Torta di Rose (e nutella fritta, yeah!)

Must Try

La Panna Cotta al tè matcha

Un dolce gustoso, facile e fresco caratterizzato dall'inconfondibile sapore del tè matcha. Perfetto per un dopo pasto ma anche per accompagnare un tè nero fumante caldo e avvolgente.

Semi di papavero e glassa di limone

Una delle preparazioni più buone mai preparate. Mi è sempre piaciuto moltissimo questo accostamento, quello dei limoni con i semi di papavero. Diversi dolci pasquali polacchi e dell’Est Europa hanno proprio i semi di papavero; anche il cozonac, per esempio, ha diverse volte il ripieno di semi di papavero. Il risultato -ma con una ricetta di Ottolenghi è facile- è sorprendente. Molto profumata, leggera e gustosa.

Tiramisù fragole e basilico e un dolce speciale

Un tiramisù molto profumato e fresco. Stupisce per leggerezza e freschezza questo dolce al cucchiaio di cui tutti sono ghiotti.

Torta alle pesche al profumo di limone

È l'ultimo mese per gustare le pesche e soprattutto per farci le ultime torte, meglio se morbidissime, soffici e profumatissime come questa. È una variazione di Donna Hay e dovresti proprio prenderla in considerazione. L'ho provata anche con le ciliegie e le albicocche e devo dire che il risultato rimane sorprendentemente buono. 
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.


A me questa “roba arrotolata” (sono molto professionale, sì) mi fa venire in mente solo una persona. Cecilia (sì lo so. Non ha ancora ripreso a scrivere. Io e Bibi la stiamo minacciando. Manca davvero poco;  sarà quando le sequestreremo Evaristo, il suo ippopotamo di peluche, che cederà perché è importante nella vita essere freddi e razionali). Non ho mai fatto il Danubio (Cey ne è maestra e lo ha fatto pure a forma di lombrico-ornitorinco-puffo. Ci ha fatto numeri, lettere e palazzi, per dire) proprio per devozione. Ma tutto quello che sforna Cey lo immagino sempre soffice, morbidoso e pacioccoso. Non è un caso se a Natale si parla sempre un po’ di più di Cey, qui e nel mio cuore. La sua anima è quanto di più vicino alle luci del Natale. E quando si spengono o vanno troppo a intermittenza, la tristezza ti assale. Fortuna che poi all’accensione dell’Albero quella danza estenuante di lucette multicolor te la fa dimenticare.

La torta di rose è una ricettina datata e non innovativa quanto la Stella di sfoglia con la Nutella che me la ritrovo pure se leggo Repubblica inserto Politica (devo assolutamente saperne di più. Qualcuno ne ha notizie? Perché questa moda improvvisa dilagante?) ma rimane un evergreen per le feste. Sì perché oltre a essere uno di quei dolci che piace proprio per la sua semplicità, si riadatta e riutilizza nelle più disparate occasioni. Certo non è da servire dopo una cena o un pranzo ma meglio se a colazione o merenda-tè. Per gli standard natalizi potrebbe addirittura risultare “leggerina”. Per il fatto poi che sia composta da rose che diventeranno “monoporzione”, è carino pensare di farne anche piccoline intorno in modo che ognuno possa servirsi della quantità che desidera.

Di questa torta mi piace molto l’impasto, che risulta croccante-friabile  e molto leggero, ma soprattutto l’idea di poterlo “insaporire” come più piace. Il periodo natalizio è certamente caratterizzato ed esasperato dall’uso delle spezie e della frutta secca. Questo significa che anche in questa preparazione si potrà a proprio piacimento far uso di quello che il palato predilige. Se si è appassionati di noci e mandorle l’idea di infilarle a forza dentro (tipo otto chili, dovrebbero bastare) malvagia non è. La definirei piuttosto: lamortesua.

Poi si sa, dopo il pranzo-cena di Natale perché mai non si dovrebbe fare una ricca colazione intingendo otto rose nella crema di cioccolato, o chantilly o nutella fritta? (Elisa docet. TI AMO!)

(Del fatto che Elllli abbia fritto la nutella ne riparleremo. E ci facciamo pure una videoricetta. Magari insieme alle olive ascolane; che sarebbe un sogno)


Ingredienti per 6-8 persone circa

Per la pasta: 350 grammi di farina setacciata con un pizzico di sale, 15  grammi di zucchero meglio se di canna ***, 150 grammi di latte intero, 3 tuorli (anche 2 uova intere di 60 grammi circa vanno bene) , 35 grammi di olio extra vergine d’oliva (o burro se si preferisce) e 1 cubetto di lievito di birra fresco (ma si può adoperare anche quello secco) ed essenza che si preferisce (scorza di un limone grattugiato, cannella, zenzero, qualsiasi cosa. La vaniglia? perfetta. A proprio gusto).

***molti mettono tanto zucchero anche nell’impasto ma essendo poi farcita con altro zucchero mischiato al burro potrebbe risultare stucchevole.

Per la farcitura: 120 grammi di burro morbido, 120 grammi di zucchero (meglio se di canna ma il bianco semolato fine andrà bene) e se piace l’esasperazione del gusto si può nuovamente insaporire con un’aroma. Altrimenti lasciato così come è.

 

Nel latte intero fai sciogliere il lievito di birra se lo usi fresco (se lo usi secco salta questo passaggio). Setaccia per bene la farina. Su un piano leggermente infarinato forma  il piccolo classico vulcano (sono catanese e per me è un vulcano. Non una montagna, pardon) e ricava un cratere (e l’ho detto io!) e metti l’aroma che hai scelto (o la scorza di limone), lo zucchero e le uova e con una forchetta nel modo più classico comincia a mischiare tutti gli ingredienti. Aggiungendo il latte a poco a poco lavora con le mani fino ad ottenere un impasto. Lavora l’impasto per almeno 10-12 minuti. Devi farlo dolcemente e senza premura. Allarga con i pugni. Riprendi. Fino a quando tra le mani avrai una creatura bella compatta ma soffice. Riponila dentro un recipiente bello pulito e copri con un canovaccio. Lasciala riposare tranquillamente un’oretta in un luogo non troppo freddo. Quando il tempo è trascorso lavora il ripieno, ovvero il burro ammorbidito a temperatura ambiente (come se fosse appunto pomata) con lo zucchero. Anche con uno sbattitore elettrico, che viene meglio.

Infarina nuovamente il piano e con l’aiuto di un mattarello stendi l’impasto e ottieni una forma rettangolare. Spalma tutta la crema di burro per bene e poi arrotola la sfoglia su se stessa come a formare un cilindro, un rotolo. Taglia questo tronchetto che hai ottenuto in parti uguali (o diverse, se vuoi fare delle porzioni grandi e piccole) e sistemale su uno stampo foderato di carta da forno leggermente imburrata. Lascia lievitare il composto nella teglia un’altra mezzoretta e poi cuoci a 180 per 30-35 minuti circa fin quando è dorata.

Forse potrebbe interessarti leggere...

20 COMMENTS

  1. Vedo spesso nei blog di cucina questa torta e non l’ho mai provata, nonostante mi piaccia moltissimo esteticamente… Mi segno la ricettina e mi riprometto di farla. Giulia/Pulcetta/Amaradolcezza ha fatto pure un video della stella/fiore arrotolata, fai un saltino sul sul blog! Poi friggiamo la Nutella, ok?!?! :*****

  2. Stavo leggendo allegramente il post quando ho visto le parole “nutella fritta” affiancate alle parole “olive ascolane”.
    sto stramazzando a terra cum bava at mia bocca.
    Salvami.
    Ciao.

    (di a nanda che si, faremo anche le olive all’ascolana a giugno, e anche la nutella fritta di elli e piogggggie di fiori di zucca frittissimi)

  3. sono indietrissimo.
    devo leggere gli ultimi post.
    non ce la posso fare.
    (appena ho letto “nutella fritta” però ho aperto il post. per forza.)
    intanto ti bacio, poi leggo tutto. okkei?

  4. mi ricorda quand’ero piccola, mia mamma qualche volte la faceva [anche in versione salata].
    Non mi ha mai fatto impazzire ma mi è sempre piaciuta esteticamente, anche se forse ho sempre preferito i biscotti “Rose del deserto” [quelli con i cornflakes insomma per intenderci].
    Ci saranno dolci girasole? o dolci tulipano? o. mh. rosa è inflazionato u.u

  5. io l’ho fatta circa 2 anni fa… slurp! l’ho farcita con la nutella….doppio slurp! 😛
    Si in effetti dopo le feste per colazione 8 rose ci stanno..anche 12 eh!!! 😀
    vabbè… io devo tacere perchè non avendo perso peso però mi sono mantenuta..e devo mantenermi ancora 3 settimane…non tentarmi ti prego… *_* mi viene la bava alla bocca solo a vedere le foto *_*

  6. ahah nutella fritta sta bene ovunque, anche in contesti apparentemente lontani. perché nutella fritta is the answer, si sa. è il nuovo 42.

    io prendo un volo appositamente per fare questi due video, sappilo.

  7. si organizzerà una rivolta e non sono sequestreremo Evaristo, ma anche tutti gli altri pelusciosi della casa (Fab riposa tranquillo). Firmato l’anonima sarda.

    e poi imbottiremo olive ascolane di nutella e friggeremo l’impossibile.

  8. Allora. Io vengo qui. Con tutti i c… che ho (che manco Mafalda l’ha visti mai, cfr “Febbre da Cavallo”) mi dico “beh, mi riconsolo, con la ricetta della nutella fritta”, e vengo a vedere. E poi? Niente ricetta? Non si fa così. Sei una brutta persona *agitando il dito*. Che si sappia. Che lo sappia anche Nanda (che lo so che mi leggi, e per favore abbraccia don Turi per me), che sei una brutta persona. Ecco.

  9. Ciccia questa la facevano anche noi, ma mica veniva così bella raffinata come la tua. Sei poesia e trasformi in poesia tutto ciò che tocchi, questa è la verità!

    La stella di nutella è una torta virale. (In effetti ora che ci penso la nutella la mettevamo pure nella torta di rose. Ehm.)
    Rendiamo virale anche la nutella fritta!!! Ellli sei tutti noi.

    E basta. Aggiornamento albero di Natale: mi sa che lo compro verde. Basta, il bianco mi ha scocciato. E poi l’eletto lo vuole “vedde come Hukk”. E per le decorazioni ho un’idea che il bambino rimarrà a bocca aperta almeno fino a Pasqua. Ti tengo aggiornata.
    E ti abbraccio. Perché tutto questo conta poco alla fine, forse solo il tempo di un sorriso. E invece abbiamo un gran bisogno di abbracci, di quelli in cui sono le anime a toccarsi e confortarsi. Ti abbraccio sisteruzza.

  10. No ma mangiamola una torta di rose come colazione intingendola in barattoli di Nutella xD Rido fortissimo. Mi fai morire.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this