Tigelle/Crescentine – Impasto Base

Must Try

La frolla con i fiori

I fiori si possono ammirare, coltivare, regalare e mangiare. Sì, esistono dei fiori eduli perfetti per zuppe, insalate e dolci sorprendenti.

Il poolish

Il poolish, altrimenti detto biga liquida, serve per consumare pochi grammi di lievito di birra. Un altro modo per consumare meno lievito e ottenere dei...

Torta al cioccolato vegana (la più buona since 2012!)

Era il 2012 quando per la prima volta pubblicavo questa ricetta sul Blog. Ne rimane traccia però solo un vecchio post che non ricordavo....

Organizziamo i pasti per vivere sereni, felici e in salute, soprattutto

Ehhhhh. Sono tornata! E lo dico con voce da Freddy Krueger quando tutti credevano fosse finito a pezzetti nella fornace e invece. Con la...
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Per 4-6 persone:

  • 1 kg di farina di tipo 0
  • 50 grammi di strutto
  • 25 grammi di lievito di birra fresco
  • 1 cucchiaio raso di zucchero
  • 1 bicchiere di acqua
  • 1 bicchiere di latte intero
  • sale

Forma una fontana di farina e al centro versaci il latte tiepido. Sbriciola il lievito dentro il latte e poi unisci lo zucchero, lo strutto e il sale. Impasta per bene (se possiedi la planetaria lavora almeno 10 minuti mentre se fai a mano almeno 15-20 minuti). Una volta ottenuta una pasta liscia e morbida avvolgila nella pellicola trasparente e ancora una volta con un panno-canovaccio inumidito. Lascia lievitare almeno tre ore. Dividi l’impasto in 10-12 panetti cercando di arrotondarli il più possibile. Lasciali lievitare un altro quarto d’ora. Scalda una padella antiaderente e quando è rovente metti le tigelle una a una cuocendo a fuoco bassissimo per 12-15 minuti, girandole spesso in modo che la cottura sia uniforme da ambo le parti.

Le crescentine (crescentina, crescenti) sono un pane caratteristico dell’appennino modenese, conosciute anche con il nome di Tigelle. Preparate nel territorio modenese, bolognese e reggiano vengono chiamate in diversi modi a seconda della zona. E comunque dubito che adesso debba venire una sicula pazza a sproloquiare al riguardo; sono talmente straconosciute, idolatrate e amate che certamente non occorro io. Solo che non le avevo mai provate e mi ero ripromessa di farlo. Solo che ne ero sinceramente curiosa e volevo mettermi alla prova. Solo che poi dovevo fare anche una ricettina sfiziosa che vedrai su RunLovers e bon. Le ho fatte per la prima volta con la ricetta di un’amica. Il risultato è molto piaciuto e nonostante non dovessi far foto all’impasto base visto il successo le ho sottratte mentre tutti si avventavano e: Click.

Le abbinerò in maniera inconsueta (equandomaimaledettanonmettercilealghe!), soprattutto con pesce e frutta. Mamma continua a dirmi che le fragole vanno nella macedonia, con la panna e sopra le torte e non con il salmone, gli scampi e in coulisse con l’aragosta. La guardo sempre e le dico: Ma mamma è la cucina moderna!

E quando mi risponde: “E allora perché non te la mangi tu, figlia mia?” .

Mi ritrovo sempre basita e attonita (detesto darle ragione ma non diciamolo ad alta voce perché la Signora Guardo ci legge. E ride di sua figlia, chiaramente).

Forse potrebbe interessarti leggere...

17 COMMENTS

    • Sara ahahahhaha <3
      ma credo proprio di sì. Io ho provato questa ricetta ma già da Lunedì voglio provare senza (ahem io neanche le ho potute mangiare per questo *_* e giuro ti comprendo benissimo)
      Un bacio!

  1. io ti amo e amo il fatto che metti la frutta con il pesce.
    ma nelle tigelle non so se posso accettarlo.
    sarebbe una prova di amore sconfinato se riuscissi ad amarti ugualmente.
    vado a riflettere.

    • Amore procurami subito la ricetta originale o ti riporto alla casa delle farfalle.
      TOUR 54 MINUTI con 50 GRADI. Senza acqua.
      OK?

  2. Da modenese … anche se sono note anche come tigelle, la tigella è in realtà lo strumento in materiale refrattario con cui un tempo si cuocevano nel camino o nella stufa. Per il resto, direi che è un buon adattamento a un piatto che richiede l’attrezzatura consona per cuocerlo. Lasciate perdere burro, strutto e olio, sono ottime anche senza, e provate a farle con il lievi madre se volete svenire dalla bontà. Il lardo si può usare per la farcitura più tradizionale, tritato con aglio e rosmarino

    • Paola mi inchino a te e chiedo perdono.
      Ho seguito questa ricetta ma giuro MI CASCASSE UNA TIGELLA GIGANTE sulla testa che provo senza burro, strutto e olio. Grazie infinite per essere passata di qui e per avermi lasciato questo commento. Apprezzo tantissimo.
      Un bacio.

  3. Concordo con Paola, modenese come me, che ha scritto sopra.
    A casa mia si fanno con sola farina-lievito-acqua e un filo d’olio.
    Niente strutto o latte nell’impasto.
    Però, dai, dall’aspetto non sembrano venute male.

    • Claire come dicevo a Paola sono davvero alle primissime volte con le Tigelle e già da Lunedì mi fiondo alla ricerca di una ricetta senza strutto, latte e burro.
      Grazie infinite anche a te per avermi scritto perché questi commenti sono preziosissimi.
      Un bacio e spero a presto.

  4. Oddio che buoneee, con i ciccioli e il parmigiano sono buonissime!!:) comunque iaia ormai sei un’esperta, nel piacentino e nel milanese le crescentine le chiamano GNOCCO FRITTO (ma ti sembra??), stai ricevendo un’ottima educazione emiliana!anche se effettivamente la crescentina con il pesce ci ferisce nell’orgoglio 😛 (dobbiamo fare le raviole!<3 e li conosci i passatelli??dobbiamo fare anche quelli,in romagna si fanno anche col pesce 😉 )

  5. […] Delle Tigelle/Crescentine ho parlato (male) qui. Non nel senso che ho parlato male delle tigelle, sia chiaro. Ma che ne ho parlato male perché ne so davvero molto poco, ecco. Non le ho fatte tutte queste volte, insomma. Sono così adorabili che non è stato difficile innamorarsene e parlo da un puro e mero punto di vista estetico. Nella versione mignon diventano ottime basi per deliziosi finger food che non passano inosservati. Così quando ne è capitata l’occasione non me la sono fatta sfuggire e tra fantasie di pesce, carne e verdura ne ho confezionata qualcuna mischiando anche frutta, salsette, verdure e semini. Il risultato? Sorprendente. Sono piaciute tantissimo, lato presentazione e gusto. Nonostante il pochissimo tempo a disposizione la fortuna mi ha assistito e qualche scatto sono riuscita a farlo. Il nuovo template mi piace moltissimo perché posso uplodare foto un bel po’ più grandette (tu che ne dici? Ti piace più così o sono eccessivamente grandi? Ti va di dirmi la tua che è fondamentale? Grazie). […]

Rispondi a Iaia Cancel reply

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this