Quando la fragolina di Bosco incontra il Pistacchio di Bronte. Dentro un Tortino.

Amo la Rigoni. Non è un segreto e diverse volte l’ho adoperata nelle crostate e nei preparati dolci. Non mi piace molto la marmellata di fragole in genere. Sono più da arance amare, mirtilli neri, ribes, frutti di bosco e ciliegie ma queste fragoline di bosco qui sono pazzesche. Di una bontà unica. Mi piace mangiarmene un cucchiaio abbondante e anche molto di più mentre bevo il latte di kamut al mattino o subito dopo la mia mela di metà mattina. Lo butto giù e tutto diventa rosa un po’ come quando indosso gli occhiali a cuoricino per vedere meglio e in chiave sognante.

Occhiali a cuoricini e cucchiaione in gola di fragoline di bosco. Se poi a far da contorno a tutto questo mi siedo nell’angolo rosa della mia terrazza, pare che ogni tassello di felicità torni al suo posto. Il rosa va assunto a piccole dosi però per quanto mi riguarda. Un accenno è sognante. Con il trascorrere del tempo però diventa delirante; a tal punto da farmi venir voglia di azionare la motosega e rendere omaggio a Faccia di Cuoio.

Si tratta di semplicissimi tortini di frolla classica leggermente vanigliata che ho imbottito pesantemente con la marmellata e infilato in forno per poi servire con zucchero a velo messo appena sfornati in modo da formare una sorta di “glassa” e poi aggiunto in seconda battuta quando tutto freddo. Rimane la superficie un po’ appiccicosetta e dolcissima con un po’ di vellutatezza (si può dire. si può dire. si può dire tutto) con la soffiata di neve zuccherosa. Uno scrigno che mi ha ricordato tra l’altro i bocconotti calabresi che tanto ama la mia mamma. Perfetti per la colazione come anche per la merenda. Confezionarli dentro gli stampi per muffin è la soluzione. Perché basta ricoprire le pareti di molto oltre i bordi, imbottirli a più non posso e ricoprirli con la “sbordatura” stessa e al limite se proprio non basta anche un cerchietto di pasta frolla aggiuntiva. Se si vuole spennellare con uovo perché no?

Dentro cosa ho messo per arricchire il tutto? Dei Pistacchi di Bronte interi (vabbè senza guscio *disse fissando il monitor ridacchiando). E’ un connubio quello dei pistacchi e delle fragole che approfondirò con ricette, soprattutto salate, nei prossimi giorni: sorprendente e d’effetto.

La Crostata di Sadler? Pazzesca. Scenografica. Un idillio. In quell’occasione avevo adoperato i Mirtilli Neri, che rimangono indiscutibilmente tra i miei preferiti. Se ti fa piacere leggere la ricetta e dare una sbirciatina alle foto clicca qui.

QUESTO POST È STATO PUBBLICATO IL: 

20 COMMENTS

  1. Ciao sono Eustachio.
    Ma i pistacchi sono salati? Perché che sono senza guscio l’ho capito, perché lo hai detto (ok fra parentesi, ma l’hai detto). Però non hai detto se sono salati o meno…
    Ma quando arriva il 16?

  2. Anch’io adoro i vasetti di Rigoni di Asiago!!! Ora -grazie infinite a te- ho un modo in più per come impiegarli (il contenuto, ovvio!).
    Ciao, grazie della buonissima idea!
    Annie

  3. gnam gnam….
    pensavo a Bea ovviamente e a quanto rosica per i nostri pistacchi in tutte le forme!
    pensavo pure che ho fame…ecco si..un tortino me lo papperei proprio! 😛

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Seguimi anche su Runlovers

Tutte le settimane mi trovi con una ricetta nuova dedicata a chi fa sport

MUST TRY