Home / In Viaggio  / Ciapa lì e porta a cà. Le (prime) dieci tappe obbligatorie da fare a Torino quando si è affamati (ma anche no)

Ciapa lì e porta a cà. Le (prime) dieci tappe obbligatorie da fare a Torino quando si è affamati (ma anche no)

Le foto scattate con l’iphone dimostrano che l’orrenda risoluzione è insopportabile quanto una puntata di bikini la domenica sera.

E comunque.

Che non sempre un locale con mobili color ghiaccio molto squadrati con vasi altissimi e rami secchi di legno illuminati da luci soffuse, è il meglio eh.

Certo è che il minimalismo per buona parte seduce. Bastano due stampe in bianco e nero senza cornice, qualche sedia trasparente che sia di Kartell o no, e un dettaglio fluo o coloratissimo a farti pensare che il locale sia iperchic e ipervalido. A Torino ce n’è a bizzeffe di questo genere-tipo, ma non necessariamente la cucina segue l’estetica. Anzi. A ben guardare diversi locali accomunati da questo determinato arredamento hanno o più o meno le caratteristiche che in teoria dovrebbero rispecchiare.

Insomma la sto tirando per le lunghe giusto per dire che: caso per caso, sempre. E non tutto è oro quello che luccica (e non ci sono più le mezze stagioni pure). Una botteguccia con quattro sedie di legno rotte può in termini di appagamento darti davvero molto di più. Scopro che due più due fa quattro e non è certo una perla di saggezza; ma giusto per mettere le cose in chiaro sembra quasi opportuno ribadire quello che lapalissiano è. Quello che non lo è invece è il fattore ambiente-valore. Non sempre la botteguccia con quattro sedie è a buon mercato. La maggior parte delle volte è proprio così mentre altre volte proprio no.

Come in tutte le città non è difficile prendere una tranvata sui denti e un allegro calcio sugli stinchi ma confesso, senza alcun tipo di patriottismo, che a Torino è davvero difficile rimanere scontenti. Al massimo non entusiasti, va.

Stupisce quanto sia radicata l’abitudine di cenare molto presto (sì comincio le mie tediose considerazioni). Nel Nord Italia in generale è alquanto difficile se non addirittura impossibile pensare che sia normale mettersi a tavola non prima delle 21.30; eppure al Sud accade esattamente questo. Se durante le stagioni invernali le 21.oo indicativamente sono un buon compromesso è vero che d’estate la situazione se vogliamo peggiora. Si cena ancora più tardi, intorno alle 22.00 circa, e non è difficile organizzare vere e proprie spaghettate di mezzanotte (che non sono affatto leggende metropolitane).

E’ già bizzarro, per una persona meridionale come me, vedere abbassare le saracinesche alle 19.30 puntualissimi. E’ vero che gli uffici chiudono alle 17.30/18.00 e che quindi si ha tutto il tempo per rifornirsi nei supermercati (e come mi spiegavano gli indigeni del luogo *gghhghg* organizzarsi per tempo facendo la spesa il sabato) ma per chi è abituato alla chiusura intorno alle 21.00 che si prolunga alle 22.00 nei periodi estivi, ad avere tutti i centri commerciali aperti dalle 9.00 del mattino alle 22.00 pure la vigilia di Natale è pazzesco dover pensare che ci sia un limite anche per i ristoranti. Uhm. Mi spiego meglio o ci provo.

Non so nel resto d’Italia e vorrei che qualcuno mi documentasse a riguardo ma qui in Sicilia (si magna come disperati, sì) è già difficilissimo trovare un locale chiuso tra la mezzanotte e l’una e mezza di notte. Sarà che facciamo la movida perchè siamo degli sfaticati (segue sorrisone beffardo) ma lo spadellamento perenne si fa almeno fino alle tre.

Mangiare fuori a Torino non è certamente difficile. La vastità di proposte (e sorprendentemente è difficile trovare luoghi non validi) è imbarazzante e spropositatamente ricca. Solo che per chi è diversamente torinese si fa un po’ fatica a capirne i meccanismi. Certo è che alle sei quando ancora un siculo sta digerendo la parmigiana di mammà, il torinese è già lì bello fresco a fare l’aperitivo post ufficio. Allo stesso modo mentre il siculo sta facendo scarpette nel sugo che inonda gli spaghetti, il torinese avrà aggiunto qualche stuzzichino nello stomaco e sta già organizzando la serata con amici magariungelatodagrom. Insomma quando il siculo sta sedendosi a tavola per strafogarsi con pastacarnecontornocannoloconlaricotta il torinese è già bello che zompettante in via roma-via po-via cernaia-via a caso per digerire aperitivo e stuzzichino tappabuchi per cena. Infine quando il siculo sta prendendo un po’ di citrosodina perchè le uova e la mortadella e quei 200 grammi di prosciutto per porzione della parmigiana gli danno un senso di acidità, il torinese è rincasato e sta dormendo sogni tranquilli.

Si pranza tra le 12.30 e le 13.30 e nessuno osi  superare le 20.00 per la cena. Vengo informata che da quando (finalmente-gigante) Torino è a tutti gli effetti una città turistica sta cercando di cambiare abitudini. Il fatto che le gelaterie chiudano a mezzanotte e all’una durante i week end è già segno di un’apertura mentale mica da ridere. All’una chiudono, all’una!

Calcolando che al sud all’una si sta ruttando l’aglio della spaghettata di mezzanotte, è normale che il gelataio chiuda non prima delle tre-quattro del mattino. E pensare che noi catanesi ci arrabbiamo del fatto che il sabato una delle gelaterie più famose rimane aperta solo fino alle quattro! (per poi riaprire alle sei per le granite, ma vabbè)

Da questo esempio potrebbe emergere che al meridione si lavora di più. Potrei insomma ribaltare le leggi fisiche su cui si basa la conoscenza dell’intera umanità. Oggi potrei dire insomma che la terra non è tonda. Non è quadrata. Ma è a forma di cono gelato o orecchie di coniglio. Ma non lo farò (grazie al cielo).

Emerge una maniacale organizzazione che, se ad alcuni non piace, a me entusiasma. Torino ha delle regole. Ti viene incontro d’accordo. Ma ha delle regole. Ed io voglio rispettarle tutte (leggi: strafogarmi di sorbetti prima di mezzanotte. Mangiarne chilate e poi dopo la mezzanotte andare alle Molinette con calma. Che le Molinette sono sempre aperte, già)

Quelle che seguono sono le (prime) dieci tappe obbligatorie qualora nel fortunato caso ti trovassi a Torino e non sapessi dove andare (ti prego non lasciarti allettare dalla proposta di cenare sul Ristocolor. E’ un tram storico che gira per le vie del centro e no. Magari dopo i dieci punti a seguire compi l’estremo gesto ma non prima. Non vivere Torino in maniera così turistica te ne prego!)

1) La Torteria Olsen in via Sant’Agostino 4B. Un locale picciuino picciuò in centro con delle vetrine belle da far paura. Alzate strapiene di torte salate e dolci; ma anche immense Sacher e clafoutis con i frutti di stagione. Torte ripiene di crema e frutta; frutta freschissima e bella da sembrare finta. Puoi strafogarti lì con un caffè o un tè o prenotarne una alta quanto te e portarla a casa. Potrai mangiarla con il tuo gatto in preda ad una depressione cosmica (santo cielo che quadretto triste) o con in compagnia sferrando colpi sugli stinchi per l’ultima fetta. Non sono esteticamente perfette come quelle che ultimamente primeggiano. Non sono torte monoporzioni con architetture complesse. Sono torte come una volta, santo cielo. Belle fettone di torte alte e rassicuranti che ti avvolgono nella loro bontà e ti fanno dire: grazie al cielo esiste la torteria Olsen.

