Un San Valentino Cuoricioso Cioccolatoso senza latte e uova? Già

Must Try

Pancake vegani con il latte di mandorla

Non sono una fan dei pancake, perché mi piacciono più i waffle ma devo dirti che questi sono in assoluto i pancake più buoni mai provati.

La Primavera di Fernanda, la mamma

Di questa Primavera ho parlato tantissimo in svariate occasioni, perché mi ricorda mamma ed evoca tanti preziosi ricordi.

La carbonara di fave

Con le zucchine, con gli asparagi, con l'avocado e pure con le fave. La carbonara vegetariana è ricca, buona e sorprendente.

La carbonara di Avocado

La carbonara è solo una, e siamo tutti d'accordo. Le declinazioni vegetali però sono gustose, ricche e sorprendenti. Questa una variazione che ti promette un successo assicurato.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Vogliamo ricordarla così. Ritratta con Muki. Ora non so esattamente chi sia e da dove venga Muki (anche se si può intuire che sia un gran bel  pappagallo) ma per qualche oscura ragione su Instagram oltre a queste bizzarri effigi girano foto di me  e fumetti di Maghetta Streghetta riprodotta in tutte le salse; a volte opportunamente taggate e altre no. Ci sono e saranno  i ladri di immagini ma  è opportuno soprassedere perchè oltre profonda tristezza non si può provare altro.

Essendo arrivati a cifre astronomiche che non potevo prevedere,  dubito fortemente che possa in qualche modo monitorare cosa stia succedendo. Due parole su Muki, però ecco quello sì;  in un primo momento vedendo questa polaroid mi sono sentita oltraggiata. Irrazionalmente ho creduto di dover chiedere delle spiegazioni a riguardo. Denunce, rimozioni e vaneggiamenti. Dopo dodici secondi, perchè sono bastati quelli non ho potuto che.

Scoppiare fragorosamente a ridere e capire.

Che le idee sono alla mercè di tutti e tutto, come la nostra immagine. E che spiattellando il mio facciotto acconsento anche a questo. Nei limiti poi del decoro e dell’educazione, neanche a specificarlo. Ed è strano come respirando e inspirando ( e per certi versi ragionando. Operazione in cui non riesco ad eccellere) tutto possa essere diverso. Dall’oltraggio sono passata alla lusinga. Leggere “I love her” , “I love maghetta streghetta” ed essere osannata dalle dodicenni (e non) che mandano mail chiedendomi  che penna uso e come faccio,  fa parte del mio sogno. La comunione delle idee e del sogno. Estraniarsi da questo e viaggiare in altri. Ma nei viaggi non puoi essere mai da solo.

E allora ecco io oggi volevo fermare un attimo il tempo su Muki. Sull’idea di un’idea. Di uno sconosciuto incontrato in un  iperuranio non solo mio. Con i colori, illogicità  e affetto. In una vicinanza cromatica di ammirazione.

Muki, insomma,  merita proprio una storia. Non escludo che diventerà il mio pappagallo immaginario amico. Anzi. Lo è già.

 ( sarebbe meraviglioso adesso se dopo il mio vaneggiamento filosofico scoprissi che è un pazzo maniaco serial killer e che sul luogo del delitto lascia penne di Muki.

Nel caso dovessi scomparire: Muki è l’indizio principale. Concentratevi!)

Vogliamo altresì ricordarla così in questo scatto del 9 Febbraio 2012, completamente esaurita dopo dodici ore ininterrotte di disegno e quattro di scrittura con occhiali opportunamente finti. Allucinata e in preda all’Overlook Hotel Moment. All work and no play makes Giulia a dull girl (in Italia conosciuto come il momento “il mattino ha l’oro in bocca”). Fotografata non dal serial Killer dei Pappagalli ma dal granfarabuttnippotorinese che continua a minare la mia intimità ( a lui lo denuncio sul serio).

( se fosse anche lui un serial killer al posto della piuma del pappagallo, lasciarebbe un dvd di Kurosawa. Lo so). 

E insomma ciancioallebandebandociancie. End de uinnneriiissss....

[vimeo http://vimeo.com/36538467]

E ripeto sempre grazie ma come faccio a smettere? non si può. Grazie infinite ancora e ancora dunque per aver partecipato numerosissimi alla seconda edizione di Vinci una Momiji e la Mug. Le relazioni e i deliri che nascono all’interno dei commenti (e non) sono appunto la conferma che l’oggetto in sè non ha valore alcuno ma è solo un aggregatore di meraviglie e nulla di più.

Lascio quindi il video con la proclamazione del vincitore (eletto grazie alla  tabella excel di Max. Fosse per me avrei passato la notte a contare a uno a uno i commenti).

Attendo in email maghetta_streghetta@yahoo.it un indirizzo dove poter spedire tutto. Pioggia di cuoricini compresa.

E mi sa proprio che non potevano mancare dei cuoricini di cioccolato morbidi e succulenti. Il copione  lo impone e non ci si può mica tirarsi indietro. Solo che questi cuoricini ciambellosi sono senza latte e senza uova ergo adattissimi non soltanto a chi purtroppo ha delle intolleranze al latte  ma anche a chi vegano è.

E’ una base che ho testato più volte e quindi collaudatissima che si può fare anche in versione salata per la pasticceria con tripudi di spezie, salumi e verdure.

Ebbene sì. Una pasticceria salata vegana e per intolleranti al latte che non avrà nulla da invidiare a quella canonica intrisa di burro, formaggi e uova a pioggia. Certo poi è che queste elaborazioni potrebbero tornar comunque utili a chi vorrà mantenersi un po’ sul leggerino.

Diciamolo un San Valentino light potrebbe non essere poi un’idea troppo malvagia. Ci si prepara alle fritture del Carnevale (qui ce ne saranno talmente tante che puzzeremo come carogne morte nell’olio d’oliva) che saranno tragicamente seguite dai bagordi Pasquali, quando tonnellate di cioccolato (però avremmo tante sorpresine montabili nella camera da letto e son cose) ci faranno piangere qualche mesetto sulla bilancia. Giusto in tempo per la prova costume, insomma.

Sto andando troppo avanti?  Non credo. A breve parleremo dei bikini fluo e degli orrendi jeans color pastello che ci imporranno di indossare.

Conservo sempre i muffin e i cupcake dentro scatole di latta in modo che non si inumidiscano e faccio lo stesso per queste piccole ciambelline cuoriciose morbidosissime. Appena sfornate faranno urlare di piacere mentre se trascorrerà troppo tempo faranno urlare e basta perchè diventeranno amorevolmente dure come mattoni di cemento non essendoci tanti grassi.

Si può pensare, qualora si avesse voglia, di adoperare anche una farina semi integrale (con l’integrale per intero ho provato e la consistenza mi convince meno) come insegna il grande Bob, il più famoso Muffinaro di New York (santo cielo ma ve lo ricordate il vergognoso videopost?) e il miele al posto dello zucchero se gli zuccheri raffinati convincono poco (c’è gente matta in giro eh? ahem e io faccio parte di quella fazione perchè già da tre anni ho detto no allo zucchero. Ma non è il caso di blaterarne oggi. Poi con calma dalla clinica psichiatrica dove mi ricovereranno ve ne parlerò).


Lascio quindi questa ricettina velocissima da realizzare ricordando che si potranno ricoprire con la pasta di zucchero sfruttando al massimo la fantasia (qualcosina è prevista proprio per i prossimi giorni. Gli ultimissimi!) se si ha più tempo a disposizione e voglia di pacioccare un po’ tra coloranti alimentari e nuvole di zucchero.

A tal proposito segnalo il nuovo post sulla Pasta di zucchero senza glucosio, precedentemente uplodato con tutte le rettifiche del caso.

Per la ricetta della pasta di zucchero clicca qui >>>




Ingredienti:  330 grammi di farina, 300 grammi di latte di avena, 1 bustina di lievito, 180 grammi di zucchero, 50 grammi di olio extra vergine di oliva, 40 grammi di cacao amaro.

Altrimenti per una versione senza cioccolato: 300 grammi di latte di riso, 300 grammi di farina OO (150 grammi di di farina OO e 150 grammi di riso se si vuole), 150 grammi di zucchero di canna integrale, 50 grammi di olio extra vergine di oliva, 1 bustina per dolci e aromi (cannella, vaniglia o scorza di limone o arancia biologica non trattata).

Riscaldare il forno a 180 funzione ventilata. Raccogliere tutti gli ingredienti e lavorare in un robot da cucina o con lo sbattitore elettrico. Amalgamarli per bene e ottenere un composto morbido. Aggiungere un po’ di latte di riso o avena nel caso in cui risultasse troppo compatto o farina se al contrario fosse troppo liquido. Versare negli stampini prescelti (anche un cuore grande. un orsacchiotto. un ornitorinco. qualsiasi cosa) e infornare per 40 minuti circa. Controllare con uno stecchino di legno a fine cottura e se uscirà asciutto significherà che è tempo di tirar fuori il tutto e lasciare raffreddare.

Ricordate la cioccolata? quella senza latte? Ecco. Sopra questi cuoricini cioccolatosi (ma anche nella versione bianca soprattutto alla cannella) ci sta che è una meraviglia!

Altrimenti se si ha proprio voglia di una crema al cioccolato o Nutella perchè non imbottirli dopo averli tagliati a metà? Semplice, sbrigativo e soprattutto vincente (granella di noci, pistacchi e nocciole sopra? sempre gradita!).

E la panna montata semplicemente? perchè no!?

E la smetto di fare stupide domande? Sì.


Forse potrebbe interessarti leggere...

72 COMMENTS

  1. muki. concentriamoci su muki.
    complimenti alla vincitrice accidenti.
    non leggerò ora le ricette e non guarderò le foto perchè, dannazione, ho maledettamente fame.
    e baciiiiiiii

  2. Oddio Giulia, questi cuoricini cioccolatosi… già me li immagino inzuppati nel caffè!!! Anche qui quello splendido liquido scuro scorre a fiumi…. e il cioccolato ci sta da dio, soprattutto se cuoricioso! Se poi è tutto più leggero è molto meglio… sei proprio una grande maghetta! 🙂

    • dammi un baciosubitotipregoooooooooooooooooooo
      giornata pazzesca.
      come stai ? e Frugolettinomio?!?! *_*
      (fammi dire mio . ti prego . mentimi)

  3. Se partiamo col cioccolato già da adesso, altro che bikini fluo, mi ritrovi a rotolare tutto ciccia e brufoli in qualche direzione finché un ostacolo non si frapponga tra me e il mio percorso. In spiaggia penseranno che si è arenata una balena dai colori tropicali, che prega di essere rigettata in acqua. Ma come si può resistere ai dolcetti vegani a forma di cuore?? Comeeeeeee?? <3

    • sì ti prego.
      due balene arenate fluo.
      voglio venire con te.
      TI PREGO.

      non si può resistere *disse salendo sul tavolo e agitando i capelli.
      NON SI PUOOOOOOOOOOOOO RESSISTEREEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE ( con l’intonazione di si puo’ fare dottorfrenghenstin oki? )

      e chi se ne importa?
      balenefluo ma felici.
      eccheccacchio ( sono nel delirio )
      ( ti adoro )

  4. Maledizione non mi parte il video sull’aifon…. chi mi fa un sunto riassuntivo specificando soprattutto a che minuto ve ho proclamato vincitore?????? 🙂 grazie

  5. Guarda ti adoro… Il mio Lui è allergico al latte e in poche ore mi hai dato già due ricette per farlo felice!!! 🙂 io già normalmente sostituisco nelle ricette il latte con il latte di soia e il burro con l’olio…Infatti in un commento precedente ho letto che qui da qualche parte c’è la pastiera con il tofu?!? Devi provarla assolutamente!! Mentre nelle ricette dolci questa cosa ha un enorme successo, nelle ricette salate non sono altrettanto fortunata… La besciamella con il latte di soia è terribile davvero… Quindi aspetto con ansia ricette in questi senso!!! Grazie grazie grazie e congratulazioni a principessa per la vittoria 🙂

    • ghgghgh cucciolaaaaaaaaa se faccio davvero la pastiera con il tofu mi sa proprio che i miei amici napoletani stavolta picchiano duro *_*
      ho gia’ fatto esperimenti disastrosi con il babà e lo scorso anno per pasqua ho pure fatto la pastiera del bicchiere. Roba da faracccccpappppponarelapelle santaricottaecannella!
      Uff.
      Ti capisco perfettamente ( anche io sono intollerante al latte. Un’intolleranza violenta. Non posso mangiare alcun tipo di alimento che contenga lattosio. Nessuno) e quindi se in qualche modo posso esserti d’aiuto sono a tua completa disposizione.
      Purtroppo besciamella e annessi in versione salata hai assolutamente ragionesonounaschifezzainauditaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa*disse urlando e balzando sulla scrivania.

      Solo una volta ne ho adoperato una marca sorprendentemente buona ( devo averla anche fotografata da qualche parte santocielo la trovo e ti dico )
      e insomma.
      celapossiamofarcela.
      Unite ce la faremo *risale sul tavolo
      (santo cielo sono esaurita)
      baciamoci *_*
      spettachescendodaltavolo

  6. Volevo dirti una cosa al volo, Iaia. Inizio dicendo che per un ottimista il bicchiere è mezzo pieno, per il pessimista è mezzo vuoto e per l’ingegnere è grande il doppio del necessario. 😀
    Per dire che.
    Oltraggio, lusinga. Gli estremi. Pragmaticamente, e da ingegnere, muki significa che sei popolare. That’s it. E la popolarità si porta dietro queste robine, insieme con fans adoranti e serial killer pagati dal nippotorinese, stanco della settimana cuoriciosa….
    Prendila come viene, Iaia, senza crucci e senza preoccupazioni, con la scanzonata ironia che sempre ti contraddistingue! 🙂

    • Sissì Iaia cara, io sposo in pieno ( come contraddirlo, d’altronde?) le parole di Max.
      Non ti curar di loro….fatti una bella risata!
      In fondo, anche questa è una dimostrazione di apprezzamento ( nel caso specifico, apprezza notevolmente il pappagallo!), un pò inquietante, ma sempre di apprezzamento si vaneggia santocielo! 😉

  7. meravigliosa ricetta!!!!
    perfetta anche per la mia mamma che non può mangiare ne uova ne burro e di conseguenza mangia pochissimi dolci!!!! Questa può essere una super coccola da farle!!!!!
    Baciiiii giulia

    • Umamma GIulia spero allora che ti piaccia santocielo.
      Fammi sapere che nel caso ci mettiamo d’accordo e mi picchi *__* !
      Un bacione !

    • santocielo nooooo
      ho ricevuto la tua mail. dovevo dirtelo ieri ma giuro che sono giorni infernali.
      infernali a dir poco.
      faro’ tutto uttot tutututututototototototutottutotuoto.
      Piano piano arrivo.
      sempre in ritardo ahimè ma arrivo.
      e ora possiamo abbracciarci perfavore?
      per tre ore ?
      grazie

        • domani scriverò meglio perchè purtroppo è tutto un casino . pure la sera santocielo.
          e non vedo l’ora di buttarmi a letto .
          e morirelìperunpaiodiore.
          ma davvero.
          mi hai molto commosso. Sono francamente sconvolta.
          è un pensiero non bello.
          di più.
          poetico.
          davvero. Non so come ringraziarti.

          • sono tanto contenta. ne creerò ancora e ancora di poesie se davvero anche per 3 secondi fanno sorridere qualcuno. o lo sconvolgono. o non lo so. sono contenta! grazie a te davvero. mi hai dato motivo per impegnarmi in una cosa piccola e semplice. e divertente. ciò che scrivi mi è sempre d’ispirazione. mi spinge a migliorare, passo dopo passo, attraverso azioni semplici e spontanee. grazie.

  8. e complimenti! -.-‘ certo che ci vuole c**o eh! non ce la posso fare!maccccchisenefrega! tanto Gy prima o poi lo sai che ci vedremo a quattrocchivero???? anche senza premio!! ahahahah 😀 (paura eh???????????) … uff qui si sfornano sempre cuoricini…sto andando in crisi da san valentino! ecco!!!! ho deciso..vado a progettare un cuore da fare!!!! ( forse!)…smuackkkkkkkkkkkkkkkkkk :-*

  9. Una pioggia di cuoricini è proprio quello che mi ci vuole in questo giorno così triste per me 🙁 meno male che ci sei tu cara maghetta, le tue parole mi fanno sempre sorridere un sacco, ma questo tu già lo sai! bacio

  10. Hovintohovintohovintohovinto!!!! 🙂 Non ci posso credere!
    Ho fatto un super salto mortale sulla sedia. Non sai quanto sia felice e quanto mi abbia fatto bene stare qui in questi giorni, quanto abbia bisogno della pioggia di cuori che ci invi tutti i giorni e di questo fantastico regalo, questo + un periodo brutto brutto per usare un eufenismo.
    Ti mando i miei dati in privato. Grazie!

  11. Se solo potessi cucinare anche ioooooo! Non farei altro tutto il giorno.! Una volta ho visto la babysitter (per mia sorella sia chiaro v.v) preparare le patatine fritte in padella, ci ho provato anche io, il risultato? inmangiabili! In padella ci metto sempre l’olio, ne ho messo anche questa volta, ma erano così orribili che ho dovuto buttarle. D: Ci provai 3 o 4 volte alla fine 1 sola patatina era buona, 1 su 50! D: Vabbhe, comunque questo l’ho fatto quando non c’era nessuno in casa, penso che mi avrebbero ucciso sul colpo con uno solo sguardo. Comunque vorrei provare a fare questi biscottini. Con del tè dici che ci stanno? Io ci provo, non so quando non so dove ma ci provo, magari organizzo un tè party. Sì io e la mia gattina sedute ad un tavolo che beviamo del tè accompagnato da dei biscottini a forma di cuore. ‘-‘ Meglio di no… Allora….dopo averti riempito di cavolate questo commento lo spedisco e amen! Sto colorando adesso il disegno ( tu sai quale) In teoria non è molto complicato ma colorare tutto il cielo! Polverina! *_* Sia ringraziato il cielo! Dai mi metto all’opera anche perchè ho solo 2 giorni per finirlo! 😀 Baciniaffettuosi seguiti da una pioggia di cuori per la Iaia. 😀

  12. Buondì cuociricoso e complimenti alla fortunata vincitrice!!!

    quessti cuiricini li proverò di sicuro,
    anzi colgo l’occasione per informarti che sul mio blog ho indetto un contest/raccolta per ricette senza uova (e possibilmente anche senza lattosio).
    Al termine in ogni caso realizzerò una pagina con l’elenco delle ricette egg-free che trovo in giro per il web e che trovo sfiziose e ben riuscite, e questa sarà di sicuro tra di quelle!

    Un abbraccio!

  13. Per 3 peli! 3 miserrimi pelastri non ce l’ho fatta. Ma la prossima volta la bamboletta sarà MIAAAAA! MUahuhauhauhauauaua!!!!
    Congratulazioni alla vincitrice! :o)

  14. […] Nell’indice poi ce ne sono diverse per intolleranti al glutine e latte e preparazioni specifiche per chi diabetico non può abusare di zucchero. Stessa cosa per le preparazioni vegane dove ricordo i cuoricini realizzati per San valentino in una forma squisitamente cioccolatosa che puoi trovare cliccando qui.  […]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this