Home / Profumi di Sicilia  / Se si voleva una conferma che l’Italia sta andando a rotoli, eccovi la candidata come miglior Donna su Twitter (respira-inspira)

Se si voleva una conferma che l’Italia sta andando a rotoli, eccovi la candidata come miglior Donna su Twitter (respira-inspira)

Comincerei con il dire che a me non è importato nulla di finire tra le cinque miglior donne di Twitter, da un punto di vista competitivo (caldeggio apertamente la vittoria di Dania, tra l’altro).
Mi è importato al contrario l’affetto dimostrato ieri alla proclamazione delle nominations. Con fatica ho potuto ringraziare le centinaia (perchè santapizzetta si parla di cifre assurdamente numerose che per me continuano ad avere dell’incredibile) di persone che,  complimenti immeritati a parte,  mi hanno avvolto in un abbraccio assurdamente avvolgente.

Ho allungato biscotti virtualmente, parlato di fantomatici bonifici pattuiti e lanciato cuoricini. La verità è solo una. Mi sono sentita in fortissima difficoltà perchè è difficile gestire le emozioni in questi contesti per una come me che sul web c’è sempre stata ma con l’insana voglia di non esporsi.
Ritrovarsi ad essere semplicemente quello che si è senza paura di mostrare nani da giardino e conigli immaginari, fobie preoccupanti e deliri scoordinati e ritrovarsi a fronteggiare manifestazioni di affetto sincero è .
E’ commovente.

A me del popolo del web piace sì il fatto che  possa indossare una, due, cento, mille maschere ma che ugualmente riesca ad essere incredibilmente schietto e sincero. Proprio perchè non vi sono filtri una boutade scappa senza tanti contorsionismi mentali su galateo o netiquette che dir si voglia.
Ho già comunicato che non potrò essere a Riva del Garda per applaudire ma soprattutto abbracciare chi in questi anni e soprattutto in quello passato e appena trascorso ha fatto parte indiscutibilmente di gran parte della mia vita.
Una videoconferenza è però prevista e mi ci vedo già a dire qualche strafalcione in diretta o in differita attraverso una webcam con i miei nani da giardino (potrei giusto cantare una canzone) .

Avendo promesso di partecipare ai Tweet Awards 2012 sperando che i Maya non abbiano ragione e che l’edizione 2013-2098 si tenga, dove sarò impegnata alla preparazione di tonnellate di cupcake, conto già le crocette sul calendario in attesa dell’evento.

Conoscendo la mia sinteticità mi è stato chiesto  un video di pochi minuti . Per quanto mi riguarda potrei organizzare un’ uscita dvd di 234 fascicoli settimanali. La cosa sorprendente di me è avere tante cose da dire senza dire nulla, del resto.

Il Link per (eventualmente) votarmi non lo lascio. Piuttosto pregherei di lasciare voi qualche altro bacetto che a noi (parlo al plurale riferendomi ai nani e conigli. Sto migliorando, sì) interessa questo.

(posso chiedervi se questa organizzazione diversa del template con “leggi il resto dell’articolo” è comodo o scomodo? Grazie infinite) 

Ringraziamenti doverosi e sentiti a parte direi che è il momento di far fuori dall’archivio anche alcune considerazioni su Ortigia e dintorni che risiedono nell’archivio già da un mese e qualche ricettina estiva. Postare una bella fettona di anguria il 23 Dicembre per la vigilia risulterebbe quanto meno assurdo. Non che qui l’assurdità non sia di casa ma potendo beh. Eviterei. E dunque.

Tutti i negozi di souvenir e non solo rimangono aperti sino a mezzanotte in quel di Ortigia. Alcuni addirittura durante la stagione estiva chiudono sagacemente alle prime ore del mattino quando tutti saltellano allegramente da una spiaggia all’altra per poi proseguire questo tour de force da clientela turistica nelle ore notturne.

Essendo patria di un’università di Architettura di tutto rispetto, Ortigia come la stessa Siracusa oltre ad essere architettonicamente intrigante dal punto di vista culturale lasciando trapelare un passato che ben poche città possono vantare, possiede inoltre un concept alternativo e modernissimo. Come farfugliavo giustappunto nella pseudorubrica “le cose da fare a Ortigia e Siracusa” questa miscellanea di antichità e ultra modernità è una delle cose che più colpisce un occhio attento.

Vi sono difatti moltissimi esercizi commerciali pieni zeppi di idee innovative e di design. Per chi come me apprezza gli irrinunciabili gadget, a volte utili e altre no,  non avrà difficoltà alcuna a trovare i pezzi più pubblicizzati e non solo. Immancabili gli oggetti da cucina ricercati, le chiavette usb più disparate, le lomo in tutte le varianti compreso il paccone gigante della Diana con i vari obiettivi, il fisheye e miriadi di magliette minimal simpatiche che strappano sorrisi. Non soltanto ci si affida però a certezze conosciute a carattere nazionale ma a innovazioni locali di spicco. Una su tutte credo sia proprio Fish House.

Un adorabile luogo dove all’esterno troneggia un enorme tonno di plastica;  a guardarlo in lontananza sembra sia stato davvero appeso ad un balcone e mostrato come trofeo di pesca ( ti viene un colpo in pratica, sì).

 All’interno Fish House è completamente arredato con cassette di legno e reti come fossimo stati davvero catapultati in una vecchia pescheria; moltitudini di pesci in vetro soffiato superbamente realizzati e sistemati con cura riempiono cassette. Non è troppo difficile avvicinarsi un po’ per testare che non siano del tutto veri.

Polpi attorcigliati, saraghi, orate, calamari, seppie, scorfani e masculini come si chiamano qui le alici. Vetrine con orecchini a tema marino con coralli un po’ più costosi degli altri prodotti ma comunque accessibili. Design e innovazione frullata con una fantasia smisurata. Un luogo da cui portar con sè un ricordo innovativo e introvabile. Di gusto, ricercato e dall’odore di genialata assoluta.

Io e il Nippotorinese, pur ripromettendoci di contenerci (ci piace prenderci in giro reciprocamente), siamo usciti con l’intenzione di guardare ma non comprare. Il perchè poi ci siamo ritrovati con uno zaino supplementare acquistato in loco per contenere la mole di amenità (amenità necessarie eh) è un altro discorso.

Tra i vari oggettini (ir)rinunciabili che ci siamo accaparrati (potrei tranquillamente usare il singolare in effetti) c’è l’Ape Cross che è degna di nota. Perchè francamente trovare al giorno d’oggi un’Ape Cross a misura di nano da giardino è certamente difficile (reperto fotografico numero 1 ). Converrete con me che era un acquisto necessario.

Forse più del patè di Ricciola che tanto successo ha riscosso. Perchè è qua che volevo arrivare (non è vero ma che importa. Il mio intento era l’ape cross del nano da giardino e via). Tra questa alternanza di negozietti pullulanti di souvenir, oggetti ricercati e genialate abbiamo anche trovato un bell’angolino con i prodotti di Campisi.

Campisi è famosissimo in quel di Marzamemi e più volte ho avuto il piacere di visitare tonnare e annessi. Il mio papà quando ero piccola mi portava in un luogo bellissimo proprio sul porto di Marzamemi. Con degli acquari enormi. Sceglievi i pesci da lì; guardandoli in faccia segnalavi “questo. questo epurequesto”.

Chiedevo a papà se avrei potuto anche io possedere un giorno degli spazi pieni di acqua così nella stanza per salvarli e ogni volta rispondeva che.

Sì. Avrei potuto. Passandomi la mano sulla testa e sorridendomi con quei suoi denti perfetti e bianchi come stelle lucenti.

Una volta, giusto per cominciare a salvarne qualcuno seppur metaforicamente, ricordo di aver disegnato un acquario enorme sulla parete della mia camera. Solo con le mani e senza pennelli (era il mio periodo di “no ai pennelli”) .

Da qualche parte dovrei avere anche delle foto ma sto parlando di altro mi sa. Solo che ora non posso parlare di altro perchè non ricordo dove siano le foto. Ora però. Basta. Datemi un calmante. Dicevo?

Insomma. Da Campisi vi è il tripudio del pesce in tutte le sue forme. Conserve di tutti i tipi. Dove spicca innanzitutto la presenza del tonno rosso sotto forma di filetto in olio extra vergine d’oliva o in scatola. Enormi scatole che possono arrivare anche ai due chili cadauna. Ci sono diversi patè, tra i quali quello di Ricciola. La buzzonaglia di Tonno rosso è costituita da parti di filetto a contatto con la lisca centrale che risultano molto scure perché abbondantemente irrorate di sangue. Una miscellanea di resti e non parti pregiate che al contrario sono state utilizzate per la ventresca, il musciame e lattume.

Qualche settimana fa avevo preparato la pasta ai tre tonni (link); così giusto per dire

Dal prezzo non è difficile intuire che per la buzzonaglia si tratta di “scarti” ma ci si possono far delle spaghettate indimenticabili, ci dice la gentilissima ragazza che ci serve.

Giusto per rispettare le promesse fatte e non smentirci compriamo un barattolo per ogni tipo e rincariamo la dose quando nel reparto bigiotteria troviamo (plurale per non sentirmi esclusivamente in colpa, sì)  anelli a forma di coniglio, collanine e robetta varia. Chiedo allora qualche consiglio approfittando della disponibilità e gentilezza.

Mi viene suggerita l’insalata di Musciame con arance .

E così faccio immediatamente appena rientro a casa. Preparo questa velocissima insalata che lei ha spiegato letteralmente così ” tagli a tocchetti il musciame, metti arance, olio e basta”.

Bene. Considerato che il tonno marinato nell’arancia o glassato qui in Sicilia è un must, io faccio la seguente ma aggiungo una note dolce con i pachino e un contrasto con la cipolla di Tropea. Perchè mi piace far finta che io ne capisca qualcosa di sapori e decreto e sentenzio.

Insomma.

Faccio marinare prima un po’ nel succo di arancia fresca appena spremuta il Musciame. Lascio lì per un po’ mentre taglio a tocchetti i pomodori di pachino e pochissima cipolla rossa di Tropea giusto per dare l’ennesimo contrasto.

Unisco pomodorini e cipolla (pochissima) con il tonno marinato insieme al succo. Olio extra vergine di oliva e niente sale supponendo che il pesce sia già bello salato di suo e via.

Un piatto freschissimo e velocissimo che riscuote un discreto successo ed entra a far parte delle ricette ultraveloci ma al tempo stesso ricercate e inusuali.

Del resto la semplicità inusuale è. Come un’Ape Cross per il Nano da Giardino.

E’ chiaro che un Nano da Giardino per motivi lavorativi usi un’Ape Cross. E’ la cosa più semplice che si possa pensare. Eppure appare per qualche inspiegabile motivo inusuale.

Certo è che c’è davvero troppa gente complicata e strana in giro.

Ah. Uff. Quasi dimenticavo. Considerato che le ho fotografate magari è un’ideuzza veloce anche per voi. Se avete a casa delle Tigelle rigorosamente biologiche (anche no, eh) potete pensare di farle tostare e caldissime servirle con un pesto di melanzane. Ora voi mi direte “e dove lo prendiamo il pesto di melanzane, idiota?!”. Premesso che siete stati scortesi, sinceri ma scortesi, direi che si può realizzare velocissimamente in casa il pesto di melanzane. Dopo averle cotte a vapore basterà frullarle con pachino, olio extra vergine di oliva, un po’ di parmigiano grattugiato o pepato siciliano facilmente reperibile, qualche scaglia di mandorla già spellata e un po’ di pistacchio in polvere.

Sono previsti update in giornata. Così giusto per ribadire che il Sabato è lontano e per rovinarvi questo inizio settimana.

Non mi resta che fiondarmi su Halloween Food e capire come organizzare giusto un paio di cosette (leggi: 1903821903812038102381032810328109328138102)

(grazie infinite ancora)

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
31 COMMENTS
  • pani 20/09/2011

    ma sono ancora in tempo per votare?
    Formidabile l’ape car per nani. Se io ne avessi uno, (ma temo sempre il fronte di liberazione dei nani da giardino) gli regalerei una R4 rossa

    • Giulia 20/09/2011

      Una R4 rossa . Già la vedo alla rotonda sgommare. Purtroppo con L’Ape si fa un po’ fatica perchè sgomma un po’.
      Ma credo sia un problema di gomme. Metterò quelle da cancellare di Hello Kitty. SOno più affidabili.

