Acquistare la gelatiera è una scelta sciocca?

Adesso devo capire quante tonnellate di gelato devo recuperare per questi anni perduti senza di lei.

Must Try

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

La granita siciliana

La granita siciliana è un'istituzione. Acqua, frutta, zucchero. Deriva dalla neve e dai ricordi. Per sopravvivere all'afa c'è solo questo rimedio. E poi, ne racconta la magia dell'isola.

La granita al Limone

La granita al limone racchiude tutta la mia infanzia, l'amore per nonna e i giorni felici. Farla in casa si può e sarà sempre un atto amore.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Quesiti di un certo livello in quest’afoso inizio Estate: acquistare la gelatiera è una scelta sciocca? Ho sempre creduto di sì. Adesso potrei quasi convincerti che fosse per lo spazio o perché credevo fosse un elettrodomestico in più, ma una come me che ha tre crockpot, il mulino, la centrifuga, l’estrattore, la macchina per la pasta, due bimby, due kitchen aid, la friggitrice ad aria, la macchina per fare i waffle, bollitori in ogni dove e macchine da caffè da tè e solo il cielo sa cosa (non voglio trascriverli mai più perché ho avuto paura a farlo. Sono pazza* in sottofondo “ohhhhhh! finalmente l’ha capito!”). Insomma una come me che ha fatto dell’anti-minimalismo una religione non potrebbe asserirlo. No. Non è una questione di spazio e neanche di “elettrodomestico in più”, per quanto mi riguarda. La cucina, subito dopo il disegno e la scrittura, è la mia passione più grande e non credo sia più un segreto. Questi strumenti mi divertono moltissimo, in realtà ed è per questo che cedo ogni santa volta. Incredibile come la gelatiera, nonostante il gelato per me sia da sempre un’ossessione, ogni volta non mi convincesse del tutto. Diffidente a dir poco, l’ho sempre guardata e snobbata. Mi sono ritrovata più volte a leggere recensioni, guardare video e sentire opinioni tra amici ma l’antipatia non si placava.  Aumentava in maniera inspiegabile e immotivata. Poi l’anno scorso mi sono detta “uhm. prenderò l’accessorio del kitchen aid” ma anche lì non è che fossi molto convinta. Il fatto di dover mettere il cestello nel freezer, quando d’Estate, neanche un refrigeratore a sei ante basta per quello che tengo, mi sembrava irrealizzabile. Poi l’incredibile destino arriva inesorabile.

Il signor amazon me la suggerisce. Si chiama Elisa, è della Springlane e tutti le recensioni sono positive. E chi sono io per rifiutare un consiglio del signor Amazon?

Su Youtube trovo la recensione anche di Claudia, una ragazza che stimo, de Le Ricette dell’Amore vero e faccio semplicemente: click. Aggiungi a carrello ancora incredula di averlo fatto. Insomma ho comprato la gelatiera in stato catatonico a 40 gradi senza la capacità di intendere totalmente. Affidando tutto alla fiducia nei confronti del Signor Amazon e di Claudia.

E poi arriva la gelatiera

Arriva e ci sfidiamo guardandoci. Comincio a delirare.

È troppo grande. È troppo pesante. “Sì però pensavo fosse più piccolina”. “Uhm, credevo facesse più rumore ma vediamo un po'”. E poi provo a fare il primo gelato: frozen yogurt. Solo yogurt e zucchero. Pare che bastino 45 minuti ma non ci credo ( ma dai!). Imposto un’ora, perché anche il tempo mi sembrava una fregatura. Non voglio mostrarmi con lei accondiscendente. Deve capire subito che comando io, insomma. Non fa una piega il ragionamento, no?

Passano 45 minuti. Fermo la macchina per l’assaggio convinta che avrei vinto. Ero già pronta a urlare “uno a zero per iaia gne gne gne gne”.

Sarebbe stato un gelato mediocre, me lo sentivo. Sarebbe stato molle. Sarebbe stato.

ERA BUONISSIMO.

Era così buono da lasciarmi senza parole. Iaia Vs Elisa: 0 a 1. Felice di perdere, però. Occorrevano effettivamente 45 minuti. Non faceva quel frastuono che immaginavo e, a dirla tutta, non era poi così tanto ingombrante. Di certo poi la si mette in cantina o nello sgabuzzino d’Inverno quando non la si userà quotidianamente o quasi come in questo periodo (oppure sotto al letto, oh! A mali estremi!)

Da quel momento non mi sono fermata e dopo la crock pot è in assoluto l’elettrodomestico che mi ha convinto e soddisfatto di più negli ultimi anni. Questo modello fa anche gli yogurt in 8 ore ( e in 14 ore quelli vegan a base vegetale) perché svolge proprio due funzioni distinte e separate; ma di questo te ne parlerò in seguito con un aggiornamento magari a questo articolo stesso. Per quanto riguarda la funzione gelatiera: promossa. Promossa con lode, bacio accademico e pure un balletto e un batti cinque.

Si pulisce facilmente. Ha il cestello estraibile e la possibilità di comprarne uno aggiuntivo. La pala che gira nel cestello per rendere cremosissimo il gelato -rompendo continuamente i cristalli di ghiaccio- è di plastica e facilmente lavabile. Odio il bimby perché quando lo lavi devi sempre prestare benissimo attenzione. Tra le lame, giusto per farti un esempio, possono restare “angoli bui” dove accedere è difficile e dove lo sporco si può insinuare se non si sta ben attenti. Qui è tutto molto facile, veloce e zero “angoli bui”. Tutto molto accessibile, facile e veloce (voglio ripeterlo altre cento volte e poi basta). Sono entusiasta ma credo si sia capito visto che da una settimana non faccio che parlarne. Ripeto, per la preparazione dello yogurt ti saprò dire – come farò con il tempo per quanto concerne tutto il funzionamento della macchina- ma allo stato attuale delle cose il prezzo non è esagerato, il rumore non è fastidioso e il gelato -cosa più importante- è di un buono incredibile. Ho fatto granite, sorbetti e gelati (presto ne vedrai tantissimi sia sul blog che su instagram). In quarantacinque minuti massimo sessanta (più per le granite e composti meno consistenti a base di acqua) si ottiene non qualcosa che si avvicina al gelato artigianale ma: il gelato artigianale, e basta.

Prepari tutto il composto prima e poi lo metti nel cestello. Se vuoi aggiungere della frutta fresca puoi attraverso lo sportellino del coperchio ma in linea generale è meglio non appesantire troppo la macchina e fare lavorare la base tranquillamente. Poi arricchirla eventualmente, dopo.

Su amazon ci sono anche i barattoli con coperchio perfetti per conservare il gelato che rimane. Questo cestello ha la capacità di due litri (anche se va riempito sempre e solo di 2/3 perché il gelato “cresce”) e fa più di un chilo di gelato ma se, chiaramente, non vuoi consumarlo subito hai la possibilità di congelare. E ti assicuro che anche lì: rimane buonissimo. Certo è che non avendo conservanti ed essendo un prodotto casalingo non potrai conservarlo per chissà quanto. Ne perderebbe il sapore, la consistenza e l’essenza stessa.

Le istruzioni sono facilissime, intuitive e sintetiche. Insomma sono istruzioni tedesche e io amo la sinteticità tedesca, si sa. Sono le uniche istruzioni che leggo, inciso, perché chiare e brevi. Ci hai mai fatto caso? Sono seria. Non leggo istruzioni che non siano tedesche. Ogni tedesco dovrebbe insegnare al resto del mondo come scrivere libretti perché imbattibili. In allegato, cosa non poco importante, ti danno un librettino adorabile (tedesco e inglese, no italiano) con diverse preparazioni base che vanno dal gelato complesso con panna e uova (che non farò mai, diciamolo, se non giusto per provare o per ospiti) al sorbetto basic con acqua, zucchero e frutta (che, inciso, viene buonissimo!).

Elisa, ti voglio bene insomma. Sei diventata un’amica fidata nonché elettrodomestico dell’anno. Tutti gli altri elettrodomestici, soprattutto Alfred e George (i bimby), sono logori e invidiosi marci perché sei ormai la regina indiscussa della cucina. E io tua fedele adepta. O mia condottiera! (qualcuno deve calmarmi perché noto che la situazione peggiora di ora in ora).

Devo scrivere se te la consiglio? Mi sa di no. E, se passi qui per caso e non mi conosci, no. Nessuno mi ha pagato per dirlo. Non consiglio alle amiche, sotto pagamento.

 

 

Il Video

View this post on Instagram

Prime considerazioni sulla gelatiera acquistata, che ho cominciato a usare ieri. Faccio questo video veloce giusto per chiacchierare un po’, vista la tantissima curiosità. Per qualsiasi cosa scrivimi nei commenti. Se sono in grado sarà un piacere risponderti.⁣ Alloooooorraa! Io e Elisa, siamo diventate migliori amiche e credo proprio che passerò l’Estate abbracciata a lei. Mi ha stupito a dir poco. Il frozen yogurt è buonissimo! Adesso devo trovare un’alternativa total veg, magari a base di cocco o mandorle, perché come sai non reggo assolutamente il lattosio. Sono stata male sì, ma la felicità ha superato tutto (cosa può fare un gelato!). Oggi stesso preparerò dei sorbetti e un gelato con il burro d’arachidi. Insomma, un’ondata di gelato sta per abbattersi su questi schermi. Molto meno rumorosa, la gelatiera, rispetto a quanto pensassi. Pesante, sì e ingombrante pure ma onestamente per ottenere un gelato così, ne vale la pena trovare uno spazietto (fosse pure sotto il letto!). Il prezzo non è esagerato, rispetto a tante altre macchine semi professionali e la capacità del cestello più che sufficiente a soddisfare 4-6 persone. Certo è che se bisogna soddisfare una come me il parametro diminuisce e ci aggiriamo intorno a 1-2 persone (ma pure solo una persona- E nell’icona disegnato il mio volto).⁣ Insomma comincia questa nuova avventura con Elisa, ma non smetterò come ogni anno di preparare il gelato e i ghiaccioli senza l’aiuto di una macchina. Ah. Il sogno perverso? Fare il gelato con i gusti di verdura. Sopratutto il pomodoro che ho amato a Torino e a Noto, da Caffè Sicilia. Non ci riuscirò mai a fare quelle magie ma magari riuscirò ad avvicinarmi un pochino pochino. Sognare, del resto, si può.⁣ ⁣ ⁣ ⁣ Per il frozen yogurt: 750 grammi di yogurt naturale bianco senza zucchero, 150 grammi di zucchero.⁣ Per il frozen yogurt con lamponi, vaniglia e miele: 750 grammi di yogurt naturale bianco senza zucchero, una vaschetta di lampone e mezzo cucchiaino di vaniglia in polvere ⁣ Per entrambi 45 minuti sono stati sufficienti. ⁣ ⁣ ⁣ #food #food #ricette #gelato #icecream #gelatiera #review #frozenyogurt

A post shared by 𝗚𝗥𝗔𝗭𝗜𝗔 𝗚𝗜𝗨𝗟𝗜𝗔 𝗚𝗨𝗔𝗥𝗗𝗢 (@iaiaguardo) on

Forse potrebbe interessarti leggere...

1 COMMENT

  1. Oggi è arrivata anche qui… la sua sorellina minore, con un cestello un pochino più piccolo… era da un po’ che volevamo acquistare una gelatiera e il tuo entusiasmo mi ha convinta definitivamente ^_^

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Le polpette di melanzane di mamma

La mamma ha sempre ragione anche quando non ce l'ha. In cucina poi non ne parliamo. Se la mamma dice "a occhio" allora tu devi fare "a occhio", fine del discorso.

Il Cantalupo con la feta

Un piatto facile, veloce e strepitoso. La feta con l'anguria, da anni, è una certezza ma con il cantalupo hai mai provato?

Le Ricette di Mamma – Siciliane a base di pesce

Ti racconto alcune delle ricette siciliane che mia mamma prepara da sempre. Delle preparazioni che non sono solo piatti ma scrigni di ricordi, giorni e vita. Un tour tra cuore e tavola.

Le melanzane più buone! Come le fa mamma

Una delle ricette che amo di più e che mangio sin da piccola. Che sa di tradizione, amore e casa.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

More recipes like this