Home / Pasqua  / La Colombina light

La Colombina light

Certo è che questa Pasquetta è stata proprio indimenticabile per tutti eh. E’ coincisa con il 25 Aprile facendo sì che si perdesse un giorno di vacanza e il tempo è stato bellissimo;  se solo non avessimo fatto il cambio stagione e la tuta da sci fosse stata ancora disponibile, ovviamente. Al mattino quando, come da abitudine, ho aperto gli scuri della vetrata per far entrare la luce, sono stata letteralmente abbagliata dall’immagine che la retina ha registrato. Confesso di non sapere se è la retina a registrare le immagini ma che importanza ha? Non avevo nessun cestino di vimini preparato per qualche fantomatica scampagnata perchè l’idea era quella di poltrire in casa e fare un picnic in salotto. Così è stato. Avevo anche un albero pasquale da disfare io e di certo non potevo concedermi il lusso di andare ad arrostire tonnellate di carne. Ma con il cuore ero lì. Grazie ai meravigliosi servizi e approfondimenti dei telegiornali ho potuto apprezzare, purtroppo solo visivamente, quello che in Italia stava accadendo. Impressionante come la quantità di carne aumentasse in maniera esponenziale scendendo latitudinalmente verso il meridione. Arrivati alla mia città il fabbisogno medio di una famiglia composta da quattro persone (due adulti e due bambini) corrispondeva a tutta la densità di popolazione del Molise. A preoccuparmi erano più i bambini in sovrappeso mal messi a fuoco che agitavano la manina grondante di olio. L’inquadratura era dedicata al signore che con un pezzo di pepato fresco in mano sputazzava al giornalista allegramente. La gentilezza che ci contraddistingue però lo ha fatto esordire con un indimenticabile “vuole favorire?” allungandogliene un pezzetto e sbattendoglielo direttamente nella cavità oculare.

 Il Nippotorinese seraficamente mi ha chiesto se volessi scendere in campo ed erudire le masse circa l’allarme colesterolo ma. Ma ho già mamma in casa che agita manine grondanti di olio e mangia uova manco fossero zucchine lesse, composte al novanta per cento da acqua. Perchè è da sempre convinta che l’uovo fa bene. E fin qui le si potrebbe pure dare ragione.

Sta di fatto che forse si è  abusato ultimamente e sul forse vorrei che partissero le risate registrate (da questo “forse” a tutti i “forse a seguire”). Forse la mia mammina dovrebbe smetterla, dopo aver mangiato qualcosa come otto tonnellate di cuddure -uova comprese (colazione? cuddura e tre uova sode. Dopo pranzo? cuddure e due uova sode. Pomeriggio? due cuddure e tre uova sode) e abusato leggermente di colombe (pur comprendendo che resistere alle colombe di Montersino – Golosi di Salute – sia quantomeno una difficile impresa), biscottini e fili di olio di oliva lunghi come l’Asia. Forse si potrebbe definire “infantile”  chiedermi “ma una colombina light? me la fai una colombina light?”, ma avventatodapazzamaniacachenoncapiscenulla parrebbe giusto un tantinello più adeguato.

Quando le spiego che dovrebbe perlomeno evitare i tuorli perchè è proprio lì che si annidano le insidie colesterolosche (termine tecnico) mi guarda e dice “ma a me le uova piacciono!“. Quando le dico che dovrebbe calcolarne non più di due a settimana “extra” perchè in tantissime preparazioni  ci sono a prescindere, mi guarda e dice “ma a me le uova piacciono!“. Quando le dico che le voglio bene mi guarda e dice “ma a me le uova piacciono!”. Infine quando le dico che troppe uova le fanno male indovinate un po’ che dice?

“Ma a me. Le uova Piacciono”.  Se dovessi dirle “mamma mi sposo” direbbe “ma a me le uova piacciono!”. Un’ipotesi inverosimile del resto quindi non me ne preoccuperei. E’ più probabile che mangi io un uovo piuttosto che mi veda convolare a “giuste” nozze.

Suppongo che volesse chiamarmi Uova invece di Iaia, vista la sua passione smodata per questo composto albumoso tuorloso. Pur avendole consigliato un periodo di disintossicazione per poi proseguire con un metadone apposito composto da particelle di tuorlo, continua a non darmi retta. Continua a dirmi “ma una colombina light? me la fai una colombina light?”, convincendosi che basterà una confezione di danacol ad abbassare il colesterolo.

Da quando Uncuoremattomattodalegare, nella fattispecie Little Tony, ha convinto la sua generazione che ne basta un flaconcino per poi sfondarsi di lardo di colonnata, mamma non fa altro. Ne beve più di due e tutta tronfia dice “oh ma io prendo il danacol!” manco fosse la soluzione ai problemi che attanagliano l’umanità.

Ora io la colombina light glielo ho fatta pure; pur sentendomi responsabile perchè quello che occorerebbe al momento sarebbe diverso da un’ipotetica light version. Occorrerebbe un digiuno prolungato di sei mesi per smaltire quello che è stato incamerato e un ricovero immediato in una clinica per “uovodipendenti”.

Quando le ho detto che avremmo dovuto provareuna versione senza tuorlo ma meringato con la presenza solo di albume (perchè quando la invito a degustare qualcosa di vegano mi dice solo “pazza. sei pazza”) ha detto solo una cosa.

“Uffa però. A me. Le uova….”

PIACCIONOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO Mamma. Ho capito. PIACCIONOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO. E’ un esaurimento nervoso. Nulla di diverso degli altri giorni, tranquilli.

Per la Ricetta del  Tortino Leggero alla Ricotta clicca qui >>>  (durante la preparazione non ho resistito e ho aggiunto un po’ di cacao amaro. Complice il fatto che volevo provare assolutamente le formine in silicone uovose nuove di zecca. Perchè a me le uova piacciono. Sparatemi)

Quando le ho detto che ho aperto Eggland ha solo detto “Lo sapevo che anche a te le uova piacciono come alla tua mamma”. Per dire insomma che.

AIUTO.

L’inciso del giorno: Ho ricevuto in email un regalo bello a dir poco. Max mi ha mandato il resoconto del nostro incontro. Esilarante, aggiungerei. Commovente sì ma a tratti esilarante. Ho riso tantissimo rendendomi conto di una cosa su tutte. Mi sforzo di comportarmi “normalmente” in determinate occasioni. Chiedo spesso al Nippotorinese “come sono andata? sembravo normale?”. Il risultato è che no. Il Nippotorinese è troppo abituato alle mie stranezze ormai e comincia a diventare “giudice di follie” non troppo attendibile.

Ma che sarà mai piantare una macchina in mezzo alla strada e fare una sgommata a tutta birra davanti ai vigili urbani? A breve avremo risposta. Credo.

 Buona Pasqua!!!

Colgo l’occasione per ringraziare tutte le meraviglie che mi hanno mandato ricette in email e consigliato quali dolcetti fare. Rimango sempre sconvolta per l’affetto ripetento il solito sermone: lentamente arrivo. Mi spiace non poter essere più celere nelle risposte ma lentamente arrivo. Grazie infinite.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
25 COMMENTS
  • gaia 26/04/2011

    va bene iaia,
    non ti racconto cosa si mangerebbe mia mamma a colazione…un’altra uovodipendente!

  • lacinzietta 26/04/2011

    🙂

  • EssenZadiCanneLla 26/04/2011

    e menomale che sei lenta!!!Ma se hai un post nuovo di zecca ogni di e io, lumaca che sono, tra le tante insidie e cheffari, arrivo sempre pe u ltima a leggerti….ma stavolta no, son tra le prime (ho vinto qualche cosa?). Quanto mi fa impazzire quella macchinetta che va su e giù per l’Italia, ma quante te ne inventi!!Dunque di questo tuo racconto una cosa mi è entrata dentro, che avrò serie difficoltà a scordare “mi piacciono le uova”…ahaha. Che vuoi fare quando una cosa piace “piace”….!L’idea delle uova tortino è davvero strepitosa, io non ci avrei mai pensato, ma tu sei una cretiva e artista..quindi hai il potere di vedere lontano e di trasformare un rospo in principe…Un bacione e alla prossima..Ale.

    • maghettastreghetta 29/04/2011

      Ale sei sempre gentilissima con me. E questo va detto perchè sto giusto per saltarti addosso, sbaciucchiarti e ringraziarti .
      E perchè stai scappando?!?
      perchè?!??!
      Aleeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

      ok.
      mi calmo.
      vieniquiaspettachetilego.
      bene. Comincio.
      Dicevo?
      Stai comoda legata così?

      Adoro le uova. Adoro fotografarle, giocarci, disegnarci sopra. Inventare storie ma santo cielo no. Mangiarle no. Ma da quando sono piccolissima *_*
      Il giallo era il pulcino e il bianco la piscina o forse i capelli . Non ero molto sicura su cosa fosse il bianco.
      Insomma sempre mangiate con difficoltà. Da un anno adesso ho smesso con le difficoltà e non le mangio proprio.

      Capisco però questa passione smodata. Del resto io ho una fissa imbarazzante con altri cibi.
      Vedi broccoli e fave (ho 89 anni in realtà)
      E tu? la cosa che più ti fa impazzire? (santocieloiononsonocuriosa però ecco. Sapere cosa piace sì’. Mi piace sapere cosa piace.insomma.cosastodicendo?)
      Per dirti sempre grazie.
      Per essere qui e sopportare queste follie strambe.
      Un bacione.

  • Francy 26/04/2011

    Io mi sono commossa tantissimo nel post precedente. Giuro che sto ancora piangendo…dovrò fingere un fantomatico attacco di allergia (che peraltro non ho mai avuto e la ggggente lo sa bene perché è un mio continuo vanto) ma ora me lo stampo e poi me lo rileggo ancora ancora e ancora. E’ amore allo stato puro. Meglio di qualsiasi dolce. Meglio di tutto. E non è per dire ma tuo padre (e pure “Ma a me le uova mi piacciono”) è davvero fortunato ad avere una figlia come te. E caspita Giulia, convincitene. Perché è così e basta! =) Bacio
    Mi chiedo come è possibile adorarti ogni giorno di più. Eppure accipicchia se è possibile…

  • Wish aka Max 26/04/2011

    Tu mi devi ancora spiegare la moltiplicazione delle braccia, o meglio vorrei sapere se hai tre braccia e una è retrattile oppure se all’occorrenza crei uno pseudopode che ha le sembianze di un braccio e che poi rientra… 🙂

    Per quanto attiene alla mamma uovosa, o meglio uovodipendente… posso permettermi un suggerimento? La mamma (come del resto il papà) è maggiorenne e vaccinata… se vuole abusare delle uova, falla fare, tanto nel momento in cui non potrà più abusarne stai sicura che smetterà di farlo!!! 🙂 E bada bene che questo non lo dico a beneficio della mamma (ché tanto stai sicura che se vuole abbuffarsi di uova continuerà a farlo a tua insaputa… immagino una conversazione telefonica “ciao mamma” “chmphchmp iaia” “mamma che stai facendo” “chmphchmp niente” “mamma stai mangiando le uova” “ma a me le uova piacciono” e via così…) ma a beneficio tuo!!! Stai serena, nessuno è animato da istinto autolesionista, e quando arriva il momento di moderarsi tutti ci si modera…

    Quando vieni a Roma devi ASSOLUTAMENTE portare don Turi. Sarà mia cura organizzare una cena che sia nell’ordine:
    veggie (per te)
    sugna rifritta, interiora e quinto quarto (per don Turi)
    raffinata e novelle cuisine (per Pier)
    uova come se piovesse (per la mamma)

    In realtà farò solo una carbonara e cicoria bollita, e darò:
    la cicoria tutta a Iaia
    la carbonara completa a don Turi
    la carbonara in porzione mignon a Pier
    la carbonara senza guanciale alla mamma
    😉
    Dimmi come si dice ti voglio bene in siculo stretto, ti prego…
    12 alla 12 baci

    • maghettastreghetta 29/04/2011

      Ancora rido per la moltiplicazione della braccciiiiia. Se non ci fosse stato Pier io sarei pure riuscita ad abbracciarti in macchina.
      Detto questo.
      hai ragione Max. E’ che sono evidentemente troppopresadallaparanoisalute.
      E continuo a tediare Mamma che si mangia lardo di colonnata con il colesterolo a 300. E’ che mi spaventa tantissimo il suo
      ” ehhhh ma mangiare è il piacere della vita primaaarrriooooooo”.
      Forse per incoraggiarmi giusto un po’ si è lanciata in questo tour culinario assurdo.
      magna pure le pietre *_*
      insomma.
      per dire.

      Cicoria bollita tutta la vita.Ed io ti adoro. Spudoratamente.

      ti vogghiu beni.
      Ma devo dirti al telefono l’esatta pronuncia.
      perchè così non rende.

      na svaria di baci e abbracci :*

  • hendrixandme 26/04/2011

    “a noi e uova piacciono!”
    Specialmente a Hendrix. Specialmente quelle di cioccolato! Specialmente quelle di Ziaiaia sua che lo pensa sempre e dispensa consigli fondamentali per la sua crescita!
    “mamma ibbiglietto e pemmè?”
    “si amore, te lo ha scritto Ziaiaia! Ti ha scritto che i conigli non sono mai abbastanza”
    “ha lagione mamma, selvono tanti conigli pel fale immago!”
    Ora, complice la sua Ziaiaia che gli ha fatto conoscere anche le lumachine di wurstel (immancabili come il pane in casa nostra), si aggira per casa con un berretto da baseball rosso (cappello demmago) e ci inforca un rabbid dentro. Bacchetta in pugno mi incontra nel corridoio e fa “tadan! il glande mago henlix ei suoi conigli! Tadan!” e si toglie il cappello mostrando la sua magia! Ora. Che i bambini in casa mettessero allegria fin qui ci siamo. Che un bimbo di nemmeno 4 anni abbia come missione la geografia (mamma…la capitale del bulkinafasoL?), girare il mondo (mamma ho fatto la valigia dove mi polti?), la magia e farsi chiamare IL GRANDE HENDRIX (quando mi cusi immantello demmago colle stelle?), le invenzioni impossibili (la più quotata è la seggiovia che collega casa mia a casa dei nonni legata ai fili dell’alta tensione con la sua variante legata da Vulcano a vulcano “così le appaio subbalcone”) fa sì che incontrarlo nel corridoio sia, il più delle volte, un’esperianza mistica.
    Ieri, con un’asciugamani arancione sulle spalle…
    “amore che fai così?”
    “sono saibaba!”
    “e che ne sai di sai baba tu?
    “lo vuoi un’olologio d’olo? posso fallo appalile”
    “ma chi ti ha detto di sai baba?”
    “la nonna…mi ha detto che è tipo ummago che fa appalile olologi d’olo!”
    “ma che c’entra. i maghi veri fanno apparire conigli!”
    “ma l’olologio d’olo è più utile e non fa cacca a palline!”
    E penso che tu pensi di essere una persona complicata!?!? E penso che hendrix ed io ti adoriamo. E penso alle stranezze di hendrix (che ormai sono pane quotidiano).
    Ma forse gli strani sono tutti gli altri, ciccina mia!

    • maghettastreghetta 29/04/2011

      io non smetterei mai di leggere.
      dimmi che un giorno ci sarà un libro per me.
      I dialoghi di Ale e Hendrix.
      Dimmelo ti prego. Sono seria. Come poche volte in vita mia.

  • Selena Ninphe 26/04/2011

    non ho capito cosa piacciono tanto a tua mamma…me lo ripeti? XD

    • Selena Ninphe 26/04/2011

      alla mia se ci porti il formaggio in ogni sua forma (prediligendo gorgonzola e formaggio alle noci) ti amerà per sempre. La chiamo topo Gigio ogni tanto 😀

      • maghettastreghetta 29/04/2011

        Sel ghghhghg amore ! ma anche il formaggio eh !
        Mica Nanda si lascia scappare…ahem.
        Mi sa che tra uova e formaggio anche con la tua mammina potrebbero darci sotto di bruttobruttobrutto.

        (sai che ho paura di topo gigio? parliamone ti prego)
        (granataaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa)
        : * e baci. tanti.

      • Selena Ninphe 01/05/2011

        anch’io avrei paura di una giga pantegana che ti dice “ma cosa mi dici maaaaaai?”

  • PieceOfStar24 26/04/2011

    Si si è tempo di tortellini tutto l’anno, non ti preoccupare 🙂 tra l’altro è una ricetta complessa che richiede tempo. Nella torta di tagliatelle (non l’ho mangiata molte volte in realtà) ma non ci va proprio il cioccolato.
    Ma sai che ti dico? Ma a me le uova piacciono eh? Però mi attengo alla regola del “2 a settimana”, ecco.

    Bacetti

    • maghettastreghetta 29/04/2011

      tu non ci crederai ma Montersino ha pubblicato su alice la torta di tagliatelle.
      tutto questo e paranormale.
      ed io ti amo.
      ecco.

  • Dada 27/04/2011

    sembra che la mia gatta apprezzi le golosità che hai preparato! non la smette di annusare il monitor! come darle torto… complimenti e un bacione!

    • maghettastreghetta 29/04/2011

      Dada ahem sono ailurofobica ma prometto di non fuggire e farne un piattone allagattinadorabileannusamonitor *_*
      Un bacione!
      E grazie . Grazie per essere passata di qui

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi