Tasty, il libro

Tasty 20 milioni su YouTube, quasi 100 milioni su Facebook e un numero illimitato di Tasty, seguito da nome della nazione su Instagram con milioni di utenti pronti al like e alla ricondivisione. Con musiche azzeccate e colori sfavillanti. Un progetto che ha puntato alle regole base per i contenuti perfetti. Una ricetta incredibilmente facile, bella e saporita -a volte esagerata- eseguita senza tante spiegazioni che ti fa venir voglia di correre ai fornelli. Tasty è geniale ed è una grandissima realtà. Poteva mancare il libro? Certo che no. L’ho acquistato a occhi chiusi? Certo che sì. Hanno inventato e rivoluzionato il concetto di videoricetta. Hanno insegnato a noi tutti il modo giusto, per farla breve.

Il libro edito dall’Ippocampo conta 195 pagine con foto in perfetto stile Tasty, colorate e accattivanti. Introduzione, festa tra amici, piatti rustici, dolci, classici, vegetariani, i migliori di sempre, giro del mondo, nuove tendenze, bombe e anelli, ringraziamenti e indice: questi i capitoli. Comincia con il dirci subito che c’è l’app Tasty da scaricare se si ha voglia di altre ricette. Promette il volume, con una brevissima introduzione, delle ricette fattibili e irresistibili create per rallegrare la vita quotidiana di noi tutti. Perché stare in cucina deve essere un piacere tanto quanto mangiare: filosofia perfetto per il buon cibo e tanto divertimento.

Si comincia con le uova: classiche, al guaiamole, ricche, cjun e le famosissime Buffalo con pollo e mozzarella. Certo se stai cercando un libro di ricette sane sei nel posto sbagliato. Tasty è divertente e propone cibo sicuramente “da festa” ” da occasione”, non di certo cibo giornaliero (perlomeno per come intendo la dieta alimentare giornaliera, io). Ci sono però anche le Chips di cavolo riccio, di mela di zucchine e di patata dolce, a onor del vero e anche piatti molto healthy ma la stragrande maggioranza appartiene al genere appetitoso/tasty/godurioso.

C’è un po’ di tutto in questo volume. Dal gelato al cioccolato alla pizza. Dal pollo al miele al tikka masala. Un giro intorno al mondo con tantissime ricette variegate, declinate e tradizionali. Mi è piaciuto moltissimo (anche i macaron di cheesecake alle fragole mi sono piaciute, eccome) e le ricette che ho provato sono assolutamente perfette. Ha superato le mie aspettative onestamente e lo ricomprerei senza pensarci. Rimane un libro da possedere in cucina per le più disparate occasioni certi però che se dovesse presentarsi una serata tra amici con la voglia di stupire diventerebbe un fido alleato.

Assolutamente promosso e imperdibile.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

ARTICOLI RECENTI

MUST TRY