Home / Illustrazioni  / Hollo

Hollo

Se il video non dovesse partire correttamente puoi cliccare qui 

E poi sì il momento pare essere arrivato. L’intenzione iniziale era quella di riassumere i quattro elementi aria, terra, acqua e fuoco in un’unica illustrazione maghettosa. Che comprendesse “infantilmente” a tratto le essenze della vita e del sogno. La terra legata all’aria che fa muovere le foglie dove dondolarsi e l’acqua che coltiva i fiori capaci di arrivare fin su nel fuoco delle stelle che accendono il cielo. Un frullato di sotto e sopra terra che ha tutto fuorché discontinuità. Ero assolutamente straconvinta che volessi questo per il mio amico Hollo. Nei cassetti si sarebbe così potuto riporre qualsiasi oggetto appartenente ai diversi elementi. Costumi nel caso dell’acqua, pentole nel caso del fuoco, palloncini colorati pronti a essere gonfiati e portati in borsa per legarseli al polso nel caso in cui si volesse fuggire lontano e terra perché nei cassetti si nascondono anche segreti e roba che va sotterrata dalla vista.

Poi un giorno è arrivato il Nano in tutta la sua semplicità. Un baffo sicuro e arrotondato. Anziano di millenni e di vite che può soltanto consigliarti saggerie. E può inventare appunto anche la parola saggerie per le cose sagge. Cappelli che nascondono mondi e contengono trame complicate di vite e ricordi. Guanciotte tonde dove affondare il facciotto nei momenti in cui hai solo voglia di piangere un po’ e occhi dolci dove perdersi e sorridere magari arrampicandoti sulle folte sopracciglia. La grandezza del nano. Sapersi nascondere pur essendo gigante di vita.

E mi sono ritrovata a chiedermi cosa fosse più giusto. Se l’idea iniziale o l’evoluzione. Se la complicanza dell’essere o la disarmante semplicità che non per questo risulta poi meno complicata di quello che apparente è. In un divenire costante che riporta sempre all’essere parmenideo e allo shakesperiano non essere.

Ma non è affatto un problema, in fondo.

Quello che ho capito da questa bellissima esperienza con Hollo, alla quale purtroppo non mi sono potuta dedicare come avrei voluto, è che indipendentemente da quello che viene mostrato vi sono cassetti segreti celati che non necessitano per forza di una cornice adeguata.

Hollo è semplice filosofia nella sua purezza. Si potrebbe per certi versi scomodare addirittura la biga alata e la reminiscenza dell’anima sino ad arrivare a Platone e all’idea. Quella parte razionale e intellettiva dove riporre sacchetti, pentole, vestiti e calzette e quella parte concupiscibile dove nascondere magari proprio giù in fondo al cassetto, terra e vermetti.

Lo scopo dell’anima di Hollo era per me quello di riuscire a guidare le due parti dritte verso il mio iperuranio di idee. Trasformare tutto semplicemente in pochi tratti ma che emanasse essenza. Di quello che si era. E che non si è affatto perduto: bambino e sogno.

E ai bambini e i sogni  piacciono le altalene e gli gnomi. Poi quando si è più grandi si vaneggia su filosofie, bighe e iperurani facendo finta di dire cose intelligenti ma la realtà è solo che.

Ai bambini e i sogni piacciono le altalene e gli gnomi. Perché ci si dondolano e dentro la barba li nascondono.

E allora metti anche tu i sogni nel cassetto senza paura. Che tu sia bimbo o che l’abbia semplicemente dimenticato.

Perché ti assicuro che sì.

Si realizzeranno.









Tutti i riferimenti sul mio progetto Hollo, qualora ti interessassero puoi trovarli qui:

Hollo su Facebook lo trovi qui 

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
15 COMMENTS
  • Katia 11/07/2012

    NANO!?!?!?

    • Katia 11/07/2012

      PRIMA?!?

      • Katia 11/07/2012

        Che bello. Voglio anche io un cassetto nel quale i sogni si realizzino. E uno dei sogni sarebbe per te.

  • LaFloss 11/07/2012

    Posso dirti Giuliamia che la mia preferita è la quarta immagine a partire dal basso. Sarà perchè sono semplici linee, perchè è “in formazione” perchè è morbida, non lo so. Ma io ecco una cosa così la vorrei in casa. 🙂

    Flo

  • Sono……3a? ma sì va la. ù.ù ora leggo.

  • bestiabionda 11/07/2012

    Se penso a te io penserei a una fusione di entrambi. Se dovessi scegliere per me scelgo maghetta perché è lei che mi ha sempre sussurrato qualcosa nei momenti difficili.
    amica inchiostro e pixel.
    Ccomunque viste entrambe le spiegazioni , sarà ugualmente perfetto.

  • Maghetta appena accennata, con i suoi capelli fluenti come onde, mi ha subito rapita 🙂 Come le altalene, che ho sempre pensato potessero raggiungere il cielo e alle quale non resisto mai e i nani che ho riscoperto, piccoli, saggi e operosi, burberi e teneri come chi è abituato a nascondersi e dare affetto in segreto.

  • ђคгเєl 11/07/2012

    adoro la quarta a partire dal basso (come la Flo!!!) ….ti racchiude in pieno se penso a te.
    🙂

  • ... anymoR .. 11/07/2012

    …..ogni tanto non resisto e mi decido a scrivere (dal primo giorno che ti ho “avvistata” chiedendoti dove avevi reperito la cover di hello kitty 😊😊😊 sino ad oggi)….premesso che adoro il NANO, non mi dispiacerebbe veder completata la terza dal basso: aggiungerei una bella vignetta come se dovessi raffigurare i sogni di maghetta e li inserire il mondo fatato fatto di altalene e gnomi….
    …non smetterò mai di farti i complimenti….
    ….Buona serata a tutti….

  • Wish aka Max 12/07/2012

    Il riferimento ai quattro elementi è… non ho le parole per definirlo. Commovente è troppo cinematografico, intenso è troppo poco. Confido che tu riesca a capire. E ti regalo uno spunto importante. Importantissimo. Che poi magari penso di darti chissà che cosa e tu magari ‘sta cosa già la conosci. Se la conosci, sarà una gioia condividerla. Se non la conosci, sarà una gioia condividerla. Che sembra complicato ma non lo è. Perché ciò che sta in alto è come ciò che sta in basso. E viceversa. E quel che segue è quanto dice Ermete Trismegisto. Si chiama “Tavola Smeraldina”.

    “Il vero senza menzogna, è certo e verissimo.
    Ciò che è in basso è come ciò che è in alto
    e ciò che è in alto è come ciò che è in basso
    per fare i miracoli della cosa una.
    E poiché tutte le cose sono e provengono da una,
    per la mediazione di una,
    così tutte le cose sono nate da questa cosa unica mediante adattamento.
    Il Sole è suo padre,
    la Luna è sua madre,
    il Vento l’ha portata nel suo grembo,
    la Terra è la sua nutrice.
    Il padre di tutto, il fine di tutto il mondo è qui.
    La sua forza o potenza è intera se essa è convertita in terra.
    Separerai la Terra dal Fuoco,
    il sottile dallo spesso dolcemente e con grande industria.
    Sale dalla Terra al Cielo e nuovamente discende in Terra
    e riceve la forza delle cose superiori e inferiori.
    Con questo mezzo avrai la gloria di tutto il mondo
    e per mezzo di ciò l’oscurità fuggirà da te.
    È la forza forte di ogni forza:
    perché vincerà ogni cosa sottile e penetrerà ogni cosa solida.
    Così è stato creato il mondo.
    Da ciò saranno e deriveranno meravigliosi adattamenti,
    il cui metodo è qui.
    È perciò che sono stato chiamato Ermete Trismegisto,
    avendo le tre parti della filosofia di tutto il mondo.
    Completo è quello che ho detto dell’operazione del Sole.”

  • hollo. che dire dopo il commento di Max. equivocamente ermetico..
    mi ha spiazzato l’immagine lì in cima, sugli elementi. la trovo davvero emozionante. il nano è semplice. essenziale.
    e la quarta del basso non riesci a smetterla di guardarla perché non sarebbe finita ma in realtà non puoi aggiungere o togliere nulla. è così che deve essere. un accenno, un segno non terminato, perciò ancora in trasformazione e nonostante ciò simbolico ed inequivocabile.

  • Luci 12/07/2012

    Bello, bellissimo il riferimento ai quattro elementi… anche se personalmente sono innamorata di quell’Hollo in cui ci sei tu, solo abbozzata… linee leggere, sottili, delicate… e tutto un mondo meraviglioso da scoprire dietro quelle ante…

  • tittisissa 13/07/2012

    Ma perchè scegliere, visto che sono tutti molto belli? Perchè non realizzarne uno per ogni disegno?? E farne una serie?? Ecco, io l’ho buttata lì….. 😀

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi