Un tè speciale che sa di zenzero

Must Try

Biscotti allo sciroppo d’acero

  Biscotti sorprendentemente facili da realizzare e che si conservano benissimo nella latta, perfetti per accompagnare un ottimo latte al mattino -magari chai speziatissimo e...

Ciambella degli Angeli

Romeo “Le tue labbra benedette, immacolate e pure”. Giulietta  “Allora le mie labbra hanno preso il tuo peccato” Romeo “Oh perdonami Angelo mio,...

Flashdance? Latte e biscotti

Flashdance ha vinto l'Oscar come miglior canzone del 1983. What a feeling, per l'esattezza. Quella che quando parte ci ritroviamo tutti in punta a...

Biscotti salati per il tè con lo stilton e noci. E chiacchiere come un tempo.

Chi mi segue sul Blog, ho notato, spesso non lo fa su instagram o viceversa. Allo stesso modo chi mi dà il piacere di...
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Quando parlo del tea time -l’ora del tè- qualcuno storce ancora il naso. Sembra essere d’antan, sorpassato e roba per donne annoiate che non lavorano. Posso garantirti che non è così e che come in tutto occorre passione, impegno e voglia di stupire se stessi prima di tutto. Mi piace ribadire che tutto questo vada fatto per se stessi perché ci credo profondamente da egoista quale sono. Sì, perché non mi vergogno di ammettere da sempre che la mia componente egoistica è radicata e forte. Non significa che vada a ledere -o perlomeno non volontariamente- chi amo ma mi impongo per certi versi di ricordarmi. Ricordarmi di me.

Amo posizionare i tovagliolini e scegliere il tè, decidere cosa servire, come abbinare e la teiera che sarà protagonista. Amo i bollitori, tanto da averli ovunque, che siano elettrici o da fornello. Se dovessi mai scegliere la cosa che più mi rappresenta non avrei dubbi ed è proprio la teiera. Sogno una casa che scoppia di teiere e se mi conosci intendo: che scoppi ancora di più. Non basta mai lo spazio per le teiere e non è mai troppo quello che dedico loro. Le osservo come fossero borse, le amo e scelgo sempre con cura e non riesco a smettere di sognare quel Ritz. A quel momento. Che ho avuto modo di raccontarti qui.

I sandwich al salmone e al cetriolo. Il ricordo di Downton Abbey, che è stata una delle pochissime serie che mi appassionato e che ho amato, dei gialli della Christie e di quell’ambientazione vittoriana, che credo non ci sia più bisogno di sottolineare mi fa battere il cuore. Nel mio ufficio, che spero presto potrai vedere perché a giorni girerò il video con Guido architetto cuginoso e genio che mi ha supportato e che mi continua a supportare perché le sorprese non sono finite, oltre al salone e alla cucina in pieno stile vittoriano leggermente rivisitato c’è anche un angolo con degli scacchi piccoli piccoli che si alternano e rincorrono. Lì ci sarà la mia sala da tè; che definire sala è eccessivo ma. Micro sala da tè. Sto cercando un tavolo a tre piedi che ho in mente e lo potrei disegnare (e forse finirà così anche se vorrei acquistarlo d’antiquariato perché voglio che abbia della vita dentro e non che nasca con me) e delle poltroncine magari dello stesso colore del Ritz, altrimenti ci penserà il tappezziere. Voglio rinchiudermi lì e sorseggiare Rooibos. Voglio estraniarmi e vivere in un altro tempo. Rifugiarmici e recuperare quel tempo.

Il tè, non smetterò mai di ripeterlo, come la tisana o l’infuso ha un potere meditativo importantissimo che è sbagliato sottovalutare. Come lo è non organizzare un tè tra amiche o semplicemente con chi ami. Anche per la cena, sai? Potrai sorseggiare tè magari a basso contenuto di caffeina e deliziare/ti con sandwich dolci e salati, con biscotti, muffin e torte salate. Quest’anno voglio proprio organizzare un tè con solo le donne della mia vita. Ne mancheranno alcune perché lontane da questo triangolo in mezzo al mare ma in quel caso c’è una cosa ancora più forte della presenza: il ricordo.

E il ricordo molto spesso viene evocato grazie anche all’ausilio del tè. Tanto tempo fa ti ho raccontato dei miei tè insieme a papà ormai venti anni fa. Degli After Eight. Delle risate e pure dei panini. Tutto si mescola e perdura. Non svanisce mai. E la mia mente razionale a volte, fissando il fondo di un tè, comincia a vacillare perché sembra quasi che prenda vita davvero. Che quasi cominci a vedere lettere e capitoli della tua vita.

Sei giorni esatti a un compleanno che mi spaventa. Perché ogni anno che passa mi spaventa sempre di più. Non sono pronta forse. Ma lo sarò sicuramente con una buona tazza da meditazione in mano. Oggi ti propongo queste trecce profumatissime allo zenzero che erano scritte nel Sacro quaderno di Bodrum, quindi reperite chissà dove. Piacciono sempre moltissimo e spero che tu potrai dirmi lo stesso.

Allora che ne dici? Lo organizzi pure tu un tè speciale questo Natale? 

 

Le curiosità

 

  • L’alzata è del catalogo (credo) continuativo di Ikea
  • La teiera è di tantissimi anni fa e non ricordo assolutamente. Credo di averla comprata fisicamente alla Coin
  • Le tazze sono Pip
  • La lattiera e il piattino sono di Maisons du Monde, collezione abbastanza datata

La Ricetta

150 grammi di farina

75 grammi di farina integrale

1 cucchiano di lievito in polvere

15 grammi di zenzero in polvere (la metà se vuoi che si senta meno perché 15 è tantino)

125 grammi di burro morbido a pomata

70 grammi di zucchero di canna integrale

30 grammi di noci tritate

1 uovo leggermente  sbattuto

pizzico di sale

Setaccia la farina integrale e bianca insieme. Aggiungi il lievito e il pizzico di sale. Aggiungi il burro a temperatura ambiente, molto cremoso, e unisci poi lo zucchero e le noci. Lavora per un po’, aggiungi l’uovo e continua a lavorare. A mano o con il robot. La palla deve essere perfettamente liscia. Avvolgila nella pellicola trasparente e lascia in frigo per 30 minuti almeno. Una volta trascorso il tempo accendi il forno a 180 e infarina il piano. Lavora un pochino con le mani l’impasto e prelevandone qualche pezzetto fai dei rotolini e procedi alla creazione delle trecce. Disponile a distanza di 5 cm circa l’una dall’altra sulla carta da forno che hai messo sulla teglia e inforna per 12-15 minuti finché dorate. Lascialw raffreddare. Sono buonissime anche ricoperte di cioccolata fondente (come potrebbe essere altrimenti del resto?!).

Ti aspetto sulle Stories

Per tutti gli aggiornamenti riguardo le tombole e i deliri ti consiglio di seguirmi su Instagram perché sarà lì che annuncerò le tombolate e trascorreremo insieme il Natale. Ogni giorno all’interno delle storie ti racconterò le mie giornate e condivideremo -perché il plurale è d’obbligo- tutto quello che di più bello c’è. E anche quando non c’è: lo inventeremo.

Ti ricordo che ho due account Instagram

MAGHETTA e

IAIAGUARDO

Se ti fa piacere commenta e scambiamo anche quattro chiacchiere lì, perché il maledetto algoritmo se non  commenti o non interagisci con me ti farà ben presto scomparire maghetta e iaiaguardo dalla timeline. Grazie infinite.

Clicca per la magia

View this post on Instagram

-19 to 🎄 Le mie mattine non riflettono mai questa calma. Le uova non sono renne, le stecche di cannella quasi mai perfettamente intere e il pungitopo è bellissimo per carità ma forse se si chiama in questo modo così gentile con i topini non lo è. E a Natale anche gli animaletti che per qualche assurda ragione ti fanno così tanta paura ti ricordano Rémy di Ratatouille e Gus di Cenerentola. È tutto così a Natale. Forzatamente felice a volte. Esageratamente luccicante. Profondamente doloroso per i ricordi e le assenze. Anche se la mia mattina non è affatto magica e calma come questa immagine, ma stressante e ricca di responsabilità, perlomeno fotografa il mio cuore. Ma, sarà banale e patetico per alcuni, l’importanza della vita risiede anche in questo. Non arrendersi, crederci e lottare per la luce. ⭐️🌟 Partecipo con estremo piacere a #gioiedinatale ideato da @zuccaviolina . Sul suo profilo potrai scoprire di cosa si tratta. Così potremo sognare insieme. . . #mymagicalmorning #christmas #food #foodie #natale

A post shared by GRAZIA GIULIA (IAIA) GUARDO✨ (@maghetta) on

Forse potrebbe interessarti leggere...

3 COMMENTS

  1. Grazie Iaia (per ogni post/video che fai e) per ogni volta che parli del tea time. Qualche settimana sono andata a Londra e insieme alla mia famiglia e a dei nostri amici siamo andati a Kensington Palace all’Orangery dove ci hanno coccolati e abbiamo scoperto la meraviglia del rito dell’afternoon tea. Io e mia mamma ne siamo state così meravigliate che ovviamente la settimana dopo abbiamo deciso di ripeterlo a casa, con alcune tra le nostre più care amiche. Da anni ormai raccolgo idee per un tea party e la maggior parte vengono da te. Ho fatto gli scones con la tua ricetta (sia classici, che arricchendoli con uvetta e scorza d’arancia, o rendendoli salati con parmigiano e noci) e sono stati un successone e ti ringrazio per questo. E per ogni altra ricetta che sperimenterò in altri tea parties e so già sarà un successo, come ogni volta che proprio una tua ricetta!

    (ps. Il mio Instagram è: sara_daisy91 e ti ho taggata nel commento della foto dove si vedono parte degli scones, se ti fa piacere andare a vederli—non sono belli come i tuoi però)

    Mille baci e abbracci <3

  2. Solo per Natale io in inverno ho il mio rito di bere una fumante tazza di thè comodamente seduta in poltrona, chi storce il naso non capisce una beneamata minchia, il thè non passa mai di moda, è un classico evergreen…sto scoprendo un sacco di gusti nuovi buonissimi:D

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this