Frullati di salute? Te ne dico tre (mila!)

Anacardi, datteri, frutta secca, semi, latte, acqua di cocco, cacao amaro e solo il cielo sa cosa. Non sono tristi frullati da bere dopo che il ponte è saltato e il dentista ci ha mollato in preda ad una fame atavica. Non è roba per malati e post operatorio. Si parla di veri e propri pasti completi che fanno diventare la merenda, colazione e spuntino un’ottima scusa per coccolarsi, amarsi e nutrirsi di carboidrati, proteine, zuccheri, grassi facendo il pieno di vitamine e un’infinità di meraviglie. Oggi, come tutti i Lunedì, è uscito il mio articoletto su RunLovers e se ti fa piacere puoi leggermi cliccando qui.

Segui Runlovers

Ti sei perso i miei Articoli su RunLovers?

1 COMMENT

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

ARTICOLI RECENTI

MUST TRY