Il tronchetto con castagne, cioccolato e bontà assortite

Must Try

Amazon Beauty – Il calendario dell’Avvento

Che io abbia cominciato a delirare circa il Natale pubblicando il calendario dell'Avvento del calendario dell'Avvento -ovvero il Calendario dell'Avvento al quadrato- e che abbia...

L’Albero di Natale, sì. Ma di legno.

Su Pinterest di questi alberi ne abbiamo visti talmente tanti che li abbiamo a noia, lo so. Quello che però non sapevo è che...

Advent Calendar Detective e il Christmas Tea Lover’s Advent Calendar di Fortnum & Mason

“Il suo sguardo era apparentemente svampito ma penetrante e il naso dritto conferiva alla sua espressione un’aria vigile e decisa. Il mento era tondo,...

Il Panettone dell’ultimo momento e gli imprevisti

Non ho scritto in questi giorni, perché come spiegato velocemente e doverosamente nelle storie di instagram (chiacchiero più su iaiaguardo che su maghetta) qui...
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Lo so che non è proprio il momento e che siamo tutti riversi per terra agonizzanti ma. Ma spazio per un piccolo tronchetto di tre metri tuttoricopertodichantilly non lo troviamo? Ricoveratemi subito. Subito, ho detto.

 


 

La Ricetta

(tratto dal libro Torte e Biscotti del Bimby – un po’ modificata)

La pasta del rotolo

  • 100 grammi di cioccolato fondente a pezzi
  • 4 uova intere fresche
  • 40 grammi di burro morbido a pezzi
  • 150 grammi di zucchero
  • 130 grammi di farina
  • 1 pizzico di sale fino
  • 1/2 bustina di lievito per dolce

 

Trita il cioccolato. Lavora uova, burro, zucchero, farina e sale insieme al lievito. Aggiungi il cioccolato e gira per bene. Fodera la placca del forno con la carta e versa formando un rettangolo di circa 30×30, Cuoci a 180 già caldo per 12 minuti. Sforna e ricopri la pasta ottenuta con un canovaccio inumidito per bene. Capovolgilo e lascialo intipiedire (qui una gif esplicativa).

La Farcia

  • 400 grammi di marmellata di castagne (io ho frullato dei maroni piementosi caramellati)
  • 120 grammi di burro morbido a pezzi
  • 40 grammi di liquore rum (facoltativo)
  • 100 grammi di granella di cioccolato se vuoi arricchirla ancora di più

Lavora tutto insieme e ottieni la farcia. Versa il composto lungo la pasta del rotolo e poi arrotola aiutandoti con il canovaccio. Lascia uno spazio laterale in modo che non sbordi.

La decorazione esterna

La ricetta originale prevedeva che la farcia interna fosse la stessa che ricoprisse l’esterno. Ho deciso di fare una crema chantilly aromatizzata al cacao e caffè e poi decorare con piccole scagliette di fondente. L’effetto “tronchettoso” naturalmente si ottiene lavorando e girando a fantasia con una forchetta. In qualunque modo tu scelga di decorarlo sarà un successo incredibile.



Sono in extremis? No. Sono chiaramente in ritardo ma visto che la foto ce l’abbiamo. La Ricetta davvero buona pure. Che importa? Dopo la versione classica al cioccolato e quella bianca. Dopo la versione con la marmellata di uva spina e pistacchi, caRotolo quella a stella filante (ma quanti rotoli ho fatto?) eccone una un po’ più complessa ma non di preparazione, ricca e generosa. Con la goduria delle castagne che incontrano la chantilly e il sapore del fondente che abbraccia tutto. Un tronchetto incredibile e facile da realizzare che stupirà tutti. Non ci si crede ma serve davvero pochissimo tempo e ingredienti facili da reperire anche se non si è preparati per tempo.

Stupore e bontà. E l’ambulanza che senti sta venendo a prendermi, sì.

Forse potrebbe interessarti leggere...

11 COMMENTS

  1. Sai che non ho mai provato a fare un rotolo?! Mi sembra così difficile! Ma quando arrotoli non si spacca tutta la base? A me vien male solo il pensiero ?
    Come hai passato il Natale? Spero tutto ok!
    Un abbraccio

  2. E’ talmente bello che non avrei il coraggio di affettarlo… scherzo, bello è bello, su questo non ci piove, ma una fettina me la slurpo con piacere… ^_^

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this