2) Un tramezzino da Mulassano. Sarà che l’hanno inventato lì, sarà che il signore alla casssa è talmente gentile che ti vien voglia di abbracciarlo, sarà che nonostante sia uno dei bar storici di Torino e ci siano tutte le Madame Torinesi (adorabili) non mette per nulla in imbarazzo e sarà pure che ci sono duetavolidue ma un tramezzino da Mulassano è tappa obbligatoria.  Dal 1925, data in cui hanno inventato il tramezzino farcendo due pezzi di pancarrè, è un inarrestabile percorso. Più di quaranta varietà di tramezzini messi in una teca come gioielli. Ripieni di aragosta, granchio, roastbeef freschissimo, salse ricercate e ingredienti di prima qualità. Un pezzo di storia italiano e tappa doverosa.

3) Soup and go. Si trova al quadrilatero. “Un mondo di cose buone dove farti sentire a tuo agio è la migliore specialità”. Esattamente in via San Dalmazzo 8A. Alla sezione menù del sito trovi addirittura le proposte settimanali. Molte parole si devono spendere su soup and go. Il logo minimalista (no glamour per nulla pero’. Ed è una nota positiva, santo cielo)  del cucchiaino verde e la sua vetrina all’angolo strapiena zeppa di verdure mi aveva già fatto provare un’estrema simpatia. Varcata la soglia mi ritrovo un piccolo cortile che dà accesso al locale. Ci sono tavolini, sedie e panche. Non necessariamente allineate in modo perfetto. Ci sono fiori e piante. Un telo ricopre il tutto come fosse l’ennesimo riparo che si sono premurati di installare per te. Per coccolarti davvero. Per farti davvero sentire a tuo agio. La gente mangia nello stesso tavolo chiedendoti “è libero?”. Nascono amicizie. Antipatie. Simpatie.  Soup and go è un mondo a parte. Ti preparano tante zuppe diverse, almeno tre per giorno e mai uguale l’indomani, con una varietà di verdure e cereali imbarazzanti. Te la servono dentro la burnia affinchè i sapori come le loro premure rimangano all’interno del barattolo che è cuore. Quando ti porgono la burnia è un po’ come quando mamma ti metteva il pranzetto nelle scatoline di alluminio tornate in voga sotto il nome di bento box perchè grazie al cielo ci pensano i giapponesi a farci rivivere gli anni ottanta. Un vegano (come me, a conti fatti) è libero da ogni imbarazzo.

Un vegetariano può mettere l’uovo nell’insalata di fagiolini, broccoli e piselli e un cliente comune può inzuppare crostini (gratis) croccanti messi a disposizioni nella sua zuppetta con gamberi e curry un giorno o con pezzettini di pollo. Ma non contenti ci sono pure delle zuppette etniche eh. Indiane soprattutto; speziate e succulente. Una ciotola abnorme di insalata costa cinque euro e mangiano due persone in maniera più che abbondante. Il rinforzo lo paghi un euro ma non è un rinforzino è una bella ciotolotta altrettanto capiente. Le sedie colorate l’una diversa dall’altra e tanti libri che puoi prendere e leggere. Ci sono giochi anche per i più piccini. Per intrattenerli mentre mangiano zuppette ma anche panne cotte e dolcetti in bicchierini. Sono tutti strepitosamente gentili e il ragazzo alla  cassa il secondo giorno ti tratta come fossi un cliente decennale. E’ adorabile tutto quello che circonda Soup and Go e chi ci lavora. E chi ci va. In particolar modo c’è l’ingegnere con lo yorkshire; che ti conquista e commuove facendoti chiudere gli occhi e immaginando la sua storia. A me è capitato proprio questo. Sperare che il suo amore lo aspettasse a casa. Sperare che non fosse rimasto solo con il suo fidato amico a quattrozampe e pranzasse lì affinchè qualcuno tenesse loro compagnia. Dalla drammaticità alla speranza. Ci siamo andati più di quattro volte e in un soggiorno di una settimana direi che è abbastanza indicativo. E per tre volte abbiamo incontrato proprio lui, l’ingegnere con lo yorkshire, un tenerissimo gentiluomo che fa passare le donzelle come me attraverso le porte facendo un inchino; che mette sulla sedia una tovaglietta per far salire il suo cane nel rispetto del prossimo. Che legge libri dal kindle sorseggiando caffè. Da soup and go ti viene voglia di immaginare la vita di tutti e di farne parte. C’è l’uomo giacca in cravatta, la donna friendly con chanel e la borsa alternativa con prodotti biodegradabili. Trovi tutto da Soup and go. L’amore per le cose buone e genuine, in primis.

Soup and go è diventata ispirazione per una graphic novel. E non mi era mai successo di correlare un luogo esistente ai miei pasticci.

(e si fa pure la differenziata!)

4) Exki Natural Fresh and readyCe ne sono diversi a Torino ma non in tutta Italia e quindi è giusto approfittarne. Una sorta di fast food naturalista ma non per questo con prodotti poco goduriosi, anzi (Noom è un altro luogo simile consigliabilissimo eh). Per un cliente attento e intelligente che vuole proprio sapere cosa finirà nel suo stomaco. Zuppette fresche e gazpachi ma anche cous cous con verdure e gamberetti. Tanti cereali e tripudi di miglio con carne-pesce-verdure ma anche verdure grigliate e insalata con feta e tofu. Lo scorso anno troneggiava anche il seitan mentre quest’anno mi è capitato di vedere spezzatini e straccetti ma suppongo sia una poco fortuita coincidenza. Bicchierini di frutta ma anche yogurt di capra e non solo. Yogurt da bere e prodotti bio naturali da ingurgitare. Legumi! Tanti legumi da abbinare a preziosissime torte salate con ogni genere di ingrediente. Dal formaggio alla carota fino a passare alla carne. Non contenti di tutto questo un tripudio di alzate piene di torte dolci, carote-cioccolato e cheese cake, potrà essere meta per una chiusura di pasto degna di nota.

(e si fa pure la differenziata!)

5)Mac BUN! anzi no M**Bun, prima che il signor Donald ci quereli (prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr. sì è una pernacchia).

Mega pernacchia gigante per il Signor Donald che fa schifezze e applausi a scena aperta a questi due ragazzi di Rivoli ai quali è venuta in mente un’idea semplicissima rivelatasi una genialata. Offrire un servizio fast food ma con roba slow food. Sì. Un concetto semplice, diretto e valido. Il genio assoluto. Rivoli possiede già un enorme edificio dove si possono gustare i meravigliosi prodotti ma adesso anche Torino ha questa fortuna  e in via Cernaia angolo corso Siccardi (proprio accanto al nuovo Grom, appena aperto, dove si può ben pensare di chiudere una magnifica serata all’insegna dello stragnam!) In piemontese Mac Bun sta per “soltanto buono” ma gli stolti d’oltreoceano non potevano di certo comprendere questo strabiliante sarcasmo e per questo motivo a causa persa si è dovuti optare per un occultamento. Quei due asterischi geniali quanto l’invenzione in sè sono una sonora pernacchia che non si ha difficoltà a sentire a chilometriechilometrididistanza.

Niente patatine surgelate in stick ma solo patate. Tonde. Circolari. Comeègiustochesiano. Croccanti e dorate. Quasi marroncine bruciate proprio perchè non artificiali. Patatine che ti fanno pensare a quelle che preparava nonna durante i pomeriggi quando eri piccolino. Panino, patate e bibita! E se vuoi pure le Mach Bale (che in piemontese significa “solo palle”) che sono delle polpette fatte con carne di altissima qualità.

E non si fa nemmeno la fila! ti danno un aggeggino che suonerà quando la tua prenotazione sarà pronta. Ti dirigerai al banco e tanti saluti. No dico ma ci rendiamo conto o no?

Mach bale!

(Al M** Bun si parla solo in Piemontese; fortuna che ho il prontuario.  Ciapa lì e porta a cà sta chiaramente per “acchiappa e porta a a casa”. “Parlapà” è la tessera sconto e sta per “Ma davvero?!” e “Menù Masnà” per i piccini )

(fa‘ che t‘ n’abie!) 

(e si fa pure la differenziata!)

6) Le vitel étonné in via San Francesco da Paola. Un localino non troppo grande ma non ci giurerei perchè vi è anche posto in un’altra sala che non ho visto, a dir la verità. Adorabile e con dei piatti della tradizione piemontese leggermente rivisitati composti in presentazioni davvero degne di nota. L’immancabile vitello tonnato preparato egregiamente, la faraona con le patate e delle tagliate di fassone davvero pazzesche. Il colore della carne è talmente rosso e fresco e senza grassi che quando mi passa accanto mi fa porre il sorprendente quesito: e se per stasera non fossi vegetariana?

Il servizio è ottimo e veloce. I prezzi onesti e i primi strepitosi. Ci sono i maltagliati con tre tipi di carne diversa ma anche altre alternative valide. Una buona cantina senza dubbio alcuno e le ragazze che servono ai tavoli simpaticissime e pronte a consigliarti. Davvero imperdibile.

7) Oltre alla focacceria ligure proprio di fronte palazzo Madama ormai storica vi è anche un’altra Focacceria in via Sant’Agostino. Insomma proprio vicino alla Torteria Olsen (che via magica è?). C’è da sentirsi male con i pezzettoni di focaccia colmi di cipolla.

Non parlando poi di quella con le zucchine. Focaccia bianca caldissima ma anche con pomodoro e verdure. Non contenti pero’ fanno pure quelle un po’ piu’ elaborate e ti consigliano di aspettare la farinata appena sfornata “sa. questa è un po’ più fredda”. E mentre tu vorresti solo girare il bancone e dirle che le vuoi bene, a quella signora gentilissima che vuole superarsi ancora e ancora, ti giri intorno e credi che sia un posto schifosamente adorabile. Con i suoi tavolini e sedie antiche un po’ incise e logore e qualche lampada qua e là. Sembra facile ma non lo è. E’ difficilissimo trovare un posto nella Focacceria di via Sant’Agostino. E’ piena zeppa sempre e bisogna spintonarsi vi chiederete voi? Giammai. Perchè pare che a Torino siano tutti davvero imbarazzantemente cordiali sotto questo punto di vista. Vi ritroverete quindi al tavolo con uno che in pochi secondi non sara’ piu’ uno sconosciuto. A mangiar focaccia e ridere.

8 ) Mangiare da Eataly è un’impresa titanica. Certo che è bello mangiarvici per carità ma rimane comunque un miracolo. Non si puo’ prenotare (un po’ come da Gennaro Esposito santo cielo) e le difficoltà aumentano vorticosamente, se ci aggiungiamo il fatto che è diventata chiaramente meta e tappa obbligata di tutti i turisti diventa praticamente impossibile realizzare il sogno e dire “oh. ho mangiato da eataly”.

Ci pensa quindi la Granda in mezzo al  pane a darti un assaggino-ino-ino. Una sorta di Mac Bun (senza offesa) in formato Eataly. Ad attrarre ancor di più ci pensa il corner di Montersino con i suoi tiramisù e prelibatezze. Stesso paradigma del suddetto colosso di Rivoli. Un fast food con prodotti slow food. Un menù ricco e variegato con panino-patatine e bibita o vino in calice. C’è anche la frutta e qualche verdurina per gli sventurati come me e le patatine sono buone e antiche (ma c’è chi giurerebbe esonotanti che quelle circolari rivoliane si scordino più difficilmente).

(Ho svaligiato Eataly ma è un altro discorso. Occorre informare che vendono i tovaglioli del Nano da Giardino. Giusto per essere chiari a che livello stiamo) 

9) E il  kebab da Sindbad? E mica possiamo snobbarlo! Anzi. Uno dei kebab più apprezzati nella città di Torino è proprio in questo locale che offre non solo specialità marocchine ma anche egiziane. Ad aiutarci nella scelta tante foto raffiguranti i piatti e sono davvero tanti. La prima sala che ci accoglie è piastrellata nel tipico stile arabo dove si compongono le diverse tipologie di kebab. Un odore di spezie pervade l’ambiente e una teca angolare traborda di dolciumi davvero buonissimi e freschi. L’Halva è omnipresente (e qui vi è una ricetta nel caso interessasse) come la cortesia. I padroni di casa difatti solo gentilissimi e pronti a chiarirti qualsiasi dubbio. Nella città ci sono davvero tantissimi posti dove mangiare un buon kebab ma sarà che ormai da quattordici anni non conosce sfortuna, sarà che è diventato ormai un istituzione ma a una prelibatezza speziata da Sindbad proprio non si può rinunciare.

