Home / America  / Poteva essere un Blondie e invece è un Brownie al cioccolato bianco

Poteva essere un Blondie e invece è un Brownie al cioccolato bianco

Nigella è diventata l’eroina dei brownies e nei suoi programmi Feasts ed Express li sforna in maniera prepotente come fa la Gigli con i cupcake. Un bombardamento visivo che se prima te li fa desiderare poi li lega a te in maniera indissolubile. Perchè il brownies è il classico dolcetto che diventa comfort food in un attimo. Non è difficile da preparare ed anche i più pigri possono cimentarsi e cosa da non sottovalutare difficialmente dispiacciono in qualunque contesto.

Dal brunch alla colazione sino ad arrivare all’ora del the ma perfetti per chiudere un pasto diventano stuzzichino voglioso e carezza relax. I brownies in America sono la maggior parte delle volte ricoperti anche da glasse saporite e speziate, ma la versione base e classica senza ombra di dubbio contiene il cioccolato e le noci. Si chiama così proprio per il suo colore scuro e la presenza del cioccolato, mentre la versione “blondie” è caratterizzata dalla predominanza dello zucchero di canna rispetto al cioccolato, fondente o bianco come in questo caso.

Qui non essendo una fluddblogghè e amando le contraddizioni in termini, ho dosato il tutto in modo da avere un Brownies ma con il cioccolato bianco. Il risultato è delizioso e sono andati a ruba. Un po’ troppo zuccherati per il Nippotorinese e un po’ troppo pochi per la mamma che ha detto che bisogna triplicare le dosi.

Ingredienti

per 16 Brownies circa: 150 grammi di farina bianca, 20 grammi di cacao amaro in polvere, 150 grammi di cioccolato bianco, 1 cucchiaino di lievito in polvere, 125 grammi di burro, 200 grammi di zucchero semolato, 1 cucchiaino di essenza di vaniglia, 2 uova grosse, 2 cucchiaini di scorza di arancia fresca biologica non trattata, 100 grammi di mandorle (o in alternativa anche le noci o pistacchi vanno benissimo purchè tritati grossolanamente. Infilati magari in un sacchetto di plastica e battuti con un cucchiaio di legno o un mattarello per la carne. Ottimo antistress tra l’altro!) e un immancabile pizzico di sale.

Preriscaldare il forno a 180. Rivestire con la carta da forno la teglia quadrata o rettangolare perchè la caratteristica dei brownies è proprio quella di essere tagliati poi a rettangolini ma prima cotti in una teglia lineare (20 cm per lato indicativamente per questi dosi sarebbe perfetta). Setacciare la farina e il cacao amaro con il lievito e il pizzico di sale e mettere tutto in una terrina di media grandezza. Fare fondere il cioccolato bianco e il burro insieme a bagnomaria altrimenti si può sempre adoperare il microonde. Incorporare lo zucchero al composto cioccolato bianco e burro e girare con cura. Aggiungere quindi l’essenza di vaniglia e la buccia grattugiata di un’arancia e poco alla volta unire agli ingredienti secchi (farina e lievito). Aggiungere quindi uno alla volta le uova e le mandorle (o le noci-pistacchi). Girare per bene con un cucchiaio di legno e versare l’impasto ottenuto nella teglia. Far cuocere per 30-35 minuti e controllare la consistenza negli ultimi minuti di cottura. Se uno stuzzichino di legno ne fuoriuscirà asciutto allora tirare fuori immediatamente e lasciare raffreddare per almeno 1 ora prima di tagliarli. Non prima perchè si rovinerebbe tutto il lavoro. Trascorsa un’ora tagliare a quadrotti o rettangoli i nostri Brownies e servire.

Per i sette anni una delle tante sorprese ricevute è stata  la torta con i sette nani . Ce l’ho fatta a rincretinirlo. Questo è l’importante.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
18 COMMENTS

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: