Esperimenti di Pancake con il Cous Cous

Must Try

La frolla con i fiori

I fiori si possono ammirare, coltivare, regalare e mangiare. Sì, esistono dei fiori eduli perfetti per zuppe, insalate e dolci sorprendenti.

Il poolish

Il poolish, altrimenti detto biga liquida, serve per consumare pochi grammi di lievito di birra. Un altro modo per consumare meno lievito e ottenere dei...

Torta al cioccolato vegana (la più buona since 2012!)

Era il 2012 quando per la prima volta pubblicavo questa ricetta sul Blog. Ne rimane traccia però solo un vecchio post che non ricordavo....

Organizziamo i pasti per vivere sereni, felici e in salute, soprattutto

Ehhhhh. Sono tornata! E lo dico con voce da Freddy Krueger quando tutti credevano fosse finito a pezzetti nella fornace e invece. Con la...
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Di quelle ricette che sanno di avanzo, gioco, ricerca, invenzione. Di quelle che dici “ma come l’hai fatta?” e la risposta è professionale:

“Boooohhh”.

Il fatto è che ho messo da parte un po’ di cous cous perché dovevo preparare tutt’altro e mi sono ritrovata a immaginarlo in maniera diversa da come poteva essere il classico cous cous proposto in diversi modi anche qui (anzi ne parlavo giusto qualche giorno fa nel pomodoro imbottito di cous cous, giusto?).

E allora mi sono detta, non facendo neanche chissà quale scoperta, che in fondo il cous cous è un po’ come il riso e la soia che fanno da base a tutta una linea di creazione infinita (come il mais a dirla tutta) e che poteva a diritto entrare in quella categoria di: inizio.

Un po’ come il big bang quando tutto si genera e nasce. Con la soia ci puoi fare gli spaghetti e pure la pizza. Con il riso ci puoi fare il latte e pure il gelato. Con il mais ci puoi fare i maccheroni e pure la farina per il pane e insomma con il cous cous ci potrò pure fare un pancake no?

E perché non un pancake salato?

E allora zittazitta quattaquatta ho raccolto il cous cous in una ciotolina e senza pensarci ho proceduto “a occhio” con l’infallibile tecnica della casalinga disperata “butta dentro, non pensarci e che ilcielocelamandibuona”. Ne ho provato una piccolissima dose giusto per capire il funzionamento. Il burro, il latte, lo zucchero e le uova sono alla base della preparazione del pancake. Eliminato lo zucchero naturalmente ho aggiunto al cous cous un pochino di latte intero freddo di frigo. Poi un uovo (non ho pesato furbamente il cous cous ma era una ciotolina non troppo grande. Per intenderci all’incirca tipo quelle in cui viene servita la zuppa di miso. Ditemi che sono stata precisa o piango adesso subito), un po’ di sale e giusto pochissimo burro ma davvero poco. Perché in un primo momento volevo aggiungere l’olio extra vergine d’oliva ma poi l’ho scordato.
E poi sempre in una noce piccola di burro fatta riscaldare in una padella antiaderente ho messo lì questa polpettina spiaccicata a mo’ di pancake. L’impasto era molto corposo naturalmente per la presenza del cous cous e non liquido ma compatto come dovrebbe essere il cupcake. Insomma alla fine non era chissà quale invenzione o preparazione. Chi non ha sbattuto sulla padella una frittatadipasta, frittatadirisodiavanzo, frittatadivicinodicasachehaparcheggiatoneltuoposto e cosi’ via?!

Poi per far finta che fosse una cosa da gran gourmet ho arrotolato l’unica fetta di bresaola quasi secca che stava nel frigo. Visivamente sembra tutto un idillio ma al momento qui è disperazione assoluta.

Frigo vuoto, dispensa che piange, prodotti cosmetici di bellezza (sefaperdì) finiti e io giusto ieri ho lavato i capelli con il detersivo in polvere della lavatrice mentre il nippo sputazza dentifricio in compresse della Lush.

Troppi impegni di lavoro. Appuntamenti (che saltano). E non si ha il tempo di fare la lista della spesa. Arrivare lì e fissare gli scaffali con la paura di incontrare chi non vuoi incontrare (ma solo io al supermercato incontro TUTTI quelli che NON voglio incontrare? Ne parliamo due minuti per favore? Succede anche a voi?) è una perdita di tempo eventuale che mi terrorizza e allora.

E allora alla fine i capelli sembrano molto più voluminosi. Perché non approfittarne?

Forse potrebbe interessarti leggere...

22 COMMENTS

  1. bello bello…pollice in su per quest pancake…certo però che adesso li rifarai pesando tutti gli ingredienti e passandomi sottobanco la ricetta vero???? io già mi immagino di servirli con una caponata *_*

  2. quella fettina di bresaola, messa lì così…uhm…non so cosa mi ricorda. Una farfalla, una valvola mitralica?
    Il guaio non è incontrare TUTTI quelli che non si vogliono incontrare. Il guaio è incontrarli TUTTI insieme, in dose massiccia. Invece, per tutto, ci vorrebbero delle dosi omeopatiche.
    Bisognerebbe inventare il mantello magico, quello che ti rende momentaneamente invisibile, così se incontri Tizio e non vuoi farti vedere, PUF! Sparisci per un attimo.
    Oppure Oppure… bisogna fare come fregoli. Vai al supermercato con una notevole quantità di vestiti e maschere, in modo da renderti irriconoscibile. Se qualcuno dice: “Ma quella, quella è…sì, è un po’ cambiata ma mi pare lei!”, tu, alla velocità del big bang ti togli la maschera e diventi un’altra ancora. In questo modo lo disorienti, li disorienti tutti! Come fa il fagiano quando sbuca all’improvviso dalla siepe. Come fa la lepre quando ti aspetti che vada a ZIG e invece lei va a ZAG un’altra volta.

  3. che figa sta ricetta, voglio farla anch’io, ma intanto oggi vado a comprare gli ingredienti per provare la “suppa cuata” 🙂 qualcuno la conosce?

  4. Bellisima l’idea del pancake di cous cous… in questo periodo, anche per “colpa” tua, mi sta venendo di nuovo voglia di cucinare!

  5. Il fiorellino di bresaola fa molto chef-chic-ecc,ecc! Ma parliamo un attimo del detersivo in polvere per lavatrice e della resa sui capelli… Hai riscontrato anche un effetto lisciante? Che dici, provo con il liquido per lavastoviglie? Un abbraccio grande e buon weekend!

  6. Sono felicissima che vi sia piaciuta l’idea *_*
    grazie !
    Devo assolutamente rimettermi lì . Farla da capo . E trascrivere tuttituttituttitutti gli ingredienti per benino.

    Un bacio e che sia un week end bellissimo per ognuno di voi !

  7. il supermercato è l’inferno. si incontrano sempre TUTTI e se sei ad un angolo e non puoi infilarti in una corsia sei finito. spacciato.
    la ciotolina per la zuppa di miso era chiarissima come dose, si. mi meraviglio che non sia mai stata utilizzata e non ne abbiano fatto un’unità di misura O.O
    (il cous cous è una delle cose più buone che. e. si lo proverò)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this