La Panna Cotta al tè matcha

Una declinazione dal sapore orientale del dolce sabaudo per eccellenza

Must Try

Semi di papavero e glassa di limone

Una delle preparazioni più buone mai preparate. Mi è sempre piaciuto moltissimo questo accostamento, quello dei limoni con i semi di papavero. Diversi dolci pasquali polacchi e dell’Est Europa hanno proprio i semi di papavero; anche il cozonac, per esempio, ha diverse volte il ripieno di semi di papavero. Il risultato -ma con una ricetta di Ottolenghi è facile- è sorprendente. Molto profumata, leggera e gustosa.

Tiramisù fragole e basilico e un dolce speciale

Un tiramisù molto profumato e fresco. Stupisce per leggerezza e freschezza questo dolce al cucchiaio di cui tutti sono ghiotti.

A brioscia co zuccuru – La brioche catanese più famosa!

La differenza tra la brioscia co zuccuru e quella col tuppo. È importante e non da sottovalutare.

Morbidona al latte di cocco

Una nuvola di rara bontà che i miei amici su instagram hanno fatto e rifatto mandandomi foto da ogni parte della Penisola (e posso...
Iaia
Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Il Nippotorinese ama moltissimo la panna cotta; sabaudo fino al midollo, insomma. Io, lasciando stare il fatto che non mangi la panna, non l’ho mai trovato un dolce particolarmente buono. Sono noiosa lo so ma al cucchiaio per me esiste solo una cosa: gelato (noiosa e ripetitiva, aggiungerei). Negli anni però proprio per questa passione sabauda mi sono specializzata nella preparazione di diverse declinazioni e una delle prime ricette, comparse nel 2010 su questi schermi, è stata proprio una panna cotta con la ricetta della mia bellissima cognatina. Alle fragole, lo ricordo come fosse ieri.

Faccio già da anni  la panna cotta a occhio, e talvolta aggiungo anche una parte di latte (si può fare solo panna, sì), vado sinceramente a occhio ormai ma orientativamente le dosi sono queste.

Gli ingredienti sono:

500 ml di panna liquida per dolci
100 ml di latte
9 grammi di gelatina in foglia
un quarto di cucchiaino di vaniglia in polvere ricavata dalla bacca
80 grammi di zucchero (anche meno)
Un cucchiaio colmo di tè matcha
Metto la gelatina in fogli ammollo con dell’acqua ghiacciata (rigorosamente) per 15 minuti. Su un pentolino metto la panna e il latte e poi lascio sciogliere lo zucchero. Aggiungo la vaniglia e porto a ebollizione. Una volta raggiunto spengo il fuoco, strizzo la gelatina per bene e la metto dentro. Lascio sciogliere pian piano girando di continuo. Una volta sciolto tutto verso la panna negli stampini o in quello in cui ho scelto di servire e lascio freddare. Dapprima fuori dal frigo. Poi dentro per almeno 4-5 ore.

Un dolce gustoso, facile e fresco caratterizzato dall’inconfondibile sapore del tè matcha. Perfetto per un dopo pasto ma anche per accompagnare un tè nero fumante caldo e avvolgente.

 

Forse potrebbe interessarti leggere...

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

La frolla con i fiori

I fiori si possono ammirare, coltivare, regalare e mangiare. Sì, esistono dei fiori eduli perfetti per zuppe, insalate e dolci sorprendenti.

Il poolish

Il poolish, altrimenti detto biga liquida, serve per consumare pochi grammi di lievito di birra. Un altro modo per consumare meno lievito e ottenere dei...

(Japanese) Tulip Sandwich

Di rara bellezza spicca il Tulip Sandwich, che regala uno splendido tulipano all'apertura. Questo modo tagliare il sandwich è tipico giapponese anche nella versione salata.

Il Latte di mandorla Siciliano

Per noi siciliani è sempre stata la bevanda estiva. Quella che bevi ghiacciata sotto il patio nella bottiglia di vetro. Uno scrigno di ricordi e bontà.

Torta al cioccolato vegana (la più buona since 2012!)

Era il 2012 quando per la prima volta pubblicavo questa ricetta sul Blog. Ne rimane traccia però solo un vecchio post che non ricordavo....

More recipes like this