I Profumi di Sicilia

Siciliaia: 6 cose da mangiare in Sicilia

Sono tante le particolarità e i sapori. Sono declinazioni, variazioni e tradizioni. Ti racconto le prime sei in questo viaggio attraverso i ricordi.

Il risotto con il piacentino Ennese

La Sicilia vanta alcuni formaggi tipici ma di certo non possiamo dire che ci sia una tradizione minimamente paragonabile a molte altre regioni. Ora io ho un torinese in casa, d’accordo? Particolarmente fissato con i formaggi e intenditore per giunta. E ogni volta che storce il naso perché nessuno dei formaggi tipici gli piace particolarmente mi infastidisco.

Alcuni dei primi Siciliani più famosi

Il risotto alla marinara di mamma, la pasta al pesto di pistacchio, A pasta ca muddica, con la bottarga e scorza di limone, a pasta co niuri de dicci, la pasta con le telline e con il macco. Ma non finisce qui!

U Pani Cunzatu – Il pane Condito Siciliano

Lo avvolgeva nella carta marrone del pane e tutto l’olio si propagava facendo dei disegni circolari bellissimi. E io ci vedevo delle mucche.  A volte dei cuori. Altre volte ancora delle nuvole e dei pinguini. Papà me lo passava e io lo tenevo stretto a me.

A Triaca

A Triaca che cos'è? La triaca sono i fagioli; quelli disegnati come da una china 0.5 impazzita alternata a una 0.8 color rosa su sfondo bianco. Con la Triaca D'Estate si fa una pasta piena di ricordi ed emozioni incredibili. Gustosa, leggera e nutriente A pasta ca triaca.

Il Gelo Siciliano (e tutte le ricette)

Il gelo siciliano è un dolce al cucchiaio freschissimo, delicato e leggero molto consumato sull’isola, soprattutto durante la caldissima e afosa Estate. In realtà puoi trovarlo durante tutto l’anno ma è proprio in questa stagione che il gelo non può mancare.

A Pasta co Niuru – La pasta con il nero di seppia

La pasta con il nero è per i coraggiosi. Per chi non ha paura di mangiarla liberamente senza tanti complimenti e paturnie. Io, conoscendomi, a prescindere dal fatto che non fa parte della mia alimentazione avrei problemi a mangiarla.

Occhi di bue: il frutto di mare sconosciuto

Sono dei frutti di mare con una conchiglia di madreperla che ha un buco naturale -per farci collanine e bracciali- che sembrano forgiati da Polifemo con la stessa lava. Per farti capire velocemente il valore un chilo di occhi di bue sta intorno ai 90-100 euro. Sono rarissimi.

Le Barchette alla Norma

La sacra norma catanese con pochissimi ingredienti ma eccellenti: salsa di pachino, melanzana e un'ottima pasta di Gragnano.

Maccheroni con spada, olive e ricotta salata

Un primo piatto che racconta la sicilia con lo spada, il ciliegino e le olive quelle nere succose e morbiddisime tipiche della cultura e della cucina siciliana. Un primo semplice che ti stupirà e non potrai più farne a meno.

Pasta con il macco

Ma cos’è? Fave secche spezzate che cuoci in acqua -non troppa- fin quando si sfaldano definitivamente creando una crema deliziosa; crema che poi puoi aromatizzare con il finocchietto selvatico qualora fosse il periodo, rosmarino o semplicemente con olio extra vergine d’oliva e una girata di pepe fresco. E tanto sale.

Le Olivette di Sant’Agata con il fondente e caffè bollente

Sulla leggenda dell'olivo ci sono diverse versioni. La più conosciuta è quella che la vuole in fuga dai suoi inseguitori trovare riparo sotto un olivo selvatico nato sotto i suoi occhi capace di proteggerla e nutrirla.

ARGOMENTI IN EVIDENZA

ULTIME RICETTE