Lasagne con Ricotta fresca al sapore di Menta e Pistacchi di Bronte

Evvvabbbbbbèèèè. Sono una schifezzissima nella realizzazione dei primi ma a fare le lasagne siamo bravi tutti. E stupefacentemente (pure io non voglio dirlo) le faccio meno peggio di quel che ci si possa aspettare visti i precedenti. Quando ero piccola credevo che le lasagne, essendo per antonomasia piatto di festa e “della domenica”, fossero complicatissime. Come i cannelloni, per dire.  Nel mio immaginario era molto più semplice fare una carbonara, un primo di pesce, spaghetti aiooiopeperoncino o della pastasciutta che un bel piattone ricolmo di lasagne. Col tempo poi si viene puntualmente e sistematicamente smentiti e quello che appare semplice è totalmente diverso dall’essenza stessa e viceversa. Dovessi confrontarmi con qualsiasi primo piatto per tentare di portare a casa una semi-vittoria sceglierei sempre e solo: lasagne (o timballi, come accennavo settimana scorsa).

La lasagna come nel caso del timballo diventa un’ottima alleata in cucina. Può essere più e più e più volte riscaldata e servita (ok sto esagerando ma lasciatemi vaneggiare chefacaldoesonoesauritaeiltrapanononmidatregua. E lo so che si scrive dà. Ma propriononcelapossofare) e condita come si preferisce. Chi la tuffa in acqua bollente salata per qualche secondo prima di infornarla e chi no. Chi se la sente di farla in casa e chi no. Chi si trova meglio con quelle secche o con quelle fresche. In qualsiasi modo la lasagna va bene. E fa troppo caldo per contraddirmi e grazie al cielo per continuare (bello, d’estate scrivo di meno. Gaudio et Giubilo!).

Lavora la ricotta fresca con una bella manciata pulita di menta fresca tritata. Fallo con una forchetta. Aggiusta di sale e aggiungi poco olio extra vergine d’oliva. Volendo anche l’idea della robiola non è malvagia ma queste sono fatte con la ricotta. Trita i pistacchi di Bronte (mai salati! MAI!) e ottieni un pesto come nella classica preparazione aggiungendo olio extra vergine d’oliva (volendo pure pinoli o uvetta ma pochissima. Ammollata. In perfetto sicilian style). Se ce lo hai già pronto ancora meglio. Alterna con strati una volta di ricotta e una di pesto. Termina con spolverata di pecorino siciliano grattugiato o parmigiano fresco magari spennellando con uovo la superficie per fare la crosticina deliziosa e poi via di pistacchi nuovamente tritati sopra. Per la decorazione? Pesto e pistacchi interi ma anche piccole quenelle di ricotta non sarebbero mica male.

QUESTO POST È STATO PUBBLICATO IL: 

20 COMMENTS

    • Titti non ti offrirò a prescindere mai caffè e pasta :* <3
      ma solo insalate, granite, sorbetti e pesci-carni fatte con la frutta.
      E santo cielo agli amici la pasta e il caffè MAI !

      ( ma tu come le prepari le lasagne di solito? sono alla ricerca disperata di ricette santocielo )

      • Preparo per Pupone e Lemm quelle tradizionali, perchè ci vanno matti. Ma poi qualche volta faccio le varianti. Con i carciofi vengono buonissime. Prova! Formaggio e carciofi. Una goduria! 😉

  1. Ma sai che non i piacciono le lasagne? Odio la carne macinata .-.
    mi dà l’imrpessione che mi nasconda qualcoooooooooooooooosa

    tutto per dire che questa fa al caso miooooooooooooo

  2. Ricotta, menta, pistacchi e pecorino…insomma semplici ingredienti a cui non rinunceremmo mai..queste lasagne alternative sono una ricetta che ci prende davvero per la gola!
    baci baci

  3. Sembrano deliziose *-*
    Io le faccio sempre con i broccoli (d’inverno ovvio) o col pesto, ma ora proverò anche questa variante!
    <3

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Seguimi anche su Runlovers

Tutte le settimane mi trovi con una ricetta nuova dedicata a chi fa sport

MUST TRY