Il pancarrè fatto in casa

Il panettiere di Ramsay ci ha svelato la ricetta del pancarrè perfetto

Must Try

I paninetti alla zucca profumati d’arancia

Perfetti da mangiare semplicemente così senza nulla ma anche per accompagnare il salato e soprattutto i formaggi. Provali con lo stilton, il gorgonzola dolce e morbido ma anche formaggi stagionati particolari. Un bel tagliere di formaggi morbidi e stagionati con questi panini e hai preparato una cena indimenticabile, sai? Poi la forma la decidi tu. Se vuoi fare la treccia te ne vengon fuori due belle grandi. Nel caso dei panini ne vengon fuori sei ma davvero molto grandi; questo per essere credibili come zucchette. Se fai dei panini classici te ne vengon fuori dodici circa ma anche qualcosina in più.

Pane Multicereali con farina di segale e semi di girasole

Come ogni Giovedì è uscito il mio nuovo articolo su RunLovers. Oggi il Pane Multicereali con i semi di girasole che puoi trovare cliccando...

Il Pane con le olive nere e le erbe di Provenza

Una Ricetta facilissima e veloce per ottenere un Pane strepitoso che stupirà. Eccome se stupirà (esistono persone a cui non piace il pane con...

Hamburger di Fagioli Rossi, Barbabietola e semi di Girasole

Hamburger tratti dal libro Veggie Burger, di cui ho parlato qui. Per sei Hamburger circa 240 grammi di barbietola già cotta 240 grammi di fagioli rossi cotti...
Iaia
Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

La Ricetta

Ingredienti:
450 grammi di farina 0
50 grammi di farina 00 (oppure 500 grammi di farina 0 va bene uguale)
200 grammi di acqua
50 grammi di latte (va bene anche il parzialmente scremato)
45 grammi di olio di girasole
un cucchiaio di miele
10 grammi di lievito di birra
un cucchiaino di zucchero
un cucchiaino di sale

Metti in una ciotola il latte, l’acqua, il miele, lo zucchero e il lievito di birra sbriciolato. Fai sciogliere il tutto per bene girando con una spatolina. Versa il liquido ottenuto nella planetaria oppure fai una montagna di farina.
Nell’impastatrice comincia a lavorare aggiungendo pian piano la farina. Fai questo procedimento molto lentamente e aggiungi nel frattempo sia l’olio che il sale. Impasta per bene a velocità media e non troppo alta (e neanche troppo bassa) per almeno 12-14 minuti. Una volta ottenuta un bell’impasto omogeneo (anche un po’ morbido, se vogliamo) lascia lievitare almeno 3 ore sotto un canovaccio.
Trascorso il tempo stendi l’impasto con le mani cercando di dare una forma rettangolare lunga. Non deve essere perfetta e se vuoi aiutarti con il matterello fai pure. Una volta formato un rettangolo piuttosto lungo e stretto annoda su se stesso fio a formare una sorta di corda. Ottenuta la corda, intreccia su se stessa e lascia lievitare ancora un’altra ora.
Trascorsa l’ora riprendi l’impasto e mettilo per bene dentro una forma da plumcake capace di contenerla.
Lascia lievitare altri 20-30 minuti e inforna a 175 per 40-45 minuti finché dorato.
Lascia raffreddare e hai il tuo pancarrè gustoso, morbido e incredibilmente somigliante a quello che acquisti in genere. Solo che più buono.

Il panettiere di Ramsay, docet

Ho trovato la ricetta per un pancarrè perfetto ed è quello di Immanuel, il panettiere di Ramsay che adoro (tranne quando parla di lieviti ma questa è un’altra storia che presto ti racconterò). Usa il lievito madre ma io e te lo facciamo con quello di birra, che ne dici? In pochissimo tempo ottieni un pancarrè strepitoso. Ne ho provati diversi ma nessuno mi aveva davvero convinto. Conservato in un luogo fresco e asciutto, o conservato semplicemente nella carta da pane dura tantissimo. È meglio tagliarlo sul momento perché fare le fette lo renderebbe secco. Non è perfetto soltanto per colazione e merenda ma anche per i pasti; accompagna perfettamente formaggi, chutney e moltissime pietanze salate. Per non parlare della croque monsieur o croque madame (pure le lasagne di pane, come dimenticarle?!)

Forse potrebbe interessarti leggere...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

La frolla con i fiori

I fiori si possono ammirare, coltivare, regalare e mangiare. Sì, esistono dei fiori eduli perfetti per zuppe, insalate e dolci sorprendenti.

Il poolish

Il poolish, altrimenti detto biga liquida, serve per consumare pochi grammi di lievito di birra. Un altro modo per consumare meno lievito e ottenere dei...

(Japanese) Tulip Sandwich

Di rara bellezza spicca il Tulip Sandwich, che regala uno splendido tulipano all'apertura. Questo modo tagliare il sandwich è tipico giapponese anche nella versione salata.

Il Latte di mandorla Siciliano

Per noi siciliani è sempre stata la bevanda estiva. Quella che bevi ghiacciata sotto il patio nella bottiglia di vetro. Uno scrigno di ricordi e bontà.

Torta al cioccolato vegana (la più buona since 2012!)

Era il 2012 quando per la prima volta pubblicavo questa ricetta sul Blog. Ne rimane traccia però solo un vecchio post che non ricordavo....

More recipes like this