Home / Primi Piatti  / La pasta al cacao con le nocciole

La pasta al cacao con le nocciole

L’importanza di ” Se io fossi un angelo” l’ho scritta lo scorso anno qui e in altri fogli virtuali di questo baule straripante di ricordi.  L’importanza del suono e delle parole di Dalla che mi ha sempre invitato, come il mio papà del resto, a prendermi cura degli angeli. Perché sono milioni di milioni. Come concetto. Come idea. Appartiene con i suoi cappelli e la sua barba al mio iperuranio.

Avevo diciotto anni ed ero ferma ad un semaforo. Città di Catania. La mia macchina era un piccolo fuoristrada bianco. Avevo il tettuccio aperto e guardavo il cielo pensando che quella finestra fosse un regalo, l’ennesimo del mio papà, che mi permettesse di sognare e gustarmi i disegni delle nuvole. Non ricordo esattamente cosa sentissi alla radio ma al contrario ricordo precisamente i suoi occhi. Mi sono voltata e sulla sinistra c’era una macchina decapottabile sportiva color oro. No. Non sembrava oro. Era proprio una macchina color oro. Lui aveva un cappello, credo di cotone e non lana, coloratissimo e la barba. Io avevo dei fuseaux neri e una maglia nera. Niente cappelli ma nella borsa del cioccolato, e tanto dolore.

Lui mi ha guardato e ha sorriso. Poi è sfrecciato via. Lasciandomi un po’ così. Con il finestrino abbassato mentre qualcuno suonava il clacson  perché sì era già verde. Era il sorriso di “sì sono io”. Era il sorriso di Lucio Dalla. Non è  mai stato difficile vederlo qui avendo proprio una casa sotto le pendici dell’Etna ma a me è accaduto solo quella volta.

E’ stata la domenica Lucio Dalla. La domenica in un sedile posteriore mentre mamma si voltava e mi sorrideva.  E papà guidava. Si andava al mare. Si andava in montagna. Si andava in collina. Si andava ovunque e come sottofondo c’era lui. Che scrivesse ad un amico o che fumasse una marlboro era lì. Come era lì  per tutti i miei inizi dell’anno a dirmi che l’anno che verrà. Ho sempre finito e cominciato con lui. Ho sempre ascoltato seppur mai venerato, ma voluto bene sì. Non mi vergogno a dire che voluto bene, sì. Il suo garbo e  schiettezza, mentre  il 4 Marzo involontariamente gli ho sempre dedicato un pensiero; come se a fare il compleanno fosse un vecchio amico lontano che non senti da tempo ma che vorresti chiamare solo per dirgli “Auguri”.

Il primo incontro a Catania e l’ultimo a Torino in una bizzarra coincidenza. Non avevo dolori in borse ma sorrisi e mangiavo una granita. Non ero dentro una macchina protetta a guardare il cielo ma all’aperto in mezzo alla gente e con un un cucchiaino da affondare in un paradiso di cocco. Senza vergognarmene. Libera. E lui altrettanto. Libero con il suo amico De Gregori sopra un palco e dietro di lui il Palazzo Reale. Le prove del pomeriggio per il concerto imminente. Seduto al piano parlottava e rideva. Ed io con lui. E’ stato lì che per l’ennesima volta ho raccontato al Nippotorinese di ” quella volta della macchina color oro”.  La sua collanina e il suo frac argentato. Il suo balletto “attenti al lupo”. Il suo berretto e la camicia perennemente sbottonata. Atrocemente insopportabile ma a lui l’ho sempre perdonato.

” Balla sul cuore malato”. E io Lucio ho ballato sulla piazza sentendoti cantare. Non ero più ferma al rosso di un semaforo imprigionata.

Se io fossi un angelo è la canzone mia e del mio papà. Su questa poesia c’è l’insegnamento di tutto quello che ha voluto trasmettermi affidandosi alle parole di un grande paroliere e poeta. Ho capito quanto contasse per me ieri. Mischiando, come mai mi era successo la mia realtà al mito. L’ho capito quando ho  acceso le casse. Cantato con la mia orrenda voce. E pianto. Come si fa solo per un vecchio e caro amico a cui hai scritto una vita. Inconsapevolmente. Io so che gli angeli sono milioni di milioni e non li vedi nei cieli ma tra gli uomini. Sono i più poveri e più soli. Sì. Sono i più poveri e i più soli. Ed adesso che c’è Lucio potranno tutti fumarsi una marlboro; e confesso la fumerei pure io.

Un’ondata di cioccolato si sta abbattendo qui, e dopo la cheesecake chenonèunacheesecake con sciocolatculanttt ( ma perché ieri nessuno mi ha detto che la grafia giusta fosse questa?) di ieri è la volta di riesumare il Pain d’ èpices ma non nella versione classica bensì *rulloditamburi* al cioccolato. Ricetta velocissima e semplice più breve delirio sono stati pubblicati su Style e basta cliccare qui >>>

E questo giusto per rassicurare il popolo del web. La mia incessante attività di inondare  (con  idiozie in versione terabyte)  il web, continua inesorabile. E inarrestabile.

E gli appunti in cucina  di oggi? eccoli qui.

Dopo una ventata taoista sto mischiando questo frullato cioccolatoso preoccupante che no; non terminerà a breve. Basta mettersi il cuore in pace, inspirare-espirare e dire “celapossiamofarcela”.

Tra gli innumerevoli regali che mi sono stati donati da Cey e Fab, alcuni dei quali provenienti dal Giappone (uno su tutti la presina da cucina di Totoro. Roba che poteva pure venirmi un colpo per la felicità), c’era questo pacchetto di conchigliotte al cacao. Il Nippotorinese già dallo scorso anno minacciava di non tradurmi più le ricette francesi se non avessi fatto saltare in padella con il burro un po’ di quei ravioloni al cioccolato tanto pubblicizzati da Rana.

Pur non essendo amante del cioccolato (a meno che non si tratti di cioccolato piemontese, Castagna, Gobino et similia) l’idea di questo primo dolce lo intrigava (sorprendentemente) parecchio. Per una serie di vicissitudini non siamo riusciti a scovare questa benedetta confezione limited edition. In compenso però tra le nostre amicizie abbiamo trovato un tipo che somiglia al signor Rana, per quanto possa valere. Ci accontentiamo di poco.

Ci ha pensato Cey a rimediare. La pasta al cacao, in seguito a ricerche sulla rete, mi convinceva pochissimo. Qualsiasi cosa trovassi e passasse al vaglio del pelato poliglotta veniva sistematicamente bocciata. Quando un giorno con acqua bollente e salata sul fuoco l’ho accolto al ritorno dell’ufficio sentenziando che.

Basta. Una semplicissima pasta al Cacao saltata con le nocciole piemontesi strabuonissime che avevamo in casa. Un omaggio al Piemonte in questo primo bizzarro se vogliamo, ma sicuramente composto da ingredienti di prima scelta e qualità. Ahem come so che sono buonissime quelle nocciole? uhm. Ne ho mangiati solo otto chili vvabbbbennnne?!!?

Non è troppo saporita ( mi dicono dalla regia) e non ha chissà quale sugo a irrorarla. Non è certamente una pasta grondante di sapori, avvolgente e casalinga. Rimane però un primo insolito e sfizioso con un distacco di gusto tra un ingrediente all’altro. Se per certi versi a me piace più l’idea dei sapori che si incontrano e amalgamano, qui questa comunione non è presente; rimane eppure un ottimo ricordo.

 La croccantezza delle nocciole con la morbidezza delle conchiglie, che aprendosi nel palato sprigionano il cacao non troppo invadente e quel burro di ottima qualità che si sforza di legare due consistenze appartenenti a mondi completamente diversi.

Un legante come panna e besciamella proprio no. Non si poteva sopportare a meno che non fosse stata opportunamente confezionata in casa. Rovinare il prezioso dono di Cey e queste nocciole, davvero eccelse, sarebbe stato un peccato mortale.

Ricetta Pasta al Cacao con Nocciole del Piemonte e Burro (Occelli, potrebbe essere un’idea perché è protagonista del piatto) : tosta le nocciole piemontesi in padella dopo averle tagliate grossolanamente. Mettile da parte. Fai bollire l’acqua, sala e butta giù la pasta al cacao. Attendi che arrivi a cottura e assaggia. Quando ti sembra al dente e quasi a cottura ultimata, scola e versala in una padella dove hai fatto scaldare una generosa noce di burro. Salta un po’ aiutandoti con il manico e aggiungi le nocciole fino ad amalgamare bene il tutto. Servi ben caldo.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
35 COMMENTS
  • luci 02/03/2012

    A

  • pani 02/03/2012

    secondo me Max si è giocato il campionato.
    Il glorioso declino di un grande campione 🙂

    • luci 02/03/2012

      Sarà in riunione… di solito non ci lascia scampo… 🙂

  • Tiziana Sissa 02/03/2012

    …e seconda!!

  • Tiziana Sissa 02/03/2012

    No, terza 🙁

    • pani 02/03/2012

      uff…eppure sono rimasto fermo per farti passare

      • Tiziana Sissa 02/03/2012

        Pani sei prezioso. E gentiluomo santocielo 😉
        Non importa, dopo queste parole che mi hanno sciolto comenevelsole puoi vincere per me fino al duemilaventordici! 😀

  • Tiziana Sissa 02/03/2012

    Ciao Luci tesoro, ciao Pani 😀
    Corro a leggere!

    • luci 02/03/2012

      Ciao Titti!!!! Un abbraccio e… pazienza che rispondo presto!!!! :-*

  • Valentina 02/03/2012

    Chissà che bontà.. :3
    E un caro saluto a Lucio Dalla..

  • luci 02/03/2012

    Buongiorno Giulia! E grazie per aver ricordato Lucio, uomo di grande cultura capace di parlare a chiunque attraverso la sua musica, capace di “ascoltare” giovani artisti e di aiutarli a realizzare i loro sogni. Oltre al suo incredibile patrimonio musicale, andandosene mi lascia due immagini indelebili: il nonno che mi insegna “L’anno che verrà” (e Rimmel, e la Guerra di Piero ma è un’altra storia…) e i brividi per quella voce incredibile che canta Caruso, una sera d’estate… il primo concerto dal vivo della mia vita. A me piace immaginarlo davvero come un angelo in questo momento… proprio quell’angelo… Per quanto riguarda il piatto di oggi è molto bello, semplice ma ricco allo stesso tempo. Molto raffinato. Bacetti piccola, ti abbracciamo forte!!!!

  • pani 02/03/2012

    la pasta al cacao? uhm…quel giovannino ne sta combinando di tutti i colori. Ora vado a tirargli le orecchie

  • ArtEC 02/03/2012

    Wow devono essere proprio buoni. da piemontese, e appassionata di cioccolato…

  • spiessli 02/03/2012

    Buondì bèla gente! 🙂
    Io la pasta al cacao l’ho mangiata per la prima volta un annetto fa. se non ricordo male era servita con gamberetti. E sapete cosa? Era una goduria!

    (chissà perché il cell invece di gamberetti mi suggerisce gabinetti? Devo sbarazzarmi di android e optare per l’altro, così finalmente avrò anch’io l’appppppppppp!!!)

  • Katia Ostanel 02/03/2012

    Ciao a tutti

    E ciao Iaia mia adorata! Hai fatto benissimo a proporre questa pasta al cioccolato proprio oggi, ma lo sai che qui a Turin è iniziato “Cioccolatò”!!!??? Cioccolato come se pioverebbe (perchè la coniugazione è giusta così, no?)!!!!!!!!!
    E bellissime le tue parole su Lucio. Anche per me era come un…direi amico di amici. Conosco un ragazzo che lavora per lui da anni e che spesso si vedeva al suo fianco (si chiama Marco), così quando ho saputo di Lucio ho pensato subito anche a lui,che di certo ci sta male…Ma note tristi a parte, io penso che si, lui sia lassù,ora, che si fuma una malboro e sorride come solo lui sorrideva!
    Un abbraccio sconfinatissimo e vado a comprare le tagliatelle al cacao.

  • tittisissa 02/03/2012

    Le compreresti anche per me Katia?? 😉
    A parte gli scherzi, qui in culolandia non la trovo di sicuro. Mi toccherà fare una capatina a Torino o a Milano adesso!! Tu Iaia non puoi sfrizzolare così impunemente il velopendulo altrui eppoi restare lì bel bella a guardare! Ennò, non si fa. Che modi sono? Avresti dovuto come minimo cucinare per tutti noi in uno di quei pentoloni da battaglione (che se vogliamo, essendo tu streghetta, ti si addice abbastanza! :-D) e distribuirne generose porzioni sia a nord che a sud di questa buffa penisola (no, solo a sud! ;-)) pensando a quei poverelli di rosiconi che come me ti leggono sempre e rimangono con il desiderio inesaudito SIGH :’-(

    • spiessli 02/03/2012

      Uh ma che bella idea! L’invito sì può estendere anche a chi è confinato nella terra dove servono patate con purea di mele e caffelatte (sì, insieme)?
      Porto tonnellate di cioccolato e fantastico formaggio sguizzero. e pure un paio di campanacci con mucche pezzate annesse.

      • Katia Ostanel 02/03/2012

        Evviva!!Il cioccolato si spande per la penisola e anche al di là delle Alpi!!!
        Le mucche pezzate, poi, non ne parliamone, mi son piasciata addosso dalle risate!
        In effetti dovrei vedere, di solito a cioccolatò le vendono le tagliatelle al cioccolato,,,faccio un mutuo e le compro domani o dopo!!!

  • tittisissa 02/03/2012

    E infine, ciao Lucio, tanti ricordi bellissimi, le sue canzoni cantate con mamma e pApà, cose che conservo qui accanto al mio cuore per sempre e delle quali lui fa parte da tempo, tu da un pò meno, ma sei insieme a lui e vi fate compagnia 🙂
    Leggere questo post mi ha inevitabilmente portato a leggere l’altro, quello di un anno fa su Noto. E l’ho adorato. E l’ho commentato. Anche quello nel cuore con voi. Ecco..mi commuovo un’altra volta. Uff. Mi sembra di essere un salice piangente. Nonsippuò!

  • ladyvu 02/03/2012

    Bellissimo questo saluto a Dalla..
    Dalla amico di tutti..
    Dalla che fa’ piangere e ridere nello stesso secondo!
    Io invece mi sono sempre sentita quella “farfalla” che si alzava per volare..
    http://www.youtube.com/watch?v=J72FCyWkKzE
    Oggi siamo tutti un po’ piu’ soli..
    Ma uniti da questo AMORE profondo per quel folletto buffo e uomo magnifico alto dentro che non morira’ mai…

    Ciao Yaya!

    Vu’

  • Amaradolcezza 02/03/2012

    nonostante i miei 26 anni conosco tutte le canzoni di Lucio Dalla.
    sono state la colonna sonora della mia infanzia..
    Caruso sopratutto è stata la colonna sono di un meraviglioso pomeriggio di 22 anni fa!
    ti voglio bene Gi

    Ciao Lucio!

  • Non so, ho letto quelle prime righe forse 10 o 15 volte… della macchina color oro… e ogni volta mi continuavo a immaginarti lì nella tua macchinina, e con il cioccolato… Credo che questa immagine non me la leverà nessuno dalla testa, pensando alla tua di testolina, quella buffa che tanto mi piace e che elabora solo pensieri profondamente dolci e infinitamente blu, come il cielo che osservavi..
    Perchè che fosse blu, nero o grigio, gli Angeli ci sono sempre. E forse chissà, saranno proprio color Oro? 🙂
    Bacio Cucciolina… ♥

  • Bibi 02/03/2012

    Tutte le persone con cui ho parlato hanno detto la stessa cosa “mi è dispiaciuto un sacco”. Come se Lucio fosse un amico comune.
    E forse è stato proprio così.

    ps posso dire una cosa?
    ohfinalmentepioggiadicioccolatocazzo!

  • Pieceofstar24 03/03/2012

    L’ho visto una volta alla stazione Termini e mi aveva fatto sorridere. Un signore un po’ bizzarro che celava dietro i suoi strambi cappellini un vero poeta.
    Non l’ho mai ascoltato se non qualche rara eccezione, ma ammetto che certi testi davvero ti rubano l’anima.
    Per quanto riguarda il cacao conchiglioso io l’ho mangiata solo sottoforma di tagliatelle fatte in casa dalla mamma. La pasta al cacao si presta bene con i funghi freschi e la pancetta (o la salsiccia sbriciolata in pezzettini finissimi) 🙂 ma suppongo che con le nocciole vinca *__*

    • Pieceofstar24 03/03/2012

      Ah ripensandoci da piccola sapevo Caruso a memoria (e la so ancora eh). Ecco.

  • Paciocchidifrancy 04/03/2013

    I ricordi. Le canzoni che segnano la vita. Il ricordo dei miei viaggi con papà è nel segno della Donna Cannone, di De Gregori..mi addormentavo con lei e mi svegliavo, in macchina, con lei. Quanto a Lucio….ho detto di là <3 Quanto a questa pasta: meravigliosaaaaaa <3 <3 <3

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi