Home / Express  / Chiamparino non me ne vorrà. O almeno spero

Chiamparino non me ne vorrà. O almeno spero

Non aveva voglia di prepararsi la colazione mentre “For Your Babies” dei Simply Red lo riportava ai suoi diciotto anni. Scendeva da una fiat 127 color panna sotto la pioggia per entrare in una pizzeria come ogni sabato sera quando con le sue diecimila lire poteva concedersi ogni sorta di bagordi. Non aveva voglia di prepararsi la colazione nonostante la ricetta dei pancake al the matcha, scovata in uno stupido food blog che non si definiva tale,  gli piacesse moltissimo. Incredibile come l’incontro delle uova con la farina e il latte potesse generare diverse forme di sapore. Incredibile come l’uovo racchiudesse in sè, oltre che l’essenza della vita stessa, gusti sempre diversi anche quando non veniva mischiato. Incredibile come l’autrice di quel blog fosse tanto stupida con i suoi sbaciucchiamenti. Maghetta Streghetta, o qualcosa di dannatamente e insopportabilmente simile. Per qualche oscura ragione però gli  piaceva leggerla. Con i suoi costrutti grammaticali errati, onirismi spinti e non sense che avrebbero dovuto preoccupare i parenti e amici più prossimi.

 Non aveva voglia di lasciare riposare la pastella, spremere le arance fresche trovate a Porta Pila e lasciare dentro il lavandino il pentolino rosso sporco, appiccicoso e puzzoso. Chiedendosi come quell’invasata facesse per ogni suo post e se nella cucina della suddetta ci fosse quell’olezzo.  Un giorno lo aveva fatto senza premurarsi di versarci dentro  un po’ di aceto come gli aveva consigliato la nonna. Ormai lontana non soltanto geograficamente. Era una vecchia stolta e impicciona. Al diavolo la buona creanza. Le soddisfazioni lavorative del nipote non le interessavano tanto quanto gli importanti riconoscimenti che ne erano conseguiti. Voleva solo infilarsi uno stramaledetto ridicolo tailleur comprato in un negozio di secondo ordine perchè la pensione era quella che era e ubriacarsi sul prato del locale dove si sarebbe tenuto il banchetto di nozze agognato. Avrebbe infilzato i tacchi, con i quali non era solita camminare,  lungo quell’umido terriccio e girovagato dicendo ” e mio nipote si è finalmente sposato! Non ci sperava più nessuno!”.

Avrebbe lasciato un commento anonimo a quella Giulia, Maghetta Streghetta o come diavolo si chiamasse, per chiederle se lei mettesse l’aceto nella pentola dopo aver cucinato uova. Ed altre due curiosità che lo attanagliavano. Una su tutte: come diavolo facesse a preparare tutti quei dolci senza mai assaggiarne uno. Così diceva.

Vi era luce briosa quel mattino, segno che ormai la primavera con la sua ora rubata era prepotentemente giunta. Le angoscie della notte precedente sembravano essere lontane come i ricordi felici della vecchia nonna. Quando ancora era una tenera signora attempata che sfornava dolci di riso al sapore di miele e ricavava tagliolini freschi dopo aver steso con maestria lenzuola di pasta apparecchiando e imbandendo tavole chilometriche. Eppure voleva proprio cedere alla voglia di pancake o lievitato dal sapore dolce , appena sfornato e caldo.

“Piazza Solferino”. “Vada per Piazza Solferino”. Proprio all’angolo c’era un bar che instancabilmente sfornava ogni sorta di cornetto. Vicino c’era il Brek. A quindici  anni mangiava spesso lì perchè facevano una bistecca buonissima che adesso chiamano entrecote per darsi un dono. Il ripieno del cornetto non era eccessivo e trabordante ma neanche povero e tirchio di zuccheri, di solito. Molteplici ripieni e inaspettati gusti giornalieri come la castagna di Cuneo, Fragolina di Tortona e pera madernassa lo decretavano il “miglior bar dove prendere un cornetto quando non hai voglia di sporcare pentole al mattino”. O una cosa anche più sintetica. Leggere quella siciliana fumettista stava forse compromettendo il suo modo di rapportarsi alla grammatica italiana?

Il suo lavoro al Museo di Antropologia all’Università in via Accademia Albertina, dove stava conducendo degli studi di rilevanza internazionale, gli concedeva talvolta dei fortunati ritardi mattutini. Avrebbe quindi potuto assecondare quella voglia certa di guardare Palazzo Madama e prendere un pezzo di focaccia ligure sotto il portico pensando al pranzo che sarebbe seguito da lì a poco se non si fosse dato una mossa. Gli avrebbe fatto bene passeggiare giusto un po’, pensò. E se fosse tornato indietro da Vanilla per un sorbetto al fico forse non sarebbe stato neanche tanto male. Al diavolo. Era sottopeso e poteva concederselo.

Non c’erano castagne di Cuneo, Fragoline di tortona e pere madernassa. Non c’era neanche qualcosa di nocciolato come piaceva a lui. In compenso,  non se ne conosceva bene la ragione,  si erano lanciati in dei gusti multivariegati dal sapore siculo. L’ultima tendenza, soprattutto in fatto di gelati, imponeva qualsivoglia forma di pistacchio di Bronte in tutte le salse , Mandorla di Siracusa/Palermo/Catania/Messina  e Capperi di Pantelleria. Certo  che un cornetto con questi ultimi sarebbe stato quantomeno più invitante del resto ma  rifiutò l’idea. La mandorla era eccessivamente nauseabonda per i suoi gusti e di pistacchio proprio non ne poteva più. Doveva già sorbirlo durante le otto ore di lavoro perchè il suo collega siciliano non faceva altro che farsi pervenire spedizioni di pistacchio e paste di mandorle;  puntualmente rifilava senza troppi convenevoli  aneddoti familiari e culinari. Il perchè li cedesse così volentieri la diceva lunga sulla voglia di chiacchierare e blaterare piuttosto che ingurgitare. Eppure a lui  piaceva mostrarsi affabile e gentile giusto per allontanare il concetto di freddezza nordica tanto cara al collega del sud; lo stesso che con molte probabilità sarebbe morto per un indice glicemico troppo alto entro i prossimi dieci anni. Erano le statistiche e il sovrappeso di costui  a confermare l’ inquietante tesi, non certo la sua algidità o falsa cortesia. Si era chiesto spesso se avrebbe dovuto baciare tutti i parenti venuti dal sud o se avrebbe  dovuto andare lui stesso con un last minute. Dava la colpa di questa fervida e assurda immaginazione alle letture che ultimamente si concedeva online. Quella ragazza doveva trasmettere follia attraverso l’etere ed essere capace di annientare neuroni.

“Un cornetto vuoto”, disse dopo aver fissato quei vassoi con talmente tante sfoglie arrotolate da ricoprire la distanza Piemonte -Sicilia. Avrebbe potuto percorrerla velocemente per il funerale, si disse. Si sarebbe poi potuta lastricare con panetti di pasta di mandorle e fare tratteggi della segnalatica stradale con pistacchi. Mentre mentalmente costruiva autostrade  lunghe mille e ottocento chilometri, chiedendosi se il ponte sullo stretto potesse essere un enorme gianduiotto era già davanti a Palazzo Madama. Le impalcature erano state tolte e la finestra dell’ultimo piano era aperta. Proprio dove ci si può sedere tra quadri seicenteschi sotto lampadari di cristalli e rigirare cucchiaini dentro tazze orrendamente belle. L’idea di farci un angolo caffè in quella meraviglia che affacciava proprio su Palazzo Reale era stata l’ennesima riprova che il buon gusto fosse appartenesse alla città regale per eccellenza.

Torino, non solo sua città natale ma rappresentazione del suo essere, la conosceva a menadito. Ogni angolo, strada e incrocio aveva un aneddoto, una storia, una cronaca e un ricordo.

Bramava un po’ di tempo da trascorrere così. Con un cornetto vuoto, progettando autostrade di pasta sfoglia e prendendo appunti sul suo ipad giusto per usare l’applicazione ANote. Non poteva farne più a meno. Aprire cartelle colorate, associare icone e dividere per tipologia i pensieri random, le idee e qualsivoglia cosa frullasse a velocità dodici nella sua mente. Purtroppo però oltre all’ingente mole di lavoro, le paste di mandorla da ingerire fatte pervenire dalla Sicilia e la collaborazione con il Museo dell’Anatomia  si era messa di intralcio  anche quella mandria scomposta di invasati.

La Signora, prima capitale d’Italia, era già da un po’ di mesi asseddiata da stolti e creduloni turisti che dopo aver letto il fantomatico best seller,  arrivato in cima alla classifica superando addirittura Cotto e Mangiato, si riversava per Piazza Castello in cerca di materializzazioni di Mummie; nella speranza di intravedere Cleopatra in coda da Grom per la scelta del gusto del mese. Aveva già assistito basito a quei ridicoli tour al  Louvre. Seduto su di una panchina fissava donne con calze a fiori e uomini con sandaletti fare la conta su mattonelle. Talvolta credeva che qualcuno avrebbe estratto una pietra dalla tasca e cominciato a zompettare su un piede soltanto,  in cerca così del  Sacro Graal. Allora stava giusto conducendo un’indagine in trasferta dai cugini Parigini. Immaginare gli individui in sandaletti con cerchietti di topolino  il giorno dopo sul trenino di EuroDisney gli provocava oltre che fastidio fisico anche irrefrenabili conati di vomito. Torino, custode del Museo Egizio più importante nel mondo e  possessore di papiri talmente numerosi da superare addirittura il Cairo, era divenuta moda e meta già dal Natale appena trascorso. Periodo in cui purtroppo gente che generalmente non apre un libro si ritrova un rettangolo confezionato con tanto di fiocchetto insieme a del torrone e un panettone. E che fai? Lo leggi. E cosa scopri? Che l’anima delle Mummie si è impossessata di alcuni abitanti di Torino e infesta la città. C’è un investigatore, cinque/sei vittime, la bionda di turno, l’eroe e il pazzo che sa tutto.

Comincia un’avventura thriller con mummie fantasma, acrobazie da far impallidire Tom Cruise in Mission Impossibile, tre date e quattro riferimenti storici errati e l’autore è già nel suo attico a New York a fissare vetrate e senza sforzarsi più di tanto perchè il seguito si è scritto da solo. Basterà dire il doppio delle minchiate e il gioco è fatto.

“Il cammino di Sadat”, movimento emergente,  era un’associazione composta da egittologi o presunti tali,  premuratisi addirittura di fondare un vero e proprio gruppo  stabile con tanto di incontri, divulgazioni e dispense gratuite. Da chi fosse finanziato tutto questo non era dato sapere. Muhammad Anwar al-Sādāt , presidente Egiziano e nobel per la pace,  si era davvero molto battuto affinchè tutte le mummie sparse nel territorio mondiale potessero ritornare in patria. Aveva iniziato delle vere e proprie azioni diplomatiche, improntate alla massima cortesia, presso le ambasciate dei vari paesi proprio per aver indietro gli antichissimi antenati. Che la sua lotta fosse ricominciata e il suo nome riconosciuto grazie al primo posto di un fantomatico best seller seguito da Cotto e Mangiato suppongo fosse lontanissimo anche per una mente fervida di immaginazione.

Da secoli uomini e donne insospettabili soprattutto di cultura elevatissima si erano dedicati  ad una vera e propria massoneria esoterica fregiandosi del fior fiore dell’intelletto dei massimi esponenti della conoscenza egittologica. La fratellanza di Luxor, su tutti.  Commercialmente parlando si era proprio innescata una sorta di adesione virtuale. Tutti erano diventati improvvisamente egittologi e durante la pausa pranzo si parlava di Tombe, processi di mummificazioni e perchè no: Atlantide. Non era difficile bere un bicerin estivo da Gobino fingendo di aver trascorso l’infanzia studiando i geroglifici giusto per darsi un tono.

La storia preferita dalla mandria di invasati era la seguente:  le mummie dovranno  prima o poi tornare in Egitto fermando quanto prima lo  scempio di profanarle  impunemente perpetrato finora,  in quanto non solo tombe ma luoghi sacri capaci di sprigionare forze malefiche. Era chiarissimo che a preoccupare la popolazione mondiale non fosse tanto la profezia Maya quanto la profanazione delle tombe egizie. All’alba del 2012 l’unico argomento pareva essere quello di inventarsi un modo alternativo per far finire il Mondo. Bastava solo leggere la cronaca mondiale. Ci avrebbe pensato Gheddafi, del resto.

Erano diventati tutti esperti della religione egizia, dopo letture su Bignami di “la storia di Egitto in tre comode pagine riassuntive”.  Rivendicavano come tutto fosse incentrato sull’anima del defunto e il rispetto per questa e di come il popolo Egizio fosse ossessionato dall’idea della morte. Lo studio condotto nella sezione dove lavorava  conduceva proprio una  ricerca sugli Egizi Ariani, razza inaspettatamente bianca con caratteristiche completamente diverse da quelle che normalmente si è abituati  ad associare all’enigmatica popolazione. Mediante processi inversi a quelli della mummificazione venivano analizzati cellule sanguigne, dentature e le diverse fasi del processo. Esperimenti all’avanguardia capaci di trovare ennesimi quesiti e non risposte. Per questo motivo avrebbe preferito pensare a quell’autostrada di pasta sfoglia lastricata di panetti di pasta di mandorla piuttosto che subire  continuamente a discussioni di questo tipo. Involontariamente era finito in un circolo vizioso. Giornalisti, curiosi e semplici rompipalle perditempo attentavano  costantemente al suo  lavoro. Gli richiedevano interviste e veniva addirittura invitato ad imbarazzanti talk show disposti a tutto pur di una sua dichiarazione.

 

Nei salotti di questi programmi di informazione, capaci di intrattenere i decerebrati in maniera eccelsa, si alternavano scrittori, esoteristi, egittologi e un’ imbarazzante sfilza di titoli improvvisati. Anche gli ufologi partecipavano perchè si sa che gli ufo c’entrano sempre alla fine.

Il tutto era riassumibile in questa squallida considerazione “Coloro che violarono le tombe dell’antico Egitto hanno liberato le forze malvagie nel mondo. Queste influenze non possono far altro che recare danno all’universo tutto fino ad  influenzare persino il destino e le sorti dell’umanità intera. Gli uomini non hanno protezione contro queste forze perchè invisibili e potentissime. Non si devono in alcun modo toccare queste le tombe perchè la natura psichica di esse è incomprensibile ai più. Bisognerà quindi far confluire tutta questa negatività sprigionata e riportarla nel tempo e nel luogo dove vi era la luce, un tempo. Tutte le mummie dovranno tornare in Egitto”. Il Cammino di Sadat lottava giustappunto per questo.

E lui era proprio uno di quelli che “profanava le tombe” giornalmente e  sprigionando quindi  forze malvagie durante l’ora di ufficio. Bella storia, diceva con l’intenzione di  sbattere violentemente la fronte su uno spigolo appuntito.

 Il cornetto vuoto della colazione sembrava essere più raziocinante di tutto questo.

Arrivato in quello che era difficile definire il suo ufficio perchè assediato da centinaia di individui con fotocamere e telecamere, dopo aver salito le scale schivò il maniaco delle paste di mandorle che era sicuramente pronto a raccontargli il week end trascorso in chat con la famiglia al completo, la quale aveva deciso di non trasferirsi nell’algido nord preferendo la temperatura mite e il bordello visivo. Il giornale,  mal piegato da un utilizzo non esplicitamente concesso al collega con la testa troppo grande per contenere un cervello evidentemente troppo piccolo, in copertina riportava la notizia che un giovane orientale era stato brutalmente assassinato.

Pare che il giovane per diletto si interessasse a tutto quello che fosse inerente all’Egitto ma che non era  in alcun modo legato al Cammino di Sadat o associazioni fanatiche derivate dal fantomatico best seller. L’ultimo avvistamento era avvenuto  al Wasabi, noto ristorante giapponese. Probabilmente la vittima aveva subito l’aggresione all’uscita dal ristorante. Il suo corpo era stato ritrovato, a distanza di molto tempo secondo le prime indiscrezioni, davanti al “Cambio”. Completamente mummificato. Seguendo  tecniche specialistiche poco diffuse che solo uno specialista avrebbe potuto mettere in atto.

Uscì dall’ufficio alle nove, dopo una giornata estenuante con paste di mandorle,  e ordinò petto di pollo con semi di papavero e macaron salati con dadolata di pomodorini al “Cambio”. Andò a mangiare proprio lì; nonostante quello che era successo lo storico locale sito vicino al Museo Egizio era aperto.

Pare che il giovane Yusuke avesse mangiato dei Soba al the matcha al Wasabi. Il giovane Pierre  pare non desiderasse più i pancake al the matcha ma Macaron Salati al Cambio.

Squillò il telefono. L’uomo con la testa troppo grande per contenere un cervello evidentemente troppo piccolo, ovvero quello che aveva senza esplicito consenso letto il suo giornale lo stava chiamando.

“Pierre ma quello morto ammazzato mummificato non era lo stesso giapponese che un mese fa  aveva chiesto di poterti parlare? Eravamo al wasabi insieme in pausa Pranzo. Ricordi?”

Pierre lo ricordava, eccome. Sorrise e riagganciò liquidandolo senza troppi convenevoli.

Qualora voleste provare i petti di pollo con semi di papavero e Macaron salati basterà usare la ricetta base dei Macaron cliccando qui  e cimentarsi nella difficile arte di arrostire un petto di pollo dopo averlo irrorato di semi di papavero. Le decorazioni  come la fantasia vi suggerisce di più. In realtà questa ricetta non l’ho trovata da nessuna parte. I Macaron salati era già da un po’ che volevo provarli. Macaroneggiando spesso e volentieri e conservandone sempre qualche pezzetto per questo tipo di composizioni me ne avanzava giusto qualcuno con i semi di papavero. Da qui l’idea di arricchire il pollo scottato in padella con questa preziosissima spezia, perversione culinaria di questo periodo. Nella carne deve sorbirsela il Nippotorinese, ma chi se ne importa?

Perversione papaveresca dovuta sicuramente alle mie indagini floreali, che mi occorrono per il libro. Ammetto di vivere più dall’altra parte. Esattamente nell’emisfero immaginativo che ha preso il posto di questo  reale dal quale sono fuggita giusto per non ferirmi più. La produttività, in tal senso, ne guadagna. Il mancato rapporto umano è doloroso ma solo in  qualche frazione di secondo.  La vita senza cellulari, social network ed etere in formato visivo attraverso scatola televisoresca è strepitosamente spettacolare.

Mi concedo il mio ipad per aggiornamenti e  news nella speranza che le tre settimane che mi tengono lontana dalla seconda versione, rigorosamente bianca, passi in fretta. Mi concedo collegamenti solo per rassicurarmi che gli amici stiano bene. Perchè sì. Vedo se si cucina regolarmente, se si twitta lamentandosi giornalmente. Se ci sono nuove foto. Sorrido e chiudo.

Amo a distanza e chiudo. Intrappolata nelle mie storie che stanno prendendo forma. Segregata da quello che maledettamente voglio. Senza distrazioni o concessioni. Nella speranza che semmai ci fosse un ritorno da questa landa x, qualcuno disposto a scambiare due chiacchiere ci sia. Al contrario chiederò ospitabilità a Yusuke. Pare che abbia lasciato casa libera. Porello.

L’avevo detto alla mia  Cri che  finiva male. Era più semplice stirato da una macchina, a dirla tutta; mummificato mi fa sorridere, però. Più che immaginarlo su di un asse da stiro nipponico.

I soliti incisi che sanno di post scriptum: So per certo che a Giuli, pezzettino enorme di stella, piace il sapore d’Egitto. Ti ho pensata tanto guardando le mie foto al Museo. Ho una mamma iper fanatica che da una vita mi propina di tutto. Avendo bisogno di consultazioni egittologiche mi sa proprio che dovremmo contravvenire a qualche regola di isolamento. Cosa non mi invento eh?

Vorrei davvero rassicurare tutti perchè in privato, tra commozione e ammetto qualche volta risate isteriche, mi sento terribilmente in colpa per questo “abbandono”. Sto bene, davvero. Sto bene. Se continuiamo a preoccuparci vicendevolmente per chi sta bene e chi no finirà che per capirci dovremmo prenderci a ceffoni e finire in rissa. Non arrivo tecnicamente e praticamente a coordinare tutto ma mi impegno. Non abbastanza a quanto pare ergo prometto di farlo ancor di più. E il cellulare no. Non è stato ancora acceso.

Infine ma non certo in ordine di importanza: Non chiedetemi perchè ma sento il bisogno di ribadirvi un concetto di  fondamentale importanza.  Vedete Misfits e ringraziate il cielo che Cecilia esista. Sono le due cose che dovrebbero avere al momento priorità assoluta, mi raccomando.

In lingua originale, per carità. Non osate neanche pensare il contrario.

Preparatevi al delirio uovoso. Ho già paura perchè si riverseranno tonnellate di tuorli e albumi e colori in svariate forme da qui a. A per sempre.

Update:

A dimostrazione del fatto che l’assenza di  tempo, le avverse coordinate geografiche, l’assenza di ricordi, odori e contatti non necessariamente non  siano  indice di amicizie profonde. E che ci si possa  volere bene senza motivo alcuno se non per il bene stesso. Per una sensazione. Per un’idea. Giornalmente ricevo messaggi e pensieri. Tra questi ce ne è uno sempre costante, importante e del quale francamente non potrei fare più a meno. Giulia, di Amaradolcezza*, che non ha certo bisogno di presentazioni mi onora giornalmente con la sua presenza e affetto. E con questi pensieri che tengo stretti al cuore; gli stessi che mi fanno ben sperare quando il pessimismo cosmico a ragion veduta viste le mie vicissitudini tormentate in fatto di amicizie sincere  prende il sopravvento. Non c’è certo bisogno di gesti eclatanti o pubblici ma mi faceva davvero piacere  poter conservare questo pensiero disegnoso prezioso qui, in  quello che è diventato ormai innegabilmente anche diario di vita,  e condividere  qualora nella totale incapacità di intendere e volere non conosciate lo spazio di Giu.

*http://amaradolcezza.blogspot.com/ (stasera WordPress fa le bizze con l’inserimento dei link, pardon)

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
19 COMMENTS
  • PieceOfStar24 28/03/2011

    Premetto che stavo per scrivere al nippotorinese. Mi stavo preoccupando. E adesso leggo il post. Ecco

  • PieceOfStar24 28/03/2011

    Io ecco,io. Non so che dire. Ma visto che sono logorroica lo so eccome.
    L’Egitto è sempre stata una mia grande passione. Fin da piccola piccola quando volevo andare di continuo sulla giostra della valle dei re a Gardaland.
    Odiavo studiare storia a scuola. Ma l’Egitto era davvero l’unica cosa che mi travolegeva.
    Ho sempre cercato storie, figure, leggende.
    La mia tremenda claustrofobia non credo mi permetta di riuscire ad entrare in una piramide in ginocchio, ma giuro ci proverei.
    Il museo di Torino non l’ho mai visto ed è una cosa che voglio fare da tempo.
    La storia mi affascina a dir poco e adesso morirò di curiosità in attesa di un continuo.
    Egoisticamente parlando mi manchi. E vorrei davvero confabulare con te su queste cose. Su tutto.
    Ma sapere che stai bene e che ti stai dando da fare per inseguire il tuo sogno vale molto di più.
    Molto di più di ogni capriccio. Molto di più di “uffa ma iaia dov’è?”.
    E se non avrò una copia di quel libro…mmm..ti rinnego. Ecco.
    Ti voglio bene Gi. Grazie davvero. (Non mi sono commossa eh?! No no)

  • manoela 28/03/2011

    finalmente hai fatto quelli salati, ti sono piaciuti o preferisci quelli dolci?

  • giulia 28/03/2011

    ecco adesso sono io che mi commuovo!!

    ti voglio bene Giu!

  • Andrea 28/03/2011

    Come tutti avrai i tuoi difetti ma che non ne riesca a trovare uno mi infastidisce.
    Sei bravissima Giulia. Complimenti !

    Complimenti sentiti e sinceri!
    ( ma la storia continua VERO? )

  • Marco 28/03/2011

    Sei un’aliena. Ne sono sicuro.

    Complimenti.

  • Cinzia 28/03/2011

    ogni volta che passo di qui trovo una ragione in più per non smettere di passare

  • cuocopersonale 28/03/2011

    :* ecco..

  • Cey 29/03/2011

    Sempre quì. sempre tu. sempre noi

  • Wish aka Max 29/03/2011

    Whatever. As long as you (please) answer emails. Specifically, MY emails.
    Thanks.
    Thanks for being the human being you are.
    A giant bear hug.

  • Bibi 29/03/2011

    Tante troppe cose da dirti. Non bastano gli sms, nemmeno se recapitati per voce altrui, non bastano i messaggi di posta, su face o i segnali di fumo.
    Quando ci incontreremo non smetteremo di parlare nemmeno durante il sonno. Perchè lo so che in qualche punto, non so ancora dove, anche le nostre strade fisiche si incontrano.
    E comunque mi manchi. Sono tentata di dirti fai bene così, il tunnel con un paio di cuscini e due tende è anche comodo e carino, ma ho paura che tu non acchiappi la mia mano tesa e resti là, e di questo ne soffrirei.

  • Veru 29/03/2011

    Ecco, il mio mantra giornaliero DEVE essere: passaci, passaci e la giornata ti sembrerà più bella 😀

  • Chià 29/03/2011

    So che vivere di vita vera può essere terrorizzante e difficile. Ma…tu…devi provarci, diamine! Di più io non posso dire o fare …e non ti dirò che fai bene a stare sulla tua nuvoletta rosa. Perché se fossi lì con te ti prenderei per la collottola e ti scuoterei quanto basta. DEVI VIVERE! DEVI VOLERLO, ACCIDENTI! Se non ci pensi tu a salvarti, chi ci deve pensare???E non vivere solo per rilfesso di vite altrui. Gustarti il banchetto della vita, una volta per tutte. Perché tu ed io siamo nate combattenti. E in questa esperienza di passaggio, meravigliosa e difficile, non possiamo permetterci di fermarci. Abbracciami e dimmi che le faremo volare. Che prenderanno il volo, tutte le nostre gru. Ti voglio bene da morire. Lo sai, vero? Perché se ti strattono è solo per questo.

  • iber 29/03/2011

    ma sai che ho una passione per tutto ciò che è egizio? mia nonna nacque al cairo perchè i miei bisnonni insegnavano nelle scuole italiane in egitto e ci raccontava sempre un sacco di cose dell’egitto 🙂
    e poi cosa c’è di più matematico ed enigmatico della sfinge? 🙂 e quanti grandi esperti di giometria ha prodotto l’egitto 🙂
    baci mummici 😀

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi