L’insalata Giapponese casalinga con le patate

Must Try

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Adorabili le patate alla giapponese con la soia no? Uhm… mai provate? E quindi te le sei perse? sìsìsìsìsì queste qui sotto intendo.

Ah. E si può sempre rimediare cliccando qui  (anzi si trova all’interno dello stesso post) pure un’altra idea velocissima per servire le patate con la salvia. Una sorta di “cotoletta” vegetariana (non vegana perché se non erro c’è l’albume. Ma erro generalmente sempre. E potevo pure controllare invece di scrivere questa inutile parentesi) con all’interno una sorpresa salviosa davvero intrigante. Insomma ma oggi non si parla né delle patate giapponesi alla soia né di quelle con la salvia a mo’ di cotoletta. Si parla di un’insalatina casalinga molto in voga in Giappone (e allora ricordiamo pure il librotto adorabile della cucina casalinga di Harumi Kurihara, no?) semplicissima da preparare. Si tratta semplicemente di patate lesse tagliate a tocchetti (se si è sicuri che le patate siano biologiche si potrebbe pure lasciare la buccia. Girate in una ciotolina con maionese non troppa abbondante (meglio se fatta in casa che ci si sta proprio due minuti) leggermente aromatizzata con il wasabi e servita con del prosciutto crudo leggermente tostato in padella con pochissimo olio di riso.

Qualche fogliolina di prezzemolo (anche se occorrerebbe il mitsuba mavvabbè. Uotismitsuba?) e via. In tavola anche (e soprattutto) servita fredda. Come si fa del resto con l’insalata di patate polacca o qualsiasi variazione di “insalata” patatosa (pure quella russa, sì), che il giorno dopo è sempre più buona. 

Chi proprio ha voglia di complicarsi la vita può far saltare della buonissima spalla di maiale nell’olio di riso, a patto che sia tagliata sottile perché l’intento appunto è lasciarla croccante e fine giusto per insaporire e non per inchiodarsi al colon e star lì otto lustri o forse più.Bacchette d’ordinanza, ciotolina Ikea e ricami della Nonna e pure il Moleskine dedicato a Tokyo faranno il resto. Ma anche un piatto di plastica e una forchetta qualsiasi perché è così buona nella sua semplicità che la distrazione visiva pare non essere necessariamente richiesta (alcuni mettono anche un po’ di cipolletta fresca, ma c’è già il wasabi e quindi perché esagerare?).

Forse potrebbe interessarti leggere...

17 COMMENTS

  1. ma la cipolla al posto del wasabi no? °_°
    no va bè non è per. ma a me il wasabi proprio mh @_@
    brrr.
    anche se nella maionese forse mmmm. va bè tocca provare. come sempre.
    ora vieni a cucinarmela che io non ho tempoooooooooooooooooo al contrario di teeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee (come? ah sei tu che non hai tempo e io si? ah giusto =_=)

  2. Chissà se questa insalata piacerebbe a PAPA’ PIG. E chissà si puó anche fare al MICROONDE. Ok fine dei messaggi in codice (ma nemmeno troppo) Ora fatti abbracciare. Qui c’è un bimbo ancora febbricitante ma un po’ piu’ felice di ieri.

  3. Spero non esista un’intolleranza alle patate perché di sicuro ce l’avrei, ma per ora ignara divoro interi campi di patate. Poi sarebbe perfetto per la maionese col latte di soia. Santocielo, il risveglio dei Brontosauri. Oggi bVodino, mondo schifo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

More recipes like this