Home / Primi Piatti  / Pasta che Taddi – Pasta Siciliana con i Tenerumi

Pasta che Taddi – Pasta Siciliana con i Tenerumi

 

Cucurbita  moschata della varietà Serpente di Sicilia. La zucchina  si presenta a forma di serpente, cilindrico, di colore verde molto chiaro con superficie lunga e  la sua  lunghezza  può raggiungere e superare anche i  due metri anche se è mediamente lunga 50-80 centimetri con 8 centimetri circa di diametro.

E che cosa sono i Tenerumi? Le foglie tenere (tenerumi, giustappunto) di queste zucchine che mia nonna aveva nell’orto. A Pasta che taddi in Sicilia è un’istituzione. Non vi è un siculochesiauno che non conosca ( e generalmente apprezzi)  questo piatto antico che racconta moltissimo in termini di reminiscenze ancestrali grazie sol anche all’0dore.

A me basta metter su  a scaldare un po’ di “taddi” che mi commuovo. Ricordo mia nonna. L’orto. Il mio coniglio ammazzato. Io che fuggo a gambe levate dai gatti e Zia che mi costringe a guardare l’ultima puntata di Leonela ma io avevo paura perché Pedro Louis era innocente ma era in carcere. Continuo a ribadire che non strano non è che io sia una psicolabile con un’infanzia così.

Sta di fatto che quando SantoFruttivendolodiFiducia mi ha detto che aveva i Tenerumi ( notizia che arriva a me un po’ come ” ci sono dei broccoli speciali ” e la bava mi cola lungo le ginocchia per andare verso l’alluce ) mi sono detta che sì. Era arrivato il momento di mettermi alla prova con questo piatto giusto per riconfermare che sono il disonore della Trinacria. 

Il Risultato è stato migliore di quanto sperassi nei più reconditi sogni perché si sa che io con il primo non vado proprio d’accordo. In realtà non è classificato come primo piatto ma come minestra ed è tipico dell’estate anche perché è proprio in quel periodo che il Tenerume da il meglio di sé. Ho giocato un po’ alla rinfusa ( come si vede nel video) bagnando il tenerume con la salsa e bagnando la salsa con l’acqua di cottura del tenerume. E mi sono divertita un sacco. Un po’ meno dopo SantaSignoraPina che ha dovuto rimboccarsi le maniche per pulire quelmaledettopianocottura che molto intelligentemente ho preso di vetro. Vabbè che se fossi andata con l’acciaio sarebbe stato un dramma  uguale perché il novanta per cento delle mie superfici casalinghe è composto proprio da questo materiale ed è già tanto che SantaSignoraPina non mi abbia ucciso per la scelta infelice.

Tra l’altro casa mia si sta trasformando da una “semplice” mansarda-piano attico a casa in tre piani ( potenza del Mago Turi) e in pratica l’edificio adibito a ufficidiTuri, attualmente in trasferimento, diventeranno casadepositodiaia ( perché il Nippo avrà sempre un cassetto e solo un’anta di armadio). Quando SantaSignoraPina  saprà che riconfermerò il mio amore verso l’acciaio sarà la volta buona che mi picchia ( e come darle torto?). Ma perché sto parlando di acciaio, traslochi, muratori ? Eravamo qui per i ….waffle? no. Le patatine al micro….? uhm no. ah sì i taddiiiiiiiiiiii Conigliomortoammazzato, vero!

Insomma i Taddi-tenerumi-fogliezucchinaserpente è inutile girarci intorno non si trovano nel resto d’Italia. Non lo dico io ma grandi chef, blogger famosi sul web, cultori delle verdure varie ed eventuali. Un po’ come accade per i Caliceddi ( ve li ricordate i Caliceddi vero? Salsiccia e Caliceddi? Meravigliose erbe spontanee che crescono nelle terre vulcaniche? Clicca qui !) . Ho letto però che al mercato di Roma qualche volta arrivano, giusto per chi passasse di qui e fosse interessato.

E’ importante avere l’accortezza di lavare bene i tenerumi. Giusto con un po’ di bicarbonato in ammollo perché riescono a trattenere una quantità tale di terra che nel nostro intestino crasso poi si potrebbero coltivare piantagioni di limoni, giusto per dirne una. Ma anche bonsai giapponesi perché no?!

E quindi dopo averle lasciato in ammollo con qualche cucchiaio di bicarbonato basterà sciacquarli per bene e più volte. Togliere la parte dura e ricavare soltanto le foglie e tagliarle un po’ qualora fossero troppo grandi.

La Ricetta

Si devono far bollire in acqua bollente salata e nel frattempo far saltare in una padella una testa di aglio, che andrà tolta, in pelati-salsa-pomodorofrescoèmeglio (le solite cose) con poco sale. E poi giocare bagnando, come dicevo prima, l’acqua di cottura dei taddi con un po’ di salsa e viceversa. Versare la pasta (sempre corta) nell’acqua dove stanno cuocendo i taddi che necessitano super giù di 14-15 minuti di cottura non di più e scolare tutto insieme non dimenticando di mettere da parte l’acqua di cottura che occorrerà poi per “mantecare” in padella spaghetti-salsa-taddi. Si copre tutto con pecorino siciliano grattugiato direttamente in padella ( alcuni mettono il parmigiano. Sacrilegio!) e subito in tavola. Un po’ più brodosetto per chi lo preferisce ( e tradizionalmente è così) e un po’ più asciuttino se vi capita un Nippotorinese come fidanzato ( che mi piace chiamarlo fidanzato; che fa molto giovane yeah!)

Altre Ricette Sicule Sicule?

La Ricetta  ( con il video) della Caponata

La Ricetta degli Spaghetti alla Trapanese

La Ricetta del Gelo al Caffè 

La Ricetta dei Brocculu Affucati ! 

La Ricetta dei Fusilli con Gamberoni e Arancia 

La Ricetta delle Pappardelle al Pistacchio 

La Ricetta della Pasta con Cavolfiore Viole Siculo con limone

La Ricetta delle Pappardelle con Vongole e Arancia

La Cipollata Catanese!

L’Alalunga con la Cipuddata!

La Ricetta del Pesce Spada alla Ghiotta

Evvabbbè qui l’archivio pullula di Sicilia e Piemonte chiaramente, quindi basta cliccare qui sulla Rubrica Profumi di Sicilia qualora voleste vedere tuttotuttotuttotutto il repertorio Siculo Maghettoso. E a me non rimane che augurarvi uno splendido week end. Io lavoro ( uhhh che novità) e voi?

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
15 COMMENTS

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi