Home / Profumi di Sicilia  / Sua Maestà: U maccu

Sua Maestà: U maccu

Una delle prime ricette che ho fatto, dopo che nel mio “storico” -mi si passi il termine- blog ho inserito il food oltre che i fumetti, è stato proprio il Macco. In quell’occasione lo avevo preparato in onore di Hannibal Lecter accompagnandolo con del fegato, pietanza gradita dal nostro amabile dottore. L’origine del fegato è meglio non sottolinearla, però. Mesi fa mi sono resa conto di non aver mai fatto una videoricetta al riguardo, perché se mi segui da un po’ sai che il macco, oltre a essere un contenitore di ricordi e amore infinito, è uno dei miei piatti preferiti indiscussi. Amo poche cose come il Macco di Fave, che qui in sicilia chiamiamo U Maccu ri Favi. Una ricetta semplicissima quanto gustosa, che potrei personalmente mangiare ogni giorno. Viene accompagnata dal finocchietto selvatico fresco, che non è sempre reperibile in tutte le parti d’Italia. La raccolta, che qui in Sicilia si fa un po’ ovunque basta andare in zone verdi, è generalmente intorno a Settembre e apre l’autunno. Dipende poi chiaramente dal tempo e dalla temperatura. Il finocchietto è un ingrediente tipico delle ricette tradizionali siciliane, infatti la famosissima pasta con le sarde lo ha proprio come protagonista e lo stesso avviene nel macco. Onestamente io mangio il macco in ogni stagione ma lo preferisco quando posso accompagnarlo al meraviglioso finocchietto. A Catania poi è usanza fare le polpette di finocchietto selvatico che ti ho fatto vedere anni fa e mia mamma Nanda onestamente fa delle polpette talmente buone che non ne ho mai assaggiate di eguali. Ma ogni catanese o sicula che sia ti dirà la stessa cosa della sua mamma o nonna ed è giusto così. Una volta ti ho preparato anche un risotto servito nella provola con il finocchietto, ricordi? E ancora delle pappardelle servite su un letto di macco con le mandorle.

Nella Videoricetta sopra vedi la preparazione, che è davvero facilissima. Occorrono solo delle ottime fave secche e il gioco è fatto. In realtà le declinazioni del macco sono tante. A Catania si mangia generalmente con la pasta oppure viene fritto (con o senza pasta). Il macco fritto è qualcosa di sublime che fa uscire proprio di testa le papille gustative ma onestamente, per quanto buono lo trovi fritto, mi piace nella versione tradizionale. Che sia liquido o più compatto lo decidi tu. Che sia caldo o freddo, pure. In ogni modo stupisce sempre per la bontà.

Io lo mangio per tradizione anche il giorno del mio compleanno. Decido qualche giorno prima se mangiare i ceci -lo facevo sempre con il mio papà- o il macco. Per carità mi piacciono anche le fave fresche (d-a-m-o-r-i-r-e) ma appunto mi piacciono fresche e non surgelate, ergo devo aspettare che sia Primavera in quel caso.

La maggior parte delle volte decido e scelgo proprio lui, il re indiscusso del mio cuore. E se lo faccio è proprio perché per me è sempre festa e rappresenta in toto quello che sono, che ho nel cuore e nell’anima.

U maccu tutta a vita.

U Maccu nella Crock Pot? Sì.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
NO COMMENTS

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi