Carotine bollite con salsa di senape e miele

Must Try

Porridge alle fragole, pistacchio e semi di chia

Un porridge fresco con quella nota croccante e deliziosa del pistacchio. Un dolcetto a tutti gli effetti che ti farà cominciare la giornata sicuramente con un gran sorriso.

Il Tour Pasquale

Trenta e più ricette di Pasqua: la babka al cioccolato, i cannoli siciliani, la pinca e gli hot cross bun ma anche un ingrediente segreto per la pasta con la ricotta e diverse preparazione veg. Viaggia con noi attraverso i sapori e la tradizione.

I Cannoli Siciliani

In Sicilia chi non si sposava piuttosto che rimanere zitella preferiva farsi monaca. Le monache, è risaputo, erano abilissime nella preparazione di dolci dall'indescrivile...

Le uova rosse per Pasqua

Che la Pasqua in Grecia sia molto sentita è un'informazione pressoché inutile perché lo sanno tutti. Viene onorata e celebrata ed elementi pagani e...
Iaia
Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Con meno di quaranta calorie per 100 grammi e tanti microgrammi preziosi di polifenoli, che dovrebbero aiutare anche le prestazioni del nostro cervello (me esclusa), le carotine bollite seppur surgelate rimangono uno dei miei pasti preferiti. Dico pasti perché ne mangio circa quattro chili. Qui in casa se ne fa un larghissimo consumo seppur principalmente crude (inconsciamente sono votata al raw). Il Nippotorinese ama le carote crude tagliate a listarelle con formaggio cremoso, dal più commerciale al più ricercato, mentre a me fanno impazzire con la senape meglio se Maille.

La versione cotta e mignon come questa che mostro oggi era la preferita di Agata. Ricordo che ormai sette anni fa riuscì (non so come) a trascinarmi in un villaggio turistico; avventura per altro documentata su Flickr visto che avevo un nano da giardino nel portabagagli e tanta voglia di ticchettare i miei tormenti al ritmo di danze vergognose latinoamericane. Dovrebbero esserci pure dei video di Ferragosto con gente in abito da sera a bordo piscina. Il mio animo trash in quell’occasione decollò verso l’infinito vista la gioia di poter abusare visivamente di cotanta zarraggine (c’è un po’ di piemontese ormai in me).

Io e il Nippotorinese siamo dei coniglietti che sgranocchiano almeno una confezione ogni due giorni di carote (se tutto va bene. Altrimenti la media è una confezione che sta in pratica per un chilo, sì). Nelle diete ipocaloriche la carota è demonizzata. Rea di contenere zuccheri, viene il più delle volte bannata e denigrata insieme alla sua amica patata, colpevole di possedere amido. La realtà è che questo dovrebbe essere eliminato per altro da qualsiasi dieta ipocalorica e che tacciare questo ortaggio come “calorico” è ridicolo quanto assurdo. La carota possiede infinite proprietà tra le quali quelle indiscutibilmente officinali e i nostri antenati romani e greci ce lo confermano. Ferro, magnesio, calcio e zinco. Un pozzo di vitamine e proprietà da tenere sempre ben a mente.

Nonostante sia una cultrice della Carota semplicissima lavata e tagliata o semplicemente bollita senza troppi intrugli, qualche volta “mi annoio” anche io un po’ e procedo. In abbinamento con la salsa di soia e il sesamo nero mi fa impazzire. Per non parlare del fatto che saltata con la salsa di soia in padella (senza olio) e semplicemente allungata con l’acqua diventa qualcosa di sublime. In abbinamento con il coriandolo o parte fondamentale del mio Sushi Vegano (l’unica capace di dare una nota croccante insieme al tofu, avocado e seitan, a dispetto del cetriolo). Che sia servita con il curry e la curcuma, due tra le spezie che meglio si abbinano, la trovo idilliacamente buona in centrifuga con lo zenzero.

Senza contare che cruda con lo zenzero grattugiato fresco e un po’ di lime diventa una di quelle insalate drenanti e al tempo stesso sferzanti che difficilmente si dimenticano.

Questa volta si tratta di un mix semplicissimo. Una salsetta che piace moltissimo al Nippo e che io non adopero per la presenza di olio e miele. Nonostante questo ho un ricordo della carota con la senape al Miele della Maille a dir poco poetico.

Come preparare un’ottima salsetta per delle carote semplicemente bollite.

Se stai facendo una dieta ipocalorica puoi comunque adoperare l’olio extra vergine d’oliva e contenerti magari nella quantità. Se proprio vuoi maggiormente limitarti e non adoperarlo per tue ragione/indicazioni, non preoccuparti e allunga il tutto con un po’ di succo di lime o limone (anche arancia perché no?!). Vedrai che sapore!

In una ciotolina metti la senape che ti piace di più. Aggiungi un filo di olio evo, che a prescindere dalla dieta ipocalorica è sempre bene non esagerare. Mischia per bene e aggiungi poi un cucchiaino di miele. Assaggia per testare la combinazione e procedi secondo tuo gusto. Aggiungendo un po’ di miele o altra senape. Un po’ di sesamo bianco o nero per completare il tutto se vuoi.

Servi le carote e a parte la salsetta in modo che ogni commensale possa dosare bene la quantità che preferisce. Allo stesso modo potresti mettere tutti gli ingredienti in diverse ciotoline e presentarle in tavola spiegando magari le varie combinazioni. Ognuno si diletterà a modo proprio.

Forse potrebbe interessarti leggere...

13 COMMENTS

    • ma se io riesco a fare quelle 1309482039482034982 4cose arretrate poi .
      e se tu puoi.
      ce la facciamo a parlare 89 ore?

      mi manchi da stare male.
      BASTA.
      prendi una decisione.
      trasferisciti qui.
      oppure parliamo seriamente di come eliminare il nippo

      🙁 è uno strazio

      • mi trasferisco. è ora no? ti devo portare qualcosa da roma? maritozzi con la panna? piccioni? barboni? la madonna di rocca di papa? sassi di epoca romana? dimmi tu. io preparo valigia. solo fogli e penne e colori. i vestiti sono un di più inutile al momento. u_u

  1. AdoooooooVo le carotine!
    AdoooooooVo la senape Maille!
    AdoooooooVo il miele e il sesamo!
    Insomma. È la ricetta perfetta per me!

  2. carote. *pausa sbavo*
    meglio crude che cotte <3 a me fanno impazzire nella versione grattugiata, da piccola le mangiavo sempre così °_°
    e. con l'arancia e il coriandolo <3

  3. caroteee!!! dissero le bimbe alla vista della foto 🙂
    come non approfittarne
    oggi. caroteIaiose
    tantiabbracci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

La Food- Disegnoterapia

Puoi concentrarti su di un piatto per impararne bene le forme e prenderci dimistichezza. L'importante è zero stress. Non pensare mai che tu non sia in grado di disegnare. Sai farlo. Ti stupirai.

Pancake vegani con il latte di mandorla

Non sono una fan dei pancake, perché mi piacciono più i waffle ma devo dirti che questi sono in assoluto i pancake più buoni mai provati.

Ti porto nel salone Vittoriano

Ti porto nel mio salone vittoriano per prendere un tè insieme. Ti racconto del progetto e ti mostro qualche angolo inedito.

La Primavera di Fernanda, la mamma

Di questa Primavera ho parlato tantissimo in svariate occasioni, perché mi ricorda mamma ed evoca tanti preziosi ricordi.

La carbonara di fave

Con le zucchine, con gli asparagi, con l'avocado e pure con le fave. La carbonara vegetariana è ricca, buona e sorprendente.

More recipes like this