Sablè di Omar Busi. Al Cioccolato = Libidine

Must Try

La Panna Cotta al tè matcha

Un dolce gustoso, facile e fresco caratterizzato dall'inconfondibile sapore del tè matcha. Perfetto per un dopo pasto ma anche per accompagnare un tè nero fumante caldo e avvolgente.

Semi di papavero e glassa di limone

Una delle preparazioni più buone mai preparate. Mi è sempre piaciuto moltissimo questo accostamento, quello dei limoni con i semi di papavero. Diversi dolci pasquali polacchi e dell’Est Europa hanno proprio i semi di papavero; anche il cozonac, per esempio, ha diverse volte il ripieno di semi di papavero. Il risultato -ma con una ricetta di Ottolenghi è facile- è sorprendente. Molto profumata, leggera e gustosa.

Tiramisù fragole e basilico e un dolce speciale

Un tiramisù molto profumato e fresco. Stupisce per leggerezza e freschezza questo dolce al cucchiaio di cui tutti sono ghiotti.

A brioscia co zuccuru – La brioche catanese più famosa!

La differenza tra la brioscia co zuccuru e quella col tuppo. È importante e non da sottovalutare.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Doverosa Premessa: Riguardo le Tombolate Natalizie. Ho quasi spedito tutto. Manca il Galaxy Mini e qualche libro con scatoletta (perdono ma con le feste e la febbre e .E.e.E.e.e.e.e.e.e. E ho perso pure diversi pacchi. E’ stato ed è difficilotto). Visto che però durante le feste natalizie si hanno sempre problemi con i pacchi e scatoloni vorrei giusto tediarvi un attimo e fare piccolo aggiornamento (sì d’accordo mi avete sicuramente mandato una mail ma il problema è che ne ho 2349023948293482934823482384 e in mezzo agli auguri, lavoro, frizzi e lazzi FORSE qualcosa me la sono persa). Se qualcuno di animo caritatevole volesse dirmi qui molto velocemente “è arrivato brutta cretina”, oppure “non è arrivato scemunita pazza”, gliene sarei immensamente grata. Fine comunicazione di disservizio. 

Non conoscevo Omar Busi. Questo fa di me una pessima persona. Poi il Nippotorinese arriva con quattro libri monografici di rara bellezza e non reperibili facilmente in commercio, tra i quali uno interamente dedicato ai biscotti proprio di Busi (la Rubrica La Libreria di Iaia riprenderà presto. Adesso è tutto in fermento per l’organizzazione di questo nuovo anno già pieno di novità, impegni e sorprese. NONCELAPOSSOFARE. E io che l’ho cominciato con trentotto di febbre ho un leggerissimo rallentamento).

Un cioccolatiere di tutto rispetto Omar Busi e con una biografia da inchino. Del libro parlerò approfonditamente appunto nella mia Rubrichetta “La Libreria di Iaia” ma va detto senza troppi giri di parole che va preso immediatamente senza neanche pensarci due volte. In realtà ho smesso di biscottare già da un bel po’. Mi rimangono alcune ricettine biscottose però dell’anno precedente (un po’ di angoscia viene sempre pronunciando queste parole solo a me?) che mi affretto a pubblicare perché davvero la tabella di marcia è talmente serrata che dieci aggiornamenti giornalieri per quello che ho intenzione di fare: non basteranno.

Sul suo sito ho visto anche che presto ci sarà un Omar Shop. Non ho idea di cosa si possa trattare ma ce l’ho sul fatto che mi piacerà moltissimo. Questi biscottini molto semplici, friabili e cioccolatosi sono dei semplici sablè ma di una consistenza davvero eccelsa. Li ho accompagnati con una cioccolata calda fatta con il Cioccolato grezzo alla pietra di Pastiglie Leone. E’ totalmente esente da latte e in più la cioccolata può essere preparata anche con l’acqua al posto del latte. Il risultato è convincente allo stesso modo per quanto mi riguarda.

In questi giorni mi sto nutrendo solo di frutta (cosa è cambiato? Che non mangio verdura. Uff) e per via della febbre non ho molto appetito. Butto giù litri di spremuta d’arancia rossa (di quelle arance bio buone da impazzire che vengono da un albero che conosco), mangio mele con la cannella e talvolta le banane. Sempre con la cannella. A patto che siano durissime e verdissime. Freddissime. E che non sappiano appunto di banana ma di platano *ridacchiava*. Insomma per dire che in questi giorni di sola frutta qualche volta mi concedo una bella cioccolatacaldaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa. Ok mi calmo. Sia con il cioccolato grezzo di Pastiglie Leone. Sia in una versione con cacao amaro e acqua (o latte di soia) aggiungendo poco amido di mais. PARADISIACO. Devo assolutamente lasciare ricetta. Che è iperlight. Ipercioccolatosa. Iperlibidine. Toglietemi i tasti I-P-E-R. Grazie.

L’utilizzo di questi biscottini risulterà molteplice. Qui ci abbiamo fatto anche un dolcetto con la crema di cioccolato a papà (ricordate il dolcetto facilissimo che gli piace tanto? Avevo fatto anche una VideoRicetta. Che se ti fa piacere trovi qui). A me dall’odore era pure venuto lo schiribizzo di fare una sorta di tiramisù ma non con il mascarpone bensì come una sorta di panna cotta che ricordasse una ricetta fatta anni fa di Sadler.

La febbre e l’estro creativo di congiungimenti e correlazioni con ricette passate devono avere qualche collegamento intrinseco, vero? (ditemi di sì. Sono sul lettino dolorante pallidddddisssima e con due occhiaie che sembro “Never say no To Panda”. Voi conoscete “Never say no To Panda” vero? Ho riso così raramente)

Non so esattamente cosa abbia ticchettato passando da “Never say no To Panda” a creme imbottite ma so. Che non ce la faccio più a poltrire. Da 48 ore sono inchiodata a letto. TUTTI (pure i muratori e i pittori *new entry) gridano: SI RIPOSIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII.

Come se io fossi una pazza che non si ferma mai. Tzè.

Cosa? Sono davvero una pazza che non si ferma mai?

Ingredienti per una cinquantina di biscotti

  • 160 grammi di burro
  • 160 grammi di zucchero a velo
  • 160 grammi di farina 00
  • 80 grammi di tuorlo
  • 50 grammi di fecola di patate
  • 40 grammi di cacao amaro in polvere
  • 10 grammi di lievito secco
  • pizzico di sale

In una planetaria lavora burro non troppo morbido con zucchero a velo. Aggiungi i tuorli uno a uno (devono essere a temperatura ambiente) e il pizzico di sale. Poi pian piano la farina, lo zucchero e il cacao, preferibilmente setacciati tutti e tre. Una volta ottenuto un impasto copri con la pellicola trasparente e lascia riposare in frigo almeno un’ora.

Ricava i biscotti su un piano infarinato e fai cuocere 10 minuti circa a 170 statico già caldo.

Forse potrebbe interessarti leggere...

31 COMMENTS

  1. E RIPOSATIIIIIIIIIIIIII!!!!!!!!!! Ok, scusa, smetto… 😉 Tu sai che amo da impazzire i biscotti e non vedo l’ora di leggere di questo libro di Omar Busi! Per quanto riguarda l’argomento pacchetti (ce ne sono svariati che ho spedito e che stanno viaggiando da settimane nella penisola senza riuscire a raggiungere il mittente… 🙁 ) Nicol aveva deciso di lasciare a me i pirottini che aveva vinto: non li ho ricevuti, ma potresti anche averli mandati a lei, quindi mi informo meglio. Se non li avessi ancora spediti non preoccuparti, puoi farlo anche il prossimo Natale, l’importante ora è che tu ti rimetta in forze! Anch’io mega spremutona di arance rosse buonissime, sperando mi aiutino contro bua alla gola e raffreddorone! Bacetti

  2. allora devi sapere che io ho fatto una cavolata pazzesca con il cioccolato grezzo alla pietra Leone: me lo sono mangiata (con moltissimo gusto) a pezzi, così e POI ho letto le istruzioni e scoperto che ci si poteva fare una goduriosissima cioccolata calda in tazza!!! ma perché!?!??!??! che amarezza…. 🙁

  3. so che hai la febbre, so che sei superimpegnata, so che hai 25468856 cose da fare.ma
    ricordi i 12 vincitori “libro/quadretto” io avevo vinto, mai successo, un tuo disegno, una cosa da stramazzare al suolo.ecco. però non mi è arrivato.
    non te lo avrei mai ricordato,ma ho preso l’occasione.lo so.sono sfacciata? si.picchiami!

  4. <3 sei una meravigliosa pazza chenonsifermamai. e io sono così fortunata.
    (cioccolatocaldo ho le girandole negli occhi.)

    (avevo vinto libroconscatolina e uglydolls. quando e se arrivano ti dico *_*)

    febbre-tantafrutta è cosa buona e giusta. il corpo non si affatica a digerire roba più complessa e resta ben idratato. perciò riposatiguarisci vabbé la smetto. <3 tanti bacini di guarigione

  5. Io conosco never say no to Pandaaaa!!!
    Voglio quella cioccolata. Poi un giorno me la spiegherai questa storia della banana. Poi ti preparò i pancakes vegani e tu dirai che buoni e dentro ci sarà della banana schiacciata ma tu dirai che buoni lo stesso.
    Guarisco presto perché i muratori non rovinino nulla e non si esercitino troppo nel cantare. Devi tenerli a bada quelli.
    Mi passi un po’ di malattia? Voglio influenzarmi e stare a letto a bere spremuta e guardare serie TV con te.

  6. ma scemunita pazza senza nient’altro ti si può dire?.

    Nandaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

  7. Al momento ancora non so nulla sul mio (ciao, sono quella che ancora non ho visto il quadretto e ho una sfiga galattica T_T ) Se riesci poi in qualche modo a darmi il codice tracking così ammazzo corrieri

  8. Ciao Iaia!
    beh, anch’io sono una di quelle che ha stranamente e miracolosamente vinto qualcosa di tuo. Il set bricolage natalizio per l’esattezza.
    Beh, non è ancora arrivato, ma nel caso non l’avessi ancora spedito scrivimelo pure qui, così ti mando una mail con una ltro indirizzo 😉

    Grazie tantissimissimo!!!

  9. Mmmm non sapevo che leone facesse anche cioccolataaaa! Caspitaaaaaa
    A me e arrivato l albero ma non il folletto! Ma fa niente forse e’ tornata insieme ai suoi fratelli nella casa con babbo natale! 😉

  10. Buonissimi i biscottini cioccolatosi gnam gnam 🙂 io avevo vinto il tuo libro + scatoletta,non mi è ancora arrivato, non vedo l’ora! Ne ho regalati 2 a Natale a delle amiche e per me tengo il tuo con la dedica! E vuoi mettere cavolo?!?! Bacini fammi sapere che se l’hai spedito e non me lo portano vado a fare un macello in posta!!!! 😉

  11. mh. non so se hai letto il commento che ti ho lasciato nel post precedente…coooomunque. Smalto molto yeah arrivato. Ci volevo trovare pure le tue pastiglie, ma niente. Fa lo stesso 😀 vediamo se le trovo in giro :* taaaanti bacini e riprenditi presto

    • NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO
      te le mando <3
      erano finite.
      Ma adesso ne ho 23408234982340982 4chili !
      (sono sicura di sapere dove è il tuo indirizzo ma nel caso mi rimandi mail con oggetto: Scema di una iaia scema! la scatoletta !!! " ed io spedisco domanis tesso :*
      204832034982034982034823 0baci

  12. Plin plon. Tesoro ho letto solo le prime righe e ti scrivo subito! Il pacco ancora non è arrivato 🙁 nessun problema..stai tranquilla!!!!! Mi dispiace tu sia stata poco bene.. ti capisco, io prima delle vacanze son stata un cencio 🙁
    Super baci alla mia ciccilina ♥

    • 293490489304820349482 baci e grazie.
      Grazie davvero per la comprensione. Giuro sto fuori. Fuori proprio.
      Cucciola ti va di ridirmi un attimino il premio così controllo? (tra l’altro alcuni sono partiti venerdì e quindi tra l’epifania e questemaledetteposte forse. E’ li ‘ in mezzo)
      Piano piano ne veniamo a capo <3
      ti abbracci fortissimo :*
      e grazie per questo aiuto. Sto impazzendo !

  13. ma Iaia….non impazzire con tutte queste spedizioni. Non c’è problema se arrivano adesso. O per il prossimo Natale. L’importante è condividere qualcosa con te. Già questo è bello e più che gratificante 🙂
    Stai tranquilla e non ti strapazzare troppo, altrimenti ne risentiranno i post del tuo blog e, di conseguenza, anche il buon umore che regali a tutti noi 🙂

    <3

Rispondi a 黒子 くろこ kuroko Cancel reply

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this