10) Torino è piena di ristoranti etnici e regionali. Di qualsiasi cosa tu abbia voglia non vi è problema alcuno perchè sarai accontentato. Senza difficoltà troverai pane per i tuoi denti ma anche pizze, focacce, crauti, involtini primavera, wakame, sushi, kebab, cupcake, chutney, smoothie, e un imbarazzante eccetera che fa girare la testa. E se dispiace essere arrivati al punto dieci senza aver nominato neanche la Deutsche Vita, localino 100% tedesco dove si sfornano breztel buonissimi magistralmente abbinati a crauti e wurstel (mi sa che dobbiamo riparlarne per bene) non si puo’ non nominare il top per quanto riguarda il cibo nipponico. Avendoli provati praticamente tutti e avendo a disposizione un critico come il Nippotorinese si puo’ sostenere senza dubbio alcuno che il Wasabi (in corso Ferrucci) batte tutti. Tradizionale con il tatami, piccolo e accogliente con i suoi piatti tradizionali offre il meglio. Il sushi è confezionato ad arte e il pesce è freschissimo. Il sashimi tagliato talmente finemente che si fa fatica a non pensare che ci sia lo zampino di un mago. L’arte nel disporre i diversi ingredienti crea una sorta di timore nell’affondare la bacchetta. Entri in un quadro di colori e freschezza che difficilmente dimentichi quando ti ritroverai davanti a quello che vorrebbe essere un ristorante giapponese ma non sarà mai IL.

Il Wasabi è il ristorante giapponese per eccellenza. Seppur un attimino più costoso, ti ripaga e appaga e diventa meta di tradizione (ahem sì. festeggiamoimesiversarianniversari e qualsiasicosacinventiamopurdiandarci).

Che poi ho giusto detto i primi dieci luoghi dove andare a mangiare a Torino ma occorrerebbero molti più punti perchè davvero la gentilezza della proprietaria della Deutsche Vita merita un punto tutto suo. Quasi quanto la bontà dei cetriolini sottaceto aromatizzati all’aceto balsamico e miele confezionati in Germania. Le salsine che gentilmente mi sono state spiegate passo passo e tutto il merchandising adorabile di questo angolo dove Delikatessen e cordialità abbattono qualsivoglia barriera e luogo comune. Calore e gentilezza in questo angolo meraviglioso di Germania che pullula di piatti davvero succulenti. L’odore che pervade la via ti fa girare la testa mentre passeggi con il tuo vasetto  di cetriolini sottaceto aromatizzati all’aceto e miele e li mangi.

Senza vergognarti.

Perchè sì a Torino puoi fare pure questo e ricordarlo sperando al più presto di poterlo rifare.

E girare verso la via in cerca di una gelateria. Ecco mi sa proprio che urge la lista delle gelaterie.

Bene. Pulisco la tastiera dai rivoli di bava che l’hanno sommersa e torno.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
35 COMMENTS
  • pieceofstar24 20/07/2011

    vorrei essere prima *_*

  • pieceofstar24 20/07/2011

    e a Torino ho deciso di farci un salto ad Agosto. Non so come, ma lo farò. Per forza. Quel museo egizio non può più aspettarmi! E dopo con calma leggo il post 😉

    • maghettastreghetta 20/07/2011

      Buongiorno Stellina mia.
      Impazzirai. Al museo impazzirai. Mamma come te ha proprio una fissa e passione.
      E ne è rimasta rapita. Purtroppo molte parti erano chiuse questa volta ma diventerà a quanto pare ancor più organizzato (come se non bastasse) e grande.
      Molta parte dei reperti non è esposta per mancanza di locali ma stanno provvedendo.
      Vai assolutamente cucciola. Del resto con il treno per te è davvero pochissimo e Torino merita a prescindere .
      Poi vicino ti trovi pure Grom e Gobino ahem .
      ok la smetto
      Un bacione !
      comestaidoveseiconchiseilavori?

      Comincio a preoccuparmi per Max 🙁

      • pieceofstar24 20/07/2011

        lavoro sì e sì andrò con il treno *___* anche se in realtà non credo sia così immediato perchè non so se ci sono i diretti O.o ma lo scoprirò e se sarà fattibbbile ci andrò sicuro.E’ troppo che rimando! iostobenestoallavoroognitantotiscrivosmsmautelefunotuomortoiè

        🙂 ho bisogno di va-can-ze. sì.

        • mykoize 10/07/2012

          Ladra di bafffiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii <3 (ti bacio, ti amo. fuggo)

      • maghettastreghetta 20/07/2011

        ma amoredellazia romatorinodirettosicuro. Sick faceva sempre sempre durante il periodo universitario quando il relatore o nonricordochi (amante?) era a roma.
        e facevasuegiu in 6 ore.
        ora con quellarobachevaveloce mi sa che in 32 minuti sei lì.
        questo significa che quando io vivrò a torino ioettecipossiamovederesempresempre.
        trema.

      • Wish aka Max 21/07/2011

        E’ un periodo un po’ così… cerchiamo di buttarla in ridere anche se ridere è l’ultima cosa che mi va di fare

  • valentina brida 20/07/2011

    amore, vieni a pulire anche la mia tastiera, miodddddddddio voglio andare a Torino ADESSO. 🙂

  • ilfastidi0 20/07/2011

    “al sud all’una si sta ruttando l’aglio della spaghettata di mezzanotte,”

    dopo questa mi sono fermato!!!

    Parte una nota di demerito scritta per gli autori che ti hanno scritto il testo oggi! Non puoi scrivere quella cosa li…..non è politicamente corretto 😀

    • maghettastreghetta 20/07/2011

      ma santo cielo (Buongiornoamicomiobaciuzzo!) perchè? è una metafora.
      Oltre che la verità.
      Non è mica dispregiativo.
      E’ una metafora che indica la chiusura di un pasto e nulla di più. E dammi torto 😛
      (mica ho detto che il siculo rutta e il torinese no)
      Dammi torto!
      gia’ ti vedo pureatte’ mangiare anguria a mezzanotte (come me)
      😀

  • lacinzietta 20/07/2011

    Io questa abitudine di cenare tardi penso che non la perderò mai, e sto bene così 😛

    La Olsen!!! Ci sono andata solo due volte, per sfortuna, e mi manca tantissimo!!
    Oddio ma Soup and go non lo conoscevo, come ho potuto perdermelo, come?? Sappi Iaia che io mangerei zuppe dalla mattina alla sera…

  • Francesca 20/07/2011

    Uau che post!!!! Super dettagliato!!
    Sono d’accordo su molte cose che hai scritto.. E si molti ristoranti non ho provato il kebab che descrivo tu ma io vado in un’altro che per me é il numero uno di Torino in una piazzetta degna di nota, sul palazzo di piazza madama cristinae il posto si chiama “da Horas” laprosdima volta che vieni ti ci porto 😉
    E che sia chiaro che appena torno a Torino vado a cercare i tovaglioli con i nani da giardino!!!! Sgrunt!

  • pieceofstar24 20/07/2011

    Peccato che lo devo fare da Ferrara perchè sarò là O.o è pure peggio. Ma io ce la faròòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòòò! mattù no torino? già stata non ci torni? potevamo fare un asse roma-ferrara-torino-catania-ancoraroma-torino-catania-cittàacaso ok basta.

