Il Latte di mandorla Siciliano

Per noi siciliani è sempre stata la bevanda estiva. Quella che bevi ghiacciata sotto il patio nella bottiglia di vetro.

Must Try

A brioscia co zuccuru – La brioche catanese più famosa!

La differenza tra la brioscia co zuccuru e quella col tuppo. È importante e non da sottovalutare.

Siciliaia: 12 cose da mangiare in Sicilia

Una carrellata di delizie dolci e salate che raccontano tradizioni, famiglie e ricordi.

Siciliaia: 6 cose da mangiare in Sicilia

Sono tante le particolarità e i sapori. Sono declinazioni, variazioni e tradizioni. Ti racconto le prime sei in questo viaggio attraverso i ricordi.

Il risotto con il piacentino Ennese

La Sicilia vanta alcuni formaggi tipici ma di certo non possiamo dire che ci sia una tradizione minimamente paragonabile a molte altre regioni. Ora io ho un torinese in casa, d’accordo? Particolarmente fissato con i formaggi e intenditore per giunta. E ogni volta che storce il naso perché nessuno dei formaggi tipici gli piace particolarmente mi infastidisco. Non perché sia campanilista, e se mi leggi lo sai, ma semplicemente perché -come gli dico sempre- non è che qui ci sono tutte queste montagne, alpi e pascoli. Ci sono chiaramente. Ma sarebbe un po’ come storcere il naso sul pescato del giorno a Torino. Fa un po’ ridere, no?  Quindi senza girare tanto intorno alla questione formaggi, potremmo non stupirti più di tanto, mio adorabile forestiero. C’è da dire però che ci sono dei prodotti interessanti che potrebbero solleticare la tua gola. Io, quando mangiavo formaggi, ti confesso che ero una fan scatenata della ricotta salata. Fosse stato per me -intolleranza fulminante come se non esistesse- me la sarei iniettata in endovena tre giorni a settimana e almeno due volte al dì. Ma pure sette giorni su sette.
Iaia
Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

 

“Ma tu quando eri piccolo lo bevevi il latte di mandorla?”
“No. È da viaggio all’estero. Da località esotica”.
Chiaramente ero sarcastica nella domanda e lui ironico nella risposta. I torinesi, ho scoperto con il tempo, sono imbattibili sull’ironia. Così, voglio generalizzare stamattina.
È bello vedere il latte di mandorla così amato, idolatrato e bevuto in ogni dove adesso. È diventata un’abitudine, una validissima alternativa e una grande risorsa. Per noi siciliani è sempre stata la bevanda estiva. Quella che bevi ghiacciata sotto il patio nella bottiglia di vetro; che fosse stata fatta con il panetto pieno di zucchero, per poi diventare granita, o semplicemente con le mandorle sbucciate da nonna. Una a una.
Un bicchiere era prezioso e un litro era un piccolo tesoro da dividere con chi amavi. Mi capita di bere molte bevande vegetali a base di mandorla, alcune molto buone, altre che mi piacciono tantissimo perché contenenti il cocco – l’abbinamento mi ispira parecchio- ma latte di mandorla chiamo solo questo: quello fatto in casa.
Ognuno ha la propria ricetta e negli anni te ne ho fatte vedere tante. C’è chi mette 100 grammi per un litro, chi duecento e così via; questo dipende molto dal fatto dell’interpretazione che tu vuoi dare al latte di mandorla. Se vuoi una bevanda giornaliera o una bevanda speciale ma procediamo con calma.

Nonna faceva a occhio -come diceva “a sentimento”- e qualche volta, ti confesso, anche io; partiamo dalla cosa più importante.
Dipende -la quantità- anche  se il latte di mandorla devi berlo semplicemente o devi poi trasformarlo in granita. Dipende dal  sapore che ha la mandorla e di conseguenza dal tuo gusto. Io orientativamente uso: 260 grammi di mandorle (a volte arrivo anche a 300 e si tratta sempre di mandorle di Avola, che prendo dal mio fruttivendolo di fiducia) per un litro di latte (a temperatura ambiente) per un buonissimo latte di mandorla corposo che posso eventualmente trasformare in granita.

Trito le mandorle con l’acqua e lascio riposare per almeno 2-3 ore. Anticamente si usava la garza: si frullavano le mandorle spellate bene e asciugate ancor meglio e si immergevano in infusione nel litro d’acqua calda.

Trascorso il tempo si filtra eliminando le mandorle e raccogliendo il buonissimo latte. Puoi zuccherare a piacere e non ti lascio nessuna grammatura esatta perché devi assaggiarlo, capirlo e decidere tu. A me non piace, per esempio, quel latte eccessivamente lezioso che ti fa sentire solo lo zucchero e non le mandorle.

C’è latte di mandorla e latte di mandorla

La bevanda vegetale che trovi in commercio è nettamente differente dal latte di mandorla; prima di tutto perché nel secondo c’è un’altissima percentuale di zucchero in più (generalmente). Quando chiedi in un bar siciliano del latte di mandorla di certo non puoi aspettarti la bevanda vegetale al sapore di mandorle, insapore e molto delicato. Il latte di mandorla originale, quello siculo, è molto corposo e intenso e la maggior parte delle volte, come potrai intuire senza chiederti come mai, non è fatto con mandorle vere ma con panetti economici che hanno sì della mandorla ma è lo zucchero la percentuale maggiore.

Il latte di mandorla in Sicilia infatti si può fare con i panetti acquistabili tutto l’anno nei supermercati oppure in questo modo tradizionale che ti ho raccontato; farlo con il panetto richiede meno tempo e la stragrande maggioranza si affida a quello, inutile negarlo. Per le occasioni speciali però le mandorle e la “mungitura” di quella che si chiama “okara” (lo scarto) rimane la soluzione definitiva. I panetti, so per certo, non sono facilmente reperibili in commercio ma qualcosina online si può trovare. Il discorso panetti si fa ampio e complesso quando poi si affronta: panetto commerciale o panetto artigianale? L’abissale differenza è intuibile senza ulteriori deliri da parte mia.

E con il caffè?

Buonissimo anche con il caffè, il latte di mandorla è una base perfetta per bibite incredibilmente buone. Se posso consigliartene una, a parte quella di aggiungere un pizzico di cannella, è sicuramente:

la menta.

Latte di mandorla e un po’ di menta

Mi ricorda cose talmente belle che al momento non saprei neanche metterle nero su bianco, per la commozione. Dico solo che era una delle bevande preferite che io e papà amavamo bere insieme.

Su RunLovers ti ho parlato di un altro tipo di Latte di mandorla (e di avena), che somiglia più alle bevande vegetali che trovi in commercio; ergo con una quantità inferiore di mandorle nell’acqua. Con proporzione 100 grammi per un litro. Qui trovi l’articolo.

 

In questi giorni pubblicherò anche tanti ricette che si possono realizzare con l’okara, lo “scarto”, ma ti anticipo che asciugandolo ed essiccandolo (anche al forno e non necessariamente con l’essiccatore) viene un mix perfetto da aggiungere ai porridge (dolci e salati) o per impanare e ottenere verdure croccanti e deliziose.

Il video su Instagram

View this post on Instagram

Il post sul mio Blog che riguarda il latte di mandorla lo trovi qui: https://maghetta.it/2020/05/09/il-latte-di-mandorla-siciliano/ Il video precedente che ho pubblicato su igtv dove trovi anche la ricetta della granita siciliana alle mandorle lo trovi qui: https://www.instagram.com/tv/BkktNj5FDwG/?hl=it Il mio articolo su @runlovers lo trovi qui: https://www.runlovers.it/2016/latte-di-avena-e-latte-di-mandorla-da-fare-in-casa/ Per la bevanda vegetale: 100 grammi di mandorle spellate un litro di acqua calda (intorno ai 60-70 gradi è perfetta) 50 grammi di zucchero (aggiungi o diminuisci a piacere) In infusione 1/2 ore Per il latte di mandorla siciliano: 250 grammi di mandorle spellate un litro di acqua calda (intorno ai 60-70 gradi è perfetta) 100/120 grammi di zucchero (aggiungi o diminuisci a piacere) In infusione almeno 2 ore Per la granita (anche se va bene la dose del latte di mandorla siciliano) 300 grammi di mandorla spellate un litro di acqua calda (intorno ai 60-70 gradi è perfetta) 150/160 grammi di zucchero (aggiungi o diminuisci a piacere) In infusione almeno 4 ore. Presto uno speciale sull’okara “ i resti” delle mandorle. #food #foodie #sicilia #sicily #catania #ricette #videoricette #almond #lattevegetale #vegan #veglife

A post shared by 𝗚𝗥𝗔𝗭𝗜𝗔 𝗚𝗜𝗨𝗟𝗜𝗔 𝗚𝗨𝗔𝗥𝗗𝗢 (@iaiaguardo) on

Forse potrebbe interessarti leggere...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

La frolla con i fiori

I fiori si possono ammirare, coltivare, regalare e mangiare. Sì, esistono dei fiori eduli perfetti per zuppe, insalate e dolci sorprendenti.

Il poolish

Il poolish, altrimenti detto biga liquida, serve per consumare pochi grammi di lievito di birra. Un altro modo per consumare meno lievito e ottenere dei...

(Japanese) Tulip Sandwich

Di rara bellezza spicca il Tulip Sandwich, che regala uno splendido tulipano all'apertura. Questo modo tagliare il sandwich è tipico giapponese anche nella versione salata.

Il Latte di mandorla Siciliano

Per noi siciliani è sempre stata la bevanda estiva. Quella che bevi ghiacciata sotto il patio nella bottiglia di vetro. Uno scrigno di ricordi e bontà.

Torta al cioccolato vegana (la più buona since 2012!)

Era il 2012 quando per la prima volta pubblicavo questa ricetta sul Blog. Ne rimane traccia però solo un vecchio post che non ricordavo....

More recipes like this