Una Torta ripiena di arance amare e muratori canterini

Must Try

La Panna Cotta al tè matcha

Un dolce gustoso, facile e fresco caratterizzato dall'inconfondibile sapore del tè matcha. Perfetto per un dopo pasto ma anche per accompagnare un tè nero fumante caldo e avvolgente.

Semi di papavero e glassa di limone

Una delle preparazioni più buone mai preparate. Mi è sempre piaciuto moltissimo questo accostamento, quello dei limoni con i semi di papavero. Diversi dolci pasquali polacchi e dell’Est Europa hanno proprio i semi di papavero; anche il cozonac, per esempio, ha diverse volte il ripieno di semi di papavero. Il risultato -ma con una ricetta di Ottolenghi è facile- è sorprendente. Molto profumata, leggera e gustosa.

Tiramisù fragole e basilico e un dolce speciale

Un tiramisù molto profumato e fresco. Stupisce per leggerezza e freschezza questo dolce al cucchiaio di cui tutti sono ghiotti.

Torta alle pesche al profumo di limone

È l'ultimo mese per gustare le pesche e soprattutto per farci le ultime torte, meglio se morbidissime, soffici e profumatissime come questa. È una variazione di Donna Hay e dovresti proprio prenderla in considerazione. L'ho provata anche con le ciliegie e le albicocche e devo dire che il risultato rimane sorprendentemente buono. 
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Non è certo periodo di torte questo. Non si ha voglia di accendere il forno. Non si ha voglia di apparecchiare. Non si ha voglia di tirare fuori il tagliatorte. Si ha solo voglia di uccidere il collega il lavoro. Organizzare la valigia (e infilare pezzi del suddetto collega da buttare a llargo con il pedalò affittato a dieci euro per due ore) e fare sonore pernacchie a tutti. Sono in ferie ciao.

Io, che non “merito” ferie perché alla fine non ho mai lavorato. Io, che colleghi non ne ho a parte nani da giardino e pupazzetti. Io, che almeno l’ufficio Iperuranio Maghettoso vorrei finirlo prima dell’estate (leggi: fine dell’estate)…

insomma io. Che uso puntini di sospensione nonostante li detesti più dei capelli unti.

Io non cucino, spadello e fotografo da più di un mese. Forse ormai quasi due. Va da sé che sono reperti storici bloggerecci da archivio mai pubblicati. E va detto a onor del vero. Perché la voglia attuale di confezionare una torta con crema di arance amare (che poi è tempo di arance, giusto?) è pari a quella di emigrare in Kazakistan. Nulla togliendo alla bellissima terra in questione, fosse solo per l’ennesimo trasloco, direi propriomapropriodino. Questa torta però era venuta piuttosto buona e le fonti che lo hanno confermato sono attendibilissime ergo: perché non condividerla? Tra l’altro se non si ha proprio voglia di star lì a preparare pure la crema di arance amare in formato marmellatoso ce ne sono a bizzeffe.

Anche se per me, confesso, l’unica e inimitabile rimane sempre la Rigoni di Asiago. Non ho alcun contatto. Non mi è stata inviata roba. Blablablabla. La solita pappardella maghettosa noiosa sulla mia “politica bloggereccia”. Mi piace e basta. E si evince dalle svariate preparazioni che si possono ivi trovare (avevo sempre sognato di poter usare ivi, così). Che sia una marmellata (non per forza di arance amare masonolepiùbuoneuff. non per forza Rigoni maèlapiùbuonaemenozuccheratauff), o una crema confezionata in casa, una crema al cioccolato, nutella sìpurequellasetipiace (ma allora perché non creare qualcosa con il Gianduioso di Pastiglie Leone, se proprio dobbiamo dirne una) chesiaquellochesia.

L’impasto è una base perfetta. E fette di mele fresche lasciate macerare nel limone e nella scorza potrebbero pure far nascere una Apple Pie da urlo (allo stesso modo con amarene, ciliegie e suppongo pure fragole). Zucchero a velo e via (ma anche frutta secca sopra).

Leggo sempre i commenti e tuttotuttotutto. Su tuttituttituttitutti i Social Network. Cerco di rispondere a tuttituttituttituttituttitutti e talvolta (leggi: sempre) mi rendo conto che alla fine “trascuro” moltissimo quelli sul blog. Forse (leggi: sicuro. Insomma leggi tutto il contrario di quello che scrivo) perché qui è casa. Mi sento meno sotto pressione. E’ come se sapessi che voi sapeste. Che noncirestatemale. Che non vengo giudicata. Che. E che.
Questo però non mi giustifica e spero di rimediare. Era per dire. Grazie. Perché non bastano mai. Ma soprattutto per dire che mi rendo conto dei miei sbagli. E me ne vergogno, anche. La realtà dovrebbe essere l’esatto opposto. Dedicare più tempo a chi si ama.

Solo che io, che un vero lavoro non ce l’ho e me lo sono inventato, anche qui divido “privato” e “pubblico”. Vileggosempre. Non mi sono mai (e giuro mai) persa un commento. Che non abbia potuto rispondere (soprattutto dedicando il tempo che avrei voluto) è davvero un’altra triste storia.

ORAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA, dopo le scuse e i piagnistei e le lamentele da bambinette, passerei ai fatti: picchiare lo stagnino che tarda ad arrivare. Imporre a Franco di non cantare sempre Saint Tropez e dire a tuttituttitutti di fare una bella foto di gruppo perché io voglio proprio dedicare un post apposito ai muratori-stagnini-elettricisti-collaudatori-trapanatori-addetti al montaggio-persone a caso-figuranti-comparse.

E voglio raccontarvi le loro storie.

Papà ha sempre “vissuto” nei cantieri. Per lavoro, passione e diletto. Io e mamma ci siamo sempre fortissimamente lamentate di tutti questi cantieri aperti, costruzioni e polveri. E rumori. E.

Ma negli ultimi giorni non mi sento più estranea e scostante. Non mi arrabbio più se i miei capelli freschi di phon puzzano e si impolverano dopo quindici minuti, neanche il tempo di scendere le scale. E anche loro hanno cambiato atteggiamento con me. So quanti anni hanno i figli. So dove passano l’estate. Mi raccontano la loro storia e io la mia. Sanno chi è Maghetta. Sanno del libro. Dicono che verranno alla presentazione (a cantare?). E se prima pensavo di star perdendo tempo ancora una volta ho dovuto fare non uno ma 243234234234 passi indietro.

Perché la realtà è che ho acquistato tantissimo tempo in termini di emozioni, umanità e ricordi. E nonostante mi lamenti e sia sicura matematicamente che tutto questo durerà ancora per molto, beh.

Beh vorrei che durasse il più possibile. Il sorriso di papà non è mai stato così combattivo. Le canzoni dei muratori non sono mai state così orrende ma quando assale il silenzio è peggio.

Eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee io scrivo frasi romantiche a loro. E LORO ATTACCANO IL TRAPANO.

‘spetta che mi infilo le scarpe e vado a picchiarli! (lo so. ora finisce che mangiamo granita tutti insieme e ridiamo. E’ una vita strana la mia. Sono potenzialmente Crudelia Demon e poi mi ritrovo a essere una maghettadolcesbaciucchiosa. Bleah!)

(avete visto quanto è bello il tulipano aperto?)

(dovevo dire un sacco di cose sul tulipano aperto IO!)

(e dovevo pure approfondire il discorso sui pezzi del collega gettato in mare!)

Per 10 persone circa:

Per l’impasto: 300 grammi di farina 00, 130 grammi di zucchero semolato, 150 grammi di burro morbido a pezzetti, 1 uovo, 1 bustina di lievito in polvere per dolci (16 grammi).

Per il ripieno: la buccia di due arance, 120 grammi di zucchero, 50 grammi di farina, 500 grammi di latte intero freschissimo, 2 uova, essenza di vaniglia.

Si prepara prima la pasta. Ed io l’ho fatta con il Bimby.

Nel Bimby: versa nel boccale la farina, lo zucchero, il burro, l’uovo e il lievito e impasta per 20 secondi a velocità 5. Togli e metti l’impasto in frigo per 30 minuti avvolto in pellicola.

Senza Bimby si fa come la frolla normale ovvero impastando tutti gli ingredienti pian piano avendo cura di non adoperare il burro troppo freddo ma morbido, quasi a pomata. Stessa cosa. Pellicola e frigo.

Per il ripieno.

Con il Bimby: trita la buccia di arancia per 5 secondi a velocità 8. Aggiungi farina, zucchero, latte, uova, vaniglia e cuoci a 90 gradi per sette minuti a velocità 4. Togli dal boccale e fai raffreddare.

Senza Bimby: in un pentolino metti il latte e la scorza grattugiata dell’arancia non trattata. A parte lavora uova e zucchero e aggiungi vaniglia. Metti nel latte. Aggiungi farina setacciata e gira con frusta da pasticcere a fuoco basso finché non si addensa.

Togli l’impasto dal frigo, poco importa se stai agendo con Bimby o senza Bimby adesso, e dividi l’impasto in due parti. Stendi. Imburra e infarina la teglia se non adoperi il silicone (questa è calcolata da 26 cm ma a me piace molto più stretta e alta. 20 cm direi). Versa la crema raffreddata e ricopri con altro foglio di pasta. Se ti piace aggiungi pinoli e zucchero dopo aver spennellato la superficie con latte. A 180 statico già caldo. Trenta-trentacinque minuti dovrebbero bastare.

Forse potrebbe interessarti leggere...

19 COMMENTS

  1. ohhhhhhhh che bontà!!!
    premesso che conosco la Rigoni ( come ben sai 😀 ) e confermo la sua bontà!!!! anzi proprio oggi posto ricettuzza marmellosa Rigoni 😛 ) ..ma questa crema limonosa fatta in casa mi ispira molto! la provo…è deciso!!! Tutti i tuoi puntini mi piacciono molto perchè io invece adoro usarli….si nota no? 😀 Immagino che dopo mesi e mesi di lavori in casa ti ci sei abituata..ma non immagino la faccia dei muratori quando ti leggono…perchè secondo me ti leggono!!! 😛
    E si..mi sa che vedere Turi sorridere ti fa sopportare tutto..anche i capelli impolverati 🙂
    Bello il tulipano aperto… non c’ho mai provato ad aprirlo… sei un genio 😛
    Baciuzzi infiniti… oggi te li mando ovunque!!! :-*

  2. (come si potrebbe resistere senza i commenti di Pani. punto.)

    voglio sapere di più sui muratori. a partire dalle canzoni più gettonate ché voglio una compilation. (ché magari poi si invia al Golden Palace. e tutto torna.)

  3. si da il caso che ho un barattolo di rigoni arance amare in casa. ora.
    vorrei approfondire però il discorso collega-a-pezzi-valigia perché si sa, sono un tipo amoroso patatoso io. °___°
    <3 lascia stare il signor Franco e il signor Fiore o dovrò prenderti a randellate nelle gengive. Ed è una certezza almeno quanto è certo che ti amo. (credo di non aver mai visto un tulipano aperto °__° non così per lo meno)

  4. Col bimby….senza bimby… Me sto a confonne! Io c’ho solo un Pupone, gnente bimby, conta??
    No, perchè a me le arance amare piacciono un bel po’. In pratica è la mia marmellata preferita! 😉

  5. …ecco cosa manca in valigia…mi sembrava troppo leggera…oggi recupero i pezzi di collega da sotto alla mia scrivania e quasi quasi ci butto dentro anche il vicino che nn canta ma recita il Rosario nel suo giardino davanti alla statua della Madonna (a grandezza naturale) almeno una volta ogni 15 gg, sempre dalle dieci di sera in poi e il problema più grande è che la finestra della mia camera è esattamente sopra al punto in cui li fa! Uffaaaaa!!!! Scusa lo sfogo!!
    Un post molto dolce, davvero❤

  6. ma io te ne direi più di quattro mifaimorire mifaimorire mifaimorire mifaiimpazzireeeee
    giuro leggo ogni parola perche’ riesci a tenermi alllo schermo e interrogami ? ti rispondo sa!!!!
    concordo con la rigoni e blablabla nemmeno io nessun contatto mi piace punto e basta
    bella torta con o senza il bimby

  7. Vado di fretta, ma ho letto il post e volevo assolutamente dirti che: adoro la marmellata di limone della Rigoni e potrebbe essere perfetta per questa torta, ho trovato finalmente qualcuno che apre i tulipani come me e la presentazione del tuo libro con lo stagnino alle percussioni, l’elettricista alla chitarra, l’idraulico ai fiati e i muratori alle voci sarà un successone!!!! Ti abbraccio fortissimo

  8. Che buonaaa!
    Questo é proprio il genere di torte che adoro, sí. Niente creme. Niente plumcake. Insomma. Umida. Che bontá dev’essere!
    Ti sussurro all’orecchio che batti la mamma. Sisi!
    E i punti si sospensione. Nei miei commenti non compaiono per te, perché so che li odi.
    E lo sappiamo che sei sbaciucchiosa tu! Ma lo sono pure io. Lo ammetto a pochi.
    Ti voglio bene.
    Cari i muratori 😀

  9. io al contrario di te i puntini di sospensione li uso spesso.come fosse una continuazione di quello che avrei voluto dire.ma non sono riuscita a dire.ma non ho trovato le parole per.

    torta di arance amare, di fichi o prugne no?Mmmhh vado a comprare quella di arance
    tanti baci Iaia bella

  10. Che meraviglia… Dolce squisito ma che al contempo si presenta esteticamente come elegante e semplice, un po’ radical chic… Questa sì che è classe!!

  11. Giovine donna! Tu parli di torte da infornare nel mese di luglio ma non ti preoccupare, mia madre ieri sera mi ha fatto trovare una cucina incandescente perchè aveva preparato un tegame di polpette al sugo…A LUGLIO LE POLPETTE AL SUGO…Gesù…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this