Home / America  / Donuts

Donuts

doughnut or donut (/ˈdoʊnət/ or /ˈdoʊnʌt/) (see spelling differences) celodicewikipediaeh.

Morbidi ciambellotti ricoperti di glasse, colate di cioccolato, zuccherini, schifezzuole varie e tanto tanto tanto tanto altro in termini di codette, perle di zucchero e soloilcielosacosa.

Passano alla storia (ma neanche tanto) per Homer Simpson e la sua smania di fagocitarne quintalate ma se devo proprio essere onesta a me il Doughnut o Donut come vogliamo chiamarli fa solo venire in mente una scena:

poliziotti in borghese (e non) dentro macchina americana. Orrido caffè. Scatola bianca ricolma di ciambellotti e una notte trascorsa sul sedile raccontandosi di lavoro, donne e segreti inconfessabili. Mentre il serial killer sta uccidendo una vittima a caso. Per dire.


Ohhhhhhhhhhhhhhhhhh. E io credo (ecchisenefrega state dicendo ovviamente voi) che nel periodo di Halloween questa ricettina scovata su un sito americano (perdono. Non trovo più il link ma se dovessi scovarlo, santabandieraastrisce, faccio un update al post) possa davvero tornarci utile. Del resto è il tripudio dei dolcetti, no? Non sono affatto difficili da realizzare. I bimbi impazziranno a patto che non diventi un’abitudine perché, a costo di passare come la “rompina”, salutare di certo questo dolcetto strafritto non è. Ma è pur vero che fatto in casa ripetiamotuttinsiemee: sempre meglio è.

Non è. E’. Che disturbo ho con il predicato verbale? (e con i verbi. e con la grammatica in genere)

Si preannuncia una settimana di fuoco. Chiuderò in stra-bellezza con la prima presentazione *tossisce imbarazzata* del mio Libretto. Perché sabato ebbene sì. Il debutto in società della Grandissima Autrice (risate registrate) Iaia Guardo sarà ufficiale. In pratica apro le danze per il Calendario Ufficiale del Maghetta in Tour (che mi terrorizza come poche cose al mondo. Anzi. Come nessuna cosa più di questa).

In cuor mio spero che impegni improvvisi, calamità naturali e alternative moltopiùbelleassai da fare si abbattano su quei meravigliosi fuori di testa che davvero vogliono venire ad abbracciarmi. In pratica sogno di restare sola lì al tavolino. E firmarmi le copie scrivendomi “seiunacretina-seiunacretina-seiunacretina”.

Bel programma, no? Avrò modo comunque di lamentarmi con calma (e voi di glissare sui miei post e segnalarmi alle autorità webbereccie come “frignona insopportabile ed emanatrice di pixel lacrimevoli dannosi per la salute della rete e del suo popolo”. Che mi pare pure una bella segnalazione precisa a dir poco).

– 12 gr di lievito in polvere per panificazione (o una bustina, di solito sono da 8/10 grammi)
– 30 ml di acqua tiepidina sull’andante caldo
– 180 ml di latte tiepido
– 40 gr di burro
– 1 uovo medio-grande
– 1 cucchiaino di sale non troppo generoso
– 50 gr di zucchero
– 370 gr di farina
– 400 ml di olio vegetale per friggere in leggerezza (c’è dell’ironia, sì)

Ok lo confesso io ho lavorato tutto tutto tutto tutto insieme nell’impastatrice e ciao. Ma suppongo che no. Non possa dirlo (o sì?).

Fai sciogliere il lievito di birra nell’acqua tiepidina (ma si potrebbe adoperare anche del latte eh). Quando si è completamente sciolto forma una fontana di farina setacciata. Aggiungi lo zucchero, il lievito, il sale, l’uovo e insomma tutti gli ingredienti e dacci sotto! (no eh. L’olio no) Forma una bella pallottola consistente. Mettila in un recipiente. Coprila con un canovaccio e lasciala riposare per almeno un’ora. Raddoppia di volume, vero? E anche se non raddoppia non preoccuparti. L’importante è che aumenti di volume. Dipende sempre dalla temperatura dell’ambiente circostante. Forma delle belle ciambellottole aiutandoti con le mani e ricava il buco al centro. Oppure fai delle specie di “filoncini” e poi uniscili che è un metodo anche piuttosto valido. Dopo aver formato le ciambellotte lasciale riposare nuovamente anche solo per 30-45 minuti. Trascorso il tempo friggi in abbondante olio vegetale quando è ben caldo (non prima eh). E poi scola su carta assorbente fin quando questa cerca di assorbire un po’ di quell’unto troppo bisunto. Si potrebbero passare pure nello zucchero? mi stai chiedendo questo? beh sì.

Ma nel caso lascia raffreddare un po’ (fermo restando che puoi mangiarle calde calde calde o pucciarle dove vuoi) e poi fai una colata di cioccolato fondente fuso (pure al micro) e rivesti (se ti piace) con zuccherini di qualsiasi forma e misura. Io ho adoperato anche le perle di zucchero rosa e la tempesta di zuccherini colorati aromatizzati alla cannella. Ma ci si può mettere sopra davvero di tutto.

(un mammut? pure)

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
15 COMMENTS
  • apity 07/10/2013

    Prima?

  • apity 07/10/2013

    Ommioddio, sì!

  • jelena 07/10/2013

    mihaianticipata sto per comprare un maccchinino che le fa!!! 🙂

  • apity 07/10/2013

    Il Tur, il tur (a cosa serve la o?) Iaiaaaaa! Santa cielo!
    Che emozione e che bello. Sarà bellissimo, vedrai.
    Ti strapperanno la penna di mano per non farti scrivere “sei una cretina” e saranno gentilissimi con te perché tu lo sei sempre stata con tutti.
    Un abbraccione. Aspetto con ansia tutte le altre tappe.

  • ђคгเєl 07/10/2013

    ohhhhhhhhh ma io non le ho mai mangiate!! ( che vergogna!!!) …però quasi quasi…gnam gnam…. odddddddddddddddddio sto a dieta *_*

  • Mariangela 07/10/2013

    Sulle ciambelle passo, nn ho mai potuto vederle!!
    Ma il calendario del tour lo voglio pure io!!!!!!!

  • la ricetta dei donuts *_* ti voglio bene

  • niCol 07/10/2013

    sarà un successo!
    e io ecco non vedo l’ora arrivi il 20
    loggiuro!!
    e sono a dieta (vogliounaciambellasubitooo!)

  • Katia 07/10/2013

    L’acqua tiepidina sull’andante caldo.
    Mi rotolo come una ciambella.

  • Wish aka Max 07/10/2013

    A cì, si casca l’aereo te vengo a tirà i piedi. Mo te l’ho detto.

  • Julie & Pug 07/10/2013

    una delle mie passioni!!! *__* i nostri dolci sono molto più raffinati, ma quelli americani ed inglesi restano comunque tra i migliori cibi di conforto al mondo per me!

  • Ilaria 07/10/2013

    Ciao, vorrei segnalarti che ti ho nominato per il versatile blogger of the year sul mio blog:
    http://ilaria82.wordpress.com/2013/10/07/the-versatile-blogger-of-the-year/

  • Caterina 07/10/2013

    Mmmmmmm, buoni per addolcire la vita e per prepararsi a una settimana sì di fuoco, ma anche dolcissima!

  • tittisissa 09/10/2013

    Io sulla mia copia voglio che ci scrivi “Sono l’ammore della Titti”. Ecco 😉 ❤

  • Rosanna 21/12/2013

    Mi piace molto questa ricetta,devo prepararne una vagonata!

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi