Una fetta di Key Lime Pie guardando American Horror Story

Must Try

Mochi al matcha e cioccolato

Questi mochi al matcha sono di una bontà incredibile e sarà difficile, una volta provati, farne a meno. Un dolcetto unico, facile da realizzare (vegan) e sano che ti farà fare sempre un gran figurone quando lo servi. 

Il riso alla Cantonese non è cinese

Il riso alla cantonese non è cinese: colpo di scena! Scopri cosa si cela dietro il primo piatto cinese più famoso del mondo. Per esempio: non è neanche un primo piatto.

(Japanese) Tulip Sandwich

Di rara bellezza spicca il Tulip Sandwich, che regala uno splendido tulipano all'apertura. Questo modo tagliare il sandwich è tipico giapponese anche nella versione salata.

Dalgona Coffee, la food obsession 2020

La food obsession del 2020? Il Dalgona coffee, il caffè coreano o cappuccino capovolto.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

La Ricetta

Per la base di una tortiera di 26 centimetri di diametro

  • 270 grammi di biscotti secchi o tipo Digestive
  • 30 grammi di zucchero
  • 90 grammi di burro fuso (allo stato liquido proprio)

Per il ripieno

  • 5 tuorli di media grandezza
  • 500 grammi di latte condensato
  • 130 grammi di succo di lime freschissimo
  • 2 scorze di lime grattugiate (il lime non trattato)

Servire con panna montata e fette di lime per arricchire la presentazione.

Imburra per bene la teglia a cerniera e accendi il forno a 190. Frulla i biscotti o riducili in polvere infilandoli in un sacchetto e colpendoli con un matterello. Raccogli i biscotti sbriciolati in un recipiente e versa il burro fino a quando non ottieni un composto “pappettoso appiccicosiccio” che sarà poi la base per la tua cheesecake. Livellalo per bene sul fondo della teglia e per tutta la superficie. Inforna per 12 minuti circa in modo che si compatti ulteriormente (si potrebbe pure lasciare in frigo per un’oretta abbondante se preferisci o è estate e non ti va di accendere il forno). Prepara la farcia sbattendo prima i tuorli con lo zucchero aiutandoti con la frusta elettrica e poi aggiungendo pian piano sia il latte condensato che il succo di lime e la scorza. Lavoralo per molti minuti. Fallo gonfiare e quando hai ottenuto un composto bello gonfio, liscio e morbido versalo sulla base e infornalo per 15-20 minuti circa. Tiralo fuori e lascia raffreddare prima di mettere la torta in frigo per almeno tre ore prima di servire (che va comunque tirata fuori un po’ prima, a prescindere. Sempre).

Sulle origini della Key Lime Pie si potrebbe ticchettare per un’infinità di tempo. Raccogliendo qualche informazione in questi anni tra rete, televisione e programmi culinari (Bourdain compreso. Si è capito che voglio manifestare in questi giorni la mia passione per Bourdain? Alessandro Borghese, passerà. Amo solo te, lo sai), letture, enciclopedie culinarie, varie ed eventuali mi sono fatta poi un’idea tutta mia mischiando il frullato di informazioni che ricordo e non. L’origine è fatta risalire senza ombra di dubbio alcuno al diciannovesimo secolo e precisamente nel Key West in Florida; pare che la maternità e la leggenda voglia attribuire questa famigerata preparazione alla “Zia Sally”, bravissima cuoca del Signor Curry. La particolarità di questa torta è l’uso del latte condensato; la cosa potrebbe fare rabbrividire molti perché non è che ci siano così tanti fautori di questo prodotto. Bisogna comunque ricordare però che il latte in qualche modo doveva essere conservato quando non c’era la consegna SDA in 24 ore da continente a continente nel nostro meraviglioso cielo attuale inquinato e malato come la terra (e io sono la prima ad aver mangiato fragole ieri venute da chissà dove e alzo la mano urlando “è anche colpa mia”. Mi do pure un ceffone, va). Il latte per essere conservato in scatola aveva bisogno dello zucchero.

La Key Lime Pie è apparsa da poco “nella mia vita”; anzi a dirla tutta non saprei identificare neanche esattamente quando ma se dovessi darle una connotazione specifica direi: Cri e Dexter. Ricordo che in una puntata (quando ancora Dexter mi piaceva e interessava. Adesso ho abbandonato letteralmente perché la piega telenovela “lo sa pure la sorella” mi ha infastidito e ho mollato tutto. NON ACCETTO UGUALMENTE SPOILER O VI ACCARTOCCIO COME LAURA PALMER, EH?! Mi calmo. Respiro con il naso) c’era proprio una sorta di “gara” per la ricerca della Key Lime Pie perfetta. Una vecchietta in un letto di ospedale e basta. Questi sono i fantastici elementi che i cassettini (rotti) della mia memoria hanno conservato. La torta al lime delle isole Keys è un mix di freschezza che pulisce testa e palato. Amo il lime. Amo l’idea di una torta fresca e semplice ma non per questo scontata. Come amo l’idea di poterla comunque realizzare nelle diverse stagioni. In realtà non servirebbe proprio il forno; anzi a dirla tutta la ricetta originale non lo prevede affatto (mi sa pure che nelle Key arrostivano le uova mettendole sul davanzale visto il clima) ma faccio parte della fazione che “meno rischi batterici ci sono, meglio è”. Ne facevo già parte da diversi anni (sono pur sempre quella che si rifiutava di mangiare il tiramisù annianniannianni fa perché c’era l’uovo crudo. Oppure quella che mangiava otto tonnellate di patatine fritte innaffiandole con coca cola ma che non aveva mai assaggiato un impasto per torta per paura dell’uovo crudo. Sono l’unica al mondo a non aver mai assaggiato un impasto per torta crudo? Mentitemi e non fatemi sentire sola anche quest’oggi). Con la  malattia di Agata e poi di papà non è difficile intuire perché adesso cerco in tutti i modi di evitare per le persone che amo;  poi vabbè il Nippo si mangia la tartare di carne cruda con l’uovo crudo sbattuto sopra e io ho reazioni isteriche che manco dentro il Manicomio di Asylum, la seconda stagione di American Horror Story.

Ah sì. American Horror Story.

La Cuoca Sally, il Signor Curry, Dexter che cerca la Key Lime Pie perfetta per l’anziana donna sul lettino e American Horror Story. Solo io potevo fare un così agghiacciante mix. Se solo avessi un cervello potrei appuntarmi le cose e poi costruirle sintatticamente al fine di risultare perlomeno vagamente comprensibile. E invece ahimé. Sono io.

*ci sono Spoiler sulla Terza Stagione di American Horror Story*

Insomma è la terza ricetta per la Rubrica Cibo e Serie Tv correlata ad American Horror Story, questa Key Lime Pie (Il Peach Cobbler lo trovi qui e la Chicken Pot Pie qui); terza serie sempre perché la sto finendo di guardare e sono leggermente in fissa (che si è intuito per caso?). Domani ultimissima puntata e non sto più nella pelle.

Non è da tralasciare però il connubio culinario anche in Asylum dove c’è un entusiasmante e conturbante-disturbante pollo al vino. La fotografia del terzo ciclo di American Horror Story mi provoca conati di gioia incontenibile. Mi gira proprio la testa. La scena di cui parlo ne è un esempio fulgido, lampante e al tempo stesso terrorizzante. Inquadratura che mi ricorda scene di Lynch. E’ una cena. Una di quelle indimenticabili anche perché ultima per alcuni dei commensali.  La superba Myrtle Snow, che adoro manco a dirlo non solo per la sua fiammante chioma, ha quei modi talmente eccentrici e modaioli e indossa outfit e acconciature così estremamente glamour che apporta alla serie stessa un quid inaspettato. La stessa (interpretata da Frances Conroy) dopo la morte e rinascita si vendica del tradimento dei due “ex colleghi” che facevano parte del consiglio con una bella cenetta piena zeppa di gran bei piatti (inutile dire che voglio farli tutti, vero? Inutile dire che sogno proprio di fare la cena di Miss Snow chessò per San Valentino? Halloween mi pare eccessivamente scontato). Arriva la morte al momento del fatidico annuncio della famigerata Key Lime Pie; istituzione non solo americana ormai ma letteralmente mondiale. E’ una di quelle preparazioni che non sbagli mai in nessun contesto perché offerta dopo pranzo e cena (che non è sempre facile scegliere un dolce effettivamente adatto per un dopo pranzo e cena come apparirebbe distrattamente) è perfetta e “sgrassa” anche se si ha mangiato una chilata di frittura o un bel pasto consistente. A colazione-brunch e merenda, che sia con un tè nero o una bella spremutina di agrumi, va che è una meraviglia. Il gusto cambia a seconda dei biscotti poi che si adoperano e la qualità “aspra” del lime che si trova. Certo si dovrebbero adoperare i lime delle isole Keys per rendere orgoglioso di noi Ducasse, che ama dare strettamente una connotazione geografica a ogni singolo alimento *segue inchino*, ma anche quelli che trovate alla Coop andranno benissimo. I miei  provengono dal Sud America e ne sono stata informata da SantoFruttivendolodiFiducia (sono quella che mangia le fragole e fa Key Lime Pie dal Sud America a Gennaio. Forse che forse la colpa del cielo inquinato e malato è SOLO MIA).

 

 

 

La Key Lime Pie era una delle preparazioni che volevo preparare con la mia Cri. Poi purtroppo di cucina insieme in quelle poche ore ne abbiamo fatta ben poca. Tolta qualche insalata e una fetta di carne arrostita (si apre il capitolo “cosa cucinano due Food Blogger nella loro intimità”) senza contare il riempire bicchieroni di granita al pistacchio non è che abbiamo fatto granché. Però ecco. Se proprio devo sognare in grande allora vorrei che fossimo lì, Cri.

In bikini (prendo una controfigura, grazie). A spremere lime appena raccolti mentre Iris saltella. Tu fai la crema e io spacco biscotti in busta. Ale arriva dal mare con un bel mazzo di fiori. Mattia ha appena sotterrato sotto nove metri di sabbia il Nippotorinese. E Richard è appeso a un albero che fa addominali (questa la capiamo solo noi tre, santocielo).

Posso non svegliarmi? Grazie.

 

Forse potrebbe interessarti leggere...

29 COMMENTS

  1. ha un colore così disturbante che.
    che mi affascina.
    American Horror devo dire che, dopo un iniziale “noia” sopraggiunta a metà della prima stagione, mi ha creato una non indifferente dipendenza.
    Tanto che continuo a urlare dicendo che da grande voglioesserejessicalange. Ha una fotografia che. Che. Che.
    Che? che non lo so, ma.
    Ma sono curiosa dell’abbinamento aciduloLime / dolcestuccolattecondensato. Sono curiosa al punto che devo 1) reperire il latte condensato 2) reperire puntata 12.

    u.u sono sempre così sintetica per esprimere un concetto?

  2. Myrtil Snow ollaiflong.
    da grande voglio usare lo scavino per la frutta con la sua maestria ed eleganza.
    sul versante outfit avrei TUTTO da imparare da lei.
    (anche se devo dire che l’ondata di nero della terza serie mi ha oltremodo deliziata.)

    (quanto sono dipendente da questi tour cibofilmicivisionari? ne sono strafatta u_u)

  3. Sarà proprio così.
    Però voglio anche io la controfigura.
    E un tir di protezione 482482242442984728+

    Andiamooooooooooooo
    Slurp.
    doppioslurp

  4. AH ma vogliamo dirlo del fatto che a casa della fudblogger vegetariana si cuociono bistecche alte 10 centimetri sotto lo sguardo inorridito di Ombrelle a caso?

    (dio, non la dimenticherò mai quella giornata! <3 )

  5. Frances Conroy e Jessica Lange. io le amo. <3 Sono due attrici con i contropifferi di tutto rispetto.

  6. adddddoro l’impasto della torta cruda! e questa torta mi ha azzerato le papille gustative! troppo buona! ho visto la prima serie di horror story ma recupererò! 😀

  7. Oh nooooo!!! La mia torta preferita *__* E ora ne ho una voglia folle! Hahahaha!
    Per la cronaca: un giorno che non trovavo i lime ho provato a farla con i limoni, viene buonissima! (anche se i lime sono i lime, non c’è storia)

  8. O_________O vabbè ma che fiori porto dal mare (disse la novella sirenetta u.u ) e sopratutto, Richard O________________________________O

    • Puoi chiedermi tutto quello che vuoi Adri 🙂
      a 190. Scusa ho la brutta abitudine di scriverlo all’inizio.
      Per qualsiasi cosa sono qui.
      Un bacione :*

  9. Con te potrei blaterare di serie tv dall’alba al tramonto. Dexter, vorrei proprio ricominciarlo dall’inizio, perché mi sono persa tra le puntate che davano in tv. Invece, cosa ne pensi di The Walking Dead? Io sono estremamente fissata con quest’ultima, al momento. Ti prego, dimmi che mi capisci. Il 13 Ottobre inizia la quinta stagioneee e io non sto nella pelle. La adoro!!!

    • Apity mia <3 prima di tutto un bacio enorme. Vorrei e dovrei ma più vorrei dirti 23094032498234098239483409 cose ma spero di poterlo fare pian pianino. Ironia della sorte parlo di the walking dead proprio oggi in concomitanza con i twinkie.
      Mi spiace TANTISSIMO deluderti ma proprio non ce l'ho fatta 🙁
      E' vero anche che ne ho visto pochissimo e che mi sono annoiata come è vero anche che mi annoio spesso ma dipende pure dai periodi. In molti mi hanno consigliato di dare alla serie una seconda chance. Visto che lo fai anche tu beh. Mi riprometto di rivederlo.
      Ma dimmi: ha una trama nella trama? coinvolgente? a livello di personaggi intendo?
      (american horror story che mi dici? )
      ti abbraccio forte
      un bacione

      • Dalle una seconda chance. Ci sono storie d’amore nella serie e c’è un personaggio (quello di Daryl) che mi piace moltissimo e che ha veramente gli ideali che tutti cercano nelle persone.
        American Horror Story? La terza stagione mi ha annoiata, perché tutti se la fanno con tutti (permettimi il grezzume) e non c’è una storia appassionante. The Walking Dead merita tanto, più di Breaking Bad che ho visto che la bionda sta seguendo!!! Io l’ho visto Breaking Bad ed è bellissimo, ma The Walking Dead lo è di piùùù!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Happy Vegan Christmas

Un libro che racconta un Natale total veg saporito, bello e profumato. Karoline sorprende con semplicità e con una disarmante bellezza.

Christmas Tea Time

La storia del marchio Dammann Frères ce la raccontano i diretti interessati nel sito ufficiale. Si tratta di un’infinita gamma di tè pregiati. Sir...

Mele, uvetta e cipolla

Amo questo contorno. L'ho scoperto un po' di anni fa e da allora è stato amore infinito. Facile, veloce, total veg e perfetto per quando hai voglia di qualcosa di buono e sano.

Chicago Pizza

La Chicago pizza, o deep dish pizza, ha un impasto dai bordi molto alti che viene riempito da mozzarella, salsiccia, parmigiano e salsa marinara.

Le polpette di melanzane

La mamma ha sempre ragione anche quando non ce l'ha. In cucina poi non ne parliamo. Se la mamma dice "a occhio" allora tu devi fare "a occhio", fine del discorso.

More recipes like this