Home / Biscotti  / La Felicità: Biscotti di Polenta

La Felicità: Biscotti di Polenta

E’ ancora tempo di biscotti? Ma sì. E’ sempre tempo di biscotti; soprattutto per una che accende il forno ad Agosto per fare le foto dei biscotti di Natale (c’è della logica ineluttabile, basta solo dire ai neuroni di andarsi a fare un giro). Tra Pasquetta, Venticinque Aprile e l’imminente Primo Maggio tutto sembra attaccato a distanza di poche ore. Altro che settimane. In pratica domani mi sveglio e sono in ritardo per Halloween come sempre. Qualcosa di misterioso e sconvolgente avvolge le lancette del tempo. Scorre tutto velocissimamente tranne il rumore del trapano o di qualsiasi malefico aggeggio a me sconosciuto usato del muratore che identificheremo come il Cantante (e non è neanche il vino dei Simply Red che si produce alle pendici dell’Etna). Quel frastuono al contrario scorre lento come in un rallenty di violenza uditiva. Francamente sono molto stanca e quasi al capolinea, ma papà si diverte a far spostare i muri ed è felice di costruire il castello alla sua principessa con cunicoli segreti che portano a terrazzini pericolanti e io non posso che fare spallucce e dire “‘sì certo” anche alla palestra sul balcone diventato veranda. Prima o poi arrivano qui e ci arrestano tutti.

Sono sempre iper organizzata e so già che post andrà in onda il 16 Novembre 2015, ma a quanto pare anche i maniacali incastri saltano quando si ha voglia di dedicarsi anche un po’ a se stessi. 

E allora ho lanciato in aria il planning dell’ ICal e mi sono detta che no. Non mi andava proprio di fare il calendario. Seguire degli schemi. Mettere Soba con brodo dashi e Timballo di Riso con salsiccia. Che non mi andava neanche di posizionare la Rubrica Cibo e Cinema e pubblicare i fermatempo con Giulia che sono pronti dalla sera stessa in cui è andata via. Mi sono infilata in macchina dopo essermi asciugata i capelli senza adoperare la piastra (ero un barboncino peloso e arruffato in pratica) e a tutta birra (analcolica) ho premuto sull’acceleratore (mai superando i limiti eh. Che ho amici anche carabinieri e poliziotti che mi leggono, tzè. MAI SUPERO I LIMITI IO!) e via. Verso il mare, esattamente in provincia di Siracusa dove  i miei hanno una casa.

Papà mi ha portato a festeggiare l’incredibile articolo uscito su Repubblica in un locale su cui vorrei spendere ben più di due parole perché ne vale la pena eccome. Trattasi de “Il Castello” a Brucoli. Tutto bianco. Una vetrata a strapiombo sul mare. Lui che mi tiene la mano e mi sorride dicendo “sono tanto orgoglioso di te amore mio”. Mamma che si rimpinza di pane caldo tostato con olio extra vergine d’oliva e sale grosso dicendo “mammamiachebuononevoglioancora”. Il Nippotorinese che scopre l’esistenza del pesce Cipolla e l’Architetto (che solo Architetto non è ma una vera amica sì) che mi guarda e mi dice “che bella che sei” con un tono materno pieno d’amore che mi strugge e commuove.

E allora in silenzio guardando il mare e mangiando cipolla arrostita (incredibile come loro mangiassero pesce-cipolla ed io cipolla-vegetale arrostita. Oh vado matta per la cipolla. Al diavolo l’alitosi!) mentre gli altri uccidevano allegramente la fauna marina del Siracusano ho pensato a milletrecentosettantasettemilacose. E le ho pure contate. Né una in più. Né una in meno. In quelle onde calme che si abbracciavano nel fiordo dove tra l’altro è ormeggiato il gommone con cui Turi sfreccia indisciplinato (ma tanto lo conoscono tutti e gridano “Buongiorno Signor Guardo Attentoooooooooooooooooooo”. E lui patapumpete. Ormeggia spaccando poppe a tutti chiedendo “scussssssssssssiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii” e ricevendo dei “non si preocccupi Signor Guardooooooooooooooooo”) ho rivisto un po’ degli ultimi anni. Tutto sembra pazzesco e lo è. Sembra assurdo e lo è. Sembra più grande di me e lo è eccome. Potrei anche scrivere “se tanti anni fa mi avessero detto che. Io non ci avrei creduto”. E potrei farlo con la coscienza di chi sa di non mentire. Però a ben guardare ho capito, durante la fase del dimagrimento, che questo determinato tipo di sensazione e ragionamento lo prova chi non ha fiducia in sé stesso. Come più volte mi ha insegnato papà, solo chi osa può raggiungere risultati. Non importa di che tipo. Importa che lo siano.

Adesso per quanto mi riguarda tra tre anni potrei pure essere la prima donna a ballare il waka waka su Giove.

Questi biscotti li ho fatti quando mio papà stava molto male. Ma molto. Non mangiava praticamente nulla. Si nutriva a volte del dolcetto con biscotti e crema di cioccolato (ho fatto anche la videoricetta) ma era giusto qualche cucchiaiata. Era sottopeso in maniera preoccupante. Camminava lento e curvato, scheletrico e piegato. Aveva uno sguardo morto senza i suoi occhi che virano al verde brillante. E le sue labbra enormemente carnose, come le mie, erano rinsecchite e piene di pieghe da disidratazione. Aveva le flebo e girava per casa con il supporto attaccato.

Non ho mai esasperato questi scenari perché credevo che sarebbero stati gli ultimi che avrei visto di papà. E proprio per questo non bisogna mai smettere di credere. Perché l’ultima immagine di papà è con due chili in più rispetto al suo peso forma, sorridente, che mangia un’aragosta di proporzioni epiche e butta giù un bicchiere  di bianco ghiacciato guardando il mare dopo aver fatto un micro giro in gommone sul fiordo.

Se me l’avessero detto il Natale scorso, il più orrendo di tutta la mia esistenza, non ci avrei creduto ma. Ma adesso credo che il prossimo sarà il più bello della mia vita. E in questi biscotti vedo una profezia semplice e ben leggibile già da allora. Che tutto davvero si può ottenere con un cuore fatto in casa. Quando il tuo è a pezzi, sbriciolato e devastato.

Si può ricomporre il dolore. Si può trasformare in qualcosa di buono, appetitoso e profumato. Si impasta con cura e tanta pazienza. Si amalgama in silenzio con la speranza e l’ottimismo. Si aggiunge quel poco di zucchero che è rimasto anche se pare abbondare l’amaro e si ritaglia quello che si pensa aver perso.

La felicità.

Ingredienti per 30 biscotti circa

(dipende sempre dalla formina che si adopera)

  • 225 grammi di Farina bianca
  • 150 grammi di Farina di Mais macinata finemente
  • 1 cucchiaino raso di lievito in polvere
  • 2 uova leggermente sbattute
  • 125 grammi di burro
  • 140 grammi di zucchero di canna scuro
  • pizzico di sale

Accendi il forno a 170 e imburra le piastre/teglie. Setaccia le farine, il lievito e il pizzico di sale. Incorpora il burro a pezzi e ottieni un composto granuloso. Incorpora le uova, lo zucchero e forma una pasta morbida. Stendi su un piano infarinato e ricava le forme che preferisci. Cuoci (distanziandoli un po’) per 20-25 minuti finché dorati. Lascia raffreddare.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
25 COMMENTS
  • Giusy 29/04/2013

    Ma oggi ci viziiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

  • Paciocchidifrancy 29/04/2013

    ti voglio bene. Tanto. E non vedo l’ora di abbracciarti e di darti quello che ho preso per Te. Promettimi, però, che prima di partire per Torino, dai un bacione a Turi da parte mia.

  • gluci77 29/04/2013

    Oggi sto dando fondo a tutte le mie lacrime di commozione… Si vede, si vede proprio che in quei cuoricini biscottosi c’è amore, c’è tenacia, c’è speranza… Ci sono tutte le cose meravigliose che solo l’amore regala. Abbraccia forte Turi da parte mia…

  • pani 29/04/2013

    Se sarai la prima donna a ballare il waka waka su Giove io mica mi stupirei

  • ireneairinb 29/04/2013

    Ecco.ho pianto.ho proprio pianto.
    Hai scritto la parolina magica “felicitá”.la mia è ancora lontana.ma tu accendi sempre una lucina di speranza.in me.
    Grazie

  • ADELE 29/04/2013

    Ehhh….
    -sospiro di speranza, gioia, ambizione, di volercela fare credendo nel fatto che ogni singolo gesto porterà ad un traguardo!-
    Ehhh…
    GraziAe..

  • yliharma 29/04/2013

    evviva Turi!!!! <3

  • sicuramente quei biscotti sono molto buoni

  • bestiabionda 29/04/2013

    per cosa credi che te l’abbia regalato quel nastro adesivo con i baffi?
    per attaccare i pezzi di cuore sbriciolato.
    ti amo. e amo anche la tua famiglia meravigliosa, per il semplice fatto che siete speciali.

  • ninatrema 29/04/2013

    “Come più volte mi ha insegnato papà, solo chi osa può raggiungere risultati. Non importa di che tipo. Importa che lo siano.” e dice tutto il tuo papà e lo dici tu in ogni tua ricetta, pensiero, gesto :*

  • Bibi 29/04/2013

    e quando una è senza parole non è necessario dire qualcosa.

  • tittisissa 29/04/2013

    Che bel lunedì! Che di fatto è sempre orrendo, ma. Le buone notizie sulla salute del tuo papà mi commuovono e rallegrano! Felice per voi! Un abbraccio grandissimo 🙂

  • eugenia 29/04/2013

    Grazie. Solo grazie, per ora. Poi, un giorno, ti scriverò in privato. Ma grazie, mi fai del bene senza volerlo nè saperlo. Non è proprio mica per niente mai poco.

  • valebrì 29/04/2013

    EDDDDAI CAZZO. scusa, ma il francese aiuta. ti voglio bene amore mio.

  • Bea 29/04/2013

    che bello questo post, sorema! sono tanto felice per te…e faccio tesoro delle tue considerazioni, preziose e importanti.
    tivvubbì!!!

  • comearia 29/04/2013

    “Si può ricomporre il dolore”.
    That’s all.

  • cookinlove83 29/04/2013

    Ti vogliamo tutti un mondo di bene! Felici per te, Iaia! 🙂

  • ђคгเєl 29/04/2013

    credo che la cosa più bella che vien fuori da questo post è che Turi sta meglio. E se lui sta meglio noi ti sappiamo più felice..e noi ti vogliamo felice.
    E questi biscotti li faccio presto…promesso.

  • angyerry 29/04/2013

    Iaia amore 🙂 ti abbraccio fortissimo!:)

  • bionutrichef 29/04/2013

    Sì! Non poteva che andare così! Doveva andare così e basta, il destino l’hai scelto tu, l’hai modellato tu secondo il tuo desiderio… hai la tua vita in mano… quasi quasi ti do anche la mia, forse riesci a rimodellarla in meglio…
    cmq p.s. dove hai preso la formina home made?

  • ssandrici 29/04/2013

    <3

  • (questo era un altro colpodigrazia. devo temere i tuoi post quando mi arrivano in notifiche a gruppi di 3. non è la prima volta che succede.)

  • Silvia Pinturikkia 29/04/2013

    Mi hai fatto commuovere e ti ringrazio!!un abbraccio graaaaande come l’aragosta anzi di più 😀

  • Katia 29/04/2013

    Penso che questo sia uno dei post più belli che tu abbia mai scritto. E voglio crederci, che sia possibile, proprio come dici tu.Arrivare alla felicità e tenerla stretta con le mani e con il cuore. Posso farcela io perché ce l’hai fatta tu, che avevi ed hai davanti baratri molto più profondi dei miei. I miei non sono niente, anche se sembrano eterni, non sono niente. Ce la si può fare. Sei una bella persona, Iaia. E ti auguro di avere sempre sempre sempre tutto quello che meriti, che è tanto.
    Ti mando anche un saluto: domani si parte, si lascia Torino e per un po’ di tempo non avrò internet, quindi potrà sembrarti che io non ci sia. Ma ci sarò sempre, soprattutto quando non ci sarò. Ti abbraccio, a presto.

  • Marty 29/04/2013

    mi si riempie il cuore di gioia vè <3

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi