I biscotti con la tahina di Yotam Ottolenghi

Must Try

La Panna Cotta al tè matcha

Un dolce gustoso, facile e fresco caratterizzato dall'inconfondibile sapore del tè matcha. Perfetto per un dopo pasto ma anche per accompagnare un tè nero fumante caldo e avvolgente.

Semi di papavero e glassa di limone

Una delle preparazioni più buone mai preparate. Mi è sempre piaciuto moltissimo questo accostamento, quello dei limoni con i semi di papavero. Diversi dolci pasquali polacchi e dell’Est Europa hanno proprio i semi di papavero; anche il cozonac, per esempio, ha diverse volte il ripieno di semi di papavero. Il risultato -ma con una ricetta di Ottolenghi è facile- è sorprendente. Molto profumata, leggera e gustosa.

Tiramisù fragole e basilico e un dolce speciale

Un tiramisù molto profumato e fresco. Stupisce per leggerezza e freschezza questo dolce al cucchiaio di cui tutti sono ghiotti.

A brioscia co zuccuru – La brioche catanese più famosa!

La differenza tra la brioscia co zuccuru e quella col tuppo. È importante e non da sottovalutare.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

I semi di sesamo sono una fonte di energia incredibile perché contengono magnesio, ferro, fosforo e calcio. Possiedono vitamine del gruppo B e prevengono l’osteoporosi. I semi di sesamo per certi versi sono qualificati come veri e propri sostituti dei latticini e sono capaci di rinforzare il nostro sistema immunitario. Il Gomasio -miscela di sesami tostati e sale- e la tahina sono non soltanto condimenti gustosi ma fidi alleati per la salute. Dopo l’hummus e l’uso della tahina nelle insalate vogliamo farci mancare un dolcetto? Giammai! La tahina/tahini/tahin -ogni volta mi confondo- è onnipresente nelle colazioni mediorientali con il pane tostato misto a melassa d’uva. Gli iracheni a fine pasto non rinunciano mai a imbottire deliziosi e succosi datteri con questa pasta. L’ho fatto anche io, e nonostante non ami moltissimo i sapori leziosi, ne sono rimasta rapita. A patto che il dattero sia un vero dattero. I siriani a mio modesto avviso rimangono i migliori. Fatto sta che questi biscottini riscuotono sempre un successo incredibile. Croccanti fuori e morbidi dentro. Hanno questa tipica forma tonda caratterizzata da un “colpo di forchetta”  come fosse una piccola impronta. E poi? Tanta cannella. Ma di quella fresca che trovi al mercato e che vendono sfusa. Niente a che vedere con quella imprigionata nella bottiglietta di un centro commerciale.

Questi biscottini sono opera di Yotam Ottolenghi e se non sai chi sia ti prego corri verso una libreria e agguanta qualsivoglia meraviglia abbia scritto (e se non lo conosci per punizione: niente biscotti, ecco!)

 

La Ricetta

  • 270 grammi di farina 00
  • 130 grammi di zucchero di canna
  • 140 grammi di burro non salato di prima scelta a temperatura ambiente
  • 110 grammi di tahina leggera
  • vaniglia
  • 25 ml di panna fresca
  • 1 cucchiaino di cannella

Lavora con un robot lo zucchero con il burro fino a ottenere una crema per almeno un minuto- un minuto e mezzo. Senza fermare il robot aggiungi la tahina, la vaniglia e la panna e solo alla fine la farina poco per volta. Impasta almeno due minuti a velocità moderata. Trasferisci su un piano di lavoro infarinato. Fai delle palline e schiacciale un po’. Con il dorso della forchetta esercita una lieve pressione sulla pallina appiattendola quanto basta perché si veda l’impronta. Dolcemente e senza forza. Disponi i biscotti su carta da forno distanziandoli e spolvera la cannella sopra. Inforna a 180 gradi già caldo per 15-20 minuti (dipende dal forno) e quando sono dorati tira fuori e lascia raffreddare. Si conservano fino a 10-12 giorni se non prendono umidità e se disposti in scatole di latta.

Forse potrebbe interessarti leggere...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this