Latte di pistacchio

un'ottima base anche per la granita

Must Try

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Ho provato a farlo con la milk maker ed è venuto strepitosamente buono; perfetto anche come base per una granita cremosa e golosa. Ho usato dei pistacchi di Bronte, non salati, che sono in assoluto i miei preferiti. Macchina per preparare il latte vegetale a parte, puoi farlo in casa senza problemi (anche la granita, certo!). Cosa ti occorre? Solo acqua e pistacchi. Decidi tu come dolcificarlo. Se non vuoi farlo durante la preparazione puoi anche conservare in frigo e dolcificare quando servi. Ti confesso che Sto provando a dolcificare in tutti i modi: con lo zucchero si perde il sapore ed è un argomento che non mi interessa lo zucchero bianco, il miele lo sovrasta, lo sciroppo di dattero dà carattere ma potrebbe non piacerti il sapore, lo sciroppo d’agave eccezionale ma d’acero fortino, forse lo sciroppo di riso è tra i più neutri, altrimenti quei dolcificanti liquidi in commercio (ce ne sono dozzine e insapori. A me la stevia non piace perché il retrogusto, per il mio palato, sa eccessivamente “di liquirizia”). Questa settimana la mia cucina si è trasformata in un caseificio vegetale, complice anche l’acquisto della Cheese maker perché mi sono messa in testa di cominciare seriamente. Qualche settimana fa ho visto un formaggio delizioso di anacardi fatto dalla meravigliosa @toccodizenzero e mi sono incuriosita a tal punto da documentarmi seriamente. Lo faccio da anni ma non ho mai voluto cimentarmi. Possiedo tra l’altro molti libri sui “formaggi” vegan e con @ombretta.blasucci da anni ripetiamo di volere organizzare una vera produzione: mai più rimandare. Prevedo “formaggi” di mandorla e stagionati di anacardi (Il Nippotorinese, appassionato di formaggi, alla notizia mi ha minacciato “guarda che me ne torno a Torino stavolta eh!”. “Sorry bellezza, non puoi spostarti”, è stata la mia truce e crudele risposta).

Preparati al peggio perché ne vedremo delle belle. Ti trascinerò in cucina con me tra i vari esperimenti.

LATTE DI PISTACCHI

130 grammi di pistacchi
1 litro di acqua 60-70 gradi
Dolcificante che preferisci, se lo desideri. 2-4 Datteri a seconda del grado di dolcezza che vuoi ottenere

Puoi aromatizzare con vaniglia, cannella o quello che preferisci
Metti in ammollo i pistacchi per 24 ore in un recipiente coperto da pellicola e lascia in un luogo fresco e asciutto. Non devi cambiare l’acqua. Non devi girare.
Trascorso il tempo gira le mandorle. Frulla tutto. Filtra con un colino o con una garza ottenendo così il latte. Se vuoi usare essenze o spezie -come vaniglia o cannella- aggiungi insieme a tutti gli altri ingredienti.
Agita sempre la bevanda prima di consumarla.

Per la granita con 200 grammi è ancora meglio.

Forse potrebbe interessarti leggere...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli recenti

More recipes like this

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: