Cassatelle di Agira con la Nutella

Must Try

La Panna Cotta al tè matcha

Un dolce gustoso, facile e fresco caratterizzato dall'inconfondibile sapore del tè matcha. Perfetto per un dopo pasto ma anche per accompagnare un tè nero fumante caldo e avvolgente.

Semi di papavero e glassa di limone

Una delle preparazioni più buone mai preparate. Mi è sempre piaciuto moltissimo questo accostamento, quello dei limoni con i semi di papavero. Diversi dolci pasquali polacchi e dell’Est Europa hanno proprio i semi di papavero; anche il cozonac, per esempio, ha diverse volte il ripieno di semi di papavero. Il risultato -ma con una ricetta di Ottolenghi è facile- è sorprendente. Molto profumata, leggera e gustosa.

Tiramisù fragole e basilico e un dolce speciale

Un tiramisù molto profumato e fresco. Stupisce per leggerezza e freschezza questo dolce al cucchiaio di cui tutti sono ghiotti.

A brioscia co zuccuru – La brioche catanese più famosa!

La differenza tra la brioscia co zuccuru e quella col tuppo. È importante e non da sottovalutare.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Questa Pasqua mi ha devastato e non riesco a tornare alla routine, uff. Allora faccio il punto della situazione, ecco. Lunedì ho saltato la ricetta del Pappamondo ma ho inserit la Torta di Mela come appartenente alla Categoria. Ok ci siamo. La Ricetta base o FumettoRicetta del Mercoledì è saltata ma fingiamo che la Colomba Orrenda con la NonVideoRicetta sia una base da non ripetere. Ok ci siamo. Manca all’appello il Primo Piatto ma ho messo una VideoRicetta inaspettata della Torta Nigelliana con Cioccolato e Pistacchio, mentre per il secondo-contorno-antipasto ho proposto la Torta di Masculini ca’Muddica di Nanda. Oggi un altro dolcetto giusto per rimettersi in pari con il Venerdì e uhm. Insomma alla fine sto per rimettermi in carreggiata, no? Facciamo che le Pizzette di Melanzana siano un premio e mi illudo che tutto il programma settimanale sia andato alla perfezione? E’ semplicissimo. Basta mentirmi e me ne convinco.

Ricordate le Cassatelle di Agira fatte per Natale? Chiaramente no perché pubblicando (bene che va) una ricetta al giorno è impossibile anche per me capire e ricordare. Comunque le Cassatelle di Agira con le castagne e il cioccolato le trovi qui qualora ti fossi incuriosito. L’impasto è praticamente uguale fatta eccezione solo per il fatto che ho adoperato meno zucchero e il ripieno è della semplicissima Nutella che può essere sostituita chiaramente da qualsivoglia prodotto. Io ho adoperato appositamente la Nutella Ferrero perché andavano offerte a un estimatore folle del suddetto prodotto (che non è il Nippotorinese nonostante mi abbia portato in pellegrinaggio nella Fabbrica di Alba).

Velocissime da preparare, sono gustose e possono essere tranquillamente classificate come “porto sicuro” per  i più piccini che alla parola Nutella riescono pure a immobilizzarsi per pochi attimi sino ad arrivare ai più grandicelli che non smettono di identificare in una fettona di pane con strato nutelloso il comfort food per eccellenza. L’idea di tritare una manciata di nocciole o pistacchi da amalgamare alla crema cioccolatosa famosa in tutto il globo proprio male non è. Stessa cosa vale per delle ottime Mandorle di Avola che io ultimamente amo in maniera incondizionata. Ogni mattina mi piace sempre mangiarne quattro. Alcune mattine faccio 4 mandorle di Avola, 4 Nocciole Piemontesi e 4 chili di Pistacchio di Bronte. Esagero un tantinello con l’oro verde; senza nulla togliere agli altri due frutti secchi direi proprio che il Re indiscusso rimane il Pistacchio con il quale tra l’altro vorrei fare uno special di ottomila giorni con settantacinquemiliardidiricette. O qualcosina in più.

Forse potrebbe interessarti leggere...

12 COMMENTS

  1. Ho sudato solo a leggerlo il tuo resoconto settimanale! Io non pubblico tutti i giorni, ma questa settimana è stata proprio povera di post per me: anche io fatico a riprendermi dalla Pasqua! Questi dolcetti devono essere buonissimi!

  2. pure io quando dici pistacchio perdo il senno.
    Tuttavia…ho notato che pur essendo magro e poco goloso, da quando seguo le tue ricette ho messo su un po’ di ciccia. Da questo ne deduco che ci si può ingrassare anche con lo sguardo. Quindi, ho smetto di leggere le tue ricette o devo al più presto rimettermi a correre

  3. Le cassatelle di Agira alla nutellaaaaaaaa. No, dico : le cassatelle di Agira alla nutellaaaaaaaa. Pazzesco. Le amo. E ti amo. Fine della comunicazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this