      Purtroppo si può votare ancora, sì. Controbattiamicomioilmale! e vota le altre candidate.

      Sogno di poter dire “non sono una ragazza solare, mi lamento sempre, non mi sta mai bene niente e ho abbandonato i miei genitori in autogrill. Detesto la nonna e ho ucciso un nano da giardino ” durante una competizione.
      Sarà che ancora non mi sono ripresa da Miss Italia.
      I sogni da bambina sono tornati prepotenti grazie a un Fabrizio Frizzi con una nuance di colore nuovissima e intrigante.

    • Giulia 20/09/2011

      Dimenticavo. Quelli del fronte liberazione nani ben sanno a chi togliere l’affidamento.
      Nel tuo caso te ne farebbero adottare almeno 10382103812903819023810293810238109238131302.

      parola di nanista.

  • Darsch 20/09/2011

    Te la meriti tutta la vittoria, sei semplicemente una colonna portante di Twitter (e non solo, per quanto mi riguarda). 🙂
    Per quanto riguarda il template: è assolutamente approvato dall’Associazione Darschi Italiani! Mi pare anche di avertelo consigliato più o meno una quarantacinquina di volta nei mesi passati… xD
    (piesse: dobbiamo dare un revamp a tuppete.net… pefforza… è lì abbandonato… o aggiungiamo più gente, o ripensiamo il progetto… *_*)

    • Giulia 20/09/2011

      Devo scriverti da due settimane e poi ogni giorno faccio un facepalm e se vedo il tuo nick dico cacchiosimonevero.
      ma non perchè devo.
      ma perchè voglio.
      Solo che davvero io non ce la sto facendo. Sto andando dritta dritta come un treno ma quelli nipponici che vanno a 400 kmh.
      Anzi no. come quel film dossier del tizio che doveva andare in pensione e fa l’ultimo giorno di servizio sul treno .
      senza freni. si rompe tutto .
      direzione ospedale.
      che non si puo’ evacuare e allora deve salvare l’universo tutto *_*
      e alla fine non si schianta. INSOMMA.
      considerato che sono piu’ impedita di quell’eroe io ucciderò passeggeri e tutti i malati dell’ospedale. Suppongo pure il paese adiacente e la nazione intera.
      Il fatto è che mi dico spettachescrivodopocosifacciomeglio e poi facciomeglio diventa facciopeggio.
      E di tuppete vorrei parlarne seriamente anche io e lanciarlo .
      e aggiungere siti .
      e sistemarlo . e.
      e vorrei pure che tu e Sonia veniste qui o io venissi su per andare da Vale con voi.
      Ma soprattutto vorrei che dicessi a Sonia che IO DAVVERO voglio fare quellacosallla. e che davvero sto fremendo.
      La luce sta cambiando e non c’è piu’ lo stesso sole. Fare le foto di inverno in oggetti piccolissimi come quelli direi proprio di no.
      e devo scrivere pure a lei.
      e insomma.
      *_*
      Simo sta andando tutti a rotoli e ben presto mi odieraiodierete e io non riuscirò a salvare il treno.
      Sono catastrofica lo so ma purtroppo ciazzeccopureconleprevisioni.
      detto questo.
      visto chenoncihomaitempo volevo dirti qui davanti a tutti che:
      ti voglio bene.
      sei il mio biscottinomirtilloso.
      e che sei un amico vero. io lo so .

      un bacio grande.

      • Darsch 26/09/2011

        Iaiuccia mia (possiamo brevettare questa formula peffavore?), tu devi fermarti ogni tanto e fare un bel respiro, altrimenti succede che qualcosa ti sfugge inevitabilmente dalle mani. Ed è sempre un peccato.
        Anche io te ne voglio, di bene, e puoi stare tranquilla, perché non c’è nulla che tu possa fare o non fare che mi potrà mai portare ad odiarti in qualche modo. Ricordati che la migliore dote di un amico vero è la pazienza. 🙂

  • e io ti voto lo stesso tiè!
    chesonolatuafanscatenataoièèèa

    • Giulia 20/09/2011

      ma se sei la mia futura moglie!
      FANDECHEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE?!?!!?!?

      io stanotte non dovessi dormire. ti rispondo.
      dimmi che dal mese prossimo.
      davvvero telochiedocomefavoreeregalodimatrimonio.

  • Wish aka Max 20/09/2011

    Allora allora allora…. andiamo con ordine.
    1. Il link per votare lo metto io, testina di vitello che non sei altro! http://www.tweetawards.it/votazioni/vota-i-vincitori-dei-ta11/
    2. La parola d’ordine è “vota e fai votare @maghetta o la maledizione del nano da giardino si abbatterà sulla tua progenie”
    3. Se ti imbarazzava questo, pensa quando l’anno prossimo ti troverai candidata tra le TILF… l’uomo dei miracoli (@RudyBandiera), dopo il clamoroso successo dell’hashtag #lovvotica, ha inventato TILF che è diventato trending topic… Per chi non sapesse per cosa stia l’acronimo, proviene da MILF, designato per una categoria di giuovani mamme piaciuenti che per questo giuenerano apprezzamento (Mother I’d Like to Fuck). Ecco, al posto di Mother c’è Twittera…
    4. Per una volta, sticazzi di Ortigia e tutto il resto :). Oggi si parla solo di VOTA @maghetta!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    PS piccola nota di servizio. Sabato mattina si parte per una settimana, mi piacerebbe che ci si riuscisse a sentire prima… se vedi un numero 06492… sono io dall’ufficio!!!!!!!!!!!!!!!! #cazzucazzu

    PPS ai #TA11 #sucate e #sapevatelo sono entrambi in finale… durissima scelta… 😉

    • Giulia 20/09/2011

      mi chiedo cosa ho fatto di meraviglioso per meritarmi te che mi fai scoppiarearidereinqualsiasiluogoiomitrovi.
      e.
      vabbè.

      machettedevodiiii.
      ti amo.

  • Wish aka Max 20/09/2011

    Avevo dimenticato il commento sul template.

    Ti confesso candidamente che non l’avevo neanche notato il link “leggi tutto l’articolo”. La mia modalità d’uso di questo blog è binaria:
    1. Arrivo al post che mi interessa direttamente dall’email o dall’rss reader
    2. Vado sulla home page e clicco sul titolo del post che appare per primo.

    Per cui il “read more” a me non si applica…

    • Giulia 20/09/2011

      che sta per “micateleggo” ?*si rotola per terra ridendo

  • ilfastidi0 20/09/2011

    rispondo solo a questa domanda “posso chiedervi se questa organizzazione diversa del template con “leggi il resto dell’articolo” è comodo o scomodo? ”

    RISPOSTA: è comodissimo….perchè almeno inizio a leggere, visto che non vedo la fine (che come sempre è all’infinito)

    p.s. il gusto pirandello com’è??? io non sono riuscito ad assaggiarlo! 🙁

    • pieceofstar24 20/09/2011

      meno male che qualcuno gliel’ha insegnato *_* per il bene di tutti i dispositivi mobili e non -.-”

    • Giulia 20/09/2011

      ma perchè non devi leggermi? quindi quando ti cito manco sai che ti cito?
      no cioèfammicapire.
      nel titolo devo scriverti ” salvoparlodite” ?

      E comunque me l’ha insegnato la signorina Star qui sotto. Donna di grande pazienza 😀
      che amo.

      • pieceofstar24 20/09/2011

        io voglio solo dirti che ho comprato il selzdafhjakefkl (il seltz per l’appunto). E che ho comprato i limoni. E che ho il sale. E. ecco. solo questo volevo dire.

      • ilfastidi0 20/09/2011

        non c’è bisogno di citarmi nel titolo…..basta scrivere nelle prime 20 righe, ovvero prima del “continua a leggere” così so!!!

        Signorina Star (ma star come il dado??????) non so perchè, ma ti voglio bene 😀

  • Alessandra 20/09/2011

    Un abbraccio e un bacetto a te e ad ognuno dei tuoi nani panciuti e conigli orecchiuti!!! Sei grandiosa!!! 🙂
    Io, nanoide pure io, faccio il tifo da qui per tutti voi!!! 😀

    • Giulia 20/09/2011

      Ale santapizzetta che vergogna. Ma mi ci vedi con i nani e i conigli sul palco a dire “voglio la pace nel mondo ma prima fatemi salutare mia nonna che è la persona più importante della mia vita” ?

      HO PAURA

      detto questo passiamo alle coseimportanti:
      grazie per il sostegno. per i bacetti ma soprattutto per la compagnia.
      Che è quella davvero che mi “interessa” di più
      Un bacio grandissimo e un abbraccio stretto stretto !

  • Sara Francesca 20/09/2011

    Eri partita bene con il post… Stavo annuendo e trattenendo il fiato e la muraglia cinese dei nani si stava aprendo per permettermi di allungar la mano e sfiorarni capelli… Ma poi è arrivato il bianconiglio e sei sparita.
    Mi accontento.
    Sai il mega lungo assurdo commento di boh? Una settimana fa. Ebbene potrei incollarlo qui sotto.
    Ma ho capito che la pensiamo uguale anche se mi/ci regali 1/12 del tuo io.
    Star alle tastiere se sei un animo sensibile ti permette di star nudi con i tuoi fantasmi senza tagliarti. E anche accadesse c’è qualche vampiro amico che lecca dolcemente il tuo sangue.

    Io penso che Dania si meriti il premio per tweeter per quello che ha passato, per quello che sta facendo, perché il suo modo di scrivere è satira. Per te sono contenta che tu ti sia sentita amata e apprezzata. Ma tu dovresti vincere il premio per altro, perchè twitter (o io lo vedo così) è un ponte per il tuo mondo e quindi è quest’ultimo che dovrebbe esser premiato.
    Forse un libro stile divina commedia con una voce fuori campo a fare da guida tra i tuoi 12 progetti sarebbe il giusto premio.
    Oggi sono anche un pò cinica quindi ti lascio anche un “attenta tra i milioni di contatti animi sensibili sono pochi e quindi forse alla fine meglio Giulia con annessa muraglia nanesca” ( ma mi sa che lo sai).

    Per quanto mi riguarda “grazie per avermi accolto e travolto . Se non fosse stato così non avrei mai scritto”. Ti sei esposta te per prima.
    Grazie per oggi.

    Vorrei continuare a blaterare ma forse è il caso di “offare” (off con sbuffo)

  • pieceofstar24 20/09/2011

    la fine del mondo è davvero vicina. Tu vincerai e quel giorno Pier si strapperà i capelli (?) perchè tu ti chiederai il perchè hai vinto se. ok. per dire che? niente.
    Per dire che non concepisco che Miss Italia sia andato in due puntate e non concepisco che la valigia non si sia disfatta da sola. Che vorrei lamentarmi di tutto fino al 2034 e bere seltz fino a scoppiare.
    E il template con il “leggi tutto” non ti dirò che è una buona idea…a me imballare il blackberry per aprire un post piaceva e pure molto *_*

    E quindi bacetti 🙂

  • Cleo_nnia 20/09/2011

    Io manco ho aspettato questo “racconto” per votarti.. capisc’a me! ;)))
    Un voto solo è poco, davvero troppo poco.

  • Selena 21/09/2011

    Dire che se potessi t’avrei votato tutte le volte te…peccato che l’ho fatto SOLO per la miglior twitter donna del creato <3

  • Cey 21/09/2011

    Voglio tutte quelle meraviglie che hai cucinato, subito. so che mi farebbero stare meglio. Fabri vuole iscriversi a twitter solo per votarti =)

  • Fico&Uva 21/09/2011

    Grande Donna !!!! Io voto eccome se voto!!!! mi iscrivo su Twitter e voto… mi iscrivo 2 volte una come Fico una come Uva e voto ancora!!!

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi