Home / Cioccolato  / La Signora Strana cucinava anche ciambelle al cioccolato

La Signora Strana cucinava anche ciambelle al cioccolato

Che *coff coff* ahem. Io che do consigli su come essere Popular. Contraddizioni in termini e deliri insomma. Il mio nuovo articoletto è disponibile su Vanity Fair, che inspiegabilmente invece di prendermi a randellate sulle gengive mi da la gioia di comparire.  Basta cliccare qui per insultarmi e dirmi ” basta. nontisisopportapiù” (monelli!)

Il Decalogo semi-serio su come diventare Popular ( o perlomeno provarci) su Instagram>>>>

E’ il periodo dei tulipani, orchidee e nani. Ricevo i primi color fragola e le seconde candide e bianche. I terzi sotto forma di annaffiatoio con mini pannelli solari che recensisco nel mio angolo nanoso ( clicca qui. I clicca qui li faccio sempre per la mia mamma che si diverte dal suo ipad ad aprire nuove finestre e finire nei meandri della mia labile mente sotto forma di pixel) e assistenti giardinieri per sgravarmi da compiti che non riesco a portare a termine.  Pure il vaso. Ho pure il vaso del nano da giardino. Mai avrei potuto sperare di meglio dopo aver ricevuto domenica la versione primaverile pigiamosa con dei nanetti adorabili.
E quindi per il giorno di San Giuseppe mi ritrovo Pippo, Pippo e Pippo. Tre regali nanosi  davvero importanti da parte della mia mamma. Lei mi regala nani e il mio papà fiori. Il Nippotorinese premure ed io sto lì immobile e impassibile a ricevere amore e sentirmi felice. Ho tirato fuori la protezione cinquanta perché far foto sul terrazzo, visto che ho già cominciato, potrebbe donarmi quel colorito che non mi piace e voglio.

Ho il mio cappellone a falde larghe pronto. Mi piace essere la “signora strana” per la bambina di fronte. Anche se non ho una bambina di fronte e allora riformulo dicendo che mi piacerebbe essere la “signora strana” per la bimba immaginaria della casa immagianaria di fronte.

La signora strana. Quella che ha tanti nani. E’ bianca e pallida. Fa foto a delle cose che non si riescono a vedere ma sembrano dolcetti. Si veste sempre di nero ma qualche volta ha degli occhiali a forma di cuore rossi giganti e un cerchietto con delle orecchie di coniglio.


Sono diventata questa? No. Sono sempre stata questa e in questo mondo, che è terrazzo e casa mi sento spogliata dai dogmi, imposizioni e regole. Sono finalmente libera di essere me tra sogni e paure. Vengo presa in considerazione quando decido che Pippo, Pippo e Pippo saranno i nomi dei nuovi arrivati perché purtroppo dimentico le cose e non vorrei mai dimenticare più il nome dei miei pochi amici. Nella barba c’è quella saggezza e inquietudine e in quelle scarpe comode che guardano il cielo dalla punta la voglia di camminare ancora e ancora e mai fermarsi. Un cappello per nascondersi e segreti millenari di sogni nascosti nel cuore.

Ricordi in piantine. Sotterrati e annaffiati. Ad alcuni ho tolto le erbacce e usato disinfestanti per sistemarli e decorarli come fossero edera. E farli arrampicare seguendo percorsi da me scelti e non che prendono forma in libertà. E’ un giardino che in fondo non lo è perché terrazzo costruito con cemento, cuore, fantasia, dolore e sorrisi. E’ governato da conigli in gabbia dove il tempo non c’è. L’importanza della mia terrazza. La distanza che c’è tra il mondo dove mi sono rinchiusa e quello che è fuori. Il binario dove la Rowling in quei tre quarti divide mondi e un lascia passare tra un mondo e l’altro come in Neverending Story distinguendo tra le pagine il regno di Fantasia. Per me la terrazza rappresenta questo. Una terra di mezzo dove uscire allo scoperto ma con la possibilità di rientrare immediatamente. Coperta con un cappello per proteggermi dal dolore e dalla luce e piena di crema per allevviare bruciori e scottature che mi hanno ferito. Ci piazzo nani in ogni angolo per lasciarmi accompagnare e non temere. Per cercare di avere meno paura. Conigli in gabbia senza tempo e profumi per una che olfatto non ha.

Lui mi guarda e mi dice : Sei felice Gi?

Gli rispondo che sì. Sono felice. Di avere un rifugio. Una terra di mezzo. Un trampolino per lanciarmi in quello che mi aspetta e il sostegno di nani che in fondo sono la modestia e la grandezza della magia.

Sono molto felice Pi. Davvero molto. Perché con fatica e ho dovuto attendere trenta lunghissimi anni ho compreso. Che non puoi essere quello che non sei. Che non puoi costruirti un personaggio e recitare. Che non puoi inventarti un modo per essere felice.

Devi solo arrenderti. Accettarti e se riesci migliorarti ma senza snaturarti.

Sulla mia terrazza prima c’erano solo vasi in coordinato. Fiori perfetti. Bei tavoli di legno pesante  e sedie con lo schienale alto. Vasi colorati con alberelli scolpiti manco fosse passato Edward mani di forbice e cuscini in coordinato. Ed ero io , sì. Ma mancavano i nani. Accenni rosa. Tane nascoste. Entrate segrete. Cartelli stradali con su scritto ” Casa di Pippo a destra” e gabbie dove non ci sono uccelli ma conigli di peluche per non rendere prigioniero nessuno se non il tempo. E sono io senza ma. Non manca nulla. Tutti se vogliono possono vedere cosa sono ormai.

Ed io posso essere finalmente fiera, anche se solo un po’, di non essermi piegata alla falsità e di essere quella che volevo esattamente essere: me stessa.

Non  importa se nelle vite degli altri sono la “signora strana” perché per me non è mai contato cosa sono gli altri nella loro  vita ma cosa sono io e la vita stessa.

E oggi è il momento della ciambella.

Di quelle classiche ciambelle che fai dopo la Pasqua quando ti è avanzato talmente tanto cioccolato che pensi di ricoprirci i divani e la parete della camera da letto facendo delle vere e proprie doghe di fondente e riprendendo un po’ lo stile Japan. Insomma quella classica ciambella che vorresti poter inzuppare in una tazza di latte grande quanto una piscina olimpionica la mattina. La stessa mattina che vorresti rimanere a casa dopo aver mangiato la suddetta spaparanzata sul divano. A grattarti la pancia (che scena orrenda santo cielo) gonfia di latticini. Sfogliando riviste di moda e maledicendo tutte quelle che appaiono con la pancia piatta da pagina 1 a pagina 234 (ma mi sa che non hanno fatto colazione con ciambella e piscina olimpionica) e ticchettando incessantemente sul telecomando di sky.

 

Questa ciambellotta avrei potuto farla ben dopo il periodo pasquale magari appunto per il riciclo dell’uovo di Pasqua et similia, ma ho voluto giusto cominciare con una base velocissima da fare giusto perché potrebbe essere un’idea regalo. La ricotta è simbolo della Pasqua soprattutto al sud e la sua presenza nell’impasto insieme a queste gustosissime note di cioccolato fondente regala davvero un quid in più al ciambellotto protagonista di oggi. Preparo molto spesso questi tipi di ciambellotti perché il Nippotorinese ama conservarli nei sacchetti Ikea richiudibili e portarli in ufficio. Può sgranocchiarne parti e offrirle e che sia al limone o semplicemente alla vaniglia sino ad arrivare a quelli con la frutta o con le amarene, di cui avremo modo di blaterare e pure a sproposito, questa rimane una variante un po’ più golosa per la presenza della dolcissima droga cioccolatosa. Si conserva benissimo tra l’altro se non prende troppa umidità e si può utilizzare in diversi contesti. Forse che forse non per la chiusura del pasto però. C’è questa smania di fare ciambelle anche per la chiusura del pasto e non va bene. D’accordo che sono semplicissimi da fare e ci si impiega poco tempo ma a prescindere da quello che si serve durante il pranzo o la cena che sia, sarebbe sempre buona norma (colpo di csabite acuta) non confezionare ciambellotti lievitosi per la chiusura di un pasto. Un po’ come i muffin che in tutti gli orari vanno collocati tranne che a fine pasto come dessert.

Insomma un ciambellotto di facilissima realizzazione che si presta davvero bene a diversi utilizzi e che potrebbe pure essere meravigliosamente glassato con una pioggia di cioccolato fondente sopra. Del resto oh dopo la settimana ipocalorica si era detto che qui non ci sarebbe stato minimamente intenzione di controllare calorie e annessi ma ci si sarebbe dati alla perdizione assoluta.

 

Ingredienti per sei persone circa: 150 grammi di farina OO, 250 grammi di zucchero, 100 grammi di amido per dolci, 400 grammi di ricotta, 150 grammi di cioccolato fondente tagliato a pezzi non troppo grossolanamente, 50 grammi di zucchero a velo (facoltativo per decorare), vaniglia freschissima, 3 cucchiai di marsala.

Lavora tutti gli ingredienti aiutandoti con uno sbattitore elettrico. Lavora un po’ la ricotta con lo zucchero. Aggiungi il cioccolato e poi la farina e l’amido setacciati e infine le uova. Aromatizza con la vaniglia e con il marsala. Quando hai ottenuto un composto molto omogeneo versa in una teglia imburrata se non è di silicone e in forno già caldo a 180 per 30-35 minuti. Controlla con uno stecchino di legno. Infilalo e quando esce asciutto dall’impasto sforna e lascia raffreddare.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
29 COMMENTS
  • gluci77 20/03/2012

    a

  • Amaradolcezza 20/03/2012

    Ga

  • tittisissa 20/03/2012

    Terza?????

  • pani 20/03/2012

    uhm…quasi quasi, anche se non posso, mi costruisco un terrazzo. E pensare che da piccolo ne avevo uno grande come due appartamenti.
    Però un vero terrazzo deve essere alto e vedere lontano, vedere i tetti delle case e i gatti che ci camminano sopra

    • gluci77 20/03/2012

      L’Ingeriminese, che è notoriamente uomo molto romantico e poetico nelle sue manifestazioni, ha detto che “un buon terrazzo deve avere delle membrature strutturalmente tese e ben vincolate”… Quando l’ho guardato allibita si è difeso dicendo che “questa è statica”!!! 😉

  • gluci77 20/03/2012

    Questo è un post che merita un po’ di calma… e questo è un momento incasinato… Giulia, la gara è la scusa per salutarti e augurarti buon pranzo… appena ho fatto mangiare Frugolino e il suo babbo, mi siedo, leggo con calma e parto con i miei deliri, ok?! Un abbraccio a te e a tutti i tuoi ospiti!

  • pani 20/03/2012

    certo che questa ciambella ha un’indubbia e rustica eleganza. pare quasi un mobile.

  • tittisissa 20/03/2012

    Iaia cara, premesso che a partire da oggi e per sempre puoi chiamarmi Pippo, così non ti dimentichi mai di me, capisco quando scrivi che per te i tre regali nanosi della tua mamma sono davvero importanti. Nessuna attenzione è preziosa quanto quella donata con il cuore senza essere stata chiesta. Adesso vado a finire di leggere, ci tenevo a scriverti questo pensiero subito. 😉

  • Ninphe 20/03/2012

    sì vabbè ma non è giusto scrivere “a” senza neanche aver letto il posto per avere il “first!” 🙁

  • tittisissa 20/03/2012

    Adesso che ho finito di leggere tutto tutto voglio solo aggiungere che :
    numerouno, al più presto occorre che io venga a prendere una tazza di latte con una fetta di ciambella sul tuo terrazzo.
    numerodue, tu sei una creatura meravigliosa. Non ti nascondere maippiù, perchè quello che sei a me piace così.
    numerotre, ho già copiato la ricetta per farla oggi al mio pupone che impazzira, sallo, per colpa tua..e di chi senno’??
    😀 Lots of love

  • tittisissa 20/03/2012

    Dimenticavo il numeroquattro (The last but not the least) : Il tuo pigiama nanoso primaverile è stupenderrimo. Lo voglio uguale attè. Punto. E ci voglio anche le ciabattine intonate. Perchè siamo personcine di classe qui eh, veriveritrendi 🙂

  • Hariel 20/03/2012

    io adoro il fatto che tu abbia un terrazzo! a casa mia il terrazzo è non praticabile e sapessi che rabbia! e il cortile è invaso dai fiori di mamma e guai a spostarglieli! e forse è anche giusto così…è la sua casetta questa, e in fondo ancora non è così in età avanzata per non decidere cosa le piace e cosa no 😀 ehehe. E allora sogno il giorno in cui il terrazzino della mansarda del mio pazzo sarà anche mio e potrò usarlo per farmi un mio angolino. Già. ( e se mai dovesse fare “musioni” sul come voglio utilizzarlo e arredarlo ti chiamo e lo picchiamo insieme…giusto????)
    😀
    baciuzzi calorosi oggi…la primavera ormai c’è! ( e io mi sono pure concessa l’acquisto di una camicetta lilla…che considerando il mio gurdaroba quasi totalmente nero [ ehhh già..come te!] devo dire che mi spaventa un colore così chiaro ma… facciamoci coraggio 🙂 si!)
    😡

    • Hariel 20/03/2012

      ma che è quella faccina brutta???? doveva essere un bacio 🙁 ..oh ma non c’è uno schema di come si fanno le faccine qui??? ufffffffffffffffff
      vabbè!!! baciooooooooooooooooooooooooooooooo :-*

  • Amaradolcezza 20/03/2012

    sono sul podio
    non ci credoooooo
    soprattutto perché ero sul bus, ho corso per prenderlo, dovevo scendere la fermata dopo e stavo andando all’università
    yuppiiiiii

    😀

    vi sbaciucchio
    leggo dopo con calma!
    scappo!

  • Bibi 20/03/2012

    Io voglio vivere nel tuo terrazzo.
    magari inverno mi metti una busta sopra, così giusto per tenere la temperatura alta e non bagnarmi, per il resto sto a posto

  • gluci77 20/03/2012

    Giulia… anche stavolta sono arrivata alla ricetta con gli occhi un po’ lucidi… non lo so… è che sento avremmo parecchio da dirci sedute su quel terrazzo… :-* Mi spieghi cosa c’è di strano nell’avere dei Nani da Giardino sul balcone? Non nascono come decorazione da esterni? Io fino allo scorso anno sul terrazzo avevo la 313 di Paperino e un triciclo di Saetta Mc Queen! Cosa c’è di strano nel proteggere la propria pelle dal sole? Soprattutto se si ha una carnagione chiarissima? Mio padre è pieno di nei e il dermatologo cosa gli dice? Cosa c’è di strano nel prediligere il nero per il proprio guardaroba? A detta di qualsiasi “esperto” è il colore dell’eleganza… Cosa c’è di stano nel fotografare delle pietanze? I libri di cucina ne sono pieni… Cosa c’è di strano negli occhiali a cuore o nel cerchietto con le orecchie da coniglio? Ma li hai visti come si conciano alcuni oggi?! Eh?! Hai visto la bambina immaginaria nella casa di fronte immaginaria? Ma i suoi genitori la vedono o no quando esce?! 😉 Tutto questo delirio per dirti che “strano” è un concetto abbastanza relativo… Baci a valanga!!!

  • tittisissa 20/03/2012

    Luci, la tua saggezza è disarmante.
    “strano” è spesso sinonimo di “originale” nel vocabolario degli ordinari, che ragionano per convenzioni.
    Perciò, essendo concetto completamente astratto e del tutto personale, reputo “strano” quasi un complimento sopratutto se deriva da giudizio frettoloso della specie sopra citata 😉

  • Katia Ostanel 20/03/2012

    Il tuo post è bellissimo.
    Ultimamente tutti i tuoi post sono bellissimi. Mi riempono il cuore, mi lasciano dentro una sensazione. Come se finalmente, dopo un lungo cammino, arrivassi a vedere il mare.
    Ti invidio il terrazzo. Forse un posto così, per me, sarebbe come Tiffany per Holly. Un rifugio, io, non ce l’ho più. Ma forse preferirei non avere bisogno di averne uno e preferirei che tu non ne avessi bisogno. Ma se averlo ti rende felice, allora, ecco, vedi: tu sei davvero una persona stupenda e unica. Perchè alla tua età, che poi è grossomodo la mia, hai capito tante più cose di una donna del doppio degli anni e di sicuro ne hai capite molte più di quanto abbia fatto io. vorrei poter leggere meglio tra le righe dei tuoi post, comprenderti di più, ma ci sarà tempo, mi dico, tempo per essere, semplicemente, due persone imperfette una davanti all’altra, anche da lontano, anche così, danzando insieme a te su pezzi di ciambella al cioccolato.
    Ti voglio bene, anzi, benissimo.
    E sappi che ho imparato a fare l’uncinetto.E’ la fine.

  • Wish aka Max 20/03/2012

    “Devi solo arrenderti. Accettarti e se riesci migliorarti ma senza snaturarti.”
    Non avrei detto arrenderti. Ma il concetto mi appartiene così tanto che sono sicuro che ne abbiamo parlato. Ed è la sintesi del wu wei (tradotto “non agire” ma non rende). Ti riporto un passo del Zhuangzi, di Lao-tze.

    “Se uno si lascia galleggiare traendo profitto dalle virtù del Tao è senza lode e senza biasimo, una volta drago e una volta serpe, cambia insieme alle circostanze e nulla fa autonomamente, una volta in alto e una volta in basso, si fa una misura dell’armonia e va galleggiando verso il progenitore delle creature. Se tratta le cose da cose e non è fatto cosa dalle cose, chi può vincolarlo?”

    Seguendo il Tao si trova l’equilibrio, seguire il Tao significa innanzitutto essere se stessi, assecondare la propria natura, non fare forzature, accettarsi per l’appunto.

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi