Insalata di Fragole con dressing di mascarpone

Pensavo che le fragole sarebbero state insipide e senza sapore alcuno e invece mi sono dovuta ricredere. SantoFruttivendolodiFiducia fa davvero miracoli e contro il volere del Nippotorinese, sostenitore del chilometro zero (ecomedarglitortoperòuffaqualchevolta!) ho preso due vaschette assaporando un po’ di Primavera quasi Estate. Del resto non mangiando alcun tipo di schifezza me la meriterò pure una vaschetta di fragole come dolcetto, no?

E per lui ho sistemato un’insalatina deliziosa e primaverile perfetta per chi ha voglia di bella stagione. La fragola nel salato è sempre più una conferma e chi ancora non si è convinto dovrebbe. L’insalata in questione è composta semplicemente da:

Foglie di lattuga, foglie di iceberg, peperone rosso a listarelle, manciata di pistacchi, zucchine crude marinate in succo di limone e scorza grattugiata, foglie di radicchio rosso, foglie di sedano, fettine (come fosse un carpaccio) di fragole.

Il tutto è stato condito con un dressing fatto con:

Mascarpone, olio extra vergine d’oliva, sale fresco macinato sul momento con un po’ di pepe rosa, yogurt bianco naturale non zuccherato

Niente di più. Niente di meno. Il dressing lavorato con la frusta da pasticciere e ammorbidito leggermente con un po’ di yogurt bianco naturale senza zucchero (Vipiteno 0,1). In modo da rendere “pastosa” e ricca l’insalata. Naturalmente con la presenza del mascarpone “leggera” non è, ma contiene tutto quello che fa bene insieme alle proprietà della verdura e ai poteri pazzeschi del pistacchio, come tutta la frutta secca del resto.

Di insalate “fruttate” se ne possono fare tante e confezionare secondo fantasia e gusto piuttosto che servire sempre la solita roba trita e ritrita. L’insalata poi rimane come sempre un’idea veloce che se servita con qualche dressing particolarmente gustoso ma pur sempre naturale non passa inosservata come “la solita” sbattuta sulla ciotola e lanciata sul tavolo. Che diciamolo mette anche un po’ di tristezza.

12 COMMENTS

  1. fragole e mascarpone. credo che non ci sia nulla che mi piace di più.
    certo dico sempre così quindi non sono manco credibile, ma. come BEN SAI dopo il dolcetto basilicoblabla io. ecco. si.
    emozione per torino, ci sarò OVVIAMENTE.
    e dopo che hai preso fichi d’india messicani, direi che le fragole spagnole sono il problema minore XD

  2. Questo riassunto delle insalate precedenti mi piace un sacco! E questa insalata con le fragole? Devo provarla assolutamente. Anche a me è capitato di mangiare lo scorso weekend le prime fragole e di trovarle inaspettatamente profumate e saporite. Io le adoro. Aspettomla primavera solomper potermi fare delle scorpacciate 🙂
    Quelle orecchie di coniglio le conosco! le ho anche io uguali 🙂

  3. ma certo che le fragole dolci già ci sono 😛
    io le ho mangiate… un pò a macedonia e un pò a insalata con il limone quello che si mangia ( come diavolo si chiama quel limone???) ..gli ho messo aceto balsamico e zucchero di canna *_* ..ho fatto anche le fotine ma al mio solito rimando sempre i post 😀 eheheheh
    … tu guarda quante insalatine…. gnam gnam.. ora me le ri-sbircio 😀

  4. Mi piacerebbe davvero tanto esserci il 16.
    Solo per sentire dal vivo il tuo “ciao!”
    Fa un po’ stolker, lo so, però seguendoti qui sul blog mi sono davvero affezionata a te!
    Complimenti per le ultime novità!!

  5. è vero, l’insalata sbattuta sul tavolo mette un po’ di tristezza e da qualche mese mi sto impegnando a renderle onore e dressarla in qualche maniera

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

ARTICOLI RECENTI

MUST TRY