La liberazione di fare un Dolcetto Facilissimo, ultraveloce e ipocalorico? Giàgià

Must Try

La granita al Limone

La granita al limone racchiude tutta la mia infanzia, l'amore per nonna e i giorni felici. Farla in casa si può e sarà sempre un atto amore.

La granita di mandorla

Latte di Mandorle. Mamma mia, il latte di mandorle ghiacciato! Ne ho parlato e riparlato ma ti segnalo questo articolo riassuntivo dove c'è scritto...

La frolla con i fiori

I fiori si possono ammirare, coltivare, regalare e mangiare. Sì, esistono dei fiori eduli perfetti per zuppe, insalate e dolci sorprendenti.

La Panna Cotta al tè matcha

Un dolce gustoso, facile e fresco caratterizzato dall'inconfondibile sapore del tè matcha. Perfetto per un dopo pasto ma anche per accompagnare un tè nero fumante caldo e avvolgente.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

E ti pareva che il 25 Aprile c’era pure la Liberazione da quella invasata di Gikitchen, vero? Ed eccomi qui puntuale, fastidiosa e fiscale come una tassa. Alle ore 12.12 con perfidia e furore dalla Sicilia. Giusto tre paroline veloci veloci su un dolcetto davvero intrigante (Luci mi adorerà e se non lo farà sarà costretta, uffa) per gli amanti della ricotta. Un dolcetto sicilianissimo che alla mia mamma hanno servito in un ristorantino nel Catanese ultimamente. Avendolo riesumato verbalmente mi è proprio venuta voglia di riproporlo durante un pranzetto insieme ed eccolo.

In fondo nel cannolo c’è zucchero e ricotta. In moltissimi, non siciliani, rimangono stupiti dalla differenza che il cannolo siciliano ha nelle diverse parti della trinacria. Se non ami particolarmente i sapori forti e provi il cannolo nelle provincie più piccole difficilmente crederai che il cannolo alla ricotta sia un dolce che fa per te. Al contrario, se lo provi in una famosa pasticceria non sarà difficile vedersi servito un vero e proprio prodotto di pasticceria che di selvaggio proprio non ha nulla. Se non il prezzo, mi verrebbe da dire in rarissimi casi.

Le varietà e i gusti e le consistenze del cannolo sono infinite e ci si potrebbe disquisire su non tanto quanto ho fatto io (che potrebbe pure bastare vista la mia incompetenza)  ma fino all’infinito e oltre. Per annunciare insomma che questa cremina non ha poi così nulla di innovativo nè richiede chissà quale elaborazione ma può essere un’idea veloce, carina e sfiziosa per chi vuole servire un dolcetto e ha poco tempo.

Un dolcetto tra l’altro con mille sfaccettature ed è per questo che lo trovo interessante. In primis è veloce da fare e per una cena organizzata magari all’ultimo momento si può pensare di chiudere con un dolce fatto in casa che non guasta mai. Non in ultimo la quantità di zucchero può essere ridotta a piacimento in modo da trasformarlo anche in un dolce ipocalorico. In effetti grassissimo questo dolce a prescindere dall’elemento zuccherino proprio non è.

In pratica si deve lavorare della ricotta freschissima con lo zucchero a velo ma di quel velo fatto in casa. Nell’antichità bastava olio di gomito e un bel cucchiaione di legno e via veloci veloci ad amalgamare ma adesso che siamo tutti stanchi anche per mettere l’alimentazione alla presa e premere velocità 3, basterà lo sbattitore elettrico, sì. Poi ci si deve grattugiare dentro abbondante scorza di limone non trattato e arancia. Amalgamare per bene ma proprio bene e servire con foglie di limone lavate accuratamente.

A me piaceva l’idea di servire questo dolcetto con delle piccole cialde di cannolo a fare da contorno. E l’idea continua a piacermi ed entusiasmarmi parecchio ma è il tempo che manca. Mi riservo quindi questa preparazione destrutturata, giusto per darmi un tono, per un futuro assai prossimo. E via.

E che sia un giorno di riposo per tutti. Io con somma sorpresa (sarcasmo portami via) lavorerò come un’ossessa. Yuppidu!

Forse potrebbe interessarti leggere...

24 COMMENTS

    • azz…si vede che oggi so tutti a zonzo campi campi col cestino pieno eh!! e io a casa che tossisco un minuto no e 10 si 🙁 e sto pure disegnando!!! grrrrr grrrrrr… sbaciucchiamoci va!!! vado a leggere 😛

  1. bella immagine…sto cercando di cogliere il significato di quelle tre striscioline gialle. Paiono quasi una ferita, una cicatrice

  2. ohhhh con la ricotta in versione dolce hai tuuuuuuuuuuuutto il mio appoggio! oggi pensavo di fare qualcosa cn la ricotta appunto ma non ne ho…e a dire il vero con la poca voglia di fare tutto in questi giorni e le tante cose da fare per l’uni e non solo..forse è meglio che non entro in cucina oggi!!! (mi sento un pò scema a scriverlo…però sto disegnando sul tavolo della cucina!!!!! ok sto fuori come un balcone! )

  3. Sono un po’ di corsa oggi… Ma non potevo non venire a sbirciare… E trovo questa meraviglia. Ricotta,limone,arancio. E un pensiero per me… Ti stringo forte e ti voglio bene. Non lavorare troppo!!! :-*

  4. Nella semplicità si nascondono le meraviglie. Quando si ha fantasia e gusto, come nel tuo caso, bastano quattro cose per mettere insieme un piccolo capolavoro, anche visivo.

  5. Sto iniziando a fare pace con la ricotta quindi m’incuriosisce, Fab ha detto che se lo vede in casa me lo tira dietro -_- penso voglia cogliere l’occasione per liberarsi di me, nel caso accoglimi!

  6. La si potrebbe anche passare attraverso il setaccio per farina, magarii quello un po’ più grosso, per evitare l’effetto “acquoso” che spesso viene fuori usando la combinazione ricotta fresca-sbattitore elettrico. Richiede un po’ più di pazienza, ma evidentemente le mamme siciliane ne hanno tanta!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this