Home / Pappamondo  / L’Europa in tavola

L’Europa in tavola

Il 9 maggio 1950 Robert Schuman presentava la proposta di creare un’Europa organizzata, indispensabile al mantenimento di relazioni pacifiche fra gli Stati che la componevano. La proposta, nota come “dichiarazione Schuman”, è considerata l’atto di nascita dell’Unione Europea.

E’ o non è meraviglioso tutto questo?! Eh? E’ o non è talmente bello che ti vien voglia di pulire otto chili di fagiolini e pelare allegramente centoventotto chili di patate?! Non è talmente entusiasmante che vorresti pulire in ginocchio tutti gli interstizi delle piastrelle della cucina e lucidare con la carta da giornale tutti e dico tutti i vetri di casa? No dico è la festa dell’Europaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!!!!

Bene. Questo potrebbe lasciar intendere che io sia particolarmente patrieuroptica. Patriottica-europea si conia in patrieuroptica, sì. Il ragionamento non fa una grinza e la grinza evoca anche un po’ quelle epidermiche dei dinosauri; perchè c’è qualcosa di dinosauresco in patrierupotica o sbaglio?! (basta dirmi di sì e la smetto).

Non è questo il punto nonostante mi chieda perchè  continuamente debba blaterare sempre su assurdità per poi proferire che no. Non è questo il punto. Continuo impavida senza preoccuparmi.

Essendo la festa dell’Europa che diciamocelo importa praticamente a nessuno, considerato che ci detestiamo allegramente un po’ tutti, io guardo al mio mero interesse. Che sta per:  posso sbolognare una serie di ricette accumulate fingendo che le abbia preparate per l’occasione. No no no. Potrei addirittura dire che ho trascorso notti insonni per organizzare questo fantomatico *tadan/tuppete* Menù europeo ! 

Insomma il mio hardisk si sta liberando di  tetragigamegaplurimiliardigigabyte grazie a questa formula Menù che tedierà l’universo conosciuto ( e non) per settimane. settimane. e settimane. e non è vero. Calma.

Essendo io un personaggio sinistro, subdolo ed egoista, a me importa di far fuori sette ricette che ho in archivio da tempo immemorabile; alcune delle quali provate per il mio progettino libroso. Guarda caso scartabellando allegramente mi sono ritrovata in un sol colpo: Grecia, Spagna, Francia, Belgio, Inghilterra, Germania e vabbè manco a dirlo Italia. Volevo infilar dentro anche il Giappone e Malesia, avendone una quantità vergognosa, ma sarebbe stato un gioco troppo subdolo anche per me (mi piace usare subdolo. E’ un sub di nome Dolo che ha paura di indossare le pinne e la muta*segna sul taccuino).

Le mie proposte per il menù europeo sono semplici e veloci ma soprattutto di facile realizzazione con ingredienti che si reperiscono senza alcuna difficoltà. La comunione di sapori europei, seppur differenti, trova comunque manco a dirlo denominatori comuni. Si parla di differenze geografiche irrisorie se paragonate al fusion estremo con il medioriente e l’oriente stesso, ma non facendo parte della nostra tradizione rimangono comunque da provare. Ultimamente, oltre al classico orientale, qui in casa c’è una perversione per le tapas. Jamie Oliver con il suo libro mi ha definitivamente conquistato. Mi pento e mi dolgo di non avergli dato retta prima. Certo non possiede lo charme e l’attrattiva che ha Ducasse su di me, ma santapizzetta gli ho perdonato pure la camicia a scacchi azzurrina e verde quindi è amore eterno. Ho difficolta a perdonargli di lavarsi le mani nell’insalata con olio e aceto ma con la maturità dovrei essere più tollerante (risate registrate).

Per rappresentare la Grecia non potevo non proporre la Moussaka (a me ricorda anche moltissimo un film stupidissimo ma carino da impazzire: Il mio grasso grosso matrimonio greco. Quando ancora ero una persona felice e non fidanzata e un film “normale” mi era concesso, insomma). La moussaka l’ho vista per la prima volta nel quartiere latino di Parigi. Avevo dieci anni circa e papà dopo aver fatto fuori un kebab all’epoca pressochè sconosciuto ha esordito con “ho ancora fame”. Ci siamo così fermati in un ristorantino greco; passando davanti abbiamo visto che dei clienti, all’uscita dopo aver consumato, lanciavano festanti piatti per terra. Tradizione vuole infatti che all’uscita del ristorante si lanci un piatto, ci informano. Se non si rompe porta anche un tantinello sfortuna. E’ stato per questo suppongo che mamma poi, ha applicato una forza talmente enorme da spaccare tre mattonelle. No. Forse quattro. Sta di fatto che dopo il kebab papà e mamma hanno spazzolato qualcosa come tre pezzi di moussaka alta quanto la Torre Eiffel ed io sono rimasta inebetita a dire “manco morta”.

Alla parola agnello ero già passata alla voce “dolci”. Mi sono imbottita di un (leggi : un chilo) biscotto che ancora annovero tra le cose più buone mai mangiate e ho atteso che arrivasse il mio turno: rompere il piatto per terra. Chiaramente mamma ha dovuto illustrarmi durante la cena i pericoli che “un piatto spaccato per terra”  potesse procurare. Tipo fuoriuscita della pupilla dal cavo oculare o che ne so faccia sfregiata a vita, sangue che scorre lungo la Senna e altre cose leggerine così. In realtà poi: Nessun ferito e via. La Moussaka a me ricorda questo. Quando l’ho proposta diverso tempo fa ai due matti..ahem ..a Mamma e Papà, è stato carino sentirsi dire “oh! ma dobbiamo spaccare un piatto però!” . E così è stato. Il fatto che io abbia fatto tirare un piatto di plastica sul terrazzo la dice lunga. Ma sono sicura che valga lo stesso. Fosse solo perchè ho ritagliato a pezzettini minuscoli la plastica non appena ha toccato il suolo (sono un tipo organizzato. Non si sostenga mai il contrario).

L’ho fatto veramente. E’ bizzarro sentirsi dire ” ma quante te ne inventi?!” . E chi se le inventa, santamoussaka!?

 

Per rappresentare la Spagna ho scelto un Gazpacho velocissimo e Fresco (jamie Oliver version manco a dirlo) . A me il Gazpacho ricorda Barcellona. Un ristorantino dove si bevevano questi bicchierini carinissimi insieme alle tapas. Assaggini di ogni genere, patatine al profumo di aceto e roba talmente buona che se ci penso vorrei tirare craniate sui muri. Il Gazpacho è leggermente pesantuccio per me, ahimè, nonostante lo ami profondamente (a quanto pare anche questo mi accomuna con Cri). La roba cucurbitaciosa (?) ha su di me un effetto devastante. Dolori addominali e crampi che ti fan venir voglia di avere che ne so una sciatolombalgiacolpodellamagastrega per alleviare un po’ il tutto. Sta di fatto che il Gazpacho rimane un’idea veloce, light e fresca e di facile realizzazione. Come sta di fatto che nonostante anche il pomodoro mi dia dei problemi, a volte mi dico “al diavolo!” e sgargarozzo di brutto. Collasso felice e chi si è visto si è visto.

Per la Francia ho scelto un piatto preparato ormai qualche settimana fa. Capesante su un letto vellutato di asparagi. I miei genitori non le amano particolarmente se non grigliate e il Nippotorinese con i molluschi e i frutti di mare ha delle difficoltà evidenti (si è capito che sono tre povere vittime per caso?). E’ chiaro però che se a me piace fotografare le Capesante e raccogliere le conchigliette, loro sono costretti a mangiare capesante. Comando io; del resto bisogna sottostare alle mie rigide regole come è giusto che sia (cade proprio a fagiolo quest’esternazione di democrazia a rappresentazione dell’Italia nel contesto europeo o sbaglio?). Comprare poi i libri di Ducasse e venerarli nel silenzio delle notti primaverili ha fatto il resto. Perchè se c’è una cosa che mi fa oggettivamente male è leggere Ducasse. Me ne sono resa conto in un’improvvisa perdita di senno (ancor più del solito intendo) quando ho detto serafica ” forse semmai dovessi cucinare il coniglio (GIAMMAI) sceglierò quello con le ciliegie di Ducasse”.

Per il Belgio ho scelto (diciamolo. avevo questa insalata e non sapevo dove piazzarla) una semplicissima insalatina. L’idea è di Jamie Oliver (ma vvva!?) ed io l’ho rielaborata un pochetto. Non ho nessun ricordo legato al Belgio se non che piuttosto che mangiare l’indivia mi prendo a ceffoni fino a Natale 2098. Amo i cavoletti di Bruxelles però. Li amo così profondamente che riesco a sopportarne il cattivo odore. Mi ci tufferei dentro l’eau de parfum de cavoulett de bruxelles scottat con sal gross. Dovrei scegliere però un nome leggermente più incisivo.

Per L’inghilterra potevo forse non rifilarvi..ahem….pensare ad un curd? Un curd alla banana servito dentro un cestino di sfoglia. Ora io non so a che punto state voi con i curd ma qui vanno via che sono una meraviglia. Sono diventati dei veri e propri must e quando una mia conoscenza mi ha chiesto “mi fai un curd per il mio compleanno?” ho capito due cose fondamentali: 1 ) con questa storia dei regalini golosi non dovrò più scervellarmi per fare dei pensierini 2) con questa storia dei regalini golosi non dovrò più scervellarmi per fare dei pensierini. Sembrano le stesse e difatti lo sono. Il Curd alla banana poi, sul cornetto appena sfornato e caldo al mattino insieme ad uno smoothie leggero o un bicchierino di latte di soia è un’idea niente male. Per una colazione veloce ed energetica è in pole position.

Per la Germania ho scelto un semplicissimo Roastbeef che risiede in archivio da qualcosa come due lustri, accompagnato però da un chutney. Un chutney semplicissimo con mirtilli neri. Adoro le ricette tedesche. Avendo ben due zie tedesche più volte mi sono cimentata in realizzazioni teteschen. Patate e cavolo, in primis, come non ci fosse un domani ovunque. Checchesenedica la tradizione culinaria tedesca sarà a tratti bizzarra e pesante ma nasconde nei piatti chiave qualcosa che a me piace. E tanto. Sarà che sono una fan sfegatata dei crauti?

Per L’Italia ho scelto una semplicissima Polenta al Tartufo Bianco di Alba. Questo preziosissimo vasetto, dono del mio papetto per quel tizio calvo nippotorinese, risiede nella dispensa e viene venerato dall’intellettuale di casa (ahem non io eh. Lui. Ok ci ho provato, uff) che si è premurato di costruire altarino con luci e due momenti di preghiera ben distinti nell’arco della giornata. Per quanto mi riguarda dico solo che: fa una puzza che metà basta. Mi inimicherò i puristi del tartufo e i matti..ahem e gli intellettuali che lo venerano e pagano cifre vergognose.

Io ho solo una certezza: meglio una borsa e attendo conferma dalla mia amata Francy. E con questa perla di saggezza credo proprio di aver apportato il mio contributo di idiozia alla Comunità Europea. L’Italia del resto, essendo ben rappresentata, apporta questo contributo costantemente. Seguo insomma la nostra sorprendente linea politica.

E buona festa dell’Europa a tutti! (da quando svolgo questa indagine sulle feste nazionali e internazionali mi sono resa conto di una cosa: non esiste un giorno senza alcuna cacchio di ricorrenza. Abbiamo saltato la giornata della danza ad esempio. Manoncelapossofarenoncelapossofare. Devo trovare il giorno senza ricorrenza, festa e giornata. E quando la troverò : la festeggerò degnamente oziando come un bradipo in tangenziale sulla corsia di emergenza)

 

Grecia: La Ricetta della Moussaka la trovi cliccando qui>>>

Spagna: La Ricetta del Gazpacho semplicissimo la trovi cliccando qui>>>

Inghilterra: La Ricetta del Curd alla Banana la trovi cliccando qui>>>

Francia: La Ricetta delle Capesante scottate su Vellutata di Asparagi la trovi cliccando qui>>

Gerrania: La Ricetta del Roastbeef servito con un Chutney alla frutta la trovi cliccando qui>>

Italia: La Ricetta della Polenta con Tartufo bianco di Asti la trovi cliccando qui>>

Belgio: Insalata Indivia, Mela e Pera con crema di formaggio la trovi cliccando qui >>

Santo cielo. L’immagine del bradipo in tangenziale sulla corsia d’emergenza turberà le mie notti.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
25 COMMENTS
  • Wish aka Max 09/05/2011

    Prrrrrrrrrrrrrrrrrimooooooooooooooooooooooo

    • maghettastreghetta 09/05/2011

      :-)))))

      sei ancora alla posta Maxettinomio?
      Io ho comprato ottochilidipistacchiodibronte.
      e devo scriverti santocielo.
      ma con questi menù sto impazzendo!
      Ti piace l’idea , a proposito? chequiuffa.seituilmioconsigliereufficiale santapolpettagalbanonosa!
      (andiamo da Ale ti prego)

      • Wish aka Max 09/05/2011

        No no, alla fine me la sono cavata con soltanto 40 minuti di coda per 5 numeri (ero il P011 e sono entrato che stava servendo il P006)
        Ma scusa il tuo consigliere ufficiale non era il sindaco di Kodomoland, il mitico Mago Hendrix G. Albanon??? 😉
        Sì l’idea dei menu è molto carina, anche se riduce un pochino la parte extra-culinaria che è quella che l’inclito pubblico credo prediliga (senz’altro io anche se poco inclito)
        Mi ha colpito che tu abbia detto “cucina inglese”. Io ho sempre considerato queste due parole un meraviglioso ossimoro… però va bene se proponi tu va bene qualunque cosa!
        E poi un’altra domanda, perché l’insalata l’hai appioppata al belgio e non a uno dei 283949337282 nuovi entrati in europa?? 😉

      • Wish aka Max 09/05/2011

        Yummyummyummyummyummyummyummyummyummy!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
        ADORO i pistacchi…. per non parlar della mugliera….

      • maghettastreghetta 14/05/2011

        cucina inglese in effetti è come dire bellapettinaturamalgioglio.
        ok.
        non smetto di ridere.
        AIUTO

  • lacinzietta 09/05/2011

    bella l’idea del menù europeo 😀

    stai diventando sempre più brava nelle presentazioni fotografiche dei piatti. ehhh non c’è nulla da fare, quando una è brava è brava, altro che corsi 😉

    la moussaka io la adoro. in viaggio di nozze ne avrò mangiata a chili, a tonnellate, ma davvero non ne avevo mai abbastanza (ah ovviamente eravamo in Grecia, a Kos!)

    e adoro anche le capesante, perdinci! me le prepari, se ti vengo a trovare, vero? 🙂

    • maghettastreghetta 14/05/2011

      Ci prima di tutto grazie *imbarazzata .
      Perchè un occhio come il tuo che apprezza fa sempre piacere, davvero.
      Poi chiaramente nessuno sa che sei costretta a dirlo perchè ci amiamo machiseneimporta*disse con aria fubba.
      Detto questo.
      Kossssss *_*
      Mamma ha detto che è bellissima. Dovevo andare e poi alla fine tuppete.
      Non se ne è fatto nulla. Mi piace moltissimo la Grecia santamoussakaefeta.
      Vorrei andare quest’estate anche se è diventata metà di quindicenni mandrilli.
      E la cosa mi terrorizza parecchio.
      (te le preparo? io compro tutte le capesante del mondo e te le faccio anche dolci nel muffin pette!)

  • laChiari 09/05/2011

    Mmmmmmmm gazpacho mmmmmm che buono.

    Ora però mi vedo costretta a bloccare il sito. La finiamo con sti asparagi????????????????

    XOXO
    chiari

    • maghettastreghetta 14/05/2011

      Ti prego. Li provi?
      Non lanciarmi PICIO!
      dimmi solo che provi un apuntinapiccolinadiasparagi.
      sono buoni *_*
      ( o forse me ne sono solo convinta)
      caramelle di asparagi?

  • Bibi 09/05/2011

    e la moussaka, la moussaka? ecco credo che sia il mio piatto preferito…e non ha nemmeno il cioccolato dentro quindi è davvero un piatto!
    a me questa cosa del menù piace assai.
    che poi voglio dire, l’ha fatto Benedetta “SoIoDoveTeLoFicchereiQuelDito” Parodi per riciclare i vecchi video* mica sei da meno di lei per farlo. inoltre tu cucini davvero, non ti limiti a srotolare pasta sfoglia pronta.

    *vorrei precisare che a casa mia si guardano i video della Parodi solo per il gusto masochistico di lamentarsi, simulare conati di vomito e dire “quel dito te lo ficcherei su per il…” ogni giorno.
    e dopo i puntini però non diciamo dove andrà il dito. ci sono minorenni. dobbiamo solo resistere ancora qualche anno però.

    • maghettastreghetta 14/05/2011

      come dicevo a Max nell’altro commento che riprendeva questo commento e mi sto confondendo tra i commenti.
      ok.
      rido tantissimo.
      E ti dico solo una cosa: ho comprato il suo libro.
      E ho capito tante cose.
      TANTE.
      Ne vogliamo disquisire o continuiamo a ridere?
      ed è sabato santapolpetta

  • hendrixandme 09/05/2011

    eccomi.
    nel disperato tentativo di recuperare almeno 4 post precedenti. Il grande mago hendrix G. Albanon che ha deciso per una festa della mamma da spalmare su 4 giorni per cui ogni cosa che trova per casa viene e mi dice “mamma questo è peltè! Pella festa della mamma!”.
    Ho ricevuto anche un paio di calzini di Cars recuperati dalla cesta del bucato, ovviamente già indossati, un tappo di sughero, un paio di scarpe di quando portava 23 (adesso ha 30) e che pretende gli vengano messe (un pò lo stesso desiderio mio che con il mio 39 ho sempre provato a mettere le 37 di campionario), un cespo di lattuga trovata mezza morta in frigo, l’elenco telefonico (“mamma che c’è sclitto qui?” “abate luigi” “e che lavolo fa il signol abate luigi?” “amore non lo so non c’è scritto!” “abate abate abate!?!?!mhmhmhm! fammi pensale?” “perchè lo conoschi?” “si. abate luigi fa il sub!”), una pinza, una confezione formato famiglia di carta igienica salvaspazio.
    Riprendendo a parlare del ritardo biblico che ormai ho accumulato nei confronti della vita in genere devo essere poco prolissa e dirti che:
    1. l’idea dei menu mi piace molto anche se non farei sempre e solo post con menu. ecco li alternerei.
    2. ti devo telefonare
    3. ti devo confezionare e spedire il pacco con l’HendrixGift
    4. mi devo muovere che fra poco arriva l’omino che mi attiva la linea telefonica nuova e mi levano questa pezzottata (per pezzottata si intende ferlocca ma basterà un piccolo vocabolario italiano napoletano per capire…ovvio che è presente in tutte le case, vero?)
    5. che ti devo telefonare l’ho già detto? ah si!
    6. ti voglio bene
    7. devo organizzarmi per procurarmi un clone e metterlo qui in tua contemplazione perchè, santapizzetta, io ti adoro
    8. maaaax……hendrix g. albanon….ormai lo chiamiamo tutti così! avrà seri problemi di identità da grande e la mia laurea servirà a qualcosa!
    9.ti prego prestami heinstein che mi deve clonareeeee……voglio almeno 4 me…..ma che non si devono mai incontrare perchè io mi sopporto a stento da sola!
    10. e il 10 niente ma una lista che non arriva a 10 non serve a nulla perciò è un 10 fine a se stesso!
    Mi manchi.
    PS: una vagonata di moussaka per me e famiglia, stasera, già cotta a tavola apparecchiata e pure con la tovaglia stirata. Grazie.

    • maghettastreghetta 10/05/2011

      comincio a scrivere e Pier dice atavolaentrotreminutisalutamiale.
      ecco.
      tonnodopo.
      e pescespadasubito.
      e ti amo.

  • Lisa 09/05/2011

    Focaccina vai all’impazzata e con questi due gg che son stata fuori non ti sto più dietro!!!! ;-D
    Poi mi fai conoscere feste di cui ignoro totalmente l’esistenza °_° grazie!!!!
    Per finire io prendo un pò di moussaka (che adoro) e le capesante!!!
    E si ti abbracccio fortisssimamente!!! ;-*

    • maghettastreghetta 10/05/2011

      Cucciola pure io non riesco a starmi dietro ma quando mi riacciuffo voglio darmi una bastonata sulla nuca.
      Porterò la mia testa in trionfo e faremo una torta pasqualina.
      Ho un calendario di eventi che santocielo non termina mai. Sto svolgendo questa indagine delle feste ma sul serio *_* ognigiornoceneèuna!!!
      Sono felice però che ti piaccia sapere cosa si festeggi nel mondo *abbracciandola forte.

      Moussaka? facciamo un biscotto alla moussaka? (stoimpazzendo)
      Ti abbraccio fortissimo anche io Lisa.
      Un bacione enorme

  • Francy 09/05/2011

    Super d’accordo! Anche se il tartufo non l’ho mai mangiato. Ma una borsa va salvata a prescindere. Sempre, a costo della vita. 😉
    Ed è bello pensare che ogni giorno ci sia una festa, no?

    • maghettastreghetta 10/05/2011

      E’ bello sì Francymia ma diciamolo:
      se non c’è la festa della borsa in che mondo INSULSISSSIMO viviamo?
      (posso baciarti per tre ore?)

  • PieceOfStar24 09/05/2011

    Bah che strano…non hai mai scritto “manco a dirlo”, eppure lo scrivi sempre 😛
    Evvivaaaaaaaaaaaaa la festa dell’Europaaaaaaaa yuuuuuuuuuuuuuuu uuuuuuuuuuuuuuuuuuh…ah ma davvero esiste? XD dimmi che te la sei inventata per fare un menu. Ammettilo. L’immagine del bradipo turberà anche le mie notti (forse perchè non riesco a smettere di ridere, immagino un bradipo al volante con gli occhiali da talpa. Ma che c’entra il bradipo con la talpa??? Ok. Sono stanca. E si vede.)
    🙂 abbbbbbbracccccciottolo

    PS: il tartufo è buonooooooo (peccato ci vogliano solo 45 mesi a digerirne una scaglietta 😀 )

    • maghettastreghetta 10/05/2011

      Un bradipotalpavolanteocchialituseipazzaiotiamo

      (no. mai mangiato e mai mangiiiierò con la i. che va di moda. insomma non lo so. meglio un bradipotalpainautostrada lesso)
      (cosastodicendo manco a dirlo)
      😀

  • Jelena 10/05/2011

    ahhahahaaaa. devo smentirti a me il tartufo piace.. non mi piace la polenta… 🙂 aggiungo alla tua festa europea il compleanno della mia Cugina…. ^_^ sempre mitica sei

    • maghettastreghetta 10/05/2011

      Ma santocieloNOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO la polentaNOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO è bUONISSSImaaaaaaaaaaaaaaaAAAAAAAAAAAAAAAAaa
      ok.
      la smetto.
      inspiro espiro

      Compleanno cugina Jelena per festa europa*segna sul taccuino.
      Lo vedi? Non si finisce mai con queste feste! MAI *_*

      Un bacione e grazie sempre per la tua compagnia.
      (ma il tartufo non fa puzza secondo te? oklasmettouffa)

  • *_______________________________________________*
    piatti sbattuti per terra e mattonelle spaccate e. piattodiplasticatagliato.
    credo che comincerò a prendere appunti quando leggo i tuoi post ché non riesco a gestire tutte queste informazioni tramite la lettura.
    (puf. non ho speranze lo stesso. però non mi trattengo dallo sparare scemenze)

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi