Home / Dolce  / La banana split in una versione light? sepofà (termine tecnico oltre che aulico)

La banana split in una versione light? sepofà (termine tecnico oltre che aulico)

E’ proprio brevettata la ricetta della Banana Split eh. Mica bananeecioccolato (perché non riesco a fare un inizio come si deve? e soprattutto: come si deve?). Insomma. Dicevo.

La ricetta della banana split è brevettata agli inizi del novecento da un certo David Evans Strickler che lavorava nel bar del padre in Pennsylvania (c’è bisogno che tedi l’universo con quello che sto per dire? No. E proprio per questo lo faccio. Perché io quando sento Pennsylvania penso sempre alla Transilvania. E mi stupisco ogni santa volta quando mi si dice “in America!” e allora dico ma “Dracula non era mica americano” e parte una serie di misunderstanding travolgenti che fanno girare la testa. Potevo risparmiarla sì?).

Insomma. Banana Split. Dracula Americano. Ah sì.

La brevettò prendendo spunto da un venditore di gelati che ne faceva una versione simile ma per qualche oscura ragione usava banane non sbucciate (ettecredochenonfacevasuccesso!). Nel 2004 il centesimo anniversario della Banana Split non è mica passato inosservato, anzi (perché in America sanno a cosa dare priorità. Abbiamo solo da imparare, noi).

Come in ogni “scoperta-invenzione” sono in molti a reclamarne la paternità. E allora dalla città di Wilmington in Ohio fanno a botte con i Draculesi… ahem no… con i Pennsylvanesi (si dirà così di certo) e tra zuffe a colpi di banana, panna e cioccolato non se ne viene proprio a capo. Pare che il genio e inventore della banana split tagliò semplice longitudinalmente una banana e aggiunse gelato come ripieno e poi via di cioccolato e panna come se non ci fosse un domani e un colesterolo da preservare.

Ormai si trova un po’ ovunque ed è davvero difficile non conoscerla come dolce. La Banana Split dagli anni ottanta in poi, proprio perché un bombardamento visivo c’è stato nei serial e in tv in generale, è un simbolo culinario inattaccabile.

Premesso che la banana è in assoluto il frutto che detesto di più e che preferirei essere travolta da una mandria di cinghiali piuttosto che assaggiarne un pezzetto, confesso che nei momenti di allenamento pedana-mattino-fosforo-blablabla qualche volta con il naso tappato e dopo una serie di vergognosi capricci, in età adulta (quale età adulta?) l’ho (ri)assaggiata.

Per confermare che: meglio i cinghiali.

Certo la granita di banana da Torre in quel di Torino brutta non è ma. Non mi fa peeeeeeeeeeeeeeeeeeeeerrrrrrrrrrrr nulla simpatia. Ma proprio per nulla per nulla. Oggi, contravvenendo ad ogni regola che vuole la Banana Split un dolce godurioso, ipercalorico, devastantemente (?) meraviglioso per le papille gustative ne faccio una versione: light.

Perché qui si è trasformato in light pure la finanziera e il fritto misto piemontese. Si è trasformato in light pure il fritto di calamari nonfacendolofritto. Si è fatto di tutto (forse troppo) e quindi perché non la versione light della Banana Split? A maggior ragione quando la rubrichetta yogurtosa che ne è venuta fuori in questo ultimo periodo si è fatta davvero corposa e interessante (non è vero ma tutti elogiano il proprio lavoro e devo farlo pure io. Anche se non mi piace. E vabbè ma dicevo?).

Complice come sempre quel pacchettodirobainscadenza che perisce lì tra scaffali, dispense e cassetti, comincio giusto dagli amaretti. Sono amaretti semplicissimi acquistati alla Metro in un tristissimo pomeriggio in quel di Catania. Perché non è mica sempre festa e c’è la spesa fescion in quel di Eataly a Torino. Senza sminuire la mia terra di lava e cenere, of course (of course è antipaticissimo ma qualche volta è giusto adoperarlo).

E’ il classico dolcetto di quando “non ho voglia di fare un dolcetto e perdere tempo ma ho voglia di un dolcetto”.

E quindi che si fa? Si fa che:

Si prende. Ah no prima di cominciare. Visto che non ho visto (vistovisto) suddetto scempio culinario in versione light da nessuna parte ma che è un parto culinario improvvisato, come sempre non ho preso appunti frizzi e lazzi. Perdo tempo a disegnare, fotografare, dire stupidate ma le cose importanti non le faccio mai (è proprio una religione la mia) quindi come sempre mi scuso per l’approssimazione (ma tanto ci capiamo no?).

E allora.

Per due persone circa:

250 grammi di yogurt naturale non zuccherato (per chi non è intollerante io direi quello intero naturale della Stuffer che santocielo è buonissimo. Se non morissi dopo un cucchiaino giuro che farei fuori il barattolo da 500 grammi in un sol colpo)

una manciata di amaretti dipende dalla golosità ( 3 chili vanno bene?)

50 grammi di cioccolato fondente nero (io uso sempre quello della Lindt con la carta argentata, ecco. E 50 grammi è metà tavoletta ma se si è nella fase “chisenefregadelladietaipocalorica” cento grammi e tanti saluti. Crepi l’avarizia!)

2 banane

per dolcificare lo yogurt andrà benissimo del miele leggermente sciolto per far sì che si amalgami meglio (che conosco una che mi somiglia che l’ha messo nel frigo e ora ha un mattone per cementare la casa del nano da giardino) oppure un generoso cucchiaio di zucchero di canna integrale (vabbè pure bianco sì) per ogni porzione. O anche solo un cucchiaio. O anche senza. O insomma. Viene troppo dolce e nnnamoci piano! (quanto sono professionale)

Adesso potrei dire: sbatti tutto nel bicchiere e ciao. Ma mi impegno e faccio “quella che ne capisce di elaborazioni culinarie ” (non posso riuscirci)

In una ciotolina raccogli lo yogurt e l’ingrediente che hai scelto per zuccherare. Sbricioli mettendo al fondo del bicchiere o del vasetto (o del contenitore che hai scelto di utilizzare) qualche amaretto e poi versi sopra lo yogurt. Spezzetta la banana e fai colare sopra il cioccolato fondente caldissimo. Ma fallo solo prima di servire altrimenti diventerà una lastra dura e si spaccheranno i denti del commensale.

E non è una bella cosa (o forse sì?).

Insomma. Poi la storia di “metti il cucchiaino e spargi il cioccolato sopra così quando togli il cucchiaino rimane la forma del cucchiaino” (devo trovare un modo tecnico di chiamare ‘sta cosa) rimane sempre affascinante.

E colpisce.

A chi piace il genere banana-cioccolato-dolcetto avevo pure preparato lo scorso anno questo Frozen Smoothie con i biscottini sbriciolati e se ti fa piacere sbirciare foto, ricetta e delirio devi solo cliccare qui.

Successone insperato a dimostrazione che con lo yogurt si possono davvero proporre moltissimi dolcetti non troppo calorici ma perfetti per le pause e i dopo pranzo-cena. Non occorre del tempo o chissà quali ingredienti e basta solo servire in un modo carino (che carino sta per: basta un calice e il gioco è fatto).

(ma anche una deliziosa coppetta. ma anche un delizio… vabbè è tardi vado)

Ci siete cascati eh? Machiseneva?

Allora. Alternative a questo dolcetto se proprio come me fai parte della fazione “no bananasplitmancomorta!” …uhm… vediamo un po’.

Lo Yogurt stellato ( clicca qui per la ricetta) 

E la coppa yogurt, mascarpone, basilico e fragole? Clicca qui per la ricetta (oh questa farà riscuotere un successone davvero eh*disse fischiettando). La nostra Impavida BestiaBionda ne aveva fatto anche una versione molto bellassai (se solo fosse operativa avrebbe un post o un album fotografico di riferimento ma ahimè dobbiamo arrenderci all’evidenza che è BIONDA. Mica è colpa sua).

(zitta maledetta! non dire a nessuno che sono nata bionda! Soprattutto a Pani che è sensibile all’argomento. Dicevo?)

Ah sì. Ricetta interesssantissima davvero (non si è capito bene perché ma piace davvero a tutti).

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
24 COMMENTS
  • Katia 28/09/2012

    Uh

  • Katia 28/09/2012

    Ma sul serio sei nata bionda?

    • Angela Errico 28/09/2012

      …ma sai che ho l’impressione che lo sapevo già. come se iaia ce l’avesse già detto….ma oranon credo che quaòlcuno potrà mai riuscire a trovarne il post…se ho ragione 🙂

      • bestiabionda 28/09/2012

        si si ne avevamo già parlato perchè è proprio un dato di fatto che sia nata bionda. e bionda è rimasta, dentro 😛

        • Katia 28/09/2012

          Mamma mia! Che memoria avete, io non me la ricordavo!
          Adesso possiamo iniziare a prenderla in giro finchè morte non ci separi.

  • Chemical 28/09/2012

    mai assaggiata, non riesco, non m ispira per niente 🙁

  • flo 28/09/2012

    bbbbuoooooonaaaaaaa
    la faccio! grazie.

  • Bea 28/09/2012

    invitantissimo
    posso sostituire lo yogurt con panna montata zuccherata?

    uh? che ho detto di male?

  • Angela Errico 28/09/2012

    yeppaaaaa…..buonissima……:) la farò…..bea!!! secondo me viene bene anche con il mascarpone….:)

  • nata bionda eh? uno scandalo -ridacchia-
    che poi sono bionda. anomalamente bionda. però non parliamone.
    non parliamo nemmeno del mio rapporto con il banana split. che sono capace di mangiarmi un casco di banane in dieci minuti. figuriamoci un po’ di cioccolta e yogurta (che se ti devo dire la verità mi fa più gola con lo yogurta che col gelato. mh. anomalie a raffica.)

    riprovo a mandarti la mail che se poi per caso l’hai letta e io continuo a inviarla non farci caso. al massimo mandami un reclamo *-*

  • La fantasmizzazione del cucchiaino, che finezza^^ Posso fare la banana split con fantasmizzazione della banana? Tipi impronta nel cioccolato e chi s’è visto s’è visto e nun se magna? =)

    • el 28/09/2012

      *_* fantasmizzazione!

    • gluci77 28/09/2012

      Posso fantasmizzare anch’io la banana?!?!

  • el 28/09/2012

    uhm. sbav. che proprio light comunque non è, diciamolo.
    che poi se sostituisci yogurt come da suggerimenti qui sopra, è la fine *_*

    quello che proprio non so fare è togliere il cucchiaino dopo aver disegnato la forma. faccio sempre una porcheria. bestiabionda lo sa, non sono precisa (non le sto dando ragione. no).

    (formina bucata di polvere? polvere forminizzante? contorno di cioccolato. cioccopolvere disegnante. non ci siamo)

    bacetti

  • Bibi 28/09/2012

    e io che non ho mai mangiato neppure quella originale col gelato e blabla ora come faccio?

  • bestiabionda 28/09/2012

    allora santocielo premetto che quella cosa del cucchiaino si potrebbe chiamare Stencil. ma. fantasmizzazione andrà benissimo.
    a me la banana split ricorda la svezia. quando sono andata una settimana da una famiglia svedese, me l’hanno servita come merenda alle 2 di pomeriggio (si perchè là si pranza alle 10 e si cena alle 17) sbattuta tutta dentro una ciotola. con delle posate lavate male. ho seriamente avuto difficoltà. è seriamente stata una brutta esperienza.

    La versione del dolcetto con il basilico che ho fatto io prevedeva delle ciotole un po’ troppo abbondanti, per questo la dovrò riproporre perchè davvero è entrato nella top ten delle cose che mi fanno impazzire *_*
    è davvero. davvero. e io sono davvero bionda. e tu sei davvero natabionda e bionda dentro. e bionda rimarrai 😀

  • gluci77 28/09/2012

    Carissima… io questo dolce non l’ho mai mangiato neppure nella versione originale… Rientro nel club di quelli “è meglio il cinghiale”!!! 😉 Lo lasciamo agli altri?! Un abbraccio e millemila bacetti

  • apity 28/09/2012

    Ahaha! Povera BestiaBionda. Le hai detto che è nata bionda e mica è colpa sua! Crudele proprio! E tu sei nata bionda, che ancora fatico a crederci! Davvero oddicibbuggie?

    Comunque è davvero interessante la ricettina e lo yogurt sì, ce salva!

  • So che non ti può consolare e so che sembra ne racconti più io di Big Fish ma pare io sia nata bionda e con gli occhi azzurri, una sòla, dal momento che sono più nera di Calimero (come hanno sempre sottolineato tutti, per non farmelo pesare) x.X

  • pani 28/09/2012

    Ma tu devi tediarci, devi tediare l’universo! E’ una delle tue missioni principali.
    Sulla banana ci sarebbe molto da dire: ha un bel suono ma è inflazionato e rischia di dare noia, come il suo sapore. Quello che non sopporto è la banana tagliata a tocchetti. Insomma, io ho qualche problema, voglio sempre tutto intero: il pandoro, l’anguria e anche la banana.

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi