconto della mia incredulità. Centinaia di persone mi confermano di non averli mai visti e li rifanno. Non viene a nessuno il mal di pancia (ero terrorizzata da questo, onestamente e avevo pure detto: “se entro 24 ore non scrivo su instagram NON FATELI”). Sono passate settimane. Li ho fatti e rifatti e, con me, tantissime persone. Mi piacciono salati ma anche dolci non sono niente male. È incredibile ma vero. Li chiamo i Pancake con un solo ingrediente ma soprattutto: i Runlovers Pancake. Perché se questi non vi piacciono, giuro, mi licenzio.

COME SI PREPARA?

Lasci in ammollo i piselli spezzati per quattro ore. Ho coperto con acqua poco sopra senza esagerare. Una volta trascorso il tempo, con il frullatore a immersione ho ridotto in purea. Ho spennellato con olio il padellino dei pancake e versato una generosa cucchiaiata. Ho aspettato 2-3 minuti e girato e poi proseguito la cottura. Dopo aver assaggiato il primo mi sono resa conto che, con un pizzico di sale, sarebbero stati ancora più buoni.

Ripeto: incredibilmente buoni, soffici e golosi.

Ho servito con una salsetta giapponese al sesamo. Sono buonissimi anche con il wasabi o, per i palati più classici, anche con frutta secca o come si preferisce.

Non sono mai stata un’amante dei pancake. Sono più da waffle (salato, per giunta) e questo devo dire che potrebbe diventare in assoluto il mio pancake preferito.
E tu? Ti ho incuriosito? Che ne pensi? Lo proverai?

Facci sapere perché qui in redazione siamo tutti curiosi (e anche innamorati di questi pancake)

QUESTO POST È STATO PUBBLICATO IL: 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Seguimi anche su Runlovers

Tutte le settimane mi trovi con una ricetta nuova dedicata a chi fa sport

MUST TRY