  • Selena 20/07/2011

    Io mi sa che a Torino ci andrò per settembre/ottobre a trovare una cara amica che le voglio un bene enorme 🙂

  • Calogero 21/07/2011

    Bella la prima foto “da viaggi” e le ultime. Grazie mille. http://cmviaggi.blogspot.com

  • bimbafragolaJelena 22/07/2011

    ma allora non faccio in tempo a finire di leggere un post che già ne pubblichi un altro.. sei un razzo?…. mah- -comunque che bella guidapercaso!!! 🙂 se capito a Torino farò qualche taPPO 🙂 e ti chiamo che mi devi portare alla gelateria dove si mangia il gelato più fantasticoincredibile di torino.

    Comunque tornando alle cene, proprio due sere fa abbiamo fatto lo spaghetto di mezzanotte (mezzanotte eh non prima) con gli amici. Io son più a nor non si può ma loro sono Calabresi/Campani/Pescarini/Siciliani quindi abbiamo fatto una bella mangiata dalle 20:30 alle 2:00 🙂

  • Michele 17/08/2011

    …. il tutto descritto in modo unico e originale (nonchè gradevole).
    Ma il gelato/granita, che mi manda in altre dimensioni (parallele o forse tangenziali), si può gustare in via san quintino dal Siculo.
    Personalmente se mi mangio una granita con uno o più dei mirabolanti gusti che si possono trovare dal Siculo: – MI A’SUN BIN CIAPA’ !
    Grazie ed un saluto da Torino e dintorni.

    • maghettastreghetta 17/08/2011

      Michele piacere io sono Giulia. Grazie prima di tutto per essere qui e per aver condiviso con me due chiacchiere.
      E’ prevista una recensione ( non appena terminerò questa vacanzuola) proprio sull’ice cream tour di Torino e.
      E ha vinto e stravinto proprio il Siculo. Nonostante Vanilla con la sua anguria, confesso, mi abbia fatto capitolare più volte.

      Mi sono ripromessa più volte di dedicargli un post a questo genio del superbo trash ambientale ( perchè santo cielo raggiunge vertici insperati) .
      Le granite come i sorbetti ( quella al sedano? gnam!) per non parlare dei gelati con le brioche sono idillio allo stato puro.
      Grazie per il saluto. Quando vuoi mi fa piacere.
      *_*
      ( ora però come faccio a sedare la voglia di siculo? *disse sbattendo la testa contro lo spigolo più appuntito della casa)

  • arancedisicilia 23/03/2012

    azz sei proprio brava,alla faccia dei sicilianiche stanno cu du pedi nta na scarpa.ho letto tutti i tuoi articoli,complimenti

    • Giulia 24/03/2012

      Grazie infinite , sei gentilissimo.
      E grazie per essere qui

  • Cavolo, gli orari torinesi per me sono come gli orari siculi…chiaro, no? Non so perchè (chissá perchè) ma ho il magone…vorrei girassi per ‘sto posto dimenticato dalla felicitá per sapermelo descrivere come solo tu sai e restituirmi il sorriso. Così.

  • Bibii 10/07/2012

    e comunque non c’è un posto che sia uno che dica che si mangiano i savoiardi ORIGINALI eh
    chissà come mai
    U.U

  • mykoize 10/07/2012

    Io sono pessima, sono andata a Torino mille milioni di volte e in questi posti non ci ho mai messo piede.
    Ma giuro che un buon motivo: famiglia siciliana adottiva.
    Chi ha bisogno di mangiare fuori quando c’è un’intera famiglia di Riesi che cucina per te? 😉

    <3

  • Garantisco su tutti anch’io….

    • Iaia 20/09/2012

      Umamma grazie !
      Ciao !
      Io sono Iaia, piacere.
      Grazie infinite per essere passata di qui !

  • Sara 23/08/2013

    Due anni che vivo a Torino e non sono andata in metà dei posti che hai detto, quest’anno mi tocca assolutamente rimediare 😀

    • Iaia 24/08/2013

      Magari ci prendiamo un bicerinnnnnnnnnnnn estivo da Gobino insieme *___* ❤

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi