Torta di mele (vegan)

Una versione completamente vegan ma buona. Buona davvero

Faccio la torta di mele vegan completamente a occhio. Dipende sempre dalla consistenza della mela che adopero, dal tipo di zucchero e anche di bevanda vegetale, che può essere sostituito con quello che hai in casa. L’impasto non deve essere troppo consistente ma neanche troppo liquido e sono certa che a sentimento questo tipo di preparazione riesce sempre bene. Ti lascio indicativamente le ricette di una delle mie preferite. Quella perfetta per la colazione che da anni mi tiene compagnia con la sua morbidezza e bontà.

 

La Ricetta

200 grammi di farina integrale (anche 180 grammi di farina integrale e 20 grammi di farina di grano saraceno se vuoi), 100 grammi di zucchero di canna, 3 mele gialle belle grandi, una bustina di lievito, 200 ml di latte di avena, 160 ml di olio di semi di girasole, vaniglia (oppure puoi profumare con la scorza grattugiata di un limone non trattato)

 

Pela le mele a tagliale a pezzetti piccolini (dadini, sì). Mettile in un recipiente con succo di limone affinché non anneriscano. In una ciotola metti la farina, il lievito lo zucchero e poi il latte e l’olio. Lavora con le fruste elettriche e aggiungi la vaniglia. Potresti pure farlo all’antica con il cucchiaio di legno (io l’ho fatto nel kitchenaid). lavora per bene gli ingredienti e aggiungi i pezzetti di mele. La teglia da 22 o 24 è perfetta (io ho usato una da 20 perché mi piaceva latina). Spovera sopra un po’ di zucchero di canna e se vuoi anche della cannella. Cuoci a 180 per 40 minuti finché dorata e lascia raffreddare prima di servire.

QUESTO POST È STATO PUBBLICATO IL: 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Seguimi anche su Runlovers

Tutte le settimane mi trovi con una ricetta nuova dedicata a chi fa sport

MUST TRY