L’alberello di Feta e la schizofrenia alberellosa (malattia natalizia riconosciuta dalla Medicina Mondiale)

Must Try

Pancake vegani con il latte di mandorla

Non sono una fan dei pancake, perché mi piacciono più i waffle ma devo dirti che questi sono in assoluto i pancake più buoni mai provati.

La Primavera di Fernanda, la mamma

Di questa Primavera ho parlato tantissimo in svariate occasioni, perché mi ricorda mamma ed evoca tanti preziosi ricordi.

La carbonara di fave

Con le zucchine, con gli asparagi, con l'avocado e pure con le fave. La carbonara vegetariana è ricca, buona e sorprendente.

La carbonara di Avocado

La carbonara è solo una, e siamo tutti d'accordo. Le declinazioni vegetali però sono gustose, ricche e sorprendenti. Questa una variazione che ti promette un successo assicurato.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Non sapevo come adoperare una gelatina di Birra, gentile omaggio di un rappresentante di materiale elettrico. Bello no? Gelatina di Birra. Rappresentante materiale elettrico. Nippotorinese in Trinacria. Regali per lui. Sanno che non gli piace il cioccolato perché il verocioccolatoèsolopiemonteseoalmassimosvizzero. Sanno che non gli piacciono i cannoli. Sanno che non gli piacciono i pistacchi. Sanno che è UN ROMPISCATOLE. E insomma gelatina di Birra.

Questo è un piccolo retroscena inquietante che potevo pure risparmiarvi ma santapizzetta siete miei amici. Dobbiamo pur condividere tutti i dolori no? Anche e soprattutto quello di avere accanto l’uomo più complicato che il pianeta Terra, e il Sistema Solare tutto, abbia ospitato. Che detto da me pare essere follia ma vabbè.

Insomma gelatina di birra in frigo. Feta abbandonata. Perché sì il frigo piange. Non a dirotto e neanche a dirnove e dirdodici (è sempre una battuta che mi piace, pardon) ma a dir29438924823409834082043. E allora la sconsolata e abbandonata gelatina di birra venuta da lontano è finita sulla feta resa alberello con un trito di peperoni. Avevo anche troppi peperoni, sì. 

Pure il peperone verde (basta con questo verde!) ed era meglio farlo fuori il più presto possibile. Per dire insomma che in questo periodo estrosonatalizioalberoso si può rendere tutto magicamente e sdolcinatamente alberoso. Si può fare pure con le fette di formaggio magari buttate (ahem servite pardon) su un tagliere. Si possono disporre formaggi e salumi (mangiatene pochi o vi picchio!) a mo’ di alberello, stelline (il salame a stelline? si può fareeeeeeeeeee) e frizzielazzi.

Io amo fare questo tipo di composizione solo per un semplice motivo: il Nippo lo detesta. Detesta LETTERALMENTE tutto questo. E per questo stoica e impavida procedo nella mia missione. Nonostante sia oberata dal lavoro. Nonostante tutto. La mia missione rimane sempre la stessa:

rovinargli la vita e regalargli un natale pieno di luci-colore-emozioni-cuoricini-alberelli-decori assurdi-calzette-canzoncine-portabiscottiaformadibabbonatale.

Perché io odio il portabiscotti messo sopra il piano della cucina ma solo per vederlo raggelare l’ho fatto.

L’ho messo esposto come si faceva negli anni settanta e se trovo un centrino metto pure quello.

Tiè.

(scusate per il tiè ma è sempre per fare ridere la mamma. Ride sempre)

Forse potrebbe interessarti leggere...

23 COMMENTS

    • ma l’alberello di feta birrosa gelatinosa con i peperoni birrosi gelatinosi è carino assai!

    • E comunque ti capisco. I torinesi sono burberi a Natale, burberi a capodanno, burberi a Pasqua, burberi a Pasquetta… Insomma, non sopportano niente, mi sa.

  1. ma de che a la gelatina di birra??? ….a me non è mai piaciuta neanche quando mia nonna da piccola cucinava, l’arduosissima nonchè particolarissima GALANTINA!!

  2. Povero Pier, oggetto delle tue angherie. Tutta la mia di tovaglie e tappeti verde menta e tutte le sedie di giallo limcomprensione a lui. Per vendicarsi potrei suggerirgli di rivestire la tua cucina one. Tiè 😛
    Così ride anche mamma Nanda (un abbraccione a lei!).
    Bacituttipettè :-*

    • No. Ma. Cacchioèsuccesso?! WP è impazzito?? Devono essere stati i Mayaaa!! Mi ha scombinato tutto il commento O_o Ora lo riscrivo qui per benino :
      Povero Pier, oggetto delle tue angherie. Tutta la mia comprensione a lui.Per vendicarsi potrei suggerirgli di rivestire la tua cucina di tovaglie e tappeti verde menta e tutte le sedie di giallo limone. Tiè! 😛
      Così ride anche mamma Nanda (un abbraccione a lei!). E. Bacituttipettè :-*

  3. umh…ho un po’ di arretrati da leggiucchiare!… 🙁 vado a ritroso per scoprire che mi sono persa!

  4. alberodinatale. per forza. questo Natale non riesco a pensare ad altro. il cibo deve assumere quella forma. per forza per forza.
    l’abbiamo rimediato l’albero. sta lì che mi guarda, di sbieco, ancora privo di addobbi. ma mò lo sistemo